Senza lasciare traccia

Film 2016 | Drammatico +13 93 min.

Regia di Gianclaudio Cappai. Un film con Michele Riondino, Valentina Cervi, Elena Radonicich, Giordano De Plano, Fabrizio Ferracane. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2016, durata 93 minuti. Uscita cinema giovedì 14 aprile 2016 distribuito da HiraFilm. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,31 su 21 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Senza lasciare traccia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Bruno porta sulla pelle e nel cuore i segni del suo passato, che lo consumano come la malattia di cui è affetto.

Consigliato sì!
3,31/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,11
CONSIGLIATO SÌ
Una mano registica felice e una grande capacità di creare atmosfere per il debutto nel lungometraggio di Cappai.
Recensione di Paola Casella
venerdì 8 aprile 2016
Recensione di Paola Casella
venerdì 8 aprile 2016

Bruno è gravemente malato di una malattia che ha origini lontane collegate ad un evento traumatico del passato. Sua moglie Elena cerca di stargli vicino ma non le è permesso varcare quel muro che Bruno ha eretto a protezione dell'orrore e della vergogna. Ma il destino vuole che Elena venga chiamata a restaurare un antico dipinto proprio nel luogo in cui è avvenuto l'evento traumatico che ha rivoluzionato la vita di suo marito, che sceglierà di seguirla senza avvisarla che ha un piano prestabilito in mente.
Gianclaudio Cappai debutta al lungometraggio di finzione dopo il successo del corto Purché lo senta sepolto, vincitore al Torino Film Festival, e dopo il mediometraggio So che c'è un uomo. Cappai ha una mano registica felice e una grande capacità di creare atmosfere (in questo caso inquietanti) utilizzando bene gli spazi, con particolare attenzione a quell'architettura agricola e industriale che costituisce il tessuto (anche estetico) del nostro Paese. All'abilità registica però non corrisponde una altrettanto efficace abilità narrativa, e la trama suscita parecchie perplessità. In particolare il personaggio di Elena sembra essere pretestuoso, uno stratagemma per riportare Bruno alle sue radici che però tiene la moglie inspiegabilmente lontana dalla scena in cui si svolge il dramma.
Cappai si cimenta con il noir alimentando quella corrente cinematografica italiana che saggiamente sta riscoprendo i generi, ma non può ignorare l'esistenza di un intero filone internazionale di "film di vendetta" che ha già i suoi maestri in autori come Park Chan-wook, abili soprattutto nella costruzione di sceneggiature che funzionano come congegni ad orologeria. Il quartetto di interpreti è molto efficace (e ben diretto) ma le loro motivazioni e il loro arco narrativo non sono sufficientemente sviluppati. Per contro Cappai è estremamente evocativo nel creare (coadiuvato dallo scenografo Alessandro Bertozzi) un habitat originale per i suoi personaggi, che comprende una fornace dantesca capace di conciliare artigianalità italiana e istinti mefistofelici universali, giacché c'è chi è "incline al male fin dalla nascita".
Anche la metafora del fuoco che, come la rabbia e il rancore, va alimentato affinché continui a consumare le anime dei dannati è cinematograficamente interessante. Se per il prossimo lungometraggio (perché il regista merita sicuramente altre occasioni) Cappai saprà costruire una sceneggiatura all'altezza delle sue intuizioni visive sarà premiato da pubblico e critica.

Sei d'accordo con Paola Casella?

SENZA LASCIARE TRACCIA disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 10 maggio 2016
giajr

Si tratta di un noire lungamente studiato, il cui montaggio finale si commenta ottimamente da sé. Gli attori danno viva prova di spessore e la giovane regia ha saputo creare la giusta alchimia. Il film è ricco di simbologia: - le ferite del protagonista (le ustioni della fornace, le cicatrici dell'intervento e quelle psicologiche) - il quadro del '400, velato dal tempo, d [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 aprile 2016
no_data

Un un bel film, che sorprende e lascia spiazzati a momenti. Bello lo svolgersi dei fatti che fa capire coi giusti tempi la storia; bella la storia della coppia, complice ma al tempo stesso estranea; bella la location, la fornace (anche interessante da vedere) risulta estremamente coinvolgente, ti sembra quasi di sentire il calore di quel fuoco che prende il sopravvento.

giovedì 12 maggio 2016
Francesca Serragnoli

Il film rimane, lascia traccia. Rimane l'inquadratura su due vite che ti passano accanto, come un treno in corsa dove la luce accesa di qualche finestrino lascia l'espressione umana che raccoglie gioia e dolore in un unico punto. E' il tempo che mi ha colpito. Il tempo breve della vita che è tutto dentro un'azione. Cerco di spiegarmi. Ho visto il tempo come qualcosa dalla parte dell'uomo.

lunedì 18 aprile 2016
Max Mariani

Questo film lascia il segno. Un colpo dritto dritto nello stomaco, era da tanto che non mi succedeva in sala. Ho ritrovato tantissime cose (omaggi nostalgici) al cinema grandioso e indipendente della New Hollywood. Una storia ben diretta e scritta, il regista muove le sue pedine in modo sicuro come se fosse già un grande regista affermato e con tantissimi film alle spalle, guida la sua storia senza [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 maggio 2016
Andrea Para

  Allo spettatore non sono dati punti di riferimento sin dalle prime inquadrature. Si richiede uno spettatore attento, dall’occhio concentrato, dall’animo vispo. E’ come essere su un’altalena: un attimo siamo lanciati nel presente e l’attimo dopo veniamo spinti nel passato. Un flashback ombroso accompagna come un leitmotiv tutto il film.

sabato 16 aprile 2016
LuisaCR

Senza lasciare traccia è un film che ti prende al cuore, inquieta e disturba, un po' come è tormentato il suo protagonista (uno straordinario Michele Riondino) che non riesce a lasciare andare il passato e il dolore che racchiude, ma in questo modo è come bloccato in un dolore perenne che sembra a tratti togliergli addirittura il fiato. Il luogo dove tutto è iniziato e dove tutto sembra destinato [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 novembre 2018
Andrea Damiani

Più che un lungometraggio,il film di Gianclaudio Cappai sembra essere un cortometraggio allungato. La trama, molto scarna, passa in secondo piano rispetto alla volontà del regista di ricreare atmosfere ruvide, colori sgranati e personaggi segnati dalla fisicità. Il messaggio è interessante: l'idea della vendetta è più forte della vendetta stessa e può diventare una malattia che corrode l'anima e il [...] Vai alla recensione »

mercoledì 5 ottobre 2016
Artuma

Dopo un delicato intervento chirurgico, Bruno (Michele Riondino) sta ancora combattendo con il suo male. Convalescente, decide di accompagnare la moglie Elena (Valentina Cervi), restauratrice, convocata in un borgo lontano per il recupero di un quadro antico. Lei non sa che proprio in quel luogo Bruno trascorse l'infanzia e che là accadde un evento traumatico cui lui attribuisce l'insorgenza della [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 maggio 2016
giajr

Si tratta di un noir lungamente studiato, il cui montaggio finale si commenta ottimamente da sé. Gli attori danno prova di spessore e la regia giovane ha saputo creare la giusta alchimia. Il film è ricco di simbologia: le ferite del protagonista (le vecchie ustioni della fornace, le cicatrici dell’intervento e quelle psicologiche), il quadro da restaurare del '400, velato dal tempo (senza dimenticare [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 aprile 2016
no_data

Un un bel film, che sorprende e lascia spiazzati a momenti. Bello lo svolgersi dei fatti che fa capire coi giusti tempi la storia; bella la storia della coppia, complice ma al tempo stesso estranea; bella la location, la fornace (anche interessante da vedere) risulta estremamente coinvolgente, ti sembra quasi di sentire il calore di quel fuoco che prende il sopravvento.

venerdì 15 aprile 2016
Aki22

Ho visto un gran bel film,un ottimo esordio, un film dove si percepisce l'urgenza e il bisogno di realizzare un opera cinematograficamente perfetta e ben orchestrata. Consiglio la visione perché è questo il cinema giusto quello che non ti aspetti quello che rende omaggio al vero cinema con una poetica originale e brillante.

venerdì 15 aprile 2016
Lorella Colazzo

Bella la fotografia, le riprese sono ricercate nei particolari. La storia interessante ti tiene sospesa fino all'ultimo. I dialoghi e l'intreccio sono in sintonia con le musiche in un crescendo di eventi ed emozioni.

venerdì 15 aprile 2016
lasposainero

Un paesaggio nella nebbia, un uomo alla ricerca dell'origine del suo male, un dramma che cresce ricomponendo i diversi pezzi in un affresco inquietante come il quadro che nel film viene restaurato: Senza lasciare traccia è un film diverso, originale, dal grande impatto visivo e sonoro, dal soggetto sorprendemente attuale, dalla profonda necessità interiore. Consiglio vivamente. Voto 4/5

domenica 8 maggio 2016
Marcella Natale

Lui ha una malattia grave, lei è una restauratrice che sta partendo per un nuovo lavoro. Scoperto il luogo dove la moglie deve andare, il marito decide di accompagnarla per fare i conti con il proprio passato. Gioca sul non visto e sul non detto, tutto è suggerito e grande spazio è dato alla scelta dello spettatore. La scena in macchina è un piccolo miracolo cinematografico: [...] Vai alla recensione »

lunedì 18 aprile 2016
no_data

Drammatico per davvero, mai prevedibile, pieno di tensione. Un viaggio al centro del male, ambientato in una campagna grigia, fredda inospitale. Il Cappai's touch si conferma efficace, incisivo e personalissimo. I rassicuranti interni borghesi con l'immancabile contorno di attori gigioni e piacioni a cui ci ha abituato tanto cinema italiano contemporaneo sono lontani anni luce (per fortuna)

mercoledì 22 marzo 2017
tristana

 Un film oscuro e intenso come quando le emozioni determinano non solo il nostro andare ma anche il corpo che ci contiene. E' stato coinvolgente come svegliarsi da un sogno così verosimile da superare il reale. Certi momenti toccano l'intoccabile col coraggio e la trasperenza di un'anima complessa che non vuole fare rumore. 

giovedì 28 aprile 2016
no_data

Un un bel film, che sorprende e lascia spiazzati a momenti. Bello lo svolgersi dei fatti che fa capire coi giusti tempi la storia; bella la storia della coppia, complice ma al tempo stesso estranea; bella la location, la fornace (anche interessante da vedere) risulta estremamente coinvolgente, ti sembra quasi di sentire il calore di quel fuoco che prende il sopravvento.

domenica 17 aprile 2016
Max Mariani

Non capita così spesso di imbattersi in un film del genere,un film che ti lascia dentro tanto,un film dove le immagini ti avvolgono e ti penetrano inesorabilmente. Un opera prima molto audace e fuori dagli schemi del cinema italiano. Un ottima regia è un cast superbo è mai così azzeccato. Guardatelo ne vale la pena

domenica 17 aprile 2016
cristina terzaghi

Una perla del nuovo cinema italiano, intenso, profondo, coinvolgente e, oserei dire, pieno di un'ultima speranza che fa bene al ❤ Non perdetelo!

venerdì 15 aprile 2016
lasposainero

Una terra di nessuno, il viaggio di un uomo dentro il suo lato oscuro, una serie di frammenti che si compongono in una progressione inquietante, un tema scomodo ma necessario: Senza lasciare traccia è oltretutto girato benissimo e in maniera molto personale. Bellissimo il finale, vale la pena vederlo! Voto: 4/5

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati