Lion - La strada verso casa

Film 2016 | Drammatico +13 129 min.

Titolo originaleLion
Anno2016
GenereDrammatico
ProduzioneUSA, Australia, Gran Bretagna
Durata129 minuti
Al cinema3 sale cinematografiche
Regia diGarth Davis
AttoriDev Patel, Rooney Mara, Nicole Kidman, David Wenham, Nawazuddin Siddiqui Benjamin Rigby, Eamon Farren, Pallavi Sharda, Menik Gooneratne, Tannishtha Chatterjee, Anna Samson, Priyanka Bose, Emilie Cocquerel.
Uscitagiovedì 22 dicembre 2016
TagDa vedere 2016
DistribuzioneEagle Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,98 su 45 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Garth Davis. Un film Da vedere 2016 con Dev Patel, Rooney Mara, Nicole Kidman, David Wenham, Nawazuddin Siddiqui. Cast completo Titolo originale: Lion. Genere Drammatico - USA, Australia, Gran Bretagna, 2016, durata 129 minuti. Uscita cinema giovedì 22 dicembre 2016 distribuito da Eagle Pictures. Oggi al cinema in 3 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,98 su 45 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Lion - La strada verso casa
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Un bambino viene lasciato solo a Calcutta ma trova la felicità da una famiglia che lo adotta. Diventato adulto deciderà di ritrovare la sua vecchia famiglia. Il film ha ottenuto 6 candidature a Premi Oscar, 1 candidatura a David di Donatello, 4 candidature a Golden Globes, 5 candidature e vinto 2 BAFTA. In Italia al Box Office Lion - La strada verso casa ha incassato nelle prime 9 settimane di programmazione 4 milioni di euro e 418 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,98/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,13
PUBBLICO 3,81
CONSIGLIATO SÌ

Il tuo browser non supporta HTML5 video. Usa Google Chrome!

Garth Davis riesce ad evitare le trappole presenti nel soggetto, puntando su un elegante realismo.
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 24 ottobre 2016
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 24 ottobre 2016

Nel 1986, il piccolo Saroo di cinque anni, decide, una notte, di seguire il fratello più grande non lontano da casa, nel distretto indiano di Khandwa, per trasportare delle balle di fieno. Non resiste, però, al sonno e si risveglia solo e spaventato. Sale in cerca del fratello su un treno fermo, che parte, però, prima che lui riesca a scendere e percorre così 1600 chilometri, ritrovandosi a Calcutta, senza nessuna conoscenza de bengalese e nessun modo per poter spiegare da dove viene. Dopo una serie di peripezie, finisce in un orfanotrofio e viene adottato da una coppia australiana. Venticinque anni dopo, con l'aiuto di Google Earth e dei suoi ricordi d'infanzia, si mette alla ricerca della sua famiglia.
Sulla carta, una storia del genere pareva presentarsi da sola, restava da decidere se aver voglia o meno di piangere tutte le proprie lacrime per una versione ancora più incredibile, per quanto vera, e magari narrativamente più piatta, di The Millionaire. I meno scettici si potevano aggrappare al nome del regista, Garth Davis, artefice della maggior parte dei bellissimi episodi di Top of the lake, per sperare in qualche sorpresa. Per una volta, invece, c'è di più. Tutta la prima parte, che vede protagonista il piccolo Sunny Pawar, ha un che di magnetico. Si resta incollati alla forza d'animo del bambino, al suo sguardo attento, al suo cuore gonfio, mentre viene catapultato suo malgrado dal nulla della casa d'origine alla vastità della megalopoli e della sua disumanità. Davis racconta bene come lo sguardo di Saroo si aggrappa a quello degli altri bambini, in cerca di una fratellanza, sullo sfondo di un mondo adulto ambiguo se non meschino.
Lion è perciò un oggetto particolare, un film "da Oscar" che dei film "da Oscar" evita più o meno tutti i soliti difetti. Un grande narrazione a lieto fine, sì, ma nel quale il risarcimento emotivo non è completo e lascia dietro di sé e nello spettatore degli strascichi forse non contemplati; un film in cui le immancabili "rimonte" di sceneggiatura, tipiche del genere, sono gestite con eleganza non comune, senza che quasi che ne accorgiamo, e così il destino di Saroo è raccontato come una storia nella storia, quella di un cucchiaio immaginario che diventa un reale e anglofono "spoon" e del quale si deve liberare, tornando ad usare il naan, il pane indiano, come un cucchiaio, per poter tornare a toccare il proprio sé. L'India stessa, infine, non è quella povera ma colorata e pop di Danny Boyle, è più vera o per lo meno credibile: c'è infatti una ricerca di verosimiglianza, che si trova anche nell'estremo avvicinamento della coppia Nicole Kidman- David Whenam alla coppia vera della storia vera che ha ispirato il film, che non è francamente richiesta ad un prodotto di questo tipo, però fa la differenza.
Nella seconda parte, il discorso cambia: l'ellissi è molto, forse troppo, ampia, e affidare il riemergere del passato di Saroo ad un jalebi, come ad una madeleine proustiana, vuol dire tirare un po' la corda. Subentrano nuove tematiche, legate alla nuova famiglia, al destino della madre e alla figura di Mantosh, il fratello "diverso", l'altra faccia della favola dell'adozione. Troppo materiale, forse; che sarebbe stato perfetto per lo spazio concesso ai personaggi tipico della nuova serialità, meno, invece, per un pezzo di film che comincia e finisce altrove. Eppure, la seconda parte è importante, è il vero viaggio del film, sviluppato con qualche insistenza di troppo (il "ritorno" ad una condizione trasandata e disperata del personaggio di Dev Patel non era affatto necessario), ma sempre al riparo dal pericolo, pur presente, di grossolani scivoloni nel mélo.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
LION - LA STRADA VERSO CASA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 27 dicembre 2016
J.Decka

Sono passati anni da quando ho potuto vedere una realizzazione tanto capace di emozionare. Una storia incredibile, un momento di profonda riflessione sulla realtà di ieri e di oggi. Un tuffo in un racconto mozzafiato dove diverse culture si scontrano e incontrano; lo spazio e il tempo non riescono a fermare la volontà di un personaggio guidato dal ricordo di un passato che ne ha indissolubilmente segnato [...] Vai alla recensione »

domenica 1 gennaio 2017
Ely57

Si sa che sono diverse le declinazioni dell'amore ed il regista, mediante questa storia vera, che é una tra le 80.000 che ogni anno l'India produce in termini di abbandono o fuga di minori prova a descriverne i perché e i come. Approfondisce molto bene, anche quella parte, e ne é dedicato tutto il primo tempo, che ci fa fare i conti come spettatori, con quella fase che va dalla nascita all'adozione [...] Vai alla recensione »

mercoledì 21 dicembre 2016
casomai21

Tratto da una soria vera che ha avuto il suo epilogo nel 2012. il film si avvale dell'ottima regia di Garth Davis e di due eccellenti attori il protagonista Dev Patel e la sempre sorprendente Nicole Kidman nei panni di una tenera madre adottiva ,per scelta o per destino.Nella prima parte che narra dell'infanzia del protagonista il film diventa uno spietato affresco della condizione minorile [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 gennaio 2017
Giampituo

Feste natalizie. Cinepanettoni a gogo. No stasera si sceglie Lion. Titolo che deriva dal vero nome del piccolo protagonista del film che fa venire i brividi anche a quelli che al cinema piangono poco. Un bambino stupendo nei tratti somatici e ancor di più nel suo modo di capire la vita. Lui sembra già in grado di conoscere la storia e la preistoria della sua terra.

martedì 3 gennaio 2017
franci9292

Andate a vedere questo film! Non è un ordine ma un'esortazione. Non esagero se parlo di capolavoro, "Lion" è davvero un capolavoro. La storia di Saroo ti entra dentro come un tuono già dal primo minuto di visione. Non ti consente di distogliere gli occhi dallo schermo nemmeno un momento. Ti sembra di essere lì, su quel treno preso per sbaglio e in quella città [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 gennaio 2017
Andrea1974

Il film avrebbe avuto tutte le carte in regola per sbancare: una vicenda dickensiana straordinaria e commovente, in cui la realtà supera la fantasia; una fotografia degna de "La mia Africa", capace di catturare atmosfere indiane e australiane in modo spettacolare; una bravura mostruosa degli attori Nicole Kidman e del piccolo Saroo (ma un tono minore per Dev Pavel); un ritmo con i [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 gennaio 2017
A.I.9lli

Guardando il trailer di Lion la prima cosa che pensi è che ti ritroverai alla fine del film in una valle di lacrime. La storia effettivamente è da lacrime. Partendo dal pressupposto che l'Odissea indiana del piccolo Saroo, affrontata da una stazione di Calcutta sulla strada verso casa ( che dura effettivamente vent'anni, proprio come l'eroe omerico), è una storia  vera [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 dicembre 2016
Aniello Mario

I paesaggi dell'Australia sono magnifici, la colonna sonora è straordinaria, il montaggio è alternato con scene di ricordi e reali (vita di bambino e di giovane), inoltre il film utilizza diverse tecniche: flashback e salti temporali. Il regista con una maestria indiscutibile descrive la vicenda di un giovane di 27 anni Scharou che vuole ritornare al suo villaggio d'origine.

martedì 27 dicembre 2016
Flaw54

Il film narra le vicende di jn bambino che si perde in una stazione ferroviaria e non riesce più a ritrovare la sua famiglia. La narrazione tocca 25 anni della sua vita ed è svolta in modo lineare, talvolta teso ed emozionante, ma anche piuttosto ripetitivo e in certi momenti monotono. Varie scene sono tirate per le lunghe e attenuano la portata emotiva dell' opera.

domenica 22 gennaio 2017
Paola Libro

 "Lion – il viaggio verso casa” Ispirato ad una storia reale, è il viaggio fisico, psicologico ed emotivo del giovane Saroo alla ricerca delle proprie origini, dei propri cari e della propria terra, vivi solo nei ricordi. Un bambino che viveva in un villaggio poverissimo dell’India della fine degli anni ’80 del novecento, dagli occhioni neri e vispi, che per [...] Vai alla recensione »

domenica 1 gennaio 2017
Francesco Izzo

La storia raccontata dal film è una storia vera. E sono molto realistici infatti sia i furtarelli dei due fratellini, sia la loro solidarietà nella miseria, sia la paura del protagonista bambino salito improvvidamente su un treno e portato lontano dai suoi luoghi di origine, sia le sue fughe per sfuggire ad infami aguzzini che approfittano dei piccoli vagabondi.

domenica 26 febbraio 2017
BARONE DI FIRENZE

Sul film nulla da dire ottima la fotografia buona l'interpretazione degli attori non protagonisti, sulla Kidman era scontato ormai è nel pieno della maturità artistisca, buono anche il suo partner maschiile e la Rooney Mara. Anche Pavel ormai è una star e quindi ha dato un'interpretazione superba. Non conosco il regista Garth Davis ma più che la storia vera che come [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 gennaio 2017
Immersanelblu

Tratto da una storia vera, il film racconta l'esperienza di un bambino che si allontana da casa e la ricerca della stessa 20 anni dopo. L'ho trovato perfetto da ogni punto di vista. La storia è ben articolata, gli attori sono bravissimi e tutti perfettamente in grado di comunicare con lo spettatore. Gli sguardi sono in grado di rompere la quarta parete consentendo al pubblico di percepire [...] Vai alla recensione »

domenica 8 gennaio 2017
no_data

Non è così scontato uscire dalla sala soddisfatti dei soldi spesi per l'acquisto del biglietto, e per questo film ne è valsa assolutamente la pena. La sala era piena e i commenti finali degli spettatori erano entusiastici. Silenzio assoluto in sala dal primo istante in cui comincia la pellicola e si viene catturati dal fascino dell'India rurale seguendo le vicende del piccolo [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 dicembre 2016
LBavassano

Gronda lacrime il film di Garth Davis, però non è un brutto film, sia nella prima parte, dello smarrimento, che molto fa capire, ma molto per pudore tace in ossequio ai canoni dei film per famiglie, sulla cruda realtà dell'infanzia in India, sia nella seconda, del ritorno, che anche troppo dice, e nulla ci risparmia, in tema di buoni sentimenti.

giovedì 16 marzo 2017
jackmalone

Nella vita di ognuno di noi c'è qualcosa che ci lega sempre  al passato: sensazioni ,  emozioni, immagini e soprattutto odori che risvegliano ricordi di ciò che siamo stati o immaginato con il rimpianto e l'impotenza di non poter riacchiappare mai più quei momenti. Quando il rapporto con il passato si s stravolge in modo tanto traumatico, come nel caso del piccolo [...] Vai alla recensione »

lunedì 13 febbraio 2017
Maria F.

Ho letto un commento sul Forum di Mymovies che definisce questo film una storia da vedere mentre si stira, più avanti c’è un’altra definizione inaudita per qualificarne la fine: “carambata”. Tutti possono muovere critiche, e ci mancherebbe, ma il commento definisce anche la sensibilità e il gusto della persona, che evidentemente non è del tutto attenta [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 gennaio 2017
cinemawatcher

Un bellissimo film. Quando sono entrato in sala avevo l'aria di sufficienza molto molto dubbioso, mentre uscito dalla sala mi sono accorto di aver visto un bellissimo film, con una recitazione molto buona (Nicole Kidman non delude mai) e che non perde mai il filo. Saroo Brierley all'età di cinque anni sale su treno per sbaglio ritrovandosi a Calcutta 1600 km lontano dalla sua casa. Vai alla recensione »

martedì 27 dicembre 2016
Maurizio.Meres

Una storia vera raccontata splendidamente,toccante per la realtà di come vivono i bambini in India,abbandonati a se stessi senza un briciolo di assistenza in un paese dove la corsa al consumismo non ammette sentimentalismi,solo in alcuni casi come la storia del piccolo Saroo l'epilogo non è drammatico seppur la sua esistenza è segnata da momenti difficili.

sabato 7 gennaio 2017
francesca50

Data la propaganda mi aspettavo di più! Anche se mi piace il fatto che è tratto da una storia vera, l'ho trovato per come si dipana molto inferiore a un'altra storia vera di genere completamente diverso andata in onda questi giorni: Florence dove si riconosce l'ottima sceneggiatura...oltre che bravura di tutti. Qui invece c'è una ripetitività oltre che lentezza [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 dicembre 2016
Ciotla

Veramente emozionante. Una separazione forzata che dura 25 anni o solo una notte a seconda di come la si vuol pensare.  Il legame con una mamma è sicuramente qualcosa di inspiegabilmente indissolubile ma in questo caso l'intesa del piccolo  Saroo con il fratello maggiore è più forte di qualsiasi cosa. Proprio il fratello permette a Saroo di "ritrovare" [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 dicembre 2016
filippotognoli

Toccante, inteso, vero: questi sono i primi aggettivi che mi vengono in mente alla fine del film. E' quasi un docu-film, nel senso che la pellicola mira a raccontare la vera storia a lieto fino di uno dei tanti/troppi bambini indiani scomparsi nel nulla (alla fine si scoprira' che ogni anno, nella sola India circa 80000 bimbi finiscono dispersi.

martedì 3 gennaio 2017
Flyanto

Tratto da una storia realmente accaduta, "Lion" racconta l' "odissea" vissuta da un bambino indiano di circa 5 anni che, persosi alla stazione del suo villaggio, sale per sbaglio su di un treno che lo porterà sino a Calcutta dove, solo ed impaurito, dovrà affrontare una lunga serie di peripizie sino ad essere rinchiuso in un orfanotrofio dove, dopo circa un anno, verrà adottato da una coppia australiana. [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 dicembre 2016
miss brown

Ormai dovrei saperlo, se un film viene sbandierato fin dal trailer come "tratto da una storia vera" va evitato come la peste. E invece sono cascata un'altra volta su un film buono giusto per stirare mentre lo danno di pomeriggio in tv. La storia inizia nel 1986 in un paesino del nord dell'India, in cui vivono il piccolo Saroo di 5 anni, il fratello Guddu di 14 e una sorellina neonata, figli di una [...] Vai alla recensione »

sabato 28 gennaio 2017
Mario Nitti

Nei primi 30 minuti il film è a tratti bellissimo per le inquadrature che più che riprendere dipingono paesaggi e città e per la recitazione del bambino che ha qualche cosa di magnetico. Poi, dopo l’adozione e dopo il salto temporale di 25 anni il racconto, pur restando di buon livello, ritorna a schemi più convenzionali e prevedibili.

sabato 25 febbraio 2017
Stella

Ecco un film che merita di essere visto sul grande schermo ! Una bellissima storia vera, narrata con i potenti mezzi del cinema. Fin dalle prime scene siamo completamente immersi nella storia di questo piccolo avventuriero che sfida la miseria con la forza e la tenacia di un grande. Ci ricorda delle amare verità, ci rende umili di fronte alla vita, ci fa sentire vicini agli altri per l'umanit&agr [...] Vai alla recensione »

giovedì 12 gennaio 2017
mariluv

Ho visto questo film in terza fila laterale e non c'è stato un momento in cui mi sia annoiata. E' un film divertente, commovente e molto intenso, un film che ti lascia senza parole e ti trasmette degli spunti di riflessione di vita intensi e stupendi.

lunedì 30 gennaio 2017
debo3

lunedì 2 gennaio 2017
Marco

bello, scorrevole.....da vedere...

venerdì 30 dicembre 2016
Raffaele Sanfilippo Films

venerdì 30 dicembre 2016
ovettombk

Veramente bellissimo!

lunedì 26 dicembre 2016
Emanuele 1968

Ogni tanto fingevo di guardare il cellulare, il mio sguardo non reggeva, mammamia che storia.

domenica 25 dicembre 2016
Arturo54

Dall'inizio e per un pò angosciante, con lo svilupparsi della storia cresce, coinvolge, emoziona, commuove. Kidman all'altezza. 

domenica 22 gennaio 2017
chiarasalvotti@gmail.com

Troppe lacrime e sentimentalismo.

domenica 15 gennaio 2017
mattopolis

Film fatto bene ma senza guizzi...è una storia perfetta per essere costruita su flashback...lo stesso film montato in maniera differente sarebbe risultato molto più veloce curioso ed emozionante...bella fotografia e attori molto credibili...

martedì 27 dicembre 2016
David in Florence

Film eccezionale con attori bravissimi, tra i quali spicca il bambino, che trasmette pensieri e sentimenti con naturale espressività del volto. Si percepisce una maturità ben superiore alla sua reale età. Attore da Oscar. Bella la storia, ottima la regia, il montaggio, le location, la musica, la luce, le inquadrature. Mi sembra assurdo che la critica abbia dato due stelle ad uno dei migliori film [...] Vai alla recensione »

domenica 25 dicembre 2016
max821966

hO VISTO IL TRAILER, MI HA INCURIOSITO SIA PERCHE' E' UNA STORIA VERA, SIA PERCHE' AVEVO LETTO DELLA STRORDINARIA BRAVURA DELL'ATTORE DEBUTTANTE CHE INTERPRETA SAROO DA PICCOLO..... NON ERA FACILE RACCONTARE UNA STORIA COSì STRAORDINARIA , SENZA CADERE NEL RETORICO E NELLO STRAPPALACRIME (ANCHE SE ALLA FINE QUALCHE LACRIMA SCAPPA CMQ)....IL FILM E' PRATICAMENTE PERFETTO: BRAVI GLI ATTORI (DA OSCAR [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 dicembre 2016
Marcko68

Coinvolgente ed emozionante. Finale amaro anche se non drammatico. Ho preferito la prima parte in lingua originale con i due fratelli complici ed innamorati l'uno dell'altro. La ricerca di Sarou ha parzialmente successo e manca un protagonista all'appello.

mercoledì 28 dicembre 2016
Pierpaolo

Un Capolavoro : La storia, la scenografia, il montaggio, la fotografia, gli attori, il bambino.

sabato 31 dicembre 2016
ANTONIO RUGGIERO

In dicembre ho visto ben tre film ....."basati su una storia vera".,... Sully, Florence ed ora Lion. Tutti si concludono puntualmente con video e foto dei personaggi reali di queste storie vere. Quindi anche Lion è un film dal soggetto non originale, che scorre placidamente, senza forti drammi e grandi emozioni. Si parte da un una poverissima famiglia indiana e da un simpatico ragazzino [...] Vai alla recensione »

Frasi
"C'è già tanta gente nel mondo"
Sue Brierley (Nicole Kidman)
dal film Lion - La strada verso casa
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 23 dicembre 2016
Francesco Alò
Il Messaggero

The Millionaire (2008) ci faceva vedere un ragazzino indiano cresciuto nel nulla aggiudicarsi, diventato grande, 20 milioni di rupie a un quiz tv. Vinse l'Oscar. Lion diretto da Garth Davis (dagli spot all'esordio nel lungometraggio) ci mostra un bimbo di nome Saroo, della regione del Khandwa, perdersi tra un miliardo e mezzo di connazionali, arrivare a Calcutta e da lì essere adottato.

venerdì 23 dicembre 2016
Alessandra Levantesi
La Stampa

Pur basato su una storia vera, Lion è una favola piena di buoni sentimenti, il che potrebbe farne un ideale film natalizio. Tutto comincia nel distretto di Kwanda, dove il piccolo Saroo si addormenta su un treno risvegliandosi a Calcutta, senza capire una parola di bengalese e incapace di spiegare da dove viene. Lo salva dall'orfanotrofio una coppia australiana (la mamma è Nicole Kidman), che adotta [...] Vai alla recensione »

venerdì 23 dicembre 2016
Paolo D'Agostini
La Repubblica

Saroo è un bambinetto quando si ritrova solo dentro un treno diretto verso il Bengala. È l'inizio di un'odissea che dev'essere stata senz'altro epica nella realtà del vero Saroo Brierley, cognome ricevuto dai suoi genitori adottivi australiani, che l'ha narrata nel suo libro A long way home. In una miserrima località dell'India centrale Saroo è l'ombra del fratello maggiore Guddu che s'ingegna in [...] Vai alla recensione »

venerdì 23 dicembre 2016
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Saroo, un bimbo povero indiano, mentre il fratello, di notte, cerca di rimediare qualche soldo, si addormenta nel vagone di un treno. Finisce, così, prima a Calcutta e poi adottato da una coppia della Tasmania. Dopo 25 anni, grazie a Google Earth, ritrova la sua vecchia casa. E la sua famiglia originaria. Una storia vera, un soggetto che si presta molto al grande schermo.

winner
miglior attore non protag.
BAFTA
2017
winner
miglior scenegg.ra non origin.
BAFTA
2017
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati