Gli equilibristi

Acquista su Ibs.it   Dvd Gli equilibristi   Blu-Ray Gli equilibristi  
Consigliato sì!
2,93/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * - - -
 critica * * 1/2 - -
 pubblico * * * - -
   
   
Il tradimento di Giulio viene scoperto e lui si trova solo. Ma cosa accade ad una coppia che ai nostri giorni "osa" separarsi?
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Ritratto tragico di una società dall'apparente benessere, in cui al tracollo economico corrisponde la perdita di umanità
Gabriele Niola     * * - - -

Sui titoli di testa un amplesso clandestino, consumato in un archivio praticamente deserto, apre il film e introduce la trama. Per quel tradimento infatti si sfalda la famiglia al centro del racconto. Lui, impiegato del comune con 1.200Euro mensili, si trova a dover mantenere se stesso e la moglie che vive con i due figli. La situazione si fa di mese in mese sempre meno sostenibile e per non intaccare dignità e orgoglio con mancati pagamenti, a rimetterci è la qualità della vita che scende sempre di più fino ai limiti della tolleranza.
Quello che Ivano De Matteo fa compiere al suo protagonista è un viaggio dal benessere piccolo borghese fino alla povertà, intesa non solo come mancanza di denaro ma anche come perdita di umanità. Tutto avviene intorno alla maschera di Valerio Mastandrea, perfetta rappresentazione del tragicomico, attore di straordinario talento per la commedia e sguardo segnato da un'endemica e perenne tristezza. E su questi due registri si muove il film stesso, inizialmente appoggiato all'ironia del personaggio e del paesaggio (composto dall'umanità popolare romana) e con il procedere sempre più rassegnato al tragico. Il tono leggero e la possibilità di sdrammatizzare sono infatti caratteristiche che la storia volontariamente perde sempre di più a mano a mano che scema l'umanità stessa del suo protagonista, come se l'uno si accompagnasse all'altra.
Senza far nulla per nasconderlo, Gli equilibristi cerca di costruire il suo percorso di disidratazione economica e umana sul modello aureo di Umberto D., di cui riprende alcuni elementi nel finale e la più generale idea di un personaggio in bilico tra necessità e dignità. De Matteo, che ha anche scritto il film assieme alla moglie Valentina Ferlan, appare tuttavia innamorato della tragicità della propria storia, più che dedito a raccontare un mondo e le sue difficoltà. Lo sguardo su una vita apparentemente tranquilla, in un sistema in cui la dignità pare un diritto e invece è un lusso facilissimo da perdere, sembra quello di un aguzzino più che di un narratore. Come se non bastassero le difficoltà oggettive, il regista aggiunge amarezze soggettive (come l'ambientazione natalizia) e ad infierire sull'impoverimento materiale sceglie inequivocabilmente di accompagnarne uno umano e affettivo ancora più drastico.
Il problema quindi non pare il ritratto di una realtà dura e difficile (quello è un dovere), quanto l'averlo fatto senza adesione. Tanto che pure il pietismo estremo del finale risulta improvviso e stonato.

Incassi Gli equilibristi
Primo Weekend Italia: € 100.000
Incasso Totale* Italia: € 215.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 23 settembre 2012
Sei d'accordo con la recensione di Gabriele Niola?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
40%
No
60%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Showtime:
martedì 28 ottobre 2014 alle ore 17,20 in TV su SKYCINEMAPASSION
Scopri gli altri film in televisione »
Premi e nomination Gli equilibristi

premi
nomination
Nastri d'Argento
0
1
David di Donatello
1
2
* * * * -

In equilibrio sulla vita

sabato 1 settembre 2012 di marcosp�

Quanto siamo sempre pronti ad estasiarci per qualche film che viene da lontano, da paesi nel quale non siamo neppure stati, eppure pronti a giurare che quello che ci viene mostrato è vero, che ricalca una realtà con convincimento e adesione...altrettanto pronti però a denigrare un film che ci appartiene, che racconta una realtà che dovrebbe invece essere a noi nota. Il problema è che a volte quello che ci succede accanto è altrettanto distante finchè non ci tocca da vicino. Il film di De matteo continua »

* * * - -

Sottovalutato

lunedì 8 ottobre 2012 di mauro2067

Dopo aver letto alcune recensioni mi sono fatto un 'idea mia del film. Concordo con tutti sulla drammaticità della storia con alcuni risvolti tragico comici resi brillanti dalla straordinaria bravura di un grande Mastrandrea. Non sono d'accordo sulle critiche rivolte soprattutto sulla lentezza o sull'eccessivo pietismo del film. Invece trovo che quell'allungare le pause, i silenzi, renda più reale e palpabile l'evoluzione mentale del protagonista che, preso dai continua »

* * * * -

Pretesto d'autore

venerdì 21 settembre 2012 di marezia

E' come se il regista raccontasse una non storia: un tradimento che c'è ma che evapora immediatamente dopo insieme all'amante (amante che lo spettatore si ritrova davanti improvvisamente e dopo un bel po' come se fosse una semplice amica desiderosa di rendersi utile nel momento di difficoltà) e quindi senza nessuno tipo di strascico né sessuale, né sentimentale e un legame coniugale che naufraga in una separazione consensuale ma senza nessun tipo continua »

* * * - -

Nessun rifugio

venerdì 14 settembre 2012 di renato volpone

Dopo Carlo Verdone (Posti in piedi in paradiso) ecco un altro regista che ci parla delle problematiche della separazione di coppia ed in particolare dello stato di povertà in cui si può ritrovare l'uomo. La storia è realistica, molti uomini separati vivono in auto o dormono e mangiano alla casa dei poveri, ma la sceneggiatura calca l'acceleratore sul pietismo rendendo davvero troppo melenso tutto l'insieme del film. Il pubblico, però, gradisce queste storie continua »

Valerio Mastrandrea
'Il divorzio è per i ricchi, quelli come noi non se lo possono permettere!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

DVD | Gli equilibristi

Uscita in DVD

Disponibile on line da martedì 5 febbraio 2013

Cover Dvd Gli equilibristi A partire da martedì 5 febbraio 2013 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Gli equilibristi di Ivano De Matteo con Valerio Mastandrea, Barbora Bobulova, Grazia Schiavo, Antonio Gerardi. Distribuito da Cecchi Gori Home Video, il dvd è in lingue e audio italiano, Dolby Digital 5.1. Su internet equilibristi (DVD) è acquistabile direttamente on-line su IBS.

Prezzo: 14,99 €
Aquista on line il dvd del film Gli equilibristi

BIZ

Mastandrea, un marito esodato

di Massimo Bertarelli Il Giornale

Si ritrova fuori di casa l’impiegato all’anagrafe di Roma Giulio. La moglie Elena, segretaria di un centro diagnostico, non riesce a digerire le corna. Così lui per mantenere i due ragazzi, le passa 600 euro al mese, metà dello stipendio. Troppo per poter sopravvivere dignitosamente. Acuto dramma social-familiare, che indaga, tra disincanto, ironia e qualche forzatura, sulla tragedia. economica oltre che psicologica, dei separati minitenenti. Brava Barbora Bobulova, magnifico Valerio Mastandrea. »

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Un film che parte quasi come una commedia e finisce nel melodramma più cupo. Un uomo che ha quasi tutto per essere felice e di colpo non ha più niente tranne l’orgoglio. L’immersione in una Roma ruvida e spiccia ma vera, esplorata con bel senso dei personaggi e qualche inciampo nel racconto da un regista romano fino al midollo. Dominato da un imploso e efficacissimo Valerio Mastandrea, Gli equilibristi di Ivano De Matteo (Orizzonti) pattina sul confine sempre più labile fra dignità e miseria, normalità e emarginazione, seguendo la lenta e inarrestabile rovina di Giulio (Mastandrea), un dipendente del Comune che per una scappatella se ne va di casa e per non privare di nulla moglie e figli, un bambino e una adolescente, scivola senza quasi accorgersene nella miseria, dorme in auto, mangia alla Caritas, accetta i lavori più umili solo per scoprire che anche quelli non sono affatto scontati. »

Quegli «equilibristi» stanno in piedi sul bordo della crisi

di Pedro Armocida Il Giornale

«Il divorzio è per i ricchi, non per gente come noi», è la battuta chiave de Gli equilibristi di Ivano De Matteo, in concorso nella sezione Orizzonti e in uscita nelle sale il 14 settembre. S’è tanto parlato di una Mostra del cinema in tempo di crisi e il nuovo film del regista quarantenne romano, con un passato da documentarista, prende di petto un tema abbastanza inedito nel nostro cinema contemporaneo, tutto concentrato sulle risate più spensierate. Riuscendo a calibrare i toni da commedia con quelli drammatici per raccontare la discesa agli inferi del protagonista Giulio interpretato da un perfetto Valerio Mastandrea, definito dal regista «una maschera da clown capace di far sorridere nella tragedia». »

di Federico Pontiggia Il Fatto Quotidiano

Giulio (Valerio Mastandrea). 40 anni, impiegato al Comune di Roma, casa in affitto, auto a rate, una figlia rockettara, un bambino limpido e una moglie (Barbora Bobulova). L’ha tradita, e se ne deve andare di casa: inizia il tracollo, che lo porterà alle notti in macchina e alla mensa della Comunità di Sant’Egidio. Agli Orizzonti, Ivano De Matteo racconta il divorzio ai tempi della crisi: Mastandrea super, regia osservante, è un dramedy amaro e onesto, ben incastrato nella Capitale della marginalità. »

Gli equilibristi | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Nastri d'Argento (1)
David di Donatello (3)


Articoli & News
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 14 settembre 2012
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità