•  
  •  
Apri le opzioni

Jay Duplass

Jay Duplass (Lawrence Jay Duplass) è un attore statunitense, regista, produttore, produttore esecutivo, scrittore, sceneggiatore, fotografo, è nato il 7 marzo 1973 a New Orleans, Louisiana (USA). Jay Duplass ha oggi 49 anni ed è del segno zodiacale Pesci.

Un caposcuola del mumblecore

A cura di Davide Di Finizio

Regista ambizioso, Jay Duplass fonde i più tradizionali generi cinematografici con le innovative tecniche del mumblecore, mirando ad una fruizione che non sia semplicemente commerciale, ma volta ad una penetrante analisi psicologica non priva di riecheggiamenti letterari.

Duplass e il mumblecore
Sin dagli esordi, la sua carriera è stata fortemente legata a quella del fratello Mark, regista e attore. Il loro nome, insieme a quello di altri ambiziosi cineasti tra cui Lynn Shelton ed Andrew Bujalski, è connesso alla fondazione di un movimento americano di cinema indipendente sorto nel 2000 e noto come Mumblecore. L'appellativo include il termine mumble, che letteralmente indica un mormorio ed è la voce onomatopeica che nella cultura fumettistica rappresenta il flusso di pensieri o di parole espresso dai personaggi. Quest'aspetto si concretizza in una delle principali cifre stilistiche che caratterizzano i film del movimento, ovvero la presenza di fitti dialoghi talmente spontanei da essere in larga parte (o almeno apparire) improvvisati. Altre caratteristiche del mumblecore sono i bassissimi budget, la scelta di attori non professionisti, le tematiche relazionali e sentimentali con particolare cura per i risvolti introspettivi e psicologici, e le ambientazioni molto spesso ristrette tra le mura domestiche; in sintesi, i fondamenti del cinema di quello che è sostanzialmente il padre ideale e l'ispiratore del mumblecore: John Cassavetes. Jay, con la collaborazione del fratello Mark, si colloca perfettamente nel solco del movimento, dando vita ad opere all'apparenza minimaliste, ma che ad un'analisi più approfondita si rivelano sperimentali ed innovative.

Gli anni dei primi corti
Comincia dal dirigere alcuni cortometraggi, con i quali si aggiudica diversi riconoscimenti. Del 2002 è The New Brad, che Jay cura anche sotto gli aspetti della produzione e della sceneggiatura. L'anno successivo è la volta di This is John, mentre nel 2004 firma The Intervention e Scrabble. Pur nelle modeste dimensioni del corto, Jay racchiude in germe quelle che saranno le caratteristiche principali del mumblecore e del suo stile di regista. Ma l'ambizione porta i fratelli Duplass a sviluppare maggiormente le loro potenzialità e a misurarsi finalmente col loro primo lungometraggio.

Tra cinema e metacinema in salsa noir
Il debutto in questo senso è con The Puffy Chair (2005), una commedia brillante interpretata dal fratello Mark. Ma più interessante è il successivo Baghead (2008), che punta su un equilibrato dosaggio di comicità e thriller, con non trascurabili risvolti metacinematografici. È la storia di un gruppo di ragazzi con ambizioni registiche, che decidono di girare un filmetto indipendente ambientandolo in un bosco in cui un feroce killer miete le sue vittime. Se il concept può facilmente ricordare la trita e ritrita saga di Scream, le intenzioni e la resa sono molto personali ed altrettanto eloquenti sulle capacità e le trovate del regista. In particolare è notevole la disinvoltura con cui opera la commistione di generi, che nel loro uniforme insieme fanno del film un'interessante black comedy. Nell'anno seguente si colloca una parentesi costituita da un occasionale ritorno al cortometraggio, con The Do-Deca-Pentathlon, ma Jay è in attesa di mettere le mani su un nuovo ambizioso progetto, che ridefinirà in modo più convincente il suo stile e la sua abilità narrativa.

Cyrus: un'Odissea psicologica
Il 2010 è infatti l'anno di Cyrus, commedia drammatica che ruota intorno alle vicende di tre personaggi: John, adulto-bambino mai veramente ripresosi dalla rottura con la moglie-madre; Molly, donna coraggiosa che ha affrontato la maternità senza il soccorso e la presenza di una figura maschile, e che cercherà proprio nell'immaturo John una risposta alle sue inquietudini; e Cyrus, il figlio di Molly, una sorta di Telemaco del terzo millennio, vittima d'un ritardo emotivo dovuto all'assenza d'una figura virile che lo inizi alla maturità della vita. È facile immaginare lo scontro tra i due protagonisti, simili nella loro inguaribile sindrome di Peter Pan e perciò ostili l'uno all'altro. Il precedente riferimento odissiaco non è banale: nel loro complesso disegno psicologico, è interessante accostare i personaggi del film ai corrispettivi letterari dell'Ulysses di James Joyce che ricalca, sebbene in modo variato, gli archetipi del poema omerico. Leopold-Ulisse e Dedalus-Telemaco, che nel capolavoro dello scrittore irlandese erano rispettivamente un padre mancato in cerca d'un figlio e un figlio mancato in cerca di un padre, ambedue deboli e inetti, risvegliano chiaramente un paragone con John e Cyrus. Curioso in questo senso, è che la Penelope di Joyce, sebbene caratterialmente agli antipodi del personaggio femminile del film, si chiami come lei: Molly.

Le nuove frontiere del mumblecore
Carattere odissiaco ed avventuroso ha anche il successivo lungometraggio, Jeff Who Lives At Home (2011), una storia dal sapore picaresco che interseca il destino di due fratelli diametralmente opposti, uno estroverso e l'altro introverso che, come recita il titolo, vive in casa. Movimentato e proiettato verso il mondo esterno, il film permette al regista di ridiscutere nuovamente i tratti essenziali del mumblecore, costruendo una vicenda atipica e riflessiva sul rapporto tra l'uomo e l'ambiente in cui vive e trovando, nell'antitesi dei protagonisti, il pretesto per un discorso ancora una volta psicologico sulla complessità della natura umana.

Ultimi film

Fantascienza, (USA, Canada - 2018), 98 min.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati