Piccolo corpo

Film 2021 | Drammatico, +13 89 min.

Anno2021
GenereDrammatico,
ProduzioneItalia, Francia, Slovenia
Durata89 minuti
Al cinema2 sale cinematografiche
Regia diLaura Samani
AttoriCeleste Cescutti, Ondina Quadri .
Uscitagiovedì 10 febbraio 2022
TagDa vedere 2021
DistribuzioneNefertiti Film
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 4,22 su 19 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Laura Samani. Un film Da vedere 2021 con Celeste Cescutti, Ondina Quadri. Genere Drammatico, - Italia, Francia, Slovenia, 2021, durata 89 minuti. Uscita cinema giovedì 10 febbraio 2022 distribuito da Nefertiti Film. Oggi tra i film al cinema in 2 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 4,22 su 19 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Piccolo corpo tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento giovedì 27 gennaio 2022

Una giovane madre tenta un viaggio per riportare in vita la sua bambina morta. Il film è stato premiato a David di Donatello, In Italia al Box Office Piccolo corpo ha incassato 157 mila euro .

Consigliato assolutamente sì!
4,22/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 3,66
PUBBLICO 5,00
ASSOLUTAMENTE SÌ
Un film miracoloso dove il classico viaggio dell'eroina è fatto di carne viva, dolore e di un'oscurità di straziante bellezza.
Recensione di Paola Casella
sabato 10 luglio 2021
Recensione di Paola Casella
sabato 10 luglio 2021

Inizi '900. In un'isoletta del Nordest Agata partorisce una bambina nata morta, e il prete della comunità di pescatori cui appartiene non può battezzarla. Ma la giovane donna non accetta che sua figlia resti "un'anima perduta nel limbo", vuole riconoscere la sua identità affinché non sia "mai esistita", e un uomo le indica la possibile soluzione: portare la piccola in Val Dolais, fra le montagne innevate dell'estremo nord, dove "c'è una chiesa in cui risvegliano i bambini nati morti". Basta un respiro, e si può dare loro un nome, liberandoli dal limbo. Agata intraprenderà il viaggio verso quel santuario a metà fra il religioso e il pagano, con la sua creatura dentro una scatola di legno, e sulla strada incontrerà Lince, un personaggio con molti segreti da difendere.

Piccolo corpo, opera prima di Laura Samani, parla di miracoli (im)possibili. Il viaggio di Agata attraversa gli elementi e la materia: aria, terra, acqua e fuoco, ma anche legno, luce, pietra, neve, fumo, lana, latte.

La cinepresa della regista e sceneggiatrice (con Marco Borromei ed Elisa Dondi) asseconda Agata nel suo peregrinare risoluto, e le sue inquadrature sono imbevute di un gusto pittorico e di una tradizione cinematografica (soprattutto quella di Ermanno Olmi) profondamente, radicalmente italiani.

Agata (come Samani) si spinge sempre oltre: attraversa luoghi (e fasi esistenziali) di non ritorno, entra dentro la visceralità di un istinto primigenio, affronta in maniera diretta e vertiginosamente profonda il dolore per la perdita di un non nato, e rifiuta il commento più ottusamente crudele di tutti: "Farai altri figli". Perché per Agata esiste solo quella bambina, unica ed irripetibile, e la sua determinazione a strapparla dall'anonimato ha una potenza ancestrale inarrestabile.

Il viaggio di Agata, come ogni percorso femminile, è una staffetta per portare un poco più avanti il testimone secondo un movimento irreversibile, ed è capace di far ritrovare la propria femminilità anche a chi l'ha negata, a ricostruire il legame indissolubile fra una mamma e una figlia anche in chi, dalla propria madre, è stata rifiutata.

È un "viaggio dell'eroina" nel senso drammaturgico più puro, disseminato di prove, antagonisti, mentori e alleati, e Samani ne segue la linea archetipale rimanendo incollata ai corpi e alle cose, essenziale e autentica, tattica e olfattiva, silenziosa e dolente. Agata, giovane donna di mare, si inerpica su per la montagna entrando in un universo a lei ignoto, attraversa una galleria senza sapere se rivedrà mai la luce, si immerge in un lago del quale non vede il fondo: membrane naturali che sono anche tappe di conoscenza e gradini di consapevolezza che contagiano anche Lince. La morbidezza delle immagini nasconde una durezza di fondo che è la piena coscienza di un dolore inaccettabile, perché "il corpo e il cuore non dimenticano".

Recitato in veneto e friulano, Piccolo corpo espone il dialogo fra persone che provengono da microcosmi così ristretti da esprimersi in dialetti reciprocamente incomprensibili, e ciò nonostante si capiscono in quanto condividono lo stesso destino di esclusione. Agata intraprende il suo viaggio da sola perché "non ha pensato di avere paura", attraversa luoghi dove "le femmine non possono entrare perché se le prende la montagna", abissi dai quali "non si esce vive", e in cui lei, come Orfeo, penetra in cerca della sua Euridice. Perché allontanarsi da un figlio può risultare impossibile, "se non hai un nome è come se non esistessi", e sua figlia quel nome deve trovarlo prima dell'addio.

"Pensi di meritarti questo miracolo?", chiedono ad Agata. Ma il miracolo vero l'ha fatto Laura Samani, creando un mondo e un'eroina fatti di carne viva intenta a strappare la "carne della propria carne" dalla ineluttabilità della morte, immergendosi nella paura e nel dolore, scendendo in quell'oscurità che ha una sua straziante bellezza, se non è negata, se riconosce a se stessa il proprio nome.

Sei d'accordo con Paola Casella?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 16 febbraio 2022
FabioFeli

Agata (Celeste Cescutti) sta per partorire e le donne della sua isola sulla laguna friulana – siamo all'inizio del 1900 - la conducono verso il mare dove verserà gocce di sangue per il buon esito del parto. Ma non va bene: la bambina di Agata non riesce a vivere. Agata non si arrende al prete che le dice che non può battezzare la bimba, perché non c'è stato [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 febbraio 2022
FabioFeli

Agata (Celeste Cescutti) sta per partorire e le donne della sua isola sulla laguna friulana – siamo all'inizio del 1900 - la conducono verso il mare dove verserà gocce di sangue per il buon esito del parto. Ma non va bene: la bambina di Agata non riesce a vivere. Agata non si arrende al prete che le dice che non può battezzare la bimba, perché non c'è stato [...] Vai alla recensione »

sabato 19 febbraio 2022
cardclau

È un film meraviglioso, mi sono commosso, come non mi capitava da moltissimo tempo, per tutta la durata della proiezione. Oltre alla bravura innegabile della regista, e la scelta fantastica, la conduzione, l’acting, delle attrici principali: Agata (Celeste Cescutti), così vera da far dimenticare che si tratta solo di un film, e  solo di un viaggio in quel mondo assurdo che [...] Vai alla recensione »

sabato 19 febbraio 2022
cardclau

È un film meraviglioso, mi sono commosso, come non mi capitava da moltissimo tempo, per tutta la durata della proiezione. Oltre alla bravura innegabile della regista, e la scelta fantastica, la conduzione, l’acting, delle attrici principali: Agata (Celeste Cescutti), così vera da far dimenticare che si tratta solo di un film, e  solo di un viaggio in quel mondo assurdo che [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 febbraio 2022
Giulia

Sono d'accordo con te 

domenica 13 febbraio 2022
Emanuele 1968

4.5 Penso sia un film carico di significati, il principale e l'immenso amore della madre verso la perduta figlia, personalmente sono uscito dalla sala molto in silenzio e col nodo alla gola. 

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
mercoledì 16 marzo 2022
Luca Pacilio
Gli Spietati

Quello di Agata è un viaggio verso l'ignoto, intrapreso contro ogni avversità, per salvare l'anima di quel bambino che, nato morto, non può essere battezzato ed è dunque condannato al limbo. Perché da un vecchio pescatore la donna ha appreso che in un remoto santuario è possibile il miracolo: condurre quel piccolo corpo a emettere un respiro, quell'unico alito di vita che ne garantirebbe la redenzione [...] Vai alla recensione »

domenica 20 febbraio 2022
Alberto Cattini
Gazzetta di Mantova

Su una spiaggia dell'alto Adriatico si produce un rito propiziatorio. Una puerpera, scortata da un coro di donne, si avvicina al mare, e si lascia praticare una ferita alla mano per la quale "entra" in lei la Vergine. Agata (Celeste Cescutti) partorisce, però, una bambina morta. Il sacerdote non può battezzarla. Ma in montagna c'è un santuario della Madonna in cui i piccoli corpi tornano a vivere per [...] Vai alla recensione »

sabato 19 febbraio 2022
Nicolò Barretta
La Voce di Mantova

Agli inizi del '900, in una piccola isola friulana, la giovane Agata dà alla luce una bambina che muore subito dopo il parto. Date le circostanze, secondo le superstizioni cattoliche, la ragazza non può assegnare un nome alla figlia, la quale non può di conseguenza essere battezzata. Affranta e indignata dall'indifferenza di chi le sta intorno, la giovane donna decide di fuggire dal suo villaggio. Vai alla recensione »

giovedì 17 febbraio 2022
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Il piccolo corpo è il neonato morto nella cassetta che Agata porta sulle spalle in un viaggio della speranza, faticoso, pericoloso, infine disperato, da un'isola di pescatori della laguna veneta alla chiesetta di montagna, per un battesimo miracoloso. Va deciso chi è più brava tra la regista esordiente, che inventa un primo 900 materico di contadini, acque, ladroni, e la protagonista Cescutti, luminosa [...] Vai alla recensione »

sabato 12 febbraio 2022
Nicola Falcinella
L'Eco di Bergamo

Arriva da un mondo pre-moderno una delle opere prime più interessanti e promettenti del cinema italiano degli ultimi tempi. Si tratta di «Piccolo corpo», lungometraggio di debutto della triestina Laura Samani, presentato la scorsa estate nella sezione Semaine de la critique del Festival di Cannes e che da allora ha circolato parecchio all'estero. Siamo nei primi del '900, in Friuli.

venerdì 11 febbraio 2022
Marco Contino
Il Mattino di Padova

Agli inizi del '900, in un villaggio di pescatori del nord-est, Agata partorisce una bimba morta. Per la tradizione cattolica, non può essere battezzata: la sua anima è condannata al Limbo, senza nome e senza pace. Ma esiste un santuario sulle montagne dove si dice che i bambini vengano riportati in vita, giusto il tempo di un respiro: quello necessario per essere battezzati e tornare liberi.

giovedì 10 febbraio 2022
Roberto Nepoti
La Repubblica

In concorso alla Semaine de la Critique di Cannes, il debutto della triestina Laura Samani è un piccolo grande film: piccolo per budget (ma coprodotto da Italia, Francia e Slovenia), grande per il respiro epico che prende lungo la via. Il viaggio è quello di Agata, la cui bambina è nata morta. Appresa l' esistenza di un santuario dove i neonati resuscitano per il tempo di un battesimo, la giovane donna [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 febbraio 2022
Beatrice Fiorentino
Il Manifesto

Non è un caso che Piccolo corpo nasca in casa Nefertiti Film, nella «factory» di Nadia Trevisan e di Alberto Fasulo, qui entrambi in veste di produttori. C' è qualcosa, infatti, pur con le ovvie differenze di significato e di sguardo, che accomuna l' opera prima della triestina Laura Samani, che ha meritatamente esordito l' estate scorsa a Cannes, nel programma della 60.

martedì 8 febbraio 2022
Giona A. Nazzaro
Film TV

Prima ancora che fosse annunciato alla Semaine de la critique di Cannes 2021, Piccolo corpo, esordio sulla lunga distanza di Laura Samani, era già uno dei titoli più attesi. Erano bastate poche immagini a convincere che il film si sarebbe rivelato, senza dubbio alcuno, come uno dei film italiani più importanti degli ultimi anni. Questione di sguardo.

martedì 20 luglio 2021
Francesca Pistocchi
Close-up

L'Italia pre-novecentesca della giovane regista Laura Samani (la ricordiamo per il cortometraggio La Santa che dorme, anch'esso presentato a Cannes nel 2016) è un non-luogo incantato, un universo ombroso in cui fantastico e ordinario stringono legami illeciti, componendo sinfonie in chiaroscuro. Piccolo corpo è un film spaventosamente crudo e onirico, una favola nera dai contorni perturbanti e commoventi. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 14 luglio 2021
Francesco Ruzzier
Cineforum

Se c'è una cosa che (purtroppo) ci siamo abituati a fare troppo spesso dopo mesi di chiusure forzate e conseguenti impennate di individualismo è quella di giudicare gli altri in ogni circostanza: prima eravamo tutti in modalità Finestra sul cortile per cogliere i vicini di casa in fallo, poi siamo diventati virologi per commentare ogni post su mascherine, vaccini e 5G, passando per Fedez, Amazon, la [...] Vai alla recensione »

mercoledì 14 luglio 2021
Aldo Spiniello
Sentieri Selvaggi

Friuli, fine Ottocento. Da una modesta isola di pescatori, Agata va verso le montagne ai confini con l'Austria. La protagonista di Piccolo corpo è in cerca di un miracolo per la figlia nata morta. La bambina non è stata battezzata e questo è il più grande rammarico della donna, terrorizzata dall'idea di un'anima costretta a vagare nel limbo. Per questo, contro tutto e tutti, persino il marito rassegnato [...] Vai alla recensione »

mercoledì 14 luglio 2021
Valerio Sammarco
La Rivista del Cinematografo

Dieci anni fa Alice Rohrwacher esordiva dietro la macchina da presa con Corpo celeste, ospitato alla Quinzaine di Cannes, primo notevolissimo film di una regista - allora trentenne - che ha saputo tracciare un percorso sin da subito fiero e riconoscibile. Oggi la trentaduenne triestina Laura Samani porta, sempre a Cannes (dove nel 2016 la Cinéfondation ospitò il suo corto La santa che dorme), ma alla [...] Vai alla recensione »

martedì 13 luglio 2021
Massimo Causo
Duels.it

C'è il corpo e c'è lo spirito: l'esordio di Laura Samani sta tutto nel confronto tra queste due dimensioni in cui inscrive la parabola di Agata e del suo compagno di viaggio Lince. Sono loro i protagonisti di Piccolo corpo (a Cannes 74 nella Semaine de la Critique), sorta di romanzo di formazione scritto nel tempo arcaico di due figure strappate all'Italia d'inizio 900.

martedì 13 luglio 2021
Adriano De Grandis
Film TV

La natura aspra e selvaggia, la lingua segreta e affascinante, il miracolo che si nutre di leggenda e speranza. Nella tradizione cattolica il bambino che nasce senza esalare un respiro non può essere battezzato e quindi condannato al limbo. La regista triestina Laura Samani affronta con Agata (la madre che porta in una scatola la neonata morta) e Lince (un ragazzo misterioso che l'accompagna) un viaggio [...] Vai alla recensione »

domenica 11 luglio 2021
Cristina Piccino
Il Manifesto

Cannes II Primo fine settimana del festival. Tra i giudizi votati dai critici francesi sull' edizione quotidiana di «Le film français» è comparsa un' altra Palma d' oro, dopo quella di Annette, al film di Ozon, Tout s' est bien passé votato da «Le Parisien». E mentre nel Palais svuotato dai casier (caselle stampa) trasferiti online e con un nuovo maquillage dopo i lunghi mesi di pandemia che lo avevano [...] Vai alla recensione »

sabato 10 luglio 2021
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Tra i monti del Nordest viveva la leggenda di un luogo dove portare i bambini nati morti per far ottenere loro un brevissimo respiro, in modo da strapparli al limbo. Agata partorisce una bambina già morta e decide di intraprendere quel viaggio pieno di insidie, anche se nella realtà del tempo erano soprattutto gli uomini a farlo. Per strada trova Lince, uno strano ragazzo che decide di accompagnarla. [...] Vai alla recensione »

sabato 10 luglio 2021
Raffaele Meale
Quinlan

Non è affatto casuale che Piccolo corpo nasca in seno, per quel che concerne la parte produttiva italiana, alla Nefertiti Film, la casa di produzione fondata da Nadia Trevisan e Alberto Fasulo di stanza a San Vito al Tagliamento. Non è casuale né per il mondo che viene descritto, un ambiente rurale in cui si parla solo ed esclusivamente il furlan, e lo sloveno nelle zone prossime al confine, né per [...] Vai alla recensione »

NEWS
PREMI
martedì 3 maggio 2022
 

La regista si è aggiudicata il premio per il suo film Piccolo corpoVai all'articolo »

TRAILER
giovedì 27 gennaio 2022
 

Regia di Laura Samani. Un film con Celeste Cescutti, Ondina Quadri. Da giovedì 10 febbraio al cinema. Guarda il trailer »

CANNES FILM FESTIVAL
sabato 10 luglio 2021
Paola Casella

Un viaggio dentro la visceralità di un istinto primigenio. Alla Semaine de la critique di Cannes. Vai all'articolo »

winner
miglior regista esordiente
David di Donatello
2022
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati