L'uomo che comprò la luna

Film 2018 | Commedia, +13 105 min.

Anno2018
GenereCommedia,
ProduzioneItalia
Durata105 minuti
Regia diPaolo Zucca
AttoriJacopo Cullin, Stefano Fresi, Francesco Pannofino, Benito Urgu, Lazar Ristovski Angela Molina.
Uscitagiovedì 4 aprile 2019
TagDa vedere 2018
DistribuzioneIndigo Film
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,23 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Paolo Zucca. Un film Da vedere 2018 con Jacopo Cullin, Stefano Fresi, Francesco Pannofino, Benito Urgu, Lazar Ristovski. Cast completo Genere Commedia, - Italia, 2018, durata 105 minuti. Uscita cinema giovedì 4 aprile 2019 distribuito da Indigo Film. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,23 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi L'uomo che comprò la luna tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un agente segreto deve risolvere un mistero: qualcuno ha comprato la luna in Sardegna. Il film ha ottenuto 2 candidature ai Nastri d'Argento, In Italia al Box Office L'uomo che comprò la luna ha incassato 623 mila euro .

L'uomo che comprò la luna è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,23/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,90
PUBBLICO 3,80
CONSIGLIATO SÌ

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Una commedia 'etnica' dalla trama stralunata e surreale che contiene eguali parti di poesia e di farsa.
Recensione di Paola Casella
martedì 16 ottobre 2018
Recensione di Paola Casella
martedì 16 ottobre 2018

Una coppia di agenti segreti italiani riceve una telefonata concitata dagli Stati Uniti: pare che qualcuno, in Sardegna, sia diventato proprietario della luna. Il che, dal punto di vista degli americani, è inaccettabile, visto che i primi a metterci piede, e a piantarci la bandiera nazionale, sono stati loro. I due agenti reclutano dunque un soldato che, dietro lo pseudonimo di Kevin Pinelli e un marcato accento milanese, nasconde un'identità sarda: si chiama infatti Gavino Zoccheddu e la Sardegna ce l'ha dentro. Per portarla in superficie i due agenti ingaggiano un formatore culturale sui generis che, da emigrato nostalgico, trasforma Gavino in un archetipo del vero maschio sardo.

Gavino approda nell'isola, alla ricerca dell'uomo che si è impossessato della luna. E finirà per scoprire molto di più di se stesso.

L'uomo che comprò la luna è una commedia "etnica" completamente imbevuta di quella "sardità" con cui Gavino deve confrontarsi. Alla regia c'è Paolo Zucca, al suo secondo lungometraggio dopo L'arbitro (già corto pluripremiato); alla sceneggiatura ci sono Geppi Cucciari e Barbara Alberti. Insieme confezionano una trama che è giusto definire "lunare", non solo perché vede al centro l'imprendibile Selene, ma anche perché è stralunata e surreale, e contiene eguali parti di poesia e di farsa.

Il punto debole è una trama che privilegia la gag etnica alla progressione della storia, dando molto spazio allo stereotipo sardo e meno all'intreccio degli eventi. Il punto di forza è la conoscenza approfondita che Zucca e Cucciari hanno della loro terra, che dà loro la libertà di prendersi in giro con disinvoltura senza lasciarsi intimidire da alcun tipo di correctness.

Solo alla fine però ci si renderà davvero conto che il film racconta la riappropriazione di un'identità geografica, proponendosi come un'ode a tutti i sardi che le radici se le tengono strette, così come si tengono stretto il diritto di sognare e quei "fondamentali" che privilegiano lealtà e rispetto.

La scena più commovente del film (e inaspettata, in quel contesto comico) è l'incontro fra Gavino e i sardi che, nella storia dell'isola, hanno saputo resistere per portare avanti la loro originale visione del mondo. Spassose invece le gag sulla "camminata del latitante" e l'esame di sardità di Gavino. E Zucca conferma il suo talento registico nella composizione accurata delle inquadrature e nella fluidità con cui la cinepresa accompagna i suoi personaggi, rispettando le caratteristiche individuali di ognuno: la legnosità nuragica del "formatore culturale", assai ben interpretato da Benito Urgu, come l'afflato poetico di Angela Molina, la donna per cui l'uomo che comprò la luna si è appropriato di ciò che gli americani credevano appartenere solo a loro.

Sei d'accordo con Paola Casella?
L'UOMO CHE COMPRÒ LA LUNA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
iTunes
-
-
-
-
-
-
NOW TV

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 15 aprile 2019
tozKino

  Si ride e ci si commuove sempre nei film del geniale Paolo Zucca. Anche questa volta, e forse di più. L’uomo che comprò la Lunasembra la piùclassica commedia d’autore, che diverte e intrattiene, eppure ti accorgi subito che è anche altro. La dimensione favolistica e divertente ti fa sprofondare in un mare magnum di emozioni, suggestioni e toni mistici [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 luglio 2019
Ruger357MgM

In Sardegna si arriva piangendo e si parte piangendo.Ringrazio e rimpiango i miei meravigliosi otto anni di Sardegna.Questo piccolo,surreale,film é una gran cosa rispetto alla complessiva mediocrità dominante, tra blockbuster  marveliani e inesistente cinematografia autoriale nazionale.Sul filo del grottesco il racconto , fruendo di buoni caratteristi del milieu romanesco ( Fresi [...] Vai alla recensione »

martedì 9 aprile 2019
mtc

Ironico,divertente e mai offensivo. Lo consiglio caldamente, è  perfetto per tutte le età,  uscirete dalla sala con animo  più  leggero di quando siete entrati.

martedì 28 maggio 2019
Renzo67

Va bene che il regista è sardo. Vanno bene gli skatch. Ma su tutto il resto non ci siamo proprio. A un certo punto crolla tutto e si vira su un orgoglio regionale privo di significato  quasi autocommiserevole. Gli effetti special sono bruttini. La trama non tiene. Tutti i luoghi hanno delle caratteristiche da lodare ma qui mi pare che si esageri e si vada sulla propaganda. Peccato.

sabato 4 maggio 2019
Mario M

Mi chiedo il compositore di quel concerto per violino che accompagna le "danze" che, come intervalli, danno ritmo al film. Non mi sembra sia Andrea Guerra.

sabato 27 aprile 2019
Maurone

C'è tutto ciò che fa commuovere, arrabbiare e sorridere chi ha quest'isola è indissolubilmente legato. Sorprendentemente sottile ed autoironico. Da vedere assolutamente.

sabato 27 aprile 2019
Maurone

C'è tutto ciò che fa arrabbiare, sorridere e commuovere chi ha questa terra è indissolubilmente legato. C'è quel filo che rimane malgrado l'esterofilia, malgrado i mille difetti, malgrado la volontà di sfuggire agli stereotipi figli dell'ignoranza. Quel "La Sardegna non si tocca" detto da Badore o quel "Devi scegliere chi sei" detto dal nonno di Kevin, sembrano frasi banali, ma sono l'emblema di un'identità [...] Vai alla recensione »

sabato 25 maggio 2019
maria carla usala

bello

FOCUS
FOCUS
martedì 30 aprile 2019
Fabio Secchi Frau

La rissa culturale è un'imponente miniera sfruttata dalla commedia nostrana. Nonché una delle rare sicurezze d'incasso di un settore ormai bisognoso di una defibrillazione a singhiozzo. Il mercato italiano, per questo, ha sempre utilizzato i beni comici di questo tema (Totò, Peppino e... la malafemmina, La ragazza con la pistola, l'adottato Benvenuti al Sud, i vari cinepanettoni) con risposte eccellenti in termini economici. Una regola confermata anche dal recente L'uomo che comprò la luna di Paolo Zucca, che in una settimana di proiezioni nella sola Sardegna ha realizzato 69.903 euro con unicamente 13 copie, ricavando così la miglior media copia nazionale pari a 5.377 euro.

Ma cosa ha il film di Zucca di così speciale? A rendere più maliosa e inopinata l'inimicizia regionale, stavolta, sono le ben ritrovate penne del regista e della scrittrice Barbara Alberti (coppia narrativa già formata in L'arbitro), ai quali si unisce il palpabile brio di Geppi Cucciari.

Il loro inchiostro parte proprio dall'allunaggio dell'Apollo 11, scippando la presuntuosa America della sovranità sul nostro satellite che, a quanto pare, era già proprietà privita di qualcun altro: un sardo. Per questo, un agente segreto milanese (Jacopo Cullin), di rinnegate origini isolane, viene incaricato di scoprire l'identità del misterioso possessore dei diritti territoriali lunari. Per farlo, dovrà prima assimilare (e non certo in maniera accademica!) da un sardo espatriato le piccolezze di usi e costumi da lui perduti e poi confordersi fra la popolazione impiegando al meglio le creative competenze apprese (la posa da osteria, il rigore del gioco della morra sarda, la camminata da latitante, elaborate metodologie di bevuta per evitare le sbronze da vino o filu 'e ferru). Una missione con esiti disastrosi, in cui vengono disseminati gli spicchi di una tonda mos-diversità, ampliata a tutte le larghezze e altezze.

Che il film abbia richiamato la Sardegna nelle sale è cosa facile da spiegare. Dal punto di vista visivo, Zucca ha saturato il grande schermo con una concatenazione di inquadrature seducenti che risaltano la variegata multidimensionalità del territorio, con il massimo rendimento estetico in ogni frangente. Una gioia per gli occhi di chi quei luoghi li conosce e li vive e che vengono esaltati dalla sognante e calda fotografia di Ramiro Civita. E per un popolo che di rado vede i suoi spazi al cinema, qui per di più legati a una lettura comico-folk-fantastica che gli è propria, è motivo di orgogliosa curiosità.

Ma ha fatto da passaparola soprattutto il mood ottimista del film che dialoga con un alternativo repertorio umoristico in grado di estremizzare consuetudini, sfatare cliché e preconcetti per poi confermare ironicamente altre convenzioni. Il doppio viaggio di ritorno a casa, inserito nel cammino spirituale e morale del protagonista e del suo addestratore (interpretato non a caso dal veterano della comicità isolana Benito Urgu), attira proprio perchè ride di se stesso e del suo opposto. A patto che non si lascino mai nella parte in ombra l'ereditata sardità, i suoi valori e il pantheon di uomini e donne che hanno fatto grande l'isola.

Un atterraggio sulle risorse culturali sarde che, alla luce dei risultati ottenuti, si amplia nel resto d'Italia. L'uomo che comprò la luna, che si avvale di Francesco Pannofino, Stefano Fresi e Ángela Molina, sarà infatti distribuito nelle maggiori città italiane (Roma, Milano, Torino e Bologna) dal 2 maggio e dal 16 maggio anche a Firenze.

Frasi
Le sarde non sono donne... sono regine.
Una frase di Badore (Benito Urgu)
dal film L'uomo che comprò la luna
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 30 aprile 2019
Giulia Lucchini
La Rivista del Cinematografo

La questione della luna è una vecchia storia da quando nel 1969 gli astronauti statunitensi vi misero piede. Paolo Zucca la riattualizza con questa divertente commedia stralunata che vede protagonista un milanese-sardo. Kevin Pirelli (Jacopo Cullin) viene ingaggiato da due agenti segreti italiani (Stefano Fresi e Francesco Pannofino) per capire chi in Sardegna si sia appropriato della luna, cosa inaccettabi [...] Vai alla recensione »

sabato 11 maggio 2019
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Bell'idea, bella partenza, belle gag. Poi tutto si annacqua in un elogio della sarditudine che prima era oggetto di satira (possibile che i film italiani debbano sempre perdersi a metà strada?). Peccato, perché il corso per diventare sardi impartito dal pastore all'agente che dovrà indagare sull'isolano che si è comprato la luna, o almeno un pezzo di luna, è piuttosto divertente (l'agente, da parte [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 maggio 2019
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

Il capitolo Asterix in Corsica di Goscinny e Uderzo come uno dei modelli ispiratori. In un film che guarda alla Luna ma è sempre legato alla terra, la Sardegna. Come il primo lungometraggio del regista, L'arbitro. Dove il fuoriclasse di quel film, Matzutzi, che ha fatto riemergere la squadra di calcio dell'Atletico Pabarile in L'uomo che comprò la luna si reincarna e in Gavino Zaccheddu, che nasconde [...] Vai alla recensione »

mercoledì 1 maggio 2019
Pedro Armocida
Il Giornale

Un sardo diventa proprietario della luna per usucapione, spunto per una commedia con scene esilaranti. Zucca mette in scena l'educazione di un eroe (strepitoso il maestro di «santità» Benito Urgu), il soldato Zoccheddu, che si vergogna delle sue origini e si fa chiamare Kevin Pirelli (un perfetto Jacopo Cullin). Arruolato dai servizi segreti, il suo viaggio al centro della Sardegna si trasforma nella [...] Vai alla recensione »

martedì 30 aprile 2019
Emanuele Sacchi
Film TV

Quando si diffonde la diceria che un pescatore sardo abbia comprato la luna, si mobilita anche la Casa bianca: i servizi segreti italiani decidono quindi di infiltrare nella provincia remota dell'isola un paracadutista milanese di origine sarda, che si fa chiamare Kevin Pinelli ma in realtà risponde al nome di Gavino Zoccheddu. Per chi conosce il rock'n'roll dei Barrittas o, meglio ancora, per chi [...] Vai alla recensione »

NEWS
[LINK] EVENTO
mercoledì 17 luglio 2019
 

Per celebrare i 50 anni dal primo allunaggio in 48 sale cinematografiche UCI oggi verrà verrà proiettato il film campione d'incassi L'uomo che comprò la Luna (guarda la video recensione), diretto da Paolo Zucca con Jacopo Cullin, Francesco Pannofino, [...]

[LINK] EVENTO
giovedì 4 luglio 2019
 

Per celebrare i 50 anni dal primo allunaggio, UCI Cinemas e Indigo Film organizzano per il 17 luglio alle 20.30 una proiezione speciale del film L'uomo che comprò la Luna, diretto da Paolo Zucca con Jacopo Cullin, Francesco Pannofino, Benito Urgu e Stefano [...]

VIDEO RECENSIONE
martedì 2 aprile 2019
A cura della redazione

Una coppia di agenti segreti italiani riceve una telefonata dagli Stati Uniti: pare che qualcuno, in Sardegna, sia diventato proprietario della luna. Il che, dal punto di vista degli americani, è inaccettabile, visto che i primi a metterci piede sono [...]

TRAILER
lunedì 18 marzo 2019
 

Una coppia di agenti segreti italiani riceve una telefonata concitata dagli Stati Uniti: pare che qualcuno, in Sardegna, sia diventato proprietario della luna. Il che, dal punto di vista degli americani, è inaccettabile, visto che i primi a metterci piede, [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati