MYmovies.it
Advertisement
53° Pesaro Film Festival, ecco il programma

Avanguardia, sperimentalismo, innovazione: questi i criteri etici ed estetici in vetrina alla Mostra Internazionale del nuovo cinema di Pesaro dal 17 al 24 giugno.
di Paola Casella

Lolita Chammah - Bilancia. Interpreta Mavie nel film di Elise Girard Drôles d'Oiseaux.
venerdì 9 giugno 2017 - Festival

Radici e germogli: la 53esima edizione della Mostra Internazionale del nuovo cinema di Pesaro si propone di raccontare le nuove tendenze della Settima arte senza dimenticare la lezione dei maestri della tradizione sperimentale. "Vogliamo coniugare passato e visioni del futuro", sintetizza Pedro Armocida, direttore artistico della rassegna. "Tutto il programma è pensato su questa doppia linea: dall'omaggio a Roberto Rossellini (a quarant'anni dalla sua scomparsa, ndr) al concorso con otto film provenienti da tutto il mondo, uniti da uno sguardo radicalmente innovativo".

"Il ventaglio di proposte evidenzia la tensione verso un cinema altro da quello che, salvo eccezioni, siamo costretti a vedere".
Bruno Torri, Presidente e cofondatore della Mostra

Un esempio del rapporto fra passato e presente in questa edizione, secondo Torri, è la lezione di storia di Federico Rossin sul rapporto fra il cinema italiano underground e il New American Cinema cui Pesaro ha dedicato una retrospettiva ben 50 anni fa.

Avanguardia, sperimentalismo, innovazione: questi i criteri etici ed estetici in vetrina a Pesaro dal 17 al 24 giugno. Ci sarà la sezione Satellite con 18 opere italiane a bassissimo budget che rappresentano il nuovo che avanza nella produzione audiovisiva; la retrospettiva dedicata a Nicolas Rey (no, non il regista di Ribelle senza causa, che si pronuncia uguale ma si scrive Nicholas Ray, bensì l'autore francese specializzato nell'utilizzo sperimentale del 16mm); gli omaggi ai registi spagnoli Pedro Aguilera e Ado Arrietta, di cui verrà proiettata in Piazza del Popolo Belle Dormant con Mathieu Amalric; la retrospettiva Critofilm2 dedicata alla critica cinematografica fatta "con strumenti omologhi al cinema", come ha ricordato il curatore Adriano Aprà; la masterclass con il regista portoghese Joao Botelho.

Quest'anno il companion book della Mostra, curato da Armocida e da Andera Minuz, si intitola L'attore nel cinema italiano contemporaneo, e alcuni interpreti saranno a Pesaro per raccontare il loro mestiere: si tratta di Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca, Valentina Carnelutti e la giovanissima Blu Yoshimi. Apre le danze della Mostra la proiezione de Gli intoccabili di Brian De Palma, che segue Lo squalo e Rocky come "film da riscoprire" proposti al pubblico dalla gestione Armocida, quella che, come afferma Torri, "ha rilanciato il festival". Anche in questo caso, radici e germogli.


VAI ALLO SPECIALE PESARO FILM FESTIVAL
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati