Sussurri e grida

Acquista su Ibs.it   Dvd Sussurri e grida   Blu-Ray Sussurri e grida  
Un film di Ingmar Bergman. Con Harriet Andersson, Ingrid Thulin, Erland Josephson, Liv Ullmann, Kari Sylwan.
continua»
Titolo originale Viskningar och rop. Drammatico, durata 91 min. - Svezia 1973. MYMONETRO Sussurri e grida * * * * - valutazione media: 4,22 su 33 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Il Bergman più complesso: lascia senza parole Valutazione 5 stelle su cinque

di LucaGuar


Feedback: 3213 | altri commenti e recensioni di LucaGuar
sabato 18 gennaio 2014

"Sussurri e grida"  è senza dubbio uno dei film più complessi da analizzare di Bergman. Lascia veramente senza parole, per tutta la durata di questa pellicola si è travolti da un uragano di sensazioni, dubbi e ambiguità che compongono una maestosa analisi spirituale-psicologica dell'essere umano (nello specifico rappresentata attraverso l'unverso femminile) davanti alla quale, per quanto mi riguarda, la razionalità deve, almeno in parte, abdicare. L'unica via per farsi veramente trasportare ed arricchire da questa straordinaria opera è lasciarsi prendere dalle sensazioni che in quel momento giungono nell'anima senza chiedersi troppo che cosa volesse dire Bergman o che significato avesse per lui questo o quel simbolo: ognuno può interpretare la marea di sfumature emozionali che si trova davanti nel modo che sente più vicino alla sua sensibilità e, solo in parte, alla sua razionalità.
Premesso ciò, "Sussurri e grida" è un sublime racconto dei rapporti tra tre sorelle, Agnese, Karin ed Maria, che si trovano a vivere insieme in una antica villa, contornate dalla figura secondaria ma essenziale della badante di Agnese, Anna.
Agnese, malata di cancro tra atroci sofferenze, è assistita con affetto da Anna, mentre le sue due sorelle sono quasi indifferenti, anche se in modo diverso, al suo dramma.
Maria è una donna a tratti sensibile, ma vive la vita con un'apatia e una superficialità di fondo, e Karin, a mio parere la figura più negativa del film, è fredda ed insensibile, che prova odio e disgusto verso la sorella e vive in modo materialistico.
Alla morte di Agnese, Maria sembra cambiare atteggiamento, volendosi avvicinare a Karin, ma quest'utima la rifiuta bruscamente. Comincia così un rapporto strano tra le due, c'è come una sorta di elastico ad unirle, che all'inizio si allunga dalla parte di Karin, odiosa e lontana dala sorella che vorrebbe avere un profondo rapporto di amicizia con lei, ma che, nella scena finale, sembra tendersi dalla parte di Maria, che riuscita in parte ad ammorbidire Karin, sembra stavolta esser lei stessa ad allontanarsi in tono freddo e distaccato.
Sullo sfondo c'è poi la figura d Anna, vero angelo custode di Agnese, che rappresenta, a mio parere, la figura di Dio (emblematica la scena iniziale nella quale prega), che nonostante i difetti delle rispettive sorelle e la terribile sofferenza di Agnese assiste tutti in modo amorevole senza giudicare mai.
"Sussurri e grida" è una forte critica all'indifferenza e alla freddezza presente nell'umanità, che nella maniera più aspra e paradossale, parte proprio dalla famiglia e che traspare non solo dal rapporto tra le sorelle ma anche dai loro rispettvi matrimoni. Bergman infatti ci presenta anche una visione disgustata e gelida della vita matrimoniale, vista come un rapporto formale di sconcertante ipocrisia, mostrato magistralmente dal regista svedese, in modo molto forte, quando Karin, stanca dell'indifferenza del marito, un importante e formale diplomatico, arriva addirittura a masturbarsi con un pezzo di vetro pur di scuotere il coniuge dalla sua freddezza. Anche Maria, dal canto suo, ha un marito assente ed indifferente che tenta persino il suicidio, e la loro piccola figlia sembra essere trattata freddamente dalla coppia.
In questo film però, come in molti di Bergman, lo stile è di una forza strepitosa. La fotografia rimane impressa nella mente in maniera quasi ossessiva, con l'insistito uso del rosso sia nelle scenografie sia nella dissolvenza alla fine delle scene, quasi a voler mostrare la crudezza e la malvagità presenti nella vita umana, e, il bianco, più raro, usato come "sfondo" per Agnese e Anna, le figure più "pure" della storia.
Un' altro tema fondamentale è ovviamente quello di Dio, immancabile in Bergman, qui forse più celato sotto le esperienze umane ma non per questo non importante, se non basilare. Una delle scene sicuramente più belle è infatti quella in cui il prete prega e benedice Agnese sul letto di morte, prima con una preghiera formale e un po' meccanica dietro uno sfondo rosso, e poi con una meravigliosa e sentita preghiera durante la quale si mette a piangere, su sfondo bianco.
Connesso al tema di Dio è il tema della morte e del suo rifiuto da parte dei vivi, visto da Bergman come il morto che "non riesce a morire" (Agnese) e che chiede l'aiuto delle sorelle le quali sono però spaventate e disgustate da un corpo che ormai ritengono estraneo alla vita e che non riconoscono più come appartenente alla sorella.
"Sussurri e grida" è un film di una tale ricchezza e profondità tematica che non basterebbero pagine e pagine per cercare di descriverlo. Io raramente ho visto film così profondi, n cui chiunque può rispecchiarsi in ciò che dice Bergman: è una sensazione straordinaria vedere questo film, che penso sia il più complesso del grande cineasta e nel quale riesce ad esplorare più in profondità e forse nel modo più disgustato i difetti e le angosce umane, nonostante riesca sempre a far prevalere la sua morale positiva di fondo, proprio alla fine del film, in cui si vedono le tre sorelle felici inseme e in cui Agnese dice di aver trovato la piena felicità nell'amore e nel calore umano.
Insomma, questo film, di una complessità incredibile, rimane indelebile nella mente e nell'anima nonostante la sua difficile e intricata visione in chiave interpretiva.
Per ricchezza di contenuti, introspezione psicologica e stile meraviglioso è veramente un caposaldo della fimografia di Bergman e della storia del cinema.




[+] lascia un commento a lucaguar »
Sei d'accordo con la recensione di LucaGuar?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di LucaGuar:

Vedi tutti i commenti di LucaGuar »
Sussurri e grida | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | kronos
  2° | lucaguar
  3° | salvo
  4° | garancebp
  5° | il cinefilo
  6° | alfa999
  7° | noia1
Premio Oscar (6)
Nastri d'Argento (2)
Golden Globes (1)
David di Donatello (10)


Articoli & News
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 25 novembre
High Life
Galveston
martedì 17 novembre
Gli anni amari
La vacanza
Gauguin
mercoledì 11 novembre
Volevo nascondermi
giovedì 5 novembre
L'amore a domicilio
Just Charlie - Diventa chi sei
Almost Dead
mercoledì 4 novembre
Una intima convinzione
mercoledì 28 ottobre
La partita
mercoledì 21 ottobre
L'assistente della star
mercoledì 7 ottobre
Gamberetti per tutti
L'anno che verrà
Nel nome della Terra
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità