Frida - Viva la vida

Film 2019 | Documentario, Arte, 90 min.

Anno2019
GenereDocumentario, Arte,
ProduzioneItalia
Durata90 minuti
Regia diGianni Troilo
AttoriAsia Argento .
Uscitalunedì 25 novembre 2019
TagDa vedere 2019
DistribuzioneNexo Digital
MYmonetro Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Regia di Gianni Troilo. Un film Da vedere 2019 con Asia Argento. Genere Documentario, Arte, - Italia, 2019, durata 90 minuti. Uscita cinema lunedì 25 novembre 2019 distribuito da Nexo Digital. Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Condividi

Aggiungi Frida - Viva la vida tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Le due anime di Frida Kahlo: da una parte l'icona, pioniera del femminismo contemporaneo, tormentata dal dolore fisico, e dall'altra l'artista libera dalle costrizioni di un corpo martoriato. In Italia al Box Office Frida - Viva la vida ha incassato nelle prime 6 settimane di programmazione 414 mila euro e 403 mila euro nel primo weekend.

Passaggio in TV
domenica 12 luglio 2020 ore 17,35 su SKYARTE

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Viva la Vida. Le ultime tre parole di Frida: un tributo alla sua opera attraverso la sua terra, il Messico.
Recensione di Rossella Farinotti
sabato 23 novembre 2019
Recensione di Rossella Farinotti
sabato 23 novembre 2019

"Siempre que te pregunto, Que cuándo, cómo y dónde, Tu siempre me respondes, Quizás, quizás, quizás". Su queste note parte il documentario su Frida Kahlo, per stemperare il racconto di una vita intensa che sta per essere sviscerata. In tanti conoscono Frida. L'artista messicana rappresenta infatti diverse simbologie sotto tanti aspetti, umani e culturali. In Messico, il suo paese d'origine, è addirittura considerata una Santa, amata e idolatrata dalle donne che hanno sofferto, o che hanno bisogno di protezione. Da tutte insomma. Frida - Viva la vida è un documentario dedicato a questa figura ormai mitologica e al suo paese.

Il film di Giovanni Troilo - autore anche dell'originale documentario Le Ninfee di Monet. Un incantesimo di acqua e luce - è un tributo al Messico e a Frida. Un racconto che mostra qualche aspetto meno conosciuto (grazie a delle fotografie inedite) della vita di Frida Kahlo e delle sue origini, poiché il focus principale parte proprio da qui, dalla sua terra.

È difficile e coraggioso trattare il personaggio della Kahlo dopo tutte le interpretazioni, i racconti, i miti, le pubblicazioni, le mostre internazionali, i gadget, i giocattoli, le biografie, le immagini da super star - quale di fatto era diventata come personaggio "esotico" visto dagli Stati Uniti - che hanno saturato l'immaginario collettivo. A farla conoscere al mondo è stata anche la regista Julie Taymor che, con l'energica interpretazione di Salma Hayek, ha reso Frida un personaggio ancora più pop.

Viva la Vida cerca una chiave diversa legata alle ispirazioni della terra, appunto, e del paesaggio messicano attraverso le sue credenze popolari, il folklore, il culto dei morti e le affascinanti atmosfere selvatiche e colorate di questo luogo. Grazie a queste immagini, la narrazione scorre tra pochi cenni biografici raccontati da testimoni del luogo: da Hilda Trujillo, direttrice del Museo Frida Kahlo, all'interno della nota Casa Azul a Coyoacán, Città del Messico, tra i musei più visitati al mondo, ad Alfredo Vilchis, disegnatore di miniature messicane che interpretano credenze popolari, racconti e fatti delle gente, fino alla fotografa Graciela Iturbide che mostra delle preziose immagini in bianco e nero scattate nel bagno di Frida, una stanza della casa chiusa per cinquant'anni e da poco aperta al pubblico. Si tratta del luogo del dolore: qui erano chiuse, tutte all'interno della vasca da bagno, le "torture" di Frida, dai busti, ai gessi fino alla protesi della sua gamba asportata pochi anni prima della sua morte.

E di morte e dolore tratta il film: essenze inevitabili per raccontare questo personaggio appassionato, complesso e vivace che mai ha cessato di creare e di vivere e di farlo accanto al compagno Diego Rivera. Tanto da, tra gli ultimi sforzi prima di spegnersi nel luglio del 1954, scrivere le tre semplici parole - Viva la Vida - che l'hanno resa un'esemplare eroina per il superamento degli ostacoli, della sofferenza oltre i limiti e per l'atto del perdono, doti sottolineate dalla profonda voce di Asia Argento che Frida avrebbe condiviso, come ha condiviso la gioia e il dolore attraverso simbologie stratificate disegnate e dipinte come a darsi coraggio eterno.

Gli esempi mostrati sono i ricorrenti "Autoritratti", il doloroso "Ospedale Henry Ford" che racconta il secondo aborto dell'artista, il drammatico "Unos cuantos piquetitos / Qualche piccolo colpo di pugnale" (1935), "Lo que el agua me dio / Quel che l'acqua mi ha dato" (1938), un ritratto dei suoi piedi malati, mostrati in maniera specchiata, doppia, nell'acqua della vasca da bagno, nel tentativo di far scorrere quel dolore che partiva dal corpo, e ancora "Le due Frida" (1939), "Il sogno (il Letto)" (1940), fino a "Mosè o Nucleo solare" del 1945 dove al centro è rappresentato un feto in fase nascente, sano e pronto alla vita.

Sei d'accordo con Rossella Farinotti?
il docu film dedicato alla rivoluzionaria artista messicana diventata un'icona pop e un simbolo per tutte le donne.
venerdì 22 novembre 2019

Frida Kahlo è l'artista che più di ogni altra è riuscita a costruire una potente autobiografia per immagini, capace di raccontare con intensità la sua storia: il dolore fisico, il dramma dell'amore tradito e degli aborti, l'impegno politico. Frida è diventata, dopo la sua morte, un'icona pop in grado di raccogliere centinaia di migliaia di visitatori nelle mostre a lei dedicate e di ispirare libri, fumetti, canzoni, film e persino sfilate di moda. Ma chi era davvero Frida? E quanta energia e vitalità sprigionano le sue tele anche quando raccontano il dolore e la sofferenza? Il docu-film diretto da Giovanni Troilo propone un viaggio in sei capitoli alla ricerca di Frida, nel cuore del Messico, tra cactus, scimmie, cervi e pappagalli, alternando interviste esclusive, documenti d'epoca, ricostruzioni suggestive e opere della stessa Kahlo, tra cui gli autoritratti più celebri (da quello con Diego Rivera del 1931 alle Due Frida del 1939, da La colonna spezzata del 1944 al Cervo ferito del 1946).

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 26 novembre 2019
Inesperto

Ottimo prodotto documentaristico che studia le radici dalle quali nasce l'arte di questa straordinaria pittrice. Il profondo dolore fisico che, a partire dall'incidente, caratterizzerà costantemente la sua vita; lo sviluppo della sua autonoma ed indipendente personalità; l'espressione della stessa sui suoi dipinti... Forse si è un po' scarseggiato nella disamina [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 26 novembre 2019
Maria Sole Colombo
Film TV

Santa Frida, regina delle corone di fiori e delle sopracciglia selvatiche, patrona delle femministe (forse) e del sottoproletariato (sicuramente), dapprima oggetto di una devozione tutta messicana, poi icona pop globale, infine musa di collezioni H&M in misto acrilico (a proposito di appropriazione culturale). A Frida Kahlo è dedicato il doc di Troilo, agiografia garbata e cronologica: tra le mille [...] Vai alla recensione »

martedì 26 novembre 2019
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

Asia Argento guarda in macchina. La figura di Frida Kahlo, suddivisa in sei capitoli, passa anche dalla sua voce. Non c'è solo la sua vita. C'è il legame con la sua terra, le credenze popolari, la cultura precolombiana la morte come gioco. Diretto da Giovanni Troilo, che aveva già realizzato un altro documentario sul rapporto tra la vita e l'arte con Le ninfe di Monet - Un incantesimo di acqua e luce, [...] Vai alla recensione »

NEWS
POSTER
lunedì 4 novembre 2019
 

Un film documentario che mette in luce le due anime di Frida Kahlo: da una parte l'icona, pioniera del femminismo contemporaneo, tormentata dal dolore fisico, e dall'altra l'artista libera dalle costrizioni di un corpo martoriato.

TRAILER
giovedì 31 ottobre 2019
 

Regia di Gianni Troilo. Dopo l'anteprima al Torino Film Festival, dal 25 al 27 novembre al cinema.  Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati