La prima vacanza non si scorda mai

Film 2019 | Commedia 102 min.

Regia di Patrick Cassir. Un film con Camille Chamoux, Jonathan Cohen, Camille Cottin, Jérémie Elkaïm, Vincent Dedienne. Cast completo Titolo originale: Premières vacances. Genere Commedia - Francia, 2019, durata 102 minuti. Uscita cinema giovedì 20 giugno 2019 distribuito da I Wonder Pictures. Oggi tra i film al cinema in 3 sale cinematografiche - MYmonetro 2,82 su 19 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La prima vacanza non si scorda mai tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Marion e Ben, conosciutisi su tinder, finiranno per vivere un'avventura in Bulgaria. In Italia al Box Office La prima vacanza non si scorda mai ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 68,2 mila euro e 44,4 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,82/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,64
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Una commedia che diverte ed entra nella psicologia dei suoi personaggi con il giusto mix di ironia e riflessione.
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 15 maggio 2019
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 15 maggio 2019

Ben e Marion si sono incontrati su Tinder e decidono di trascorrere le vacanze estive insieme. Lui doveva partire con i familiari per Biarritz mentre lei aveva in programma un viaggio a Beirut con amici. Insieme scelgono come meta un luogo intermedio: la Bulgaria. Una volta giunti sul posto debbono cercare di far convivere le reciproche esigenze.

Patrick Cassir, al suo primo lungometraggio, scrive la sceneggiatura insieme a Camille Chamoux, protagonista femminile. Questa stesura a due si riflette con benefici effetti sul film che non si limita a divertire ma sa entrare nelle psicologie dei personaggi con il giusto mix di divertimento e di occasione di riflessione.

In un società come la nostra in cui domina la fragilità dei legami affettivi (come ben sottolineava Zygmunt Bauman) prendersi il rischio di andare in vacanza praticamente con uno/a sconosciuto/a con cui si pensa di poter costruire una storia significa comunque di per sé correre un grosso rischio. La condivisione della quotidianità è già un problema per le coppie rodate figurarsi per una in fase esplorativa. Si aggiunga poi il dato, non secondario, che sia Marion che Ben sono sulla quarantina e che le reciproche abitudini sono ormai abbondantemente consolidate.

La sceneggiatura si (e ci) diverte a mostrarci come l'intraprendenza di lei progressivamente contrasti con il carattere pantofolaio di lui. Chamoux e Cohen si muovono a loro agio nel dare corpo anche ai tentativi di adattamento che entrambi (più lui che lei in percentuale) mettono in atto per cercare di esaudire i desideri altrui. Se poi si pensa che lo scenario è offerto dalla 'strana' Bulgaria il gioco è fatto.

Il merito di Cassir è anche quello di non eccedere mai nelle caratterizzazioni dei personaggi sfiorando il grottesco solo nella scena a bordo piscina. Le occasioni per sorridere e/o ridere non mancano anche perché in sottotesto si fa strada la domanda che ognuno (di qualsiasi età sia) può porre a stesso: quanto sarei disposto a concedere al desiderio di formare una coppia in situazioni analoghe? La risposta potrebbe essere sorprendente.

FOCUS
FOCUS
sabato 22 giugno 2019
Tommaso Tocci

Poco più che un dettaglio di trama introduttivo, il ruolo di Tinder in La prima vacanza non si scorda mai è un assaggio di contemporaneità sociale troppo ghiotto per non influenzare la lettura dell'intero film. Questo amore "forzato", che costringe Marion e Benjamin a usare la vacanza non come prova ultima della forza relazionale, ma come suo battesimo iniziale, ha bisogno di un aggancio altrettanto pretestuoso per essere plausibile.

La dating app aiuta quindi il film di Patrick Cassir a sovvertire la classica premessa di tante commedie romantiche, con un fatidico incontro casuale (e destinato a rimanere effimero) tra due persone in viaggio solitario.

Nei capisaldi del genere, come Prima dell'alba di Richard Linklater, il viaggio è condizione per l'incontro; non solo in senso geografico ma anche mentale, con quel senso di libertà e romanticismo che spinge Jesse e Celine a visitare Vienna insieme e a innamorarsi parlando. Per loro la vacanza fu scintilla: talmente centrale nella mitologia della coppia da intrappolare i personaggi in una continua ri-generazione del momento fondativo nei successivi due film che completano la trilogia (non a caso nota colloquialmente come "the Before trilogy" in inglese - il "prima" dura per sempre nel mondo affascinato dal tempo di Linklater).

Nella disillusione sentimentale che governa La prima vacanza non si scorda mai, invece, il viaggio di coppia è visto come un rogo funebre sia da chi ha perso le speranze (gli amici di Marion, gruppo di anime libere e anticonformiste, che scimmiottano le dinamiche da fidanzati, per poi cascarci per davvero), sia da chi non le ha mai avute, come Benjamin che da 37 anni segue la madre e il fratello a Biarritz potendo scegliere soltanto in quale dei due soliti ristoranti andare a cena. Se "la vacanza è la prova più dura per una coppia", immaginatevi quanto possa essere devastante per chi coppia non è, come questi due parigini diversissimi ma teneri e spiritosi.

E se le vacanze cinematografiche si dividono tra quelle simbolo di stasi e amarezza e quelle che danno vita ad avventure trasformative, la commedia di Cassir gioca con entrambe le modalità grazie al rocambolesco viaggio in Bulgaria, così fuori ritmo rispetto alle aspettative tanto degli amici dei protagonisti quanto dello spettatore. La satira sulle stanche abitudini relazionali e l'ennui in chiave balneare sono al centro, tra gli altri, del Ferie d'agosto di Virzì, ma la forza comica del duo Camille Chamoux - Jonathan Cohen ne utilizza gli elementi di base in puro contrasto con le allusioni al filone del viaggio epocale, pericoloso, seducente.

Sono le vacanze dopo le quali nulla sarà più lo stesso, che nascono normali e finiscono mortali: Il bandito delle undici di Godard, Thelma & Louise di Scott, The Beach di Boyle, Spring Breakers di Korine. Trascendere se stessi porta spesso all'autodistruzione, che Marion e Ben evitano per un pelo tra canyon scivolosi, tentazioni israeliane e perdizioni bulgare. Soprattutto, aver sovvertito l'ordine delle cose in barba ai rigidi dettami delle convenzioni relazionali è un peccato originale che va scontato attraverso il confronto con un dopo, e con un ritorno alla vita di tutti i giorni amaro e ineluttabile.

Avendo superato la prova ultima sotto le mentite spoglie di un ostacolo iniziale, i due protagonisti si ritrovano perciò in una sorta di commedia romantica parallela, priva dei consueti riferimenti di genere e libera di imbarcarsi verso un orizzonte sterminato. Per essere un incontro partito da Tinder, non un pessimo risultato.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 2 luglio 2019
Luca Barnabé
Ciak

Ben (Jonathan Cohen), altoborghese preciso e inquadrato, incontra - tramite Tinder - l'eccentrica Marion (Camille Chamoux), disegnatrice di fumetti, piuttosto anarchica e ribelle. Dopo una notte di sesso, i due sono in procinto di partire per le vacanze. Lui con genitori e parenti verso Biarritz, lei con alcuni amici in direzione Beirut («Perché non in Siria?!», osserva Ben ironico).

sabato 29 giugno 2019
Gianni Canova
Elle

Lei è curiosa, irrequieta e ama l'avventura. Lui è abitudinario, un po' ipocondriaco e pantofolaio. Si conoscono su una App per incontri, si regalano una notte di sesso sfrenato e decidono di partire insieme per le vacanze. Prima di conoscersi lui voleva andare a Biarritz, lei a Beirut. Finisce che si ritrovano in Bulgaria, fra ostelli hippy e spiagge affollate, alle prese con la necessità di trovare [...] Vai alla recensione »

martedì 25 giugno 2019
Roselina Salemi
Tu Style

Ben e Marion si incontrano su Tinder, l'app meno romantica che ci sia, e dopo una notte di sesso selvaggio decidono di andare in vacanza insieme. Lui dovrebbe partire per Biarritz, lei è tentata dal viaggio a Beirut con gli amici. A metà strada c'è la Bulgaria ed è proprio lì che finiscono, tra improbabili B&B, ostelli hippy e ladri molto simpatici.

domenica 23 giugno 2019
Alberto Cattini
Gazzetta di Mantova

Alla vigilia delle vacanze estive, Ben incontra Marion su Tinder e trascorrono una serata insieme per Parigi. Sono entrambi quarantenni e single. Ben vive con la madre nell'appartamento di fronte a quello del fratello sposato, e insieme sono in partenza, come ogni luglio, per Biarritz. Consuetudinario, e abituato alle comodità che il benessere permette, è anche ossessivamente previdente, muovendosi [...] Vai alla recensione »

domenica 23 giugno 2019
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Potrebbe essere una tragedia, La prima vacanza non si scorda mai (Premières vacances, Francia, 2018, 102'). E invece è una commedia. A decidere se di una storia si debba piangere o si possa ridere è il punto di vista scelto da chi la racconta. Patrick Cassir e la cosceneggiatrice Camille Chamoux si sono decisi per quello del sorriso. Ben (Jonathan Cohen) e Marion (Camille Chamoux) sono a metà fra i [...] Vai alla recensione »

sabato 22 giugno 2019
Enrico Danesi
Il Giornale di Brescia

Alle soglie dell'estate, arriva una commedia romantica francese che utilizza le vacanze come pretesto per riflettere sulle difficoltà di far coesistere abitudini diverse e radicate, quando si passa di colpo da single a coppia. «La prima vacanza non si scorda mai» prende il via durante un luglio parigino in cui la fumettista Marion e il manager Ben prima si conoscono sul sito d'appuntamenti Tinder, [...] Vai alla recensione »

sabato 22 giugno 2019
Valerio Caprara
Il Mattino

Preso spigliatamente e senza obbligo di discettarne in terrazza, "La prima vacanza non si scorda mai" procura relax e divertimento urticanti il giusto e recitati come dio comanda. Lo spunto è supercollaudato perché sviluppa il tema della commedia on the road con retrogusto tragicomico e stilettate all'attualità geopolitica addirittura debitore alla lontana di un capodopera come "Il sorpasso": due maturi [...] Vai alla recensione »

venerdì 21 giugno 2019
Alessandra De Luca
Avvenire

I quarantenni single Ben e Marion si incontrano su Tinder e decidono di trascorrere le vacanze estive insieme. Lui rinuncia a partire con i familiari per Biarritz e lei a un viaggio a Beirut con gli amici. Insieme scelgono come meta un luogo intermedio, la Bulgaria, ma una volta giunti a destinazione, tra disagi e piccole disavventure, scopriranno quanto è difficile far convivere le reciproche esigenze. [...] Vai alla recensione »

venerdì 21 giugno 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Vacanze al buio. Dopo un solo appuntamento Marion parte con Ben per ferie alternative in... Bulgaria. Non sono la Hepburn e Cary Grant, né Redford e Jane Fonda, ma la formula dell'incompatibilità tra i sessi e dell'orgoglio nelle differenze aggiornata al sito d'incontri Tinder conta su due interpreti validi: lei (Chamoux) anche sceneggiatrice, col regista, né bella né brutta, in un "qualunque" apparente [...] Vai alla recensione »

venerdì 21 giugno 2019
Thomas Sotinel
Le Monde

Due single s'incontrano su Tinder e in poche ore, nonostante evidenti differenze, decidono di fare una vacanza insieme. Per alcuni particolari del suo primo lungometraggio, Patrick Cassir si segnala come pioniere del cinema francese. Ma solo di quello francese però. Perché il protagonista maschile della sua commedia, che si chiama Ben, ricorda molto alcuni antiseduttori interpretati da Ben Stiller [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 giugno 2019
Francesca Pasculli
Sentieri Selvaggi

Il viaggio, da un punto di vista totalmente pratico così come concettuale è una parentesi di emozioni ed esperienze accentuate. Il viaggio è un esperienza personale tanto quanto di gruppo, può racchiudere una serie di accadimenti felici tanto tragici, ma ciò che in assoluto non manca mai in un viaggio è l'inconveniente. La prima vacanza non si scorda mai racconta la storia di un incontro: un ragazzo [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 giugno 2019
Anna Chiara Bertoli
Cult Week

In un'epoca in cui le app di appuntamenti sono in aumento, l'educato Ben (Jonathan Cohen) incontra Marion (Camille Chamoux) tramite Tinder. Dopo vari minuti in cui l'imbarazzo è palpabile, la complicità gradualmente cresce mentre si adattano al carattere e alla comicità l'uno dell'altra. Le cose corrono a una velocità incredibile, dato che trascorrono la notte sui tetti per ammirare Parigi.

giovedì 20 giugno 2019
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Grazie a Tinder, Marion incontra Ben. Sono agli antipodi: lui è uno tranquillo, lei ama l'avventura. Si sa, però, che gli opposti si attraggono. Una notte di sesso selvaggio e scatta la proposta: «Passiamo le vacanze insieme?». La scelta cade sulla Bulgaria, tra hippy, case non confortevoli, furti, hotel stellati. Resisteranno? Piacevole commedia estiva che, pur non raccontando nulla di nuovo, è garbata [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 giugno 2019
Claudia Ferrero
La Stampa

È il primo test per le coppie appena nate. O il capitolo finale per quelle in crisi. La vacanza è spietata nel far emergere le divergenze negli affari di cuore. A meno che non venga in soccorso una risata. Non c'è collante migliore per unire gli opposti, tra chi ama ostelli hippy, avventura, sport estremi e chi invece punta alla comodità e all'ozio in qualche hotel di lusso.

martedì 18 giugno 2019
Davide Turrini
Il Fatto Quotidiano

Le vacanze ai tempi di Tinder. Esce nelle sale italiane una ipercinetica, esilarante e molto social commedia francese intitolata La prima vacanza non si scorda mai. Si inizia al galoppo. Il trentenne Benjamin, ragazzone smart ma molto ragioniere nei modi (no bamboccione s'il vous plait) incontra rapido la coetanea Marion su Tinder e subito si accoppiano.

martedì 18 giugno 2019
Mauro Gervasini
Film TV

Un uomo e una donna si conoscono tramite Tinder. Sanno di essere agli antipodi in tutto - passioni, esperienze, desideri - ma decidono di andare in vacanza insieme. Scelgono la meta nel modo più salomonico: lei, Marion, vorrebbe andare a Beirut, lui, Ben, a Biarritz. A metà strada esatta tra l'una e l'altra si trova una località "turistica" bulgara, e lì vanno.

martedì 18 giugno 2019
Andrea Giovalè
La Rivista del Cinematografo

Cosa succede a una coppia quando progetta un viaggio insieme? Il film di Patrick Cassir, con Camille Chamoux e Jonathan Cohen decide di dipingere l'anti-stereotipo. Mette una coppia appena conosciutasi su Tinder nella situazione di andare, subito, in vacanza insieme. Lei, una fumettista pronta a tutto, cittadina del mondo e avventurosa nel midollo. Lui, topo di città, abitante di un rigido, preciso [...] Vai alla recensione »

NEWS
GUARDA L'INIZIO
venerdì 14 giugno 2019
 

Marion e Ben hanno trent'anni, vivono a Parigi, e si conoscono su Tinder... e questo è praticamente tutto ciò che hanno in comune. La verità è che non potrebbero essere più diversi: lei è intrepida e ama l'avventura, lui è ordinato e ipocondriaco.

VIDEO RECENSIONE
giovedì 13 giugno 2019
A cura della redazione

Ben e Marion si incontrano su Tinder e decidono di trascorrere le vacanze insieme. Lui doveva partire con i familiari per Biarritz mentre lei aveva in programma un viaggio a Beirut con amici. Insieme scelgono come meta la Bulgaria.

TRAILER
venerdì 10 maggio 2019
 

Marion e Ben hanno trent'anni, vivono a Parigi, e si conoscono su Tinder, l'app di incontri. Lei è intrepida e ama l'avventura, lui è ordinato e ipocondriaco. Ma gli opposti si attraggono e, dopo una notte di sesso sfrenato, decidono di trascorrere insieme [...]

NEWS
mercoledì 3 aprile 2019
 

Marion e Ben hanno trent'anni, vivono a Parigi, e si conoscono su Tinder, l'app di incontri. Lei è intrepida e ama l'avventura, lui è ordinato e ipocondriaco. Ma gli opposti si attraggono e, dopo una notte di sesso sfrenato, prendono una decisione avventata: [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati