American Pastoral

Film 2016 | Drammatico +13 126 min.

Anno2016
GenereDrammatico
ProduzioneUSA
Durata126 minuti
Regia diEwan McGregor
AttoriEwan McGregor, Jennifer Connelly, Dakota Fanning, David Strathairn, Uzo Aduba Valorie Curry, Rupert Evans, Molly Parker, Peter Riegert, Mark Hildreth, Emily Peachey, Hannah Nordberg, Ocean James, David Whalen.
Uscitagiovedì 20 ottobre 2016
DistribuzioneEagle Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,75 su 21 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Ewan McGregor. Un film con Ewan McGregor, Jennifer Connelly, Dakota Fanning, David Strathairn, Uzo Aduba. Cast completo Genere Drammatico - USA, 2016, durata 126 minuti. Uscita cinema giovedì 20 ottobre 2016 distribuito da Eagle Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,75 su 21 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi American Pastoral tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Seymour "Swede" Levov è un uomo d'affari ebreo che vive a Newark, New Jersey, la cui vita viene disturbata dagli sconvolgimenti politici degli anni '60 sotto la presidenza di Lyndon B. Johnson. In Italia al Box Office American Pastoral ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 734 mila euro e 352 mila euro nel primo weekend.

Passaggio in TV
giovedì 20 settembre 2018 ore 5,10 su SKYCINEMAHITS

American Pastoral è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,75/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,63
PUBBLICO 3,12
CONSIGLIATO SÌ
Buone le scelte di cast, ma l'esordio alla regia di Ewan McGregor non replica la magia delle parole di Philip Roth.
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 17 ottobre 2016
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 17 ottobre 2016

Durante un ritrovo di ex compagni di scuola, lo scrittore Nathan Zuckerman incontra il vecchio amico Jerry Levov, che gli racconta la storia di suo fratello Seymour, detto "lo Svedese", idolo sportivo del giovane Zuckerman. È la storia di un uomo che ha avuto tutto, la bellezza, la fortuna professionale, una moglie Miss New Jersey, e che ha visto il suo mondo andare in pezzi quando la figlia adorata, adolescente, compie un attacco terroristico, uccidendo un uomo e sparendo nella clandestinità. È la storia di un sogno di pace e prosperità e dell'ipocrisia nascosta in esso, della "desiderata pastorale americana" e della contropastorale, "l'innata rabbia cieca dell'America", nelle parole di Philip Roth, dal cui romanzo-capolavoro il film è tratto.
La parabola della sua vita, la piega che prende dopo una prima parte in cui ogni cosa che tocca sembra trasformarsi in oro, è ciò che fa dello Svedese l'uomo che è. Anche l'ebreo che è, nel senso letterario della condanna all'introspezione e del caricarsi di un senso di colpa senza prove, del tutto autoinflitto. Questo, il film non può renderlo al meglio: può fare del suo meglio per renderlo, ma è un'altra cosa ("Il basket è un'altra cosa, Skip"), perché quella è materia di un'altra natura, appartiene alla grande letteratura.
Il film di McGregor fa del suo meglio, non a caso, quando si tratta di attori: non solo la sua incarnazione di Seymour Levov è credibile, forse un po' troppo modellata sul personaggio che ha interpretato per Tim Burton in Big Fish (si direbbe che persino alcuni abiti siano gli stessi), ma capace di portare il peso del dramma sul volto, nello sguardo, prima che in gesti più plateali. Capace anche - lo si dice senza ironia - di incarnare il vuoto in certi sguardi, vuoto che nella storia è pieno di senso. E notevoli sono anche le interpretazioni di Dakota Fanning e di Jennifer Connelly, alle prese con un altro, differente "requiem" per il sogno americano.
Quello che il personaggio di McGregor, e il suo film in maniera speculare, non sanno fare, è rendere conto del passato dello Svedese, della sua aura di baciato dalla grazia e dalla sorte. Pur citandolo a parole, nella voice over di Zuckerman, "the magic trick that turns past into present", quel modo davvero magico di andare avanti e indietro e mescolare le carte della temporalità, che è del romanzo, il film non arriva mai nemmeno a sfiorarlo. Tra passato e presente, è costretto a scegliere, e opta per la formula della cornice, che è corretta, sicura, ma anche chiusa, museale, come la teca dietro la quale si conservano, irraggiungibili, i trofei sportivi dello Svedese.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
AMERICAN PASTORAL
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 25 ottobre 2016
gigiesse

Il perfetto Seymour Levov (detto lo Svedese), campione di football, bello e osannato da tutti sposa la perfetta Dawn, miss New Jersey, appassionata di vacche. La coppia va a gonfie vele, hanno una figlia, la loro fabbrica di guanti prospera. I problemi iniziano quando Merry (la figlia) comincia a crescere: balbetta (forse apposta), è ipersensibile ed ogni tanto ha comportamenti fuori dal normale, tuttavia [...] Vai alla recensione »

martedì 25 ottobre 2016
Alex2044

E' complicato trarre un film da un capolavoro assoluto come "American Pastoral" di Philip Roth . Bisogna quindi ringraziare Ewan McGregor che con la sua tenacia ha permesso la realizzazione di questo film con il conseguente rimbalzo di notorietà per il libro che la merita ampiamente . L'opera non è a livello del libro ma ciononostante la storia è talmente coinvolgente& [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 ottobre 2016
Vincenzo Ambriola

Lui è lo Svedese, un uomo ricco, bello e molto fortunato. E' anche ebreo. Lei è Miss New Jersey, bella, determinata, moglie dello Svedese. Merry è la loro adorata figlia. Tanta luce nella prima parte del film, luce che illumina la nascita di un amore, la nascita di una figlia e i primi anni felici di una famiglia americana come tante. Ma nel frattempo l'America va in guerra in Vietnam, i neri si ribellano, [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 novembre 2017
elgatoloco

"AMerican Pastoral"(2016)di Ewan MC Gregor "arranca"dietro all'oriiginale letterario, che, di circa vent'anni anteriore, è un capolavoro di quel genio della letteratura(non ancora, colpevolmente, insignito di un Nobel...)che è Pnihilp Roth, con la sua capacità di demistificare totalmente i"Sixties"(non certo"rolling", nella prospettiva [...] Vai alla recensione »

domenica 15 ottobre 2017
IuriV

  Ewan McGregor si è scelto una bella gatta da pelare per il suo esordio dietro la macchina da presa. Philip Roth è uno degli scrittori più difficili da portare sul grande schermo e la Pastorale Americana risulta senz'altro uno dei suoi lavori più importanti e significativi. Ma l'ex-Renton sembra consapevole di queste cose e decide di approcciarsi al [...] Vai alla recensione »

domenica 6 novembre 2016
Francesco Izzo

Mah...insomma.... Nella interessante rappresentazione di una drammatica storia familiare dell'America anni 50-60, la cosa che mi ha negativamente più colpito è stato il comportamento della psicoterapeuta della giovane Meredith. Il colpo di scena era voluto, d'accordo, ma trovo una cosa del genere così poco verosimile da inficiare quasi tutta la credibilità del film. [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 giugno 2017
Valter Chiappa

L’ineluttabile necessità del male. Come poteva concepirla Seymour Levov, lo Svedese? Bello, generoso, campione idolatrato, abile imprenditore. Una vita perfetta, divisa fra la fabbrica, modello di integrazione, e la casa di campagna, dove una moglie bellissima, ex Miss New Jersey, fa da principessa consorte del suo regno illuminato. Invece il male, inspiegabile, c’è.

venerdì 4 novembre 2016
filippotognoli

Da accanito lettore e grande amante dei romanzi di Roth, non potevo non vedere il film tratto dal suo piu' celebre libro. Le mie aspettative erano basse, in quanto ritengo molto difficile, se non impossibile, rendere sul grande schermo una storia ed un argomento tanto complesso e ben scritto su carta. C'era anche un precedente di qualche anno fa, che mi aveva terribilmente deluso ("la [...] Vai alla recensione »

martedì 1 novembre 2016
maumauroma

E' proprio vero, la vita, come la fortuna, con una mano da' e con l'altra prende. E il Destino e' come un grande burattinaio che con i suoi fili conduce e regola le nostre esistenze. Ne sapra' qualcosa Seymour Levov, giovane e bello, campione di football, erede di una facoltosa famiglia ebrea fabbricante guanti. Egli, una volta abbandonato lo sport, sposera' una donna bellissima, rilevera' l'azienda [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 ottobre 2016
Flyanto

Liberamente tratto dall'omonimo romanzo di Philip Roth, il film racconta di un uomo (Ewan Mc Gregor), denominato nella sua comunità cittadina "lo Svedese", il quale riscontra un pieno successo sia sul piano professionale che su quello sentimentale e conseguente ammirazione in tutti coloro che lo circondano. Costruitosi una bella famiglia dopo aver sposato l'affascinante ex Miss New Jersey ed avere [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 ottobre 2016
vanessa zarastro

Per la sua prima regia, Ewan Mc Gregor avrebbe fatto meglio a scegliere un tema meno difficile. Tratto dal libro omonimo di Philip Roth con cui nel 1997 vinse il Premio Pulitzer, il film American Pastoral presenta tutti i problemi tipici di una trasposizione dallo scritto alle immagini in movimento. Il protagonista Seymour Levov (lo stesso Ewan Mc Gregor) – idolo sportivo universitario del basket [...] Vai alla recensione »

lunedì 24 ottobre 2016
Flaw54

Non ho letto il romanzo di Roth e non posso logicamente fare un confronto. Il film però ha un sua fascino nella lentezza e nella ripetitività dei gesti che esprimono il dramma inesorabile dello svedese e di sua moglie e nel complesso di tutto il sogno americano. Manca secondo me una rapresentazione più forte e decisa nella prima parte dell' aristocratico  mondo all' [...] Vai alla recensione »

sabato 18 febbraio 2017
Liuk

Film discreto con trama difficile e pesante da digerire ma resa in maniera intelligente senza risultare troppo noiosa. Buono il cast e la recitazione. La morale di fondo ci lascia la domanda su cosa dovremmo fare davanti ad una figlia come quella. Risultato complessivo più che sufficiente.

sabato 10 dicembre 2016
marcello1979

 Si, da vedere anche se preferisco rileggere "Espiazione" piuttosto che vedere un uso film. Apprezzo il tentativo ed il coraggio ma c'e' una grande differenza tra scrivere un libro e provare a girare un film.. Positivo il tentativo di "sdoganare" al cinema il Roth più antico.. Nulla a che vedere con "l'Animale Morente".

domenica 29 ottobre 2017
Fedemax

Probabilmente sottovalutato dalla critica, come esordio alla regia rappresenta un ottimo film, nonostante la difficolta a trattare certi temi. 

domenica 30 ottobre 2016
LBavassano

Probabilmente impeccabile, formalmente impeccabile trasposizione cinematografica del celebrato romanzo di Philip Roth. Piatta però, talmente piatta che pure le diverse citazioni hopperiane dell'immagine non sorprendono, si immiseriscono in bella calligrafia. Si ripropone l'eterna questione dell'utilità ed il danno del cinema per la letteratura (e viceversa).

Frasi
"La vita è quel periodo di tempo che va dalla nascita alla morte"
Merry Levov (Dakota Fanning)
dal film American Pastoral - a cura di Carla Gioacchini
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Paolo D'Agostini
La Repubblica

Così scrive Philip Roth in Pastorale americana (1997): «Sto pensando agli anni 60 e alla confusione provocata dalla guerra nel Vietnam, a come certe famiglie persero i figli e certe famiglie no, e a come la famiglia di Seymour Levov fu una delle prime: famiglie piene di tolleranza e di buona volontà, una buona volontà amorevole, ben intenzionata, progressista; e furono i figli di queste famiglie a [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

II falso problema è se un film a base letteraria debba essere valutato secondo un criterio di fedeltà al testo. Certo che no, un film vive di vita propria: però quando il romanzo ispiratore è un capolavoro, è raro che il cinema sia all'altezza. Nessun dubbio che l'attore Ewan McGregor, qui alla sua prima prova di regia, abbia affrontato con impegno l'impresa di trasporre sullo schermo American Pastoral [...] Vai alla recensione »

Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Dal romanzo di Philip Roth (Pulitzer 1998). Ora che si ripresentano mitiche elezioni americane, fa bene ricordarlo: nel "sogno" ci fu un punto di rottura, la scoperta del rifiuto, la rivolta violenta al razzismo, alla famiglia borghese, all'ingiustizia, all'ipocrisia del consenso, gli anni '60. A queste radici delle distorsioni nei decenni seguenti fino a oggi Roth dedica il "risveglio" dell'eroe illuso, [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

C 'è da chiedersi cosa sia saltato in mente a Ewan McGregor per decidere di confrontarsi con un libro premio Pulitzer, come quello di Philip Roth (in Italia, edito da Einaudi e in vendita a 14 euro), capace di raccontare, in maniera profonda e complessa, il conflitto generazionale che, a partire dagli anni '60, si scatenò, via via, tra i figli del boom economico e quelli del '68, disgregando non solo [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati