Single ma non troppo

Acquista su Ibs.it   Dvd Single ma non troppo   Blu-Ray Single ma non troppo  
Un film di Christian Ditter. Con Dakota Johnson, Rebel Wilson, Damon Wayans Jr., Anders Holm, Alison Brie.
continua»
Titolo originale How To Be Single. Commedia, Ratings: Kids+16, durata 110 min. - USA 2016. - Warner Bros Italia uscita giovedì 11 febbraio 2016. MYMONETRO Single ma non troppo * 1/2 - - - valutazione media: 1,83 su 9 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Un fallimento creativo e una storia senza anima Valutazione 1 stelle su cinque

di Bruga


Feedback: 200 | altri commenti e recensioni di Bruga
mercoledì 17 febbraio 2016

 Ogni anno sembra che l'industria cinematografica hoolywoodiana è intenta a fare del giorno di San Valentino, un giorno da ridicolizzare al peggio delle capacità. "Single ma non troppo" da il suo contributo 2016 a questa tendenza: una commedia romantica terribilmente di cattivo gusto che serve come una celebrazione di diritto, del  consumismo, e del comportamento superficiale. Siamo stati su questa strada prima con la HBO-spin-off Sex and the City, Sex and the City 2, ed Entourage, ma si potrebbe fare un caso convincente che "Single ma non troppo" è più riprovevole di qualsiasi di questi titoli.

 Il film è terribile per così tanti motivi che è difficile assegnare la colpa primaria ad un solo "colpevole". Certamente la sceneggiatura merita la parte del leone di colpevolezza. Il film cerca duramente di assicurarsi che i suoi personaggi non emergono dallo stereotipo bolle in cui essi esistono. Non ci sono personaggi reali qui e pertanto nessun motivo di preoccuparsi di qualcuno. In realtà, le donne che popolano questo film si dividono in due categorie: fastidiose e egocentriche o bisognose e insulse. Gli elementi comici (che sono abbastanza grezzi e scontati), sono evidenti nelle loro intenzioni, prevedibili e poco divertenti nella loro esecuzione da parte degli attori.

 Il personaggio centrale di questo fiasco è Alice (Dakota Johnson), che  è giunta alla decisione radicale di prendersi una "pausa" dall'ormai fidanzamento lungo con  Josh (Nicholas Braun). Non è che lei non lo ami, ma ha bisogno di tempo per scoprire chi è al di fuori di un rapporto. Traduzione: ha bisogno di legare con un collega di lavoro alchool dipendente, dal linguaggio insulso di nome Robin (Rebel Wilson), tornare a vivere con la sorella maniaca del lavoro Meg (Leslie Mann), ubriacarsi il più spesso possibile, e dormire con vari uomini, tra cui barista boytoy Tom (Anders Holm) e il vedovo David (Damon Wayans Jr.). Oltre a seguire Alice, Robin, e le storie di Meg, seguiamo una storia parallela di una maniaca dei social network alla  ricerca romantica dell'uomo perfetto per lei: si tratta di Lucy (Alison Brie), che non ha alcuna connessione con gli altri personaggi, tranne che lei è solita recarsi nello stesso bar degli altri personaggi. Non ho idea del perché Lucy è nel film se non come un modo per dare Alison Brie un lavoro.

 Il messaggio del film viene gravemente confuso durante la narrazione: "Single ma non troppo" suppone di sostenere l'importanza di una persona di conoscere e amare se stessa piuttosto che essere definita da un rapporto. Ma il film è così ossessionato da sottolineare topoi tradizionali  della commedia romantica che questo messaggio non è perseguito fino alla fine e richiede una voce fuori campo per renderci consapevoli del vero significato.

 Dal punto di vista della recitazione,  nessuno esce indenne. La mancanza di cura mi ha ricordato un film di Adam Sandler in cui non c'è nessuna preoccupazione su come rendere i personaggi reali o scrivere qualcosa di simile ad un  dialogo. La presenza di Dakota Johnson dovrebbe rendere gli spettatori diffidenti - questo è il secondo anno consecutivo (dopo 2015 di Cinquanta sfumature di grigio), che ha contribuito alla profanazione di San Valentino. Rebel Wilson sta giocando l'unico ruolo che lei sa gestire: Rebel Wilson. Leslie Mann sta giocando una variazione annacquata del personaggio che è stato intrappolato in un decennio. E Alison Brie, nonostante un curriculum TV prodigioso, è quasi invisibile. Per quanto riguarda gli uomini - dimenticateli. Lo script certamente lo fa. (Comprensibilmente, tra l'altro - loro sono degli oggetti del film e non i suoi soggetti.)
 Hollywood ha evidentemente perso il mestiere di fare buone commedie romantiche, emotivamente soddisfacente. Sono finiti i giorni di "Harry ti presento Sally", "Non per soldi...ma per amore", o "Qualcosa è cambiato", che potrebbe coinvolgere le menti e i cuori nell'azione. Film come "Single ma non troppo"caratterizzano quella corrente che  passa per il "romanzo" e "commedia" in tariffa multiplex ed è  deprimente. A San Valentino 2016 fatevi un favore e affittare qualcosa fatto con l'anima piuttosto che la bruttezza e il  fallimento creativo che è "Single ma non troppo".

[+] lascia un commento a bruga »
Sei d'accordo con la recensione di Bruga?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
60%
No
40%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Bruga:

Single ma non troppo | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Emanuele Sacchi
Pubblico (per gradimento)
  1° | bruga
  2° | pointbreak
  3° | vanil*
Rassegna stampa
Massimo Bertarelli
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 11 febbraio 2016
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità