Single ma non troppo

Film 2016 | Commedia, Sentimentale +16 110 min.

Titolo originaleHow To Be Single
Anno2016
GenereCommedia, Sentimentale
ProduzioneUSA
Durata110 minuti
Regia diChristian Ditter
AttoriDakota Johnson, Rebel Wilson, Damon Wayans Jr., Anders Holm, Alison Brie Nicholas Braun, Jake Lacy, Jason Mantzoukas, Leslie Mann, Colin Jost, Sarah Ramos, Vanessa Rubio.
Uscitagiovedì 11 febbraio 2016
DistribuzioneWarner Bros Italia
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 1,83 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Christian Ditter. Un film con Dakota Johnson, Rebel Wilson, Damon Wayans Jr., Anders Holm, Alison Brie. Cast completo Titolo originale: How To Be Single. Genere Commedia, Sentimentale - USA, 2016, durata 110 minuti. Uscita cinema giovedì 11 febbraio 2016 distribuito da Warner Bros Italia. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 1,83 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Single ma non troppo tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una commedia romantica tratta dal romanzo di Liz Tuccillo che racconta la storia di una scrittrice trentottene newyorkese alla ricerca del vero amore. In Italia al Box Office Single ma non troppo ha incassato 1,9 milioni di euro .

Single ma non troppo è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato no!
1,83/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 1,67
CONSIGLIATO NO
Una romcom ultrapiatta su una ragazza e sui suoi tentativi infruttuosi di essere una vera single.
Recensione di Emanuele Sacchi
venerdì 12 febbraio 2016
Recensione di Emanuele Sacchi
venerdì 12 febbraio 2016

Alice approda a New York e decide di rompere con Josh per esplorare la vita da single e conoscere meglio se stessa. L’amicizia con Robin e la vicinanza della sorella Meg, entrambe single indefesse, sembrano indirizzarla nella giusta direzione, ma ben presto Alice, anziché soddisfare il suo proposito, finisce per invischiarsi in una molteplicità di relazioni con complicazioni.
Delizia di molti e croce di altrettanti, la romcom è uno dei generi cinematografici più codificati, conservatori e impervi al cambiamento in circolazione. Ma anche i più incalliti tra i suoi detrattori non possono negare al genere una capacità unica di cogliere lo spirito del tempo – declinato attraverso protagonisti e curiosi comprimari – e di creare tormentoni destinati a riemergere nei luoghi più inaspettati, salotti bene inclusi. Ogni romcom vuole veicolare un messaggio di uso “pratico” o che possa presumere di averne uno, l’idea di una nuova tendenza che meriti di essere immortalata, di una morale da veicolare sotto mentite spoglie. Come l’enunciazione dell’impossibilità di una vera amicizia tra uomo e donna in Harry ti presento Sally, o la lettura dei segni del fato in Serendipity. Addirittura La verità è che non gli piaci abbastanza ha provato a contaminare e in parte riscrivere il glossario delle relazioni sentimentali.
Tra gli elementi che maggiormente mancano a Single ma non troppo un ruolo di primo piano spetta proprio alla latitanza di un forte assunto di base. Solo il personaggio di Alice sembra intraprendere un percorso di crescita, quello di (auto)convincersi di essere single per scoprire cosa questo significhi davvero. Ma la sceneggiatura di Abby Kohn, Marc Silverstein e Dana Fox, veterani del genere, sembra più indecisa della protagonista sulla direzione giusta da prendere. Se la Johnson si applica, cercando di aderire al ruolo schivando gli stereotipi, i suoi partner e soprattutto i suoi comprimari – ruolo fondamentale di ogni romcom che si rispetti – deludono, tra una Leslie Mann che ha smarrito per strada il corrosivo humour dell’universo Apatow e una Rebel Wilson che assomiglia più a una Borat in gonnella che a una versione millennial di Samantha di Sex and the City. Per ragioni di paternità della scrittura – il romanzo da cui Single ma non troppo è tratto è di Liz Tuccillo, sceneggiatrice della celeberrima serie – e di evidente (e dichiarata in un dialogo) influenza sul soggetto, Sex and the City resta la pietra di paragone obbligata del film di Ditter. Ma se la transizione da piccolo a grande schermo del format originario si era rivelata complicata, il suo adattamento a una nuova generazione scricchiola ancor di più.
L’unico elemento di presunta novità pare legato all’enumerazione di una serie di regole non scritte del perfetto single (dopo undici bottiglie di birra due amici di sesso opposto devono necessariamente fare sesso), evidenziate da chiassose sovraimpressioni grafiche; un espediente già visto (Scott Pilgrim vs. the World) e già divenuto abitudine. E se da principio il fatidico incontro tra il percorso di maturazione individuale di Alice e l’inevitabile viaggio/conversione/arrampicata (con ancora più inevitabile voce over) della protagonista sembra scongiurato, si tratta invece solo di una semplice proroga. Prima di giungere a questo espediente di disarmante ovvietà, lo script conduce Alice tra i grattacieli di New York, quasi a passare in rassegna i topoi legati a miriadi di romcom pregresse. Quasi a cercare una invocazione a delle muse che preferiscono ostentare sordità.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

New York. 4 donne single sono in cerca di loro stesse e di tacche (maschietti "consumati") da mettere sulla spalliera del letto. Tratta dall'omonimo libro di Liz Tuccillo, sceneggiatrice di Sex and The City , è una commedia banale troppo lunga, che si smarrisce nell'indecisione di capire dove vuole andare a parare. Raffiche di stucchevole sentimentalismo e umorismo imbarazzante. Disarmante.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
SINGLE MA NON TROPPO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
Infinity
-
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€4,99 €4,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 17 febbraio 2016
Bruga

 Ogni anno sembra che l'industria cinematografica hoolywoodiana è intenta a fare del giorno di San Valentino, un giorno da ridicolizzare al peggio delle capacità. "Single ma non troppo" da il suo contributo 2016 a questa tendenza: una commedia romantica terribilmente di cattivo gusto che serve come una celebrazione di diritto, del  consumismo, e del comportamento [...] Vai alla recensione »

mercoledì 10 febbraio 2016
PointBreak

Esplicita e frizzante commedia americana, non demenziale ma piacevole. Numerosi i riferimenti alla sitcom americana How I Met Your Mother. A partire dal titolo originale della pellicola (How to be single) e dalla location (New York). Addirittura c’è una delle scene iniziali quasi identica all’episodio 7 della 1 stagione: quando Ted Mosby va all’agenzia per single e tramite [...] Vai alla recensione »

domenica 7 agosto 2016
Vanil*

E' una commedia leggera questo "Single ma non troppo", piacevole, divertente e frizzante. Viene sottovalutato perché, diciamocelo, tratta tematiche che siamo soliti a definire "stupide", niente di serio, la visione superficiale del film porta semplicemente a definirlo "un film dove quattro donne cercano marito". Ma c'è molto di più, queste quattro donne (Alice, Robin, Lucy e Meg) sono degli "stereotipi" [...] Vai alla recensione »

domenica 14 febbraio 2016
Flaw54

Mi sono trovato casualmente in questa sala in attesa di amici: va bene un film brutto, ma così... Attori da palcoscenici neppure da provincia, trama contorta, se si può parlare di trama. Qui la censura dovrebbe intervenire. L'ho definito cosa, perchè chiamarlo film è un' offesa per l'arte del cinema. se potevo davo zero stelle!!!

venerdì 12 febbraio 2016
erinna78

Vabbè ma che fregatura pazzesca .... una specie di parodia fatta male. I dialoghi sono imbarazzanti e le situazioni prevedibili. Tanta noia.

giovedì 11 febbraio 2016
angelo76

Un filmetto senza capo nè coda .... una ripetizione di scenette tute uguali. Grande noia, difficoltà ad arrivare in fondo.

giovedì 11 febbraio 2016
stellab

Filmetto prevedibile e noioso.  Non succede nulla per 90 minuti.  Da evitare. 

Frasi
"Penso che il momento in cui siamo costretti ad essere single , in realtà sia quello dove impariamo a stare da soli, ma quanto vogliamo diventare bravi a stare da soli? Non corriamo il rischio di diventare single così perfetti e così indipendenti da perdere l'occasione di stare con una persona splendida?!?"
Alice (Dakota Johnson)
dal film Single ma non troppo - a cura di dolcezza
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Scontatissima e sciocca commedia rosa, un frullato di banalità, che come in mille altri film, esibisce un manipolo di maniaci sentimentali dal doppio volto. Nel primo tempo decisi a concedersi a chiunque; nel secondo inesorabilmente trafitti dall'amore. Guida il girotondo dei cretini, l'insopportabile Rebel Wilson, indesiderabile taglia forte, che per di più usa un linguaggio da far inorridire un marinaio [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati