La scelta di Sophie

Film 1982 | Drammatico +16 157 min.

Regia di Alan J. Pakula. Un film Da vedere 1982 con Kevin Kline, Meryl Streep, Peter MacNicol, Josef Sommer, Josh Mostel, Günther-Maria Halmer. Cast completo Titolo originale: Sophie's Choice. Genere Drammatico - USA, 1982, durata 157 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,67 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La scelta di Sophie tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una donna costretta a una scelta terribile durante la guerra. Il film ha ottenuto 5 candidature e vinto un premio ai Premi Oscar, 2 candidature e vinto un premio ai Golden Globes,

La scelta di Sophie è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,67/5
MYMOVIES 3,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,42
CONSIGLIATO SÌ
Storia drammatica di uno strano menage a trois.

La scelta di Sophie, ebrea ex internata in un campo di sterminio nazista, fu quella di abbandonare al suo destino la figlioletta per salvare se stessa e l'altro figlio, divenendo collaboratrice del comandante del lager di Auschwitz. Una scelta che ha segnato angosciosamente la sua vita, e che racconta, dopo la guerra, a Stingo, uno scrittore coinquilino nella casa in cui abita a New York, che è diventato amico suo e del marito, un geniale ma nevrotico intellettuale. Lo strano ménage a tre continua finché Sophie, dopo essersi concessa allo scrittore innamoratosi di lei, si suicida insieme al marito.

Recensione di Stefano Lo Verme

New York, 1947. Stingo, un giovane scrittore in erba originario del Sud, si stabilisce a Brooklyn; i suoi vicini di casa sono Sophie Zawistowski, una donna polacca sopravvissuta ai lager, e Nathan Landau, un ebreo nevrotico ossessionato dall'Olocausto. In poco tempo, fra Stingo e i suoi vicini si instaura uno stretto legame di amicizia; ma sulla vita di Sophie grava ancora l'ombra di un doloroso passato. Nel 1982, il regista Alan J. Pakula (Tutti gli uomini del presidente) ha portato sul grande schermo il famoso romanzo di William Styron La scelta di Sophie. Pakula, autore anche della sceneggiatura, ha compresso le oltre 600 pagine dell'opera di Styron in due ore e mezzo di pellicola, dando vita ad un intreccio denso di tematiche ed avvenimenti. Voce narrante delle vicende è il personaggio di Stingo (Peter MacNicol), un ragazzo proveniente dal Sud che si reca a vivere nel quartiere ebraico di New York e si stabilisce in un condominio di Brooklyn; qui conoscerà due persone che assumeranno un posto speciale nella sua vita: l'immigrata polacca Sophie Zawistowski (Meryl Streep) e il suo compagno, l'irruento e imprevedibile Nathan Landau (Kevin Kline, al suo debutto cinematografico).
Attraverso una struttura narrativa basata su un continuo utilizzo di analessi e flashback, La scelta di Sophie ci descrive la profonda amicizia che si crea fra i tre personaggi principali del film; tre individui molto diversi fra loro, ma le cui esistenze si incroceranno in maniera inestricabile. Assumendo il punto di vista di Stingo, la pellicola si propone da un lato come un racconto di formazione riguardante il giovane protagonista (un aspirante scrittore appena arrivato a New York, ancora immerso nella sua "età dell'innocenza"); dall'altro, invece, essa diventa un melodramma intenso e struggente sulla difficoltà di convivere con i propri ricordi. Ad incarnare questo "male di vivere" sono gli altri due poli del triangolo, Sophie e Nathan, entrambi incapaci di affrontare i fantasmi del proprio passato e di proiettarsi verso il futuro.
Il tragico ritratto della coppia è poi strettamente connesso ad un altro tema centrale della trama, l'Olocausto, che con il suo carico di indicibile orrore non cessa di tormentare i due personaggi; in particolare Sophie, costretta a rivivere nella propria mente i ricordi dei giorni trascorsi nel campo di prigionia di Auschwitz. Straordinaria la prova di Meryl Streep, vera protagonista del film, che si immerge anima e corpo nel proprio ruolo (ha imparato perfino a parlare in polacco e in tedesco) e ne ricava un'interpretazione indimenticabile, per la quale ha ricevuto il premio Oscar e il Golden Globe come miglior attrice; la terribile scena della "scelta di Sophie" resta fra le più strazianti mai viste al cinema. La suggestiva fotografia dai toni notturni è di Néstor Almendros, mentre la colonna sonora è stata composta da Marvin Hamlisch.

Sei d'accordo con Stefano Lo Verme?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Deportata ad Auschwitz con 2 figli, l'ebrea polacca Sophie è costretta da nazisti perversi a scegliere quale dei due salvare. Se non sceglie, moriranno entrambi. Sophie decide per Jan e sacrifica la piccola Eva. Pagherà la decisione per il resto della vita. L'azione del film inizia nel 1947 a New York con Sophie straziata dai ricordi e dai rimorsi. Film diseguale che dice troppo o troppo poco, ma con momenti di dolorante suggestione. Ebbe 4 nomine agli Oscar, tra cui quello alla fotografia di Nestori Almendros, e lo vinse la strepitosa Streep. Debutto del 35enne Kline.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
LA SCELTA DI SOPHIE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99 €9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 8 settembre 2012
Filippo Catani

New York 1947. Una giovane ragazza polacca sfuggita alla morte nei campi di sterminio prova a rifarsi una vita. Si innamora di un uomo che fa grandi ricerche sull'Olocausto e fa amicizia con un giovane ragazzo del sud che vorrebbe diventare uno scrittore. Tratto da un romanzo, il film racconta di come purtroppo oltre alle milioni di vittime certificate dallo sterminio nei campi nazisti, nessuno [...] Vai alla recensione »

mercoledì 27 luglio 2011
silvana

bellissimo meryll streep grande come sempre film che servono per non dimenticare

martedì 21 maggio 2019
Martinamura

Questo film mi ha lasciato una pessima sensazione. Ormai sappiamo quale follia fosse l olocausto, mi chiedo che senso abbia continuare a riproporci tale follia. Non ne vedo un senso. 

Frasi
Era solo un nuovo giorno eccellente e giusto.
Una frase di Stingo (Peter MacNicol)
dal film La scelta di Sophie - a cura di alex
winner
miglior attrice
Premio Oscar
1983
winner
miglior attrice
Golden Globes
1983
RECENSIONI MYMOVIES
PUBBLICO
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati