Baby

Film 2018 | Drammatico

Regia di Andrea De Sica, Anna Negri. Una serie con Benedetta Porcaroli, Alice Pagani, Riccardo Mandolini, Isabella Ferrari, Claudia Pandolfi. Cast completo Titolo originale: Baby. Genere Drammatico - Italia, 2018, STAGIONI: 2 - EPISODI: 12

Condividi

Aggiungi Baby tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Baby, la serie tv dove crescere appare come un segreto inconfessabile.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES N.D.
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO N.D.
Scheda Home
Critica
Premi
Cinema
Le vite segrete degli adolescenti di Roma.

Liberamente ispirata ad una storia vera (lo scandalo delle baby squillo scoppiato a Roma nell'estate 2014), la serie racconta le vicende di un gruppo di ragazzi dei Parioli in cerca della propria identità e indipendenza tra amori proibiti, pressioni familiari e segreti condivisi. È la terza serie originale italiana prodotta da Netflix.

Episodi: 6
Regia di Andrea De Sica, Anna Negri, Letizia Lamartire.

La terza e ultima stagione

Recensione di a cura della redazione

Nella stagione conclusiva di Baby ogni personaggio è costretto ad affrontare la verità, scontrandosi con i propri errori e le proprie mancanze. Tutti i segreti vengono a galla. Mentre Chiara deve cercare nell'amore la forza per lasciarsi andare, Ludovica vuole cambiare strada e trovare degli obiettivi. Chiusura del cerchio anche per gli altri ragazzi del Collodi, le cui vicende stavolta saranno raccontate anche fuori dalle mura scolastiche. Gli adulti non sanno cosa fare per aiutare i propri figli, sempre più diffidenti nei loro confronti. Proprio ora che avrebbero bisogno del loro aiuto, i ragazzi non riescono a fidarsi.
Episodi: 6
Regia di Andrea De Sica, Anna Negri, Letizia Lamartire.

Il cast è in crescita ma la serie fatica ancora ad abbandonare generalizzazioni e bidimensionalità dei personaggi

Recensione di Claudia Catalli

Cosa ne è dei ragazzi una volta tornati dalle vacanze estive? La disinibita Ludo sembra cresciuta, prova a mettere ordine al caos della sua vita emotiva e cerca sempre in Chiara una guida, una luce, un sostegno sincero. Chiara, da parte sua, deve imparare a tenere in equilibrio l'amore ormai esploso con Damiano e la sua vita segreta, e in questa stagione l'equilibrio vacillerà costantemente.

Se i primi due episodi sono di recupero redini narrative e introduzione alla stagione, dal terzo il passo accelera: il quarto è quello imperdibile in cui tutte le carte vengono scoperte, per poi capire cosa accadrà nelle ultime due puntate. L'ultima, dal punto di vista narrativo, forse più deludente perché rimanda direttamente alla prossima stagione: ci si aspetterebbe la conclusione di alcune vicende centrali (che cosa ne sarà di Ludo e Chiara, chi svelerà cosa, fino alla scoperta dell'identità sessuale di chi si scopre omosessuale e non lo accetta), invece tutto rimane sospeso e viene tatticamente rinviato.

Restano intatte le atmosfere di Baby, divise tra il diurno e il torbido notturno, i dialoghi a tratti melodrammatici tipici dell'adolescenza, le tematiche importanti come bullismo e coming out, le musiche suggestive ma onnipervasive (tanto da far somigliare alcune puntate a dei videoclip).

Resta anche quell'ombra di perbenismo morale che aleggia sui personaggi: non esistono veri cattivi, i carnefici sono altrove, in Baby sbagliano tutti solo perché vittime di un sistema malato. Quello delle famiglie altoborghesi della Roma bene, che mettono il nome della famiglia e i loro interessi economici di fronte al benessere dei figli sempre e comunque.

Anche qui, una generalizzazione che ben inquadra una certa categoria sociale, ma che tuttavia finisce in scrittura per essere banalizzata senza avere alcun contraddittorio. Non c'è un solo genitore che si preoccupi davvero che suo figlio stia mentalmente bene, fatta eccezione per il Preside che però in questa stagione è più preso dalle sue vicende sentimentali con la madre di Ludovica, una Isabella Ferrari perfetta nel ruolo di madre sbandata.

Il cast si conferma di livello, le protagoniste Benedetta Porcaroli e Alice Pagani continuano a convincere nel loro essere complementari. Benedetta pare ormai un'attrice navigata, poliedrica ed espressiva, credibile in ogni scena. Alice invece esprime bene con i suoi occhi comunicativi l'alienazione e il senso di straniamento che vive il suo personaggio, sembra faticare di più nei confronti attoriali con gli altri personaggi (su tutti Thomas Trabacchi, attore di esperienza qui nei panni del nuovo professore di Filosofia, con cui ovviamente non può sostenere il livello). Anche gli altri ragazzi convincono, ed è più che gradevole l'entrata in scena di Denise Capezza, che da Gomorra arriva nella squadra di "brave ragazze" gestite dal dark boy Giuseppe Maggio / Fiore.

La regia mantiene saldo lo stile della prima puntata, esagera come detto sul piacere musicale, ma tiene un ritmo incalzante alla Elite, altra serie Netflix giunta alla seconda stagione che racconta la vita collegiale di ragazzi privilegiati con numerosi scheletri nell'armadio. Lì, tuttavia, a livello di sceneggiatura si osa eccome: al coming of age si aggiunge una trama fitta di intrighi, scandali, sparizioni, passioni, delitti e omicidi.

In Baby invece pare predominante - oltre alla musica e alla cura estetica/estetizzante di certe scene (specie quelle girate al ralenti) - l'analisi dei rapporti familiari. Come a indicare che se le radici sono malate le piante difficilmente riusciranno a dare frutti non marci.

L'augurio per la terza stagione è che, mantenendo il linguaggio visivo contemporaneo, il ritmo incalzante e lo stile accattivante, si possa finalmente andare oltre alle generalizzazioni e fornire un ritratto tridimensionale di ragazzi che cercano - come gli adulti, come tutti - il loro barlume di felicità. Anche nei patinati appartamenti dei Parioli.

Episodi: 6
Regia di Andrea De Sica, Anna Negri.

Una serie fin troppo timida, quasi pudica, che vuole fare da monito sulla crisi morale di un'adolescenza senza orizzonti ideali

Recensione di Andrea Fornasiero

Chiara è una "pariolina", una ragazza del quartiere più altoborghese di Roma, ma a dispetto del benessere la sua è una famiglia in crisi con padre e madre che sono separati in casa. Lei è migliore amica di Camilla, che vorrebbe andassero insieme in America per una borsa di studio, nonostante i genitori di Chiara siano contrari tanto che la ragazza deve falsificarne le firme. L'aiuta Ludovica, che ha genitori divorziati e una mamma vittima di uomini che si approfittano di lei, al punto da faticare a pagare la retta. Ludovica ha una pessima fama a scuola perché un ragazzo ha diffuso un video in cui lei gli praticava sesso orale. C'è poi Damiano, che arriva dai quartieri popolari ma dopo la morte della madre si è trasferito a casa del padre, un diplomatico libanese, e così oltre a vivere in ambasciata inizia a frequentare il collegio Collodi. Qui si invaghiscono di lui sia Chiara sia Camilla e pure il loro amico Fabio, il figlio del preside.

Ispirata molto liberamente allo scandalo di prostituzione minorile che aveva investito il quartiere "bene" di Roma, Baby è la seconda serie prodotta in Italia da Netflix e nasce all'insegna di un progetto giovane, scritta un collettivo di autori emergenti, i GRAMS*, supervisionati dal più esperto Giacomo Durzi e con la regia a firma di Andrea De Sica e Anna Negri.

Investita di polemiche in America al suo annuncio, nel pieno dell'era #metoo, Baby non parla però di prostituzione se non verso la fine di questi primi episodi e comunque senza mai spingersi in là. È anzi una serie piuttosto pudica, tanto che per restare a Netflix Elite appariva sicuramente più ammiccante e presentava anche comportamenti sessuali più insoliti e trasgressivi. Ci sono diversi punti in comuni tra le due serie, visto che entrambe sono ambientate tra adolescenti in una scuola esclusiva e costosa. Anche la dinamica narrativa è simile, perché l'arrivo di personaggi di estrazione popolare rompe lo status quo e scatena nuovi e più avventurosi desideri. Cosa particolarmente evidente in Baby dove Damiano è ricco di fascino per ben tre personaggi principali, che non sanno resistere a quello che gli è proibito e diverso in quanto proveniente da un altro mondo, più brutale ma anche più vitale.

La principale differenza tra le due serie è in Ludovica, che fa la ribelle motivata dall'assenza paterna e dalle difficoltà con la madre. Nel suo essere rifiutata dal mondo altoborghese che la circonda sceglie una strada più trasgressiva, ma sempre in modo molto contenuto. Non si mette per esempio a usare la webcam in modo sexy, non conduce una vita promiscua e non si droga, neppure di pasticche in discoteca o di cocaina, anzi a ben vedere è quella che non vediamo nemmeno fumare marijuana, invece piuttosto diffusa tra gli altri studenti - di nuovo come in Elite.

Proprio la cocaina è il baratro in cui Damiano rischia di cadere, perché questa è una serie che vuole fare da monito sulla crisi morale di un'adolescenza senza orizzonti ideali. Un'assenza che riguarda anche gli adulti, incapaci di fare altro che pregare i figli di comportarsi bene. Solo la madre di Camilla accenna a una prospettiva un poco politica, ma in bocca a lei appare caricaturale. A confronto dei ragazzi di SKAM Italia, quelli di Baby sono più credibili e disinibiti, ma rispetto a quelli di Elite la serie appare più timida e incapace di osare. Inoltre risulta sempre ben chiaro chi siano i buoni e chi i cattivi, chi le vittime e chi i carnefici, svicolando da ogni sorta di ambiguità.

Gli adulti sono dipinti in fondo in modo tradizionalmente conservatore: magari troppo rigidi oppure disinteressati, ma sempre animati da buoni sentimenti. Tolti i protagonisti gli altri ragazzi cadono presto in uno schema dove si sta da una parte o dall'altra, in particolare Brando ci viene presentato come un personaggio senza redenzione (ma non ci stupiremmo di scoprire una qualche terribile storia sul suo passato in futuro, non a caso non vediamo mai la sua famiglia, e lo stesso vale per "la ragazza più popolare della scuola" cattivella come da copione). Ci sono inoltre sottotrame introdotte ma ancora tutte da sviluppare per le future stagioni e ci sono anche elementi di conflitto risolti davvero in modo eccessivamente sbrigativo, come un episodio di vandalismo. Anche peggio viene lasciata in bella mostra una scritta razzista su un banco eppure, in una scuola di benpensanti, non suscita alcuna reazione nemmeno da parte degli insegnanti.

Il finale manca poi di crescendo o di un rilancio efficace per l'annata a venire, quasi Baby potesse pure finire qui, dove l'illegalità è una pallida minaccia da parte di un personaggio ben poco efficiente, e l'interesse principale sembra per italianissime questioni di rapporti famigliari. Oltre che un prodotto dignitoso ma non eccellente per fotografia e alcune interpretazioni, cui solo la molto presente colonna sonora di brani italiani e internazionali sembra dare un ritmo, Baby ricorre a snodi narrativi a volte troppo comodi e soprattutto risulta in una promessa mancata e volutamente rimandata.

Frasi
Ma perché voi dovete sempre andare da qualche oarte
(Alice Pagani)
dalla serie Baby - a cura di Melo
NEWS
NETFLIX
venerdì 20 settembre 2019
 

Regia di Andrea De Sica, Anna Negri. Un film con Benedetta Porcaroli, Alice Pagani, Riccardo Mandolini, Isabella Ferrari, Claudia Pandolfi. Dal 18 ottobre su Netflix. Guarda il trailer »

NETFLIX
martedì 10 settembre 2019
 

Regia di Andrea De Sica, Anna Negri. Un film con Benedetta Porcaroli e Alice Pagani. Dal 18 ottobre su Netflix. Guarda il trailer »

TRAILER
venerdì 9 novembre 2018
 

Liberamente ispirata ad una storia vera, la serie segue le vicende di un gruppo di adolescenti del quartiere Parioli che sfidano la società ricercando la propria identità e indipendenza, sullo sfondo di amori proibiti, pressioni familiari e segreti condivisi. [...]

NETFLIX
martedì 21 agosto 2018
 

Netflix presenta le prime foto di Baby - la nuova serie originale italiana di Netflix prodotta da Fabula Pictures, in arrivo entro la fine dell'anno. Liberamente ispirata ad una storia vera, la serie segue le vicende di un gruppo di adolescenti del [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati