Advertisement
MoliseCinema 2020, un ricco programma di quattro sezioni in streaming gratis su MYmovies

Un’innovativa selezione di film ed eventi gratuitamente online dal 4 al 9 agosto.
PRENOTA GRATIS I TUOI POSTI.

di Tommaso Tocci

sabato 1 agosto 2020 - Festival

Arriverà tra poco la 18.ma edizione del Festival MoliseCinema, che si svolgerà sul territorio dal 4 al 9 agosto 2020 aprendo però quest’anno anche a una nutrita parte della selezione disponibile online. In collaborazione con MYmovies, i film di MoliseCinema saranno visibili gratuitamente in streaming, e includono i cortometraggi sia italiani che internazionali, i documentari, e una selezione di opere prime e seconde, ovvero le 4 sezioni che compongono il programma del festival. MoliseCinema si pone l’obiettivo di promuovere le più recenti e innovative produzioni del cinema italiano e internazionale, privilegiando i giovani autori e i nuovi linguaggi.


LUNGOMETRAGGI

Iniziando dai lungometraggi, la scoperta del programma che sarà disponibile al pubblico di MYMovies vede nomi importanti come Maternal (guarda la video recensione) di Maura Delpero, una delle scoperte dello scorso Festival di Locarno e un’interessante coproduzione tra Italia e Argentina che va a indagare la realtà di istituti religiosi che ospitano ragazze madri. A cavallo tra due culture e anche tra due modalità cinematografiche, in un film di finzione dall’occhio attento e sensibile del documentario. Buñuel - Nel labirinto delle tartarughe è invece l’opera spagnola d’animazione che reinterpreta la vita del regista de Il fascino segreto della borghesia, tratto da una graphic novel.

DOCUMENTARI

Nella sezione specifica dedicata al documentario, spiccano titoli come La nostra strada, documentario di Pierfrancesco Li Donni che scatta un’istantanea della scuola italiana attraverso gli incontri con una serie di studenti di una scuola media di Palermo, prima e dopo la conclusione del loro percorso di studi. Da non perdere Faith, nuovo film di una delle voci più interessanti del panorama italiano degli ultimi anni: Valentina Pedicini si lancia alla scoperta di una comunità monastica sulle colline marchigiane, in un bianco e nero destabilizzante (come suo solito) che insegue questi monaci guerrieri e madri guardiane tra rituali e addestramento. Di simile caratura sono L’apprendistato (guarda la video recensione), elegante opera di Davide Maldi sul duro processo educativo dei ragazzi in una scuola alberghiera, e La villa di Claudia Brignone, incentrato sul parco comunale di Scampia come luogo di riposo e interscambio nel quartiere.

CORTOMETRAGGI

MoliseCinema vuol dire però grande attenzione alla forma del cortometraggio, con una nutrita rappresentanza italiana. Si va da Il compleanno (regia di Gabriele Sabatino Nardis, già candidato ai David di Donatello), storia di un figlio e di una madre in procinto di separarsi, a Spera Teresa (di Damiano Giacomelli), curioso mockumentary su una cantante decisa a raggiungere il successo nelle Marche post-terremoto. Il notevole Inverno, con cui quest’anno Giulio Mastromauro ha vinto il David per il miglior corto, assume invece la prospettiva di un bambino, gettando uno sguardo malinconico e poetico su una comunità di giostrai greci. È stato invece presentato a Venezia nella sezione Orizzonti Supereroi senza superpoteri, un ricordo d’infanzia dal sapore analogico con cui la regista Beatrice Baldacci ripensa e ricostruisce il rapporto con una madre malata. In Offro io, ad opera dell’attrice-regista Paola Minaccioni, un cast che include Carolina Crescentini, Paolo Calabresi e Maurizio Lombardi mette in scena la superficiale falsità della borghesia, in cui un gesto di cortesia tra coppie di amici diventa terreno di sfida.

Al di fuori dell’Italia, i cortometraggi internazionali comprenderanno tra gli altri Yandere, del regista francese William Laboury, in cui una ragazza-ologramma sperimenta perdita e gelosia quando il suo proprietario si trova una fidanzata in carne e ossa. Dalla Spagna via Locarno arriva 16 de decembro del regista Alvaro Gago, storia di violenze e pericoli urbani su una ragazza che in un giorno come tanti voleva soltanto andare a prendere suo fratello. Dal Sundance viene invece la storia macedone di Sticker, incubo burocratico di un padre alle prese con il sistema per la regia di Georgi M. Unkovski. Il tour globale continua con una puntata in Armenia, da cui arriva Christmas Roast di Alexsander Baghdasaryan. Protagonista è un ufficiale giudiziario per il quale ogni persona incontrata è poco più di un nome su un fascicolo, a scapito del dramma umano che gli si para davanti. Chiudiamo le segnalazioni con un’opera iraniana, Exam, per la regia di Sonia K. Hadad: la storia di un’adolescente che si trova invischiata in un traffico di cocaina nello stesso giorno di un importante test scolastico.

SFOGLIA TUTTO IL PROGRAMMA. 


PRENOTA GRATIS I TUOI FILM
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati