I quattrocento colpi

Acquista su Ibs.it   Dvd I quattrocento colpi   Blu-Ray I quattrocento colpi  
Un film di François Truffaut. Con Jean-Pierre Léaud, Albert Rémy, Claire Maurier, Patrick Auffay, Georges Flamant.
continua»
Titolo originale Les 400 coups. Drammatico, Ratings: Kids+16, b/n durata 93 min. - Francia 1959. - Cineteca di Bologna uscita giovedì 25 settembre 2014. MYMONETRO I quattrocento colpi * * * * 1/2 valutazione media: 4,55 su 45 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
4,55/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * * 1/2
 critican.d.
 pubblico * * * * -
Per il piccolo Antoine Doinel, il riformatorio diventerà il trampolino per il tuffo nel mare della vita.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un inno alla libertà dell'infanzia, manifesto della Nouvelle Vague francese
Mattia Nicoletti     * * * * *
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING

Come una madre che osserva e veglia, nelle prime immagini del primo capolavoro di Truffaut, quello che lo ha fatto passare dai banchi di scuola dei "Cahiers du Cinema" alla cattedra della macchina da presa, la Tour Eiffel è sempre presente, e domina Parigi. I 400 colpi è anche il primo film del personaggio Antoine Doinel, alter ego del regista, sempre interpretato da Jean Pierre Leaud, che accompagnerà nella vita cinematografica il cineasta francese.
Antoine Doinel è un bambino che vive con la giovane madre e il patrigno. Ha poca voglia di studiare e si diverte ad andare al cinema, a marinare la scuola, a compiere piccoli furti, oppresso da una famiglia che pensa troppo a se stessa e lo relega a buttare via la spazzatura o ad andare a comprare il latte, lasciando ai compagni di scuola il compito di accompagnarlo all'adolescenza. Il riformatorio diventerà il trampolino per il tuffo nel mare della vita.
Manifesto della Nouvelle Vague francese, il primo film di Truffaut è un inno alla libertà dell'infanzia, in parte autobiografico, che disegna e descrive le vicende di un bambino, nel quartiere in cui il regista è nato. La forma filmica è immediata, viva, realista, strizza l'occhio a Rossellini, e rappresenta i volti e le vite dei piccoli uomini nelle strade parigine, nelle sue sfaccettature più intime, nei discorsi fra amici che condividono gli stessi luoghi. La poesia dei primi anni dell'esistenza risulta apparentemente rotta dalla coercizione del riformatorio, insieme di rigide regole che dovrebbero indicare la retta via; è però nell'ultima magica sequenza, mostrata secondo dopo secondo nel più classico stile della "Nouvelle Vague", in quella corsa di Doinel verso il mare, che i capelli possono finalmente seguire il vento, e lo sguardo finalmente perdersi senza paura verso gli anni dell'età adulta.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
I QUATTROCENTO COLPI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Premi e nomination I quattrocento colpi MYmovies
Premi e nomination I quattrocento colpi

premi
nomination
Premio Oscar
0
1
Festival di Cannes
1
0
* * * * -

Un piccolo, grande uomo

martedì 4 gennaio 2011 di RONGIU

Una donna gravida è una donna che prende in carico al suo interno un nuovo corpo. La donna, durante questo periodo chiamato gravidanza, è in stato di grazia, il più delle volte. Succede, purtroppo, che questo stato di grazia si può trasformare per tantissimi motivi, mentalmente, in una situazione qualitativamente anomala. Cioè la grazia, si perde, trasformandosi prima in dis/grazia e ciò che è stato preso in carico, diventa avversità. Ci sono continua »

* * * * *

Psicologicamente fortissimo.

martedì 1 marzo 2005 di diario notturno

Questo e' un film il cui ritmo compassato nasconde una potenza tremenda. Scuote. Racconta un pezzo di vita di Antoine Doinel. Ed e' una storia che dai particolari ti fa intravedere, per poi fartela esplodere in faccia, la violenza. La violenza adulta nei confronti dell'infanzia. Violenza quasi mai manifesta fisicamente. Violenza che si cela nell'egoismo adulto, nell'incapacita' di capire, comprendere. Doinel ti ricorda come si poteva vivere realta' e mondi paralleli dove gl adulti non entravano. continua »

* * * * *

Al primo limitar di gioventù...

domenica 30 ottobre 2005 di FABIO LEONE

Le prime, deliziose inquitudini di un piccolo essere umano... un bambino!...forse...troppo (o troppo poco) ragazzino per essere regimato come tutti gli altri. La psicologia evolutiva sovente "decaloga" troppo facilmente le fasi della crescita; ancor peggio ferrata si confessa nei confronti dei cambi di registro. Al "limitar di gioventù", in quella breve stagione, in quei pochi giorni in cui un bambino prende ingenuamente le redini del gioco della vita (Antoine) accadono quelle minuscole cose continua »

* * * * *

Il mistero dell'infanzia

domenica 8 febbraio 2009 di exitplanetdust

Il bambino non può essere con-preso. Può essere rappresentato, ma con lo sguardo necessariamente adulto (Rossellini docet). Truffaut può riflettersi, rispecchiarsi in un alter-ego qui ancora poco più che bimbo. Ma questo è uomo e bambino assieme, è una creatura in metamorfosi, e come ogni creatura in metamorfosi, genera orrore, nella sua sfuggevolezza: l'orrore dell'ignoto, per l'appunto, che insieme ci attrae irresistibilmente, e ci atterra. Sfuggevolezza qui tematizzata, problematizzata, oltre continua »

Albert Rémy al figliastro Jean-Pierre Léaud
Hai risposto bene?
Non mi hanno interrogato.
Dovevi chiederlo tu, farti notare. Questo è il segreto del successo: nella vita bisogna sempre avere iniziativa.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Albert Rémy al figliastro Jean-Pierre Léaud
Hai risposto bene?
Non mi hanno interrogato.
Dovevi chiederlo tu, farti notare. Questo è il segreto del successo: nella vita bisogna sempre avere iniziativa.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Jean-Pierre Léaud
I tuoi genitori dicono che tu menti sempre.
Beh, mento... Mento ogni tanto, si... spesso. Se dicevo la verità non mi credevano!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shop

DVD | I quattrocento colpi

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 23 gennaio 2013

Cover Dvd I quattrocento colpi A partire da mercoledì 23 gennaio 2013 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd I quattrocento colpi di François Truffaut con Jean-Pierre Léaud, Claire Maurier, Albert Rémy, Jeanne Moreau. Distribuito da Rai Cinema - 01 Distribution. Su internet quattrocento colpi (DVD) è acquistabile direttamente on-line su IBS.

Prezzo: 7,99 €
Aquista on line il dvd del film I quattrocento colpi

di Claude Beylie

Antoine Doinel è uno scolaro tredicenne sognatore e turbolento. Il padre adottivo è un bnav’uomo, tradito apertamente dalla moglie. li ragazzo soffre di mancanza di affetto e marina la scuola in compagnia di un coetaneo, René. Un giorno, per giustificare la sua assenza, dice che è morta la madre. La menzogna viene scoperta e comincia pian piano l’ingranaggio delle bugie e dell’illegalità: provocazioni, fughe, piccoli furti. Il giudice minorile, d’accordo coi genitori, decide di inviarlo in un centro di osservazione per giovani delinquenti. »

di Franco Valobra Cinema Nuovo

Nessuno dei film della “nouvelle vague” giunti in Italia si salva da un vuoto che il gioco intellettualistico e formalistico delle belle immagini o dei dialoghi talvolta quasi “cantati” non riesce a nascondere: non Les amants di Malle (che, alla resa dei conti, resta pure il più interessante per un primo tempo piuttosto efficace), non A doppia mandata di Chabrol, né tantomeno l’Hiroshima di Resnais o, peggio, l’Orfeo negro di Camus. E non si salva neppure questo i 400 colpi di François Truffaut che ha fatto gridare al miracolo molti critici. »

di John Woo

L'universo di Truffaut non è accessibile a tutti, è lungi dall'esserlo. Non è che nella solitudine che si può trovare la purezza, là creatività e la bellezza. La solitudine dunque è un valore inestimabile. Pochi registi - e François Truffaut è uno di essi - utilizzano la loro macchina da presa come una stilografica dalla quale uscirà un poema. Ha influenzato tutti noi, non solo perché è stato in grado di inventare una nuova forma di linguaggio, ma perché ha comunicato un amore profondo per l'umanità. »

di Giuseppe Marotta

Due parole su I quattrocento colpi. Forse vi ho già confidato, una volta, che l'autore di questo film della “Nouvella vague”, François Truffaut, essendo critico cinematografico di Arts quando a Parigi venne presentato L'oro di Napoli, mi squartò con le unghie e coi denti. Vergine dell'Aiuto! Disse che il mio libro era folcloristico e scemo, piagnucoloso e mammista, una vergogna; e che, insomma, avevo rovinato De Sica. Ammetto di averne un po' sofferto, non tanto per la opinabilissima arte mia, quanto perché il Truffaut ironizzava con gallica impertinenza su mia madre, la quale era ed è polvere. »

I quattrocento colpi | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | rongiu
  2° | diario notturno
  3° | ziogiafo
  4° | tomdoniphon
  5° | magneto85
  6° | viva_la_vida
  7° | luca scialò
  8° | reservoir dogs
  9° | fabio leone
10° | fedeleto
11° | molinari marco
12° | shiningeyes
13° | andrejuve
14° | mike91
15° | exitplanetdust
Premio Oscar (2)
Festival di Cannes (1)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 25 settembre 2014
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità