This Is Paris Too

Film 2020 | Documentario 58 min.

Anno2020
GenereDocumentario
ProduzioneFrancia
Durata58 minuti
Regia diLech Kowalski
TagDa vedere 2020
MYmonetro Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Lech Kowalski. Un film Da vedere 2020 Genere Documentario - Francia, 2020, durata 58 minuti. Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi This Is Paris Too tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un nativo americano si addentra tra le periferie di Parigi.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
Critica
Premi
Cinema
Trailer
Un cinema apolide e militante che sa ascoltare le periferie parigine.
Recensione di Tommaso Tocci
venerdì 7 agosto 2020
Recensione di Tommaso Tocci
venerdì 7 agosto 2020

Un viaggio tra le periferie di Parigi, viste perlopiù ai bordi di strade ad alto scorrimento, ai bar degli incroci e alle fermate del tram. Per questi luoghi si aggira Ken, un nativo americano proveniente da una riserva indiana di uno stato del nord. È in visita alla città, ma non si addentra mai nel cuore della capitale francese, preferendo rimanere ai margini e incontrare persone per caso. Fa la conoscenza di un pugile afghano, di profughi che gli raccontano le proprie storie, e cammina solo tra gli accampamenti dei senzatetto e le mense improvvisate.

Documentarista underground americano, Lech Kowalski ha da tempo spostato il suo obiettivo sulla Francia, le cui attuali correnti di tensione politica e sociale ben si sposano con il suo brand di cinema ruvido e sperimentale.

Con This is Paris too, la macchina da presa di Kowalski segue il suo "americano a Parigi" sui generis rimanendo abilmente a metà tra le tematiche di interesse sociale (con i suoi frammenti di vita emarginata) e la bizzarria di un pesce fuor d'acqua come tramite tra il regista e la realtà della strada francese.

Il nativo americano Ken, con il suo cappellino "native pride" e gli sgargianti giubbotti tecnici è una chiave di interpretazione del mondo parigino piuttosto improbabile, che all'inizio sembra poter offrire solo la sua diversità a stelle e strisce ("non ho le risposte e non ho nemmeno le domande"), in una semplice giustapposizione di culture. Tra una carrellata e l'altra, però, Kowalski assorbe questa dissonanza nel tessuto del film, e finisce per rielaborarla completamente in una conclusione inattesa e toccante.

Simile per certi versi al Piazza Vittorio di Abel Ferrara (con cui Kowalski condivide una certa sensibilità), This is Paris too evita il didascalismo e la commiserazione sullo status dei rifugiati nella grande e ricca città che non ha posto per loro. Accetta invece l'evidenza di questi fatti e ne mette in mostra l'essenza anche visiva, con quei luoghi urbani che sono prima di tutto fatti di binari da navigare, recinti da scavalcare, e di avanzi di cibo nei cestini.

È un cinema apolide e militante, quello di Kowalski, con l'orecchio pronto ad ascoltare le storie degli altri - e a cedergli il primo piano della sua macchina da presa - ma l'occhio pieno di pudore nello svelare quella del suo protagonista, in un piccolo film che, constatata l'impossibilità di andare a fondo del discorso politico, si rifugia nelle complessità dell'umano.

Sei d'accordo con Tommaso Tocci?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati