Videocracy - Basta apparire

Acquista su Ibs.it   Dvd Videocracy - Basta apparire   Blu-Ray Videocracy - Basta apparire  
Un film di Erik Gandini. Titolo originale Videocracy. Documentario, Ratings: Kids+13, durata 85 min. - Svezia 2009. - Fandango uscita venerdì 4 settembre 2009. MYMONETRO Videocracy - Basta apparire * * - - - valutazione media: 2,44 su 49 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato nì!
2,44/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * 1/2 - - -
 critica * 1/2 - - -
 pubblico * * 1/2 - -
   
   
   
La nascita di uno scenario politico-mediatico che ruota attorno alla figura del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi attraverso eventi che sembrano già datati nel momento in cui se ne studiano le conseguenze.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un documentario sul potere mediatico di Berlusconi. (Quasi) nulla di nuovo per chi vive in Italia
Giancarlo Zappoli     * * 1/2 - -

Un documentario che, a partire dalla trasmissione di uno strip casalingo di una delle prime televisioni private, affronta il tema del potere della televisione in Italia grazie a materiale di repertorio, a interviste esclusive a Lele Mora e a Fabrizio Corona e alla storia di un giovanotto fortemente intenzionato a diventare il Van Damme cantante della televisione.
Diciamolo subito a scanso di equivoci: per il pubblico italiano (sia che sia favorevole o sia che sia contrario a Berlusconi e al suo mondo) non c'è nulla di nuovo sotto il sole tranne qualche gustoso particolare di cui diremo. La vetrina veneziana diventa invece importante come trampolino di lancio per un reportage che batte bandiera svedese e che, quindi, può circolare all'estero. In quelle sedi oltre confine Videocracy potrà trovare la sua giusta collocazione e contribuire a un dibattito sulla situazione italiana.
Per quanto ci riguarda più da vicino, più che il Berlusconi sempre più orgogliosamente autoreferenziale che gli schermi televisivi ci propongono quotidianamente, risultano interessanti le vanità svelate con la guardia più abbassata del solito (si tratta di una produzione 'nordica' no?) di Mora e Corona. Mora, dal candore che lo circonda (tutto è bianco intorno a lui nella sua villa in Sardegna) tira fuori l'anima nera che ha dentro con grande semplicità. Il suo cellulare di ultima generazione non solo suona "Faccetta nera" ma propone un video di montaggio in cui a immagini di Mussolini si alternano svastiche e altri aberranti simboli. Visto che vanta, non smentito, una grande amicizia con il premier c'è materia su cui meditare.
Corona invece si dichiara, con quella spavalderia proterva che gli si legge nello sguardo, un "Robin Hood" di nuova generazione. Ruba ai ricchi per dare a se stesso. Si esibisce nudo allo specchio e si fa riprendere mentre conta centinaia di euro. C'è poi l'illuso di turno che troverà meno del quarto d'ora di celebrità di warholiana memoria a "X-Factor". Ma il ritornare su di lui a più riprese finisce con il far perdere di mordente all'intera operazione. Perché di suoi epigoni è ricco l'universo mediatico europeo e mondiale. I "Grandi Fratelli" (purtroppo) non esistono solo in Italia.

Premi e nomination Videocracy - Basta apparire MYmovies
Videocracy - Basta apparire recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
Incassi Videocracy - Basta apparire
Primo Weekend Italia: € 209.000
Incasso Totale* Italia: € 858.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 1 novembre 2009
Sei d'accordo con la recensione di Giancarlo Zappoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
57%
No
43%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * * * -

Amaro

martedì 8 settembre 2009 di Clavius

Certo in questo film non si scopre niente di nuovo, ma resta una fotografia imbarazzante del nostro paese. Deformata fin che si vuole, cerca comunque di sondare una delle cause che hanno trascinato l'Italia nel desolante vuoto culturale nel quale è immersa da almeno un ventennio. A tratti impietoso il documentario mette alla berlina comportamenti tra il ridicolo e l'orrido che contraddistinguono una fetta consistente degli italiani impegnati ad apparire, vogliosi di emergere senza competenze nè continua »

* - - - -

Capolavoro di incompetenza

domenica 4 ottobre 2009 di timelord

Preso dalla foga di un'ennesima crociata antiberlusconiana e dall'intima soddisfazione di diffamare l'Italia, Gandini mette insieme un teorema assai discutibile senza nemmeno sapere una virgola della storia della televisione italiana: si limita a sostenere che arrivato Berlusconi la Tv è diventata commerciale e ha invogliato gli italiani a diventare dei volgari esibizionisti. Ma la storia della TV italiana parte da molto più lontano, compresa quella della TV commerciale, e sostenere certe tesi mettendo continua »

* * * * -

Il punto più basso della civiltà

lunedì 21 settembre 2009 di sassolino

Il più occultato dei film in concorso a Venezia, e già questo la dice lunga sui contenuti, è una lunga omelia funebre dell'italia dei valori, uno straniante documentario sull'ascesa della televisione, deus ex machina ultimo di una società di cartapesta, dominata da un manipolo di tre uomini (Lele Mora, Fabrizio Corona e il nostro innominato, tale Silvio). La narrazione off, espediente spesso geniale nella realizzazione di documentari, qui riesce davvero a disorientare; la voce di Erik Gandini, continua »

* * * * -

Qualcosa di interessante

domenica 6 settembre 2009 di cheshirek4t

Seppure a tratti può sembrare caotico e dispersivo, il documentario non manca di momenti particolarmente intensi. La sensazione, inizialmente, è quella di sapere già di cosa si parla, ed è dunque con poco stupore e con una certa sufficienza che ho visto la prima decina di minuti. La materia è tuttavia trattata in maniera particolare, e pian pianino si finisce per domandarsi se il saper già basti. Forse il documentario non fa altro che ripeterci cose che molti italiani già sanno, ma il tono e lo continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Videocracy - Basta apparire adesso. »
Shop

DVD | Videocracy - Basta apparire

Uscita in DVD

Disponibile on line da martedì 24 maggio 2011

Cover Dvd Videocracy - Basta apparire A partire da martedì 24 maggio 2011 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Videocracy - Basta apparire di Erik Gandini con . Distribuito da Cecchi Gori Home Video, il dvd è in lingue e audio italiano, Dolby Digital 5.1. Su internet Videocracy è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 6,49 €
Prezzo di listino: 9,99 €
Risparmio: 3,50 €
Aquista on line il dvd del film Videocracy - Basta apparire

INCONTRI | La realtà televisiva italiana che spaventa il regista Erik Gandini.

Un documentario creativo non politico

giovedì 3 settembre 2009 - Marlen Vazzoler

Videocracy: un documentario creativo non politico Stasera verrà trasmesso in collaborazione tra le giornate degli autori e la settimana della critica il film-documentario Videocracy diretto da Erik Gandini. La pellicola sebbene non sia ancora uscita nelle sale italiane, ha già provocato alcune polemiche nei giorni scorsi quando prima la televisione di stato, la RAI, e poi quella commerciale, Mediaset, si sono rifiutate di trasmettere il trailer del film. Videocrazia parla di come Silvio Berlusconi abbia costruito il suo potere intorno al media televisivo e di cosa succede alle persone in una società dove tutto viene improntato sulla televisione.

VIDEO | Una produzione svedese che verrà presentata in anteprima mondiale al Lido.

Il trailer per il documentario presentato a venezia

giovedì 30 luglio 2009 - Marlen Vazzoler

Videocrazia: il trailer per il documentario presentato a Venezia Tra i vari titoli che saranno presentati a Venezia vi è un documentario di produzione svedese, Videocrazia, che dà un particolare sguardo sulla televisione commerciale. Il trailer mostra delle immagini poco consigliate ad un ambiente lavorativo, ecco la sinossi ufficiale. Il regista Erik Gandini vive in Svezia ma è nato e cresciuto in Italia. In Videocrazia ritorna nella sua patria natale e mostra le conseguenze interne di un esperimento televisivo a cui gli italiani sono stati soggetti per trent'anni.

   

di Roberto Silvestri Il Manifesto

A proposito di mostri molto più famelici e agguerriti. Sull'horror più pauroso dell'anno, Videocracy, abbiamo già scritto molto. Ma il doc «obliquo» di Erik Gandini (esule in Svezia) è tutto il contrario di quello che potreste immaginare. Non racconta la storia di Berlusconi da Tele Lombardia a Papi, magari spiegandoci come divorò la Mondadori. Ma la trasformazione del nostro paese in repubblica fondata sul profitto «tutto e subito», e con ogni mezzo necessario. E sui sogni, le tattiche e le strategie lecite e illecite che tutti credono di poter usare (ma che solo il sesto uomo più ricco del mondo può) ipnotizzando l'operaio/a sfigato/a di provincia, per «apparire» in tv e dunque esistere e dunque aspirare alla fama, alle donne (o agli uomini) al seggio in parlamento (anche europeo). »

«Videocracy», gli italiani vittime della tv

di Giacomo Vallati Avvenire

Da qualche tempo al cinema va di moda un genere che, stilla scia di forti contrapposizioni politiche, dà voce alla cosiddetta «militanza ideologica». E il documentario. O meglio: il documentario "a tesi"; costruito cioè a tavolino, per dimostrare — sotto la parvenza di una dimostrazione oggettiva — una tesi in realtà precostituita. Contraddicendo, insomma, il genere stesso, che al contrario dovrebbe "documentare' un fenomeno in modo imparziale. Erik Gandini lo chiama «documentario creativo»: e difatti il suo Videocracy - Basta apparire (presentato da questo regista italo-svedese ieri a Venezia, per la Settimana Internazionale della Critica) nel tentativo di dimostrare che «Silvio Berlusconi ha creato un binomio perfetto, caratterizzato dall'unione fra politica e intrattenimento televisivo», è alla prova dei fatti molto poco «documentario». »

Videocracy, censurato ma superficiale

di Paola Casella Europa

Difficile immaginare che cosa uno spettatore scandinavo capirà dell'Italia contemporanea vedendo Videocracy, il documentario dell'italo-svedese Erik Gandini che viene presentato oggi alla Mostra del cinema di Venezia, sotto gli auspici congiunti della Settimana della critica e delle Giornate degli autori, dopo il fiume di polemiche perché il suo trailer non è stato mandato in onda né dalla tv di stato, in quanto portatore di «un messaggio politico di critica al governo», né da Mediaset. Difficile perché Videocracy sceglie una narrazione sommaria e per molti versi superficiale della cultura dell'apparenza e dell'apparire che ha caratterizzato l'Italia berlusconiana, quella nata (o raccontata?) con le tv private e gli spogliarelli di Colpo grosso e culminata, secondo il documentario, con il sultanato di Lele Mora e la dannazione mediatica di Fabrizio Corona, raccontati come mostri contemporanei direttamente collegabili al sistema di disvalori promossi dal premier quando era ancora "solo" un imprenditore televisivo. »

L'Italia della tv commerciale

di Luciana Vecchioli L'altro

Rai e Mediaset lo hanno censurato decidendo di non trasmettere il trailer, che invece su Internet è assai cliccato. I giornali non gli hanno riservato una grande accoglienza. Quasi quasi vale la pena andarlo a vedere questo documentario sulla tv commerciale creata da Silvio Berlusconi. “In una videocrazia la chiave del potere è l’immagine" dice l’autore italo-svedese. E proprio attraverso le immagini dei vari programmi e dei suoi testimonial si racconta l'Italia degli ultimi rent’anni. Nel 1977 a Tele Torino international, Pino Maffi conduce, riscuotendo grande successo, “Spogliamoci insieme”, primo sexy quiz televisivo. »

Videocracy - Basta apparire | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | clavius
  2° | sassolino
  3° | cheshirek4t
  4° | g. romagna
  5° | aspirantefilmmaker
  6° | salvatore scaglia
  7° | kildem
  8° | domiu.u
  9° | meromero
10° | timelord
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 4 settembre 2009
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità