Il ponte delle spie

Acquista su Ibs.it   Dvd Il ponte delle spie   Blu-Ray Il ponte delle spie  
Un film di Steven Spielberg. Con Tom Hanks, Mark Rylance, Amy Ryan, Sebastian Koch, Alan Alda.
continua»
Titolo originale Bridge of Spies. Thriller, Ratings: Kids+16, durata 140 min. - USA 2015. - 20th Century Fox uscita mercoledì 16 dicembre 2015. MYMONETRO Il ponte delle spie * * * 1/2 - valutazione media: 3,75 su 112 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
3,75/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * * -
 critica * * * 1/2 -
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
Il film è interpretato dal premio Oscar Tom Hanks che veste i panni di James Donovan.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer Cinema
primo piano
Un film di bruciante attualità, profondamente consapevole della sua funzione sociale
Marianna Cappi     * * * * -

Brooklyn, 1957. Rudolf Abel, pittore di ritratti e di paesaggi, viene arrestato con l'accusa di essere una spia sovietica. La democrazia impone che venga processato, nonostante il regime di guerra fredda ne faccia un nemico certo e terribile. Dovrà essere una processo breve, per ribadire i principi costituzionali americani, e la scelta dell'avvocato cade su James B. Donovan, che fino a quel momento si è occupato di assicurazioni. Mentre Donovan prende sul serio la difesa di Abel, attirandosi l'incomprensione se non il disprezzo di sua moglie, del giudice e dell'opinione pubblica intera, un aereo spia americano viene abbattuto dai sovietici e il tenente Francis Gary Powers viene fatto prigioniero in Russia. Si profila la possibilità di uno scambio e la CIA incarica Donovan stesso di gestire il delicatissimo negoziato.
L'intro hitchcockiano cede man mano il passo ad uno svolgimento sempre più letterario, dove il racconto è già leggenda e ancora incertissimo presente, come esemplifica l'immagine tombale del muro di Berlino; e dove il Donovan di Tom Hanks sembra rispondere al paradigma dell'everyman, cappotto cappello ombrello, se non fosse che, nel cinema di Spielberg più che mai, l'apparenza in qualche modo inganna.
Donovan è infatti qualcuno che incarna il mestiere che fa, lo onora come una "professione". Non si occupa di giustizia, è un giusto. Se a lui appare incredibile che il suo assistito non si preoccupi visibilmente del suo destino, all'altro appare inizialmente inverosimile che l'avvocato non voglia sapere la verità sulla sua colpevolezza o innocenza. "Servirebbe?" No. Per lui, che ha già fatto il proprio dovere in Normandia (salvando il soldato Ryan), ogni uomo è importante, ogni vita. Donovan non vede Abel innanzitutto come una spia, un russo, un nemico: sceglie di guardarlo come una persona. Man mano che lo conosce, gli darà un colore e una profondità, fors'anche quella dell'amicizia o dell'ammirazione, ma la scelta riguardo allo sguardo da adottare l'ha fatta in partenza. Come il regista.
Lo dice bene la prima inquadratura, nella quale Abel sta dipingendo il suo autoritratto, con l'ausilio di uno specchio. L'immagine nello specchio e quella sulla tela sono immagini della stessa persona, ma non sono identiche. La prima riflette una superficiale obiettività, la seconda reca traccia del tempo e dei pensieri intercorsi nelle ore del fare, e soprattutto reca traccia del suo autore. Non conta quello che di te penseranno gli altri, dirà Donovan al soldato Powers, ma "quello che sai tu". Consegnando all'avvocato il dono del finale, Abel gli sta dunque dicendo: "ti conosco, so chi sei", ed è questo il riconoscimento che più può soddisfare uno come Donovan; di quello pubblico, teletrasmesso, può fare anche a meno, può dormirci su.
In un'epoca come la nostra, di sospetti quotidiani, intercettazioni isteriche, identificazioni affrettate di un uomo col suo credo, il suo abito o la sua provenienza, Il ponte delle spie è un film di bruciante attualità, profondamente consapevole della dignità della professione artistica e della sua funzione sociale.

Incassi Il ponte delle spie
Primo Weekend Italia: € 1.072.000
Incasso Totale* Italia: € 10.768.000
Ultima rilevazione:
Box Office di lunedì 15 febbraio 2016
Primo Weekend Usa: $ 15.380.000
Incasso Totale* Usa: $ 72.147.000
Ultima rilevazione:
Box Office di lunedì 15 febbraio 2016
Sei d'accordo con la recensione di Marianna Cappi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
77%
No
23%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Il ponte delle spie

premi
nomination
Premio Oscar
1
6
Golden Globes
0
1
David di Donatello
1
1
BAFTA
1
8
* * * - -

The wall

giovedì 31 dicembre 2015 di Writer58

Sono piuttosto combattuto nello scrivere queste note su "Bridge of spies", ultima fatica di Spielberg. Da un lato, mi è parso un buon film, con eccellenti interpretazioni e un'accurata ricostruzione del contesto storico e politico in cui la vicenda è ambientata (gli Stati Uniti e Berlino dal 1957 al 1961, durante la guerra fredda), dall'altro ho rilevato alcuni elementi che appesantiscono l'opera e che la rendono, a tratti, convenzionale e poco ispirata. La storia narrata si ispira a eventi realmente continua »

* * * * -

Spielberg ci parla dell’oggi attraverso il passato

giovedì 17 dicembre 2015 di Antonio Montefalcone

L’uomo comune che si trova a fronteggiare situazioni straordinarie: è sempre stata questa la linea narrativa principale della filmografia del grande Steven Spielberg, e anche questa sua ultima pellicola ci resta fedele. L’uomo comune è qui l’avvocato James Donovan (interpretato da un magistrale Tom Hanks), chiamato in piena Guerra Fredda, prima a difendere in tribunale la spia russa Rudolf Abel (interpretato da un altrettanto superlativo Mark Rylance), e dopo a negoziare in suolo russo per il suo continua »

* * * * -

Buon divertimento , ecco a voi :steven spielberg

lunedì 21 dicembre 2015 di Alex2044

Un inizio fulminante . La cattura della spia sovietica Rudolf Abel è un pezzo di alta scuola cinematografica che nobiliterebbe qualunque film anche modesto . Invece con il "Ponte delle spie " ci troviamo di fronte ad un gran film dall'inizio alla fine salvo forse un brevissimo momento in una Berlino est spettrale  ma forse un po' di maniera  . Steven Spielberg si dimostra ancora una volta uno dei più grandi registi in attività continua »

* * * * -

Sielberg fa centro, con un film potente!

lunedì 21 dicembre 2015 di ElPaneZ

 NO SPOILER: Il ponte dele spie è un film magnifico a parer mio, i personaggi riescono ad entrare nella tua mente e ti trasmettono dei pensieri,messaggi molto potenti. La regia è molto lenta per tutta la durata del film ed è sempre sullo stesso piano. Nelle scene d'azione è molto movimentata e disorientante e rende molto la situazione in cui si è. La sceneggiatura è il punto forte del film, i fratelli Coen magistrali e profiessonali sono riusciti continua »

rudolf abel
domanda:pensi di essere preoccupato? risposta:cambierebbe qualcosa?
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
James Donovan (Tom Hanks)
"Ogni uomo merita una difesa, ogni uomo è importante"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
La moglie dell'avvocato Donovan
"Dimmi che non sei in pericolo, dammi qualcosa a cui aggrapparmi. La verità non mi interessa"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shop

DVD | Il ponte delle spie

Uscita in DVD

Disponibile on line da giovedì 7 aprile 2016

Cover Dvd Il ponte delle spie A partire da giovedì 7 aprile 2016 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Il ponte delle spie di Steven Spielberg con Tom Hanks, Mark Rylance, Amy Ryan, Alan Alda. Distribuito da 20th Century Fox Home Entertainment, il dvd è in lingue e audio italiano, Dolby Digital 5.1 - inglese, Dolby Digital 5.1. Su internet ponte delle spie (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 12,74 €
Prezzo di listino: 16,99 €
Risparmio: 4,25 €
Aquista on line il dvd del film Il ponte delle spie

FOCUS | L'America ha paura, non si sente più al sicuro. Ne Il ponte delle spie il regista racconta il passato prossimo come presente. Di Pino Farinotti.
Vai all'articolo

Il nuovo spielberg supera se stesso

domenica 27 dicembre 2015 - Pino Farinotti

Il nuovo Spielberg supera se stesso Il ponte delle spie, di Steven Spielberg. Il contesto: 1957, storia vera; è il momento in cui gli americani si accreditano ancora come garanti e protettori del mondo libero, minacciato dal comunismo. Fedele al suo destino di nazione che non riesce a stare senza guerre, l'America, uscita da non molto dal secondo conflitto mondiale dove aveva combattuto, e debellato, tre totalitarismi, due in Europa e uno in Giappone, ha identificato la Russia come nemico assoluto e combatte la cosiddetta guerra fredda.

   

NEWS | Il nuovo lavoro di Steven Spielberg, con Tom Hanks. Il 17 dicembre al cinema.

Il primo trailer italiano

giovedì 9 luglio 2015 - a cura della redazione

Il ponte delle spie, il primo trailer italiano Diretto da Steven Spielberg, Il ponte delle spie è un thriller che parla della storia di James Donovan (interpretato da Tom Hanks), un avvocato delle assicurazioni di Brooklyn che si troverà coinvolto al centro della guerra fredda, quando la Cia gli darà il compito di negoziare il rilascio di un pilota americano che è stato catturato. Il film uscirà in Italia il 17 dicembre 2015.

   

Nostalgico Spielberg

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Se pensate che Spielberg voglia dire cinema d'azione date un'occhiata alle prime scene di questo bellissimo Il ponte delle spie (in sala dal 16 dicembre), dominate dal volto imperturbabile del poco noto Mark Rylance. In apertura Rylance, nel film Abel, è davanti a uno specchio: sta dipingendo il proprio autoritratto. E trattandosi di una spia sovietica (siamo a Brooklyn nel 1957, in piena Guerra Fredda), questa è già una magnifica idea. Che faccia può avere una spia, e che immagine avrà di sé? La risposta è il volto opaco di questo grande attore inglese che merita dieci Oscar: un concentrato di dubbi, disillusione, stoicismo, scarsa autostima. »

Con Spielberg, i fratelli Coen e la Cortina di ferro il cocktail perfetto è servito

di Anna Maria Pasetti Il Fatto Quotidiano

La chiamano Costituzione. Ed è ciò che ci rende americani. Che l'avvocato-negoziatore James Donovan abbia proferito questa profonda verità nel 1957 difendendo la spia sovietica Rudolf Abel non è dato a sapersi, di certo però Steven Spielberg l'ha fatta propria nella sua rilettura cinematografica dell'episodio reale che ha ispirato la sua nuova opera, Il ponte delle spie. Ambientato tra gli Usa e la Berlino Est in piena Guerra Fredda, il film rievoca il grande gesto democratico di un legale qualunque di Brooklyn che riuscì nell'incredibile impresa di scambiare pacificamente con l'Urss una spia per due cittadini americani. »

Steven Spielberg dirige un Tom Hanks da Oscar

di Maurizio Acerbi Il Giornale

Sembra un film partorito dagli anni Cinquanta, classico nel suo stile. Eppure, indimenticabile e senza tempo, grazie a un naestro (termine abusato e impropriamente accostato a troppi sutori) della regia come Steven Spielberg, al quale basta solo la scena iniziale per far capire che i fuoriclasse sono tali perché rari e geniali. E qui che, in piena Guerra Fredda, veniamo introdotti nel personaggio di Rudolf Abel (meraviglioso Mark Rylance una spia sovietica che sta per essere catturata, a New York, dall'FBI. »

Spielberg al meglio tra Guerra fredda e valori democratici

di Alessandra Levantesi La Stampa

È un magnifico classico Il ponte delle spie, e pazienza se alcuni considerano riduttivo il termine, ce ne faremo una ragione. Classico nel senso che si iscrive nel filone hollywoodiano del dramma di guerra; classico nell'impianto della storia basata su fatti veri; classico nello stile ispirato al cinema Anni '40/50: e però, lungi dall'essere di maniera, il classicismo di Steven Spielberg è sempre una magistrale forma di re-invenzione a forte impatto emotivo. I fatti. Nel 1957, quando l'Fbi cattura a New York la spia russa Rudolf Abel (una delle false identità di Vilyam Genrikhovich Fischer, nato in Inghilterra), all'avvocato James B. »

Il ponte delle spie | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Pubblico (per gradimento)
  1° | writer58
  2° | antonio montefalcone
  3° | nanni
  4° | claudiofedele93
  5° | alex2044
  6° | citizen kane
  7° | jaylee
  8° | flaw54
  9° | fight_club
10° | sergiofi
11° | parieaa
12° | no_data
13° | nicola1
14° | luca scialo
15° | onufrio
16° |
17° | giuliog02
18° | iuriv
19° | a.i.9lli
20° | midnight
21° | barone di firenze
22° | mtom83
23° | no_data
24° | gabri66
25° | florentin
26° | paolo_sem
27° | vanessa zarastro
28° | bonsignore
29° | elpanez
30° | naupatto98
31° | beezart555
32° | des esseintes
33° | orione95
34° | domenico maria
35° | dejan t.
36° | cappa41
37° | jackmalone
38° | alnick
39° | luigi chierico
40° | alexlaby
41° | fabiofeli
42° | felipito
43° | g.regonelli
44° | andrejuve
45° | mrfranktodd
46° | elpiezo
47° | sirio
48° | catcarlo
49° | giadas
50° | maumauroma
51° | enzo70
52° | paolp78
53° | zarar
54° | nerone bianchi
55° | cappa41
56° | des esseintes
57° | dhany coraucci
58° | isin89
59° | robert eroica
60° | alberto58
61° | svevarobiony
62° | filippo catani
63° | flyanto
64° | giampituo
65° | maurizio meres
66° | mario nitti
67° | ollipop
68° | marco michielis
69° | alex62
70° | vincenzo ambriola
71° | gpistoia39
72° | barracuda argento
73° | casomai21
74° | goldy
Premio Oscar (7)
Golden Globes (1)
David di Donatello (2)
BAFTA (9)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Immagini
1 | 2 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
mercoledì 16 dicembre 2015
Distribuzione
Il film è oggi distribuito in 3 sale cinematografiche:
Showtime
  1 | Emilia Romagna
  1 | Lazio
  1 | Toscana
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità