Sussurri e grida

Film 1973 | Drammatico 91 min.

Regia di Ingmar Bergman. Un film Da vedere 1973 con Harriet Andersson, Ingrid Thulin, Erland Josephson, Liv Ullmann, Kari Sylwan, Andres Ek. Cast completo Titolo originale: Viskningar och rop. Genere Drammatico - Svezia, 1973, durata 91 minuti. - MYmonetro 4,22 su 33 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Sussurri e grida tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Quando una donna muore, la sua anima si ribella e dal suo cadavere si levano lamenti strazianti. Le sue due sorelle rimangono terrorizzate. Solo la governante riuscirà ad avvicinarsi a lei. Il film ha ottenuto 5 candidature e vinto un premio ai Premi Oscar, ha vinto un premio ai Nastri d'Argento, ha vinto 2 David di Donatello, 1 candidatura a Golden Globes,

Sussurri e grida è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,22/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,08
ASSOLUTAMENTE SÌ
Realizzato nonostante notevoli difficoltà produttive, il film è senza ombra di dubbio uno dei capolavori bergmaniani.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Agnes è ormai prossima a morire. In casa, ad assisterla, ci sono le due sorelle Karin e Maria oltre alla domestica Anna. Ognuna di loro ha delle memorie che riaffiorano progressivamente e riportano in superficie dei ricordi non piacevoli. Agnes pensa alla madre morta con la quale aveva un rapporto non facile. Maria non ha ancora del tutto spenta la passione adulterina per il medico di famiglia mentre Karin ripensa alla freddezza del rapporto con il marito. Anna ogni mattino prega per la figlia morta bambina. La scomparsa di Agnes inciderà sulla vita di tutte.
Realizzato nonostante notevoli difficoltà produttive (il regista dovette impegnare quasi tutti i suoi averi e chiedere agli interpreti principali di coprodurre il film) Sussurri e grida è, senza ombra di dubbio, uno dei capolavori bergmaniani. Va subito segnalato che ci sono tre protagonisti non interpretati da esseri umani in questo film in cui Bergman torna invece sulla perfezione del numero 4 (4 donne protagoniste e 4 uomini come personaggi minori). Si tratta del tempo, del suono e del colore. La dimensione temporale viene segnalata dal succedersi di orologi in apertura. Il divenire che conduce a una morte al di là della quale Bergman dubita ci sia un dio ad attendere Agnes, si intreccia con quello che riemerge nei flussi di coscienza che rinviano a un passato in parte rimosso e in parte sempre presente. Il suono e la sua assenza giocano, a partire dal titolo, un ruolo importante che condividono con una musica che esplicita la sua funzione espressiva con i brani di Chopin e Bach. C'è poi il colore rosso che non si limita ad essere presente ovunque nella scenografia ma che invade più volte, con la sua forza simbolica, il fotogramma.
Il motivo dominante è comunque il peso che il passato impone alla vita di ognuno. Qui si tratta di un vissuto che torna a premere sul presente non solo come substrato psichico ma anche con una sua presenza che sta tra il fantasmatico e il carnale. Che cos'è la morte di Agnes se non l'occasione per rivisitare da parte delle sorelle Karin e Maria un passato fatto di tensioni sotterranee destinate a deflagrare? Ma di quella deflagrazione farà parte anche un disperato "ritorno in vita" di Agnes che trova finalmente pace nelle cure della domestica Anna. È proprio grazie a questo personaggio che Bergman si concede, in un'opera che si muove su altri territori, un affondo di critica socio-politica: Anna, dopo la morte di Agnes, viene 'ricompensata' con qualche banconota, con il licenziamento e con un freddo 'grazie'.
La borghesia non sa cosa significhi la parola riconoscenza nei confronti di chi, sola, ha esercitato la vera 'compassione' secondo l'etimo di origine latina. Quella com-passione che tanti personaggi hanno cercato spesso invano. Come Agnes che ha scritto sul suo diario: "Il regalo più bello e la solidarietà, il calore umano, l'affetto. Credo che la gioia sia proprio questa."

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?

Agli inizi del Novecento, due sorelle tornano presso la terza, malata di cancro, per assisterla. Le due hanno ciascuna ipropri problemi: Karin è incapace di qualsiasi rapporto con il prossimo, Maria pensa solo al proprio aspetto fisico. La malata muore, ma la sua anima si ribella e, la notte dopo, dal suo cadavere si levano lamenti strazianti. Nessuna delle due parenti ha il coraggio di avvicinarsi. Solo la governante, una donna buona e semplice, trova la forza di cullare il corpo e di convincere lo spirito tormentato ad affrontare l'aldilà.

SUSSURRI E GRIDA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 6 novembre 2010
Kronos

Sono stati spesso evidenziati con accezione negativa i debiti che questo film nutre verso l'opera di Strindberg. Si rimproverano a Bergman un'eccessiva teatralità del soggetto e la tendenza a strafare di molti dialoghi e situazioni. Taluni denunciano un certo schematismo nel disegno delle figure femminili, così come nell'uso del colore (le tonalità rosse ossessivamente ricorrenti sfiorano il didascalismo [...] Vai alla recensione »

sabato 18 gennaio 2014
LucaGuar

"Sussurri e grida"  è senza dubbio uno dei film più complessi da analizzare di Bergman. Lascia veramente senza parole, per tutta la durata di questa pellicola si è travolti da un uragano di sensazioni, dubbi e ambiguità che compongono una maestosa analisi spirituale-psicologica dell'essere umano (nello specifico rappresentata attraverso l'unverso femminile) [...] Vai alla recensione »

mercoledì 29 febbraio 2012
salvo

Lo spettatore per riuscire a penetrarne la più intima essenza non deve fare altro che dare ascolto ai semplici suggerimenti che, durante tutto il corso della visione, gli deriveranno solo dai sussulti della sua anima. Giovanni Grazzini, nel suo “Gli anni settanta in cento film”, scrive: "Per sentire “Sussurri e grida” basta fornirsi di occhi limpidi e trepido cuore”.

giovedì 4 settembre 2014
Garancebp

“Tutti i miei film possono essere immaginati in bianco e nero, tranne che Sussurri e grida. Nella sceneggiatura, dico di aver pensato al colore rosso come all’interno dell’anima”. Ingmar Bergman parla di Sussurri e grida come di un film pensato “in rosso”, girato all’interno dell’anima. Ed è in una casa rivestita di rosso che si svolge l’intera [...] Vai alla recensione »

martedì 24 agosto 2010
il cinefilo

TRAMA:In una villa isolata nei pressi di Stoccolma quattro donne si ritrovano a confrontarsi tra loro...RECENSIONE:Ingmar Bergman realizza una delle sue opere più potenti e drammatiche e la cui assoluta"freddezza"tecnico-stilistica(forse eccessiva o forse,più probabile,proprio in virtù di essa)eleva il dramma quasi al livello di un incubo onirico e,a tratti,anche surreale.

giovedì 14 agosto 2014
alfa999

Immenso capolavoro di Bergman. Straordinaria riflessione sulla brutalità e l'ipocrisia così potenti nel complesso dei rapporti sociali attualmente dominanti. Delle tre sorelle protagoniste della narrazione la più viva si rivela essere puntualmente la meno inserita nella "normale società": si tratta di un isolamento profondamente classista e quindi parziale [...] Vai alla recensione »

domenica 10 agosto 2014
Noia1

Tre sorelle si ritrovano nella stessa casa, una di loro sta male e bisogna accudirla, si diramano tre modi di essere completamente differenti. Il solito intenso Bergman, immagini che dicono più di mille parole e silenzi struggenti che immergono nell’angosciante clima (paradossalmente) di solitudine che aleggia per la casa. Tre sorelle così vicine e con le quali la più piccola ha i suoi ricordi migliori, [...] Vai alla recensione »

venerdì 26 agosto 2011
Oblivion7is

Antefatto: Un mio amico è un incredibile fan di Bergman. Una volta mi fa "Ehi, qual è il tuo preferito suo?" "Di chi?" "Di Bergman!" "Bergman chi?" "Come!!?!?!! NON SAI CHI È BERGMAN! SUVVIA!" e mi descrisse essenzialmente tutti i suoi film. Io rimasi colpito dalle sue descrizioni, in particolare quella di questo e de "Il Settimo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 12 ottobre 2016
Onufrio

Donna malata da tempo di un male incurabile, viene accudita dalle due sorelle e dalla governante Anna in una straziante atmosfera dove i Sussurri e le Grida animano l'enorme e lussuosa dimora in cui vivono le quattro donne. Agli uomini in questo film spetta un ruolo secondario, sono i mariti delle due sorelle ed il Dottore che visita Agnese, la povera sorella malata.

sabato 7 marzo 2015
il befe

bello

martedì 16 luglio 2013
Luca Scialo

Agnese è malata di cancro, e ad assisterla ci sono le due sorelle, Karin e Maria, e la fedele governante, Anna. La quale risulta essere quella che davvero le sta vicino. In quei giorni di massima sofferenza, ad ognuna di loro vengono in mente ricordi del passato, tutti truci e tristi. La morte di Agnese è come un sottile filo rosso che unisce la loro tristezza.

giovedì 11 luglio 2013
KEGOBA

Qualcuno può dirmi come si fanno a leggere le recensioni complete su "Sussurri e grida" fatte da Pasolini, Truffaut ecc.? Grazie! 

sabato 2 gennaio 2010
paride86

Agnese è la sorella morente, mentre le altre - insieme alla umile serva - la accompagnano nell'ultimo viaggio. In "Sussurri e grida" Bergman fa un ritratto di famiglia completamente al femminile, delineando caratteri e personalità con cinico pessimismo sulle relazioni umane. Il rosso è il tema ricorrente nella scenografia.

martedì 28 settembre 2010
claudus

Sono alla sesta pellicola di Bergman e deve ammettere in tutta onestà che questo è il peggiore fra i film che ho potuto fin qui visionare del cineasta svedese. Questo suo lavoro dimostra i limiti del cinema, il confine tra ciò che può essere solo letterario e ciò che non può essere cinema. Purtroppo il cinema non può parlare di certe cose, non può dirle, perché nel momento stesso in cui vengono dette [...] Vai alla recensione »

Frasi
Il regalo più bello è la solidarietà, il calore umano, l'affetto. Credo che la gioia sia proprio questa.
Una frase di Agnes (Harriet Andersson)
dal film Sussurri e grida
winner
miglior fotografia
Premio Oscar
1973
winner
miglior regia film straniero
Nastri d'Argento
1974
winner
premio speciale
David di Donatello
1974
winner
miglior film straniero
David di Donatello
1974
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati