MYmovies.it
Advertisement
La prima vacanza non si scorda mai, il viaggio romantico da un'insolita prospettiva

Il film di Cassir affida a Tinder il compito di sovvertire la classica premessa di tante commedie romantiche e dare vita a una sorta di commedia romantica parallela. Al cinema.
di Tommaso Tocci

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Camille Chamoux . Interpreta Marion nel film di Patrick Cassir La prima vacanza non si scorda mai. Al cinema da giovedì 20 giugno 2019.
sabato 22 giugno 2019 - Focus

Poco più che un dettaglio di trama introduttivo, il ruolo di Tinder in La prima vacanza non si scorda mai è un assaggio di contemporaneità sociale troppo ghiotto per non influenzare la lettura dell'intero film. Questo amore "forzato", che costringe Marion e Benjamin a usare la vacanza non come prova ultima della forza relazionale, ma come suo battesimo iniziale, ha bisogno di un aggancio altrettanto pretestuoso per essere plausibile.

La dating app aiuta quindi il film di Patrick Cassir a sovvertire la classica premessa di tante commedie romantiche, con un fatidico incontro casuale (e destinato a rimanere effimero) tra due persone in viaggio solitario.
Tommaso Tocci

Nei capisaldi del genere, come Prima dell'alba di Richard Linklater, il viaggio è condizione per l'incontro; non solo in senso geografico ma anche mentale, con quel senso di libertà e romanticismo che spinge Jesse e Celine a visitare Vienna insieme e a innamorarsi parlando. Per loro la vacanza fu scintilla: talmente centrale nella mitologia della coppia da intrappolare i personaggi in una continua ri-generazione del momento fondativo nei successivi due film che completano la trilogia (non a caso nota colloquialmente come "the Before trilogy" in inglese - il "prima" dura per sempre nel mondo affascinato dal tempo di Linklater).

Nella disillusione sentimentale che governa La prima vacanza non si scorda mai, invece, il viaggio di coppia è visto come un rogo funebre sia da chi ha perso le speranze (gli amici di Marion, gruppo di anime libere e anticonformiste, che scimmiottano le dinamiche da fidanzati, per poi cascarci per davvero), sia da chi non le ha mai avute, come Benjamin che da 37 anni segue la madre e il fratello a Biarritz potendo scegliere soltanto in quale dei due soliti ristoranti andare a cena. Se "la vacanza è la prova più dura per una coppia", immaginatevi quanto possa essere devastante per chi coppia non è, come questi due parigini diversissimi ma teneri e spiritosi.

E se le vacanze cinematografiche si dividono tra quelle simbolo di stasi e amarezza e quelle che danno vita ad avventure trasformative, la commedia di Cassir gioca con entrambe le modalità grazie al rocambolesco viaggio in Bulgaria, così fuori ritmo rispetto alle aspettative tanto degli amici dei protagonisti quanto dello spettatore. La satira sulle stanche abitudini relazionali e l'ennui in chiave balneare sono al centro, tra gli altri, del Ferie d'agosto di Virzì, ma la forza comica del duo Camille Chamoux - Jonathan Cohen ne utilizza gli elementi di base in puro contrasto con le allusioni al filone del viaggio epocale, pericoloso, seducente.

Sono le vacanze dopo le quali nulla sarà più lo stesso, che nascono normali e finiscono mortali: Il bandito delle undici di Godard, Thelma & Louise di Scott, The Beach di Boyle, Spring Breakers di Korine. Trascendere se stessi porta spesso all'autodistruzione, che Marion e Ben evitano per un pelo tra canyon scivolosi, tentazioni israeliane e perdizioni bulgare. Soprattutto, aver sovvertito l'ordine delle cose in barba ai rigidi dettami delle convenzioni relazionali è un peccato originale che va scontato attraverso il confronto con un dopo, e con un ritorno alla vita di tutti i giorni amaro e ineluttabile.

Avendo superato la prova ultima sotto le mentite spoglie di un ostacolo iniziale, i due protagonisti si ritrovano perciò in una sorta di commedia romantica parallela, priva dei consueti riferimenti di genere e libera di imbarcarsi verso un orizzonte sterminato. Per essere un incontro partito da Tinder, non un pessimo risultato.


LA PRIMA VACANZA NON SI SCORDA MAI: VAI ALLA SCHEDA COMPLETA
In foto una scena del film La prima vacanza non si scorda mai.
In foto una scena del film La prima vacanza non si scorda mai.
In foto una scena del film La prima vacanza non si scorda mai.
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati