ZeroZeroZero

Film 2019 | Drammatico 50 min.

Regia di Janus Metz Pedersen, Pablo Trapero, Stefano Sollima. Una serie Da vedere 2019 con Andrea Riseborough, Dane DeHaan, Gabriel Byrne, Érick Israel Consuelo, Giuseppe De Domenico. Cast completo Titolo originale: ZeroZeroZero. Genere Drammatico - Italia, 2019, - MYmonetro 4,17 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari. STAGIONI: 1 - EPISODI: 8

Condividi

Aggiungi ZeroZeroZero tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una spedizione di cocaina viene introdotta clandestinamente dal Sud America verso l'Europa. Dall'omonimo romanzo di Roberto Saviano.

Passaggio in TV
martedì 18 febbraio 2020 ore 19,15 su SKYATLANTIC

Consigliato assolutamente sì!
4,17/5
MYMOVIES 5,00
CRITICA 3,33
PUBBLICO N.D.
ASSOLUTAMENTE SÌ
Uno strepitoso affresco sul Male. Un girone infernale molto ben documentato che fotografa il lato più nero del mondo in cui viviamo.
Recensione di Andrea Fornasiero
venerdì 14 febbraio 2020
Recensione di Andrea Fornasiero
venerdì 14 febbraio 2020

Miguel è un carismatico e silenzioso sergente delle truppe speciali messicane, con nome di battaglia Vampiro, e ha piani ben più ambiziosi del semplice far carriera. Don Mino è un boss latitante della 'ndrangheta che, per riconquistare il suo ruolo tra le altre famiglie, ha organizzato l'arrivo di un enorme carico di cocaina dal Messico. Stefano è suo nipote e sa che se il carico non arrivasse Don Mino sarebbe spacciato, come vorrebbero i suoi rivali. La famiglia Lynwood, guidata dal padre e vedovo Edward, è l'intermediaria di questa spedizione di droga e si trovo sotto assalto da più parti. Toccherà ai figli Emma e Chris, malato del morbo di Huntington, cercare di fare arrivare la merce da New Orleans a Gioia Tauro.

L'odissea di una partita di coca connette le storie di tre gruppi di personaggi in un affresco sul Male, dove tutti sono in trappola, costretti ad azioni raccapriccianti o condannati a morte. Un girone infernale molto ben documentato, che fotografa il lato più nero del mondo in cui viviamo.

A Monterrey, centro della seconda area più produttiva del Messico, si consuma una guerra tra esercito e narcos che spazia dagli hotel di lusso per gli incontri d'affari fino ai vicoli e alle feste di barrio. Qui opera il Vampiro ossessionato dalla croce, che ascolta le registrazioni di un predicatore mentre i suoi commilitoni torturano un uomo. Una contraddizione vivente, che si giustifica convincendosi di operare secondo il volere di Dio, quasi fosse una incarnazione della Santa Muerte, che unisce la sacralità e la brutalità. Una commistione che potrebbe ricordare "l'alta sacerdota della muerte" di Too Old to Die Young, ma ZeroZeroZero non scivola nel misticismo e ha invece un tono realistico. Il Vampiro, interpretato dall'intenso Harold Torres, è il migliore personaggio della serie, il più sorprendente e misterioso, ma anche la scrittura di tutti gli altri è davvero ottima.

Chris afflitto dalla malattia degenerativa vive con l'idea che le sue potrebbero essere le ultime settimane di vita più o meno regolare. La malattia di Chris tempra sua sorella, l'ha obbligata a diventare quello che è, una gelida calcolatrice che naviga con la propria intelligenza un mondo popolato da bruti, che non si fanno problemi a ricorrere alla violenza. Anche il rapporto tra Don Mino e Stefano è ben costruito, attraversato da desideri in conflitto di rivalsa e perdono da entrambe le parti. E non sono da meno i personaggi che i protagonisti incontrano, come il capitano della nave interpretato da Tchéky Karyo, o gli ingegnosi banditi senegalesi e i jihadisti del Sahara. Tutti loro sono tratteggiati con poche pennellate, sufficienti però a definirli e a farci desiderare di saperne di più.

ZeroZeroZero però è una serie dalla logica ferrea: quella del denaro e della droga, che non prevede nello spazio di un viaggio tempi per ritratti famigliari. Il racconto avanza senza paura di lasciarsi presto alle spalle figure affascinanti né di ammazzare i propri protagonisti. Riesce insomma a far intravedere un mondo e un'umanità più ampie senza perdere la propria inflessibile concentrazione. In questo la regia di Stefano Sollima è più impeccabile che mai, senza movimenti di macchina superflui e allo stesso tempo capace di trasmettere un senso di incombenza. Lo aiutano le musiche dei Mogwai, tornati a firmare la colonna sonora di una serie dopo la splendida Les Revenants, e la fotografia di Paolo Carnera, ormai davvero magistrale nei campi lunghi di grande atmosfera e nelle luci notturne.

La sua collaborazione con Sollima è di lunga data e rodatissima, tanto da garantire la forte continuità stilistica della serie nonostante l'avvicendamento dietro la macchina da presa, dove al regista romano si succedono l'olandese Janus Metz e l'argentino Pablo Trapero. Tutti e tre si muovono a loro agio tanto negli ambienti freddi degli hotel di lusso, quanto nella vitalità delle strade africane o messicane e nel clima sospeso di una Calabria rurale.

Sceneggiata seguendo un gioco di incastri tra linee geografiche e temporali, ZeroZeroZero vanta valori produttivi straordinari, superiori, per citare un prodotto dallo spirito affine, a quelli della pur buona McMafia. Il susseguirsi di location reali e molto varie immerge davvero in un mondo sterminato e il cast amalgama efficacemente attori locali e star internazionali. Le scene d'azione spaziano tra inseguimenti in auto e complesse sparatorie, tutte girate con una precisione lontanissima dalla confusione di tanto action televisivo (e cinematografico).

ZeroZeroZero non avrà rivali tra le produzioni italiane del 2020 e anche a livello internazionale sarà di certo fra le migliori serie dell'anno.

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
Il narcotraffico globale raccontato dagli autori di Gomorra.
Overview di Tommaso Tocci
giovedì 5 settembre 2019

Il traffico di droga e l'economia globale si intrecciano in tre storie del giorno d'oggi unite dal viaggio di una nave che trasporta un carico di cocaina. Sull'Aspromonte, l'anziano boss Don Minu acquista la partita di droga per rinsaldare la sua leadership, ma è tradito dal giovane e ambizioso nipote Stefano. A New Orleans, il broker dell'affare, Edward Lynwood, si ritrova nei guai quando dall'Italia non arriva il pagamento pattuito, mettendo a rischio la sua compagnia navale presso cui lavorano i figli Emma e Chris. In Messico, le forze dell'esercito cercano di fermare l'avvio della spedizione, ma al comando della squadra designata c'è il soldato 'Vampiro', anche lui al soldo del Cartello.

Le opere di Roberto Saviano hanno sempre teso verso l'idea di una rete globale che lega le mafie contemporanee in operazioni finanziarie ai più alti livelli. Tensione che è stata poi incorporata anche nei vari adattamenti dei suoi scritti, pur rimanendo il focus centrale sulle questioni italiane.

Con ZeroZeroZero, l'industria dell'intrattenimento sorta attorno al modello Gomorra tenta un salto all'altezza della complessità del soggetto, con una co-produzione internazionale in varie lingue, che coinvolge giganti come Sky, Canal+ e Amazon, un cast variegato e un gruppo di creatori in cui oltre ai soliti Sollima e Fasoli figurano ottimi registi come Pablo Trapero e mani esperte di serialità come Mauricio Katz, Janus Metz e Max Hurwitz.

E dunque l'internazionalità stavolta viene per prima, con la maggior parte delle risorse narrative dedicate alla porzione di storia americana. La famiglia di imprenditori navali dei Lynwood beneficia del livello superiore del casting, in particolare Andrea Riseborough, una certezza in qualunque ruolo le venga richiesto ma davvero promettente come forza motrice biondo platino nel contesto di una dinastia patriarcale.

La ricetta di Sollima è però la stessa, con alcuni collaboratori mantenuti (Paki Meduri alla scenografia, così cruciale nel successo iniziale di Gomorra) e altri elevati alla loro ispirazione naturale (quella di Mogwai sembra la colonna sonora che Sollima ha sempre cercato). Non c'è dubbio che gli autori sappiano ormai sfornare produzioni di livello al di qua e al di là dell'oceano senza battere ciglio, ma la meccanicità dello stile da factory continua a essere un problema di fondo, in Italia come in America, in TV come al cinema.

Si può, del resto, inventare un'estetica senza poi sapere come abitarla e come svilupparla. Nel seguito di Sicario, Soldado, Sollima aveva il compito abbastanza esplicito di semplificare le paludi morali di Denis Villeneuve, e si è dimostrato la scelta giusta con un vigore perfetto per il cinema di genere. Sull'arco seriale, invece (per ora di otto episodi), la profondità della caratterizzazione rischia di soffrire come ha sempre fatto in passato, in mano ad autori che a volte sembrano scambiare complicazione per complessità, e che non hanno mai brillato nel creare psicologie che agiscano autonomamente dalle esigenze di trama.

La tipologia di serie "ammiraglia" di origine internazionale condivisa a cui ZeroZeroZero appartiene ha però raramente ambizioni superiori a quelle di benchmark produttivo, e c'è senza dubbio abbastanza materiale narrativo per affogare qualunque mancanza di sofisticazione. Sollima e il fidato direttore della fotografia Carnera continuano a eccellere nella messinscena d'azione, che è al tempo stesso muscolare ed estremamente precisa.

I primi due episodi si basano su una simultaneità di eventi in cui ogni singolo raccordo, grido o blocco è legato in modo soddisfacente, che ci si trovi su una montagna calabrese o in un inseguimento sulle strade di Monterrey. Anche questa è l'economia globale, di cui tanto parlano i personaggi nella serie e che vive della capacità di saper esportare un prodotto che sia sempre riconoscibile.

Sei d'accordo con Tommaso Tocci?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 13 febbraio 2020
Roberto Campione

Credo che trattare temi così delicati, con la disinvoltura tipica delle sceneggiature di Saviano, sua solo un pericolo per i giovanissimi che già oggi, hanno droga a portata di mano e ovunque si girano. Il fatto di non farne uso, oggi, dipende solo ed esclusivamente da loro. E dalle loro scelte e dall'educazione ricevuta. Mettere sotto il naso ( metaforicamente ma non troppo.

FOCUS
INCONTRI
martedì 11 febbraio 2020
Andrea Fornasiero

È arrivata l’ora di ZeroZeroZero: venerdì 14 febbraio prende il via la serie Sky Original tratta dal libro di Roberto Saviano, prodotta con Cattleya e già presentata alla scorsa Mostra del Cinema di Venezia.

Diretta da Stefano Sollima, Janus Metz e Pablo Trapero e sceneggiata dallo stesso Sollima con Leonardo Fasoli e Mauricio Katz, ZeroZeroZero racconta il viaggio di una grossa partita di cocaina che dal Messico deve arrivare in Italia, ma qualcosa va storto e la rotta deve deviare in Africa. Il tutto è raccontato in un incastro continuo fra i tre lati del triangolo composto da venditori, compratori e intermediari, questi ultimi interpretati da star internazionali come Andrea Riseborough, Gabriel Byrne e Dane DeHaan, mentre tra i compratori italiani spiccano Giuseppe De Domenico nei panni del giovane ambizioso e Adriano Chiaramida in quelli di Don Mino, un boss latitante della ‘ndrangheta. 

Abbiamo incontrato Sollima, Fasoli e la producer Gina Gardini, che con il regista collabora da Romanzo Criminale e che ci ha spiegato le impressionanti difficoltà di questa produzione: «Negli Stati Uniti ci dicevano che eravamo pazzi perché nelle serie di solito si va in un posto e si fanno i set, che lì rimangono per anni, come per esempio quelli di Breaking Bad ad Albuquerque. Noi invece già da Romanzo Criminale, e poi Gomorra e Suburra, giriamo in 'practical location': ossia dove la serie viene ambientata. Non avremmo mai fatto ZeroZeroZero in modo diverso, anche se produttivamente è stata un'impresa colossale: 3 continenti, 5 paesi, una troupe fissa di cento persone, più altre cento in ogni paese. Oltretutto non avevamo intenzione di girare “crossboarding”, ossia facendo tutte le riprese previste in una location con registi in rotazione, bensì abbiamo prima completato le puntate di Stefano, poi quelle di Janus Metz e infine quelle di Pablo Trapero».

A parlarci dell’evoluzione del progetto è stato invece Stefano Sollima: «Abbiamo preso uno spunto dal libro di Saviano e da quello abbiamo scritto centinaia di pagine di script, abbiamo costruito un intero mondo, dove ogni personaggio cambia in contatto con la cocaina. Il senso del racconto è quanto questo traffico trasformi realtà sociali ed economiche, si diffonde come una sorta di contagio. Inizialmente ci siamo dati il limite temporale del viaggio ma poi abbiamo capito che le storie dei singoli mondi non riuscivano a rientrare nei 21 giorni della tratta. A quel punto, dopo aver guardato i muri per qualche settimana, abbiamo pensato a raccontare in modo non lineare». Secondo una struttura che ha così sintetizzato Gina Gardini: «Teaser, sigla, storyline A e storyline B, in modo da tenere in movimento in ogni puntata tutte e tre le storie di venditori, compratori e intermediari».

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 6 settembre 2019
Cristina Piccino
Il Manifesto

Zerozerozero ***/* La «via della coca» dentro la trama mondiale del narcotraffico ZeroZeroZero aveva all'origine una scommessa: tradurre in formato serie tv il libro di Saviano (Feltrinelli) sull'impero del narcotraffico, dai cartelli sudamericani al resto del mondo, Italia in prima linea, attraverso gli accordi ferrei tra 'ndranghete e mafie varie.

venerdì 6 settembre 2019
Maurizio Cabona
Il Messaggero

L'Aspromonte, Polsi, San Luca, Bova, Bovalino, Samo e Reggio Calabria. Poi Monterey, in Messico. E New Orleans, in Louisiana. Sono lo sfondo delle prime due puntate di ZeroZeroZero, presentate come Evento speciale alla Mostra di Venezia. Le firma Stefano Sollima (sua la serie tv Romanzo criminale). Janus Metz (suo il film BorgMcEnroe) e Pablo Trapero (The Clan) si dividono le altre sei puntate, sempre [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 settembre 2019
Luca Marchetti
Sentieri Selvaggi

L'Aspromonte, New Orleans e Monterrey. I tre vertici del triangolo su cui si concentra il mercato mondiale della cocaina diventano gli scenari dei protagonisti di ZeroZeroZero, la nuova serie Sky Atlantic, tratta dall'omonimo libro inchiesta di Roberto Saviano. Nei primi due episodi, diretti da Stefano Sollima, ci sono introdotti tutti i personaggi e le situazioni che condurranno il pubblico dentro [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
mercoledì 18 dicembre 2019
 

Regia di Janus Metz Pedersen, Pablo Trapero, Stefano Sollima. Un film con Andrea Riseborough, Dane DeHaan, Gabriel Byrne. Dal 14 febbraio su Sky Atlantic. Guarda il trailer »

GALLERY
venerdì 6 settembre 2019
 

Si è ormai giunti agli sgoccioli di questa 76.ma edizione della Mostra del Cinema di Venezia ma c'è ancora qualche titolo di richiamo per il pubblico del Lido. L'attesissimo di ieri era ZeroZeroZero, la nuova serie Sky di Stefano Sollima basata sul romanzo [...]

SERIE TV
giovedì 5 settembre 2019
 

Stefano Sollima, Pablo Trapero e Janus Metz Pedersen mettono in scena l'omonimo romanzo di Roberto Saviano. Presentato a Venezia 76 e prossimamente su Sky. Guarda il trailer »

MOSTRA DI VENEZIA
giovedì 5 settembre 2019
Tommaso Tocci

Presentati a Venezia 76 i primi 2 episodi della serie tratta dal romanzo di Roberto Saviano. Prossimamente su Sky. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati