The Water Diviner

Film 2014 | Drammatico +16 111 min.

Regia di Russell Crowe. Un film Da vedere 2014 con Russell Crowe, Olga Kurylenko, Jai Courtney, Yilmaz Erdogan, Cem Yilmaz. Cast completo Genere Drammatico - Australia, Turchia, USA, 2014, durata 111 minuti. Uscita cinema giovedì 8 gennaio 2015 distribuito da Eagle Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,00 su 26 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi The Water Diviner tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Russell Crowe protagonista e regista di un dramma che omaggia la storia della terra che gli ha dato i natali. In Italia al Box Office The Water Diviner ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 1 milioni di euro e 526 mila euro nel primo weekend.

The Water Diviner è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,00/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,83
PUBBLICO 3,17
CONSIGLIATO SÌ
Attratto da una forma di narrazione molto classica, Crowe ricalca personaggi e situazioni già visti sul grande schermo.
Recensione di Giancarlo Zappoli
sabato 27 dicembre 2014
Recensione di Giancarlo Zappoli
sabato 27 dicembre 2014

1919. L'agricoltore australiano Joshua Connor, ormai solo dopo la morte della moglie, decide di partire per la Turchia. Da lì, e più precisamente da Gallipoli, non hanno fatto mai ritorno i suoi tre figli partiti anni prima per combattere nell'ANZAC (Australian and New Zealand Army Corps). Connor dovrà superare gli ostacoli frapposti dalla struttura burocratica dell'esercito ma troverà un valido aiuto nel maggiore Hasan che nel corso della guerra si trovava sul fronte opposto.
Quando in un film risuona il nome di Gallipoli la memoria dell'appassionato di cinema non può non ritornare a Gli anni spezzati di Peter Weir. Si tratta di un modello inarrivabile e Russell Crowe ne è sicuramente consapevole nel momento in cui affronta la sua prima regia tornando ad occuparsi di quello che fu letteralmente un massacro di giovani soldati australiani che già, a poca distanza dagli avvenimenti, venne portato sugli schermi australiani da ben due società di produzione cinematografica. Se però Weir lo raccontava dall'interno, Crowe decide di omaggiare la storia della terra che gli ha dato i natali partendo da un doppio esterno. Inizialmente infatti veniamo collocati non nelle postazioni australiane ma invece nelle trincee turche e a seguire siamo condotti a 9000 miglia di distanza in Australia dove Connor, quattro anni dopo, deve combattere quotidianamente con l'assenza dei figli e con il senso di colpa per aver consentito loro di partire. Connor è un rabdomante e così come è abile nel trovare corsi d'acqua sotterranei sente il bisogno di estrarre dalla terra martoriata dai combattimenti i corpi di coloro a cui ha dato la vita.
Crowe è stato attratto da una scoperta fatta dallo sceneggiatore australiano Andrew Anastasios il quale ha letto, in un rapporto del colonnello incaricato delle ricognizioni su quello che era stato un campo di battaglia, questa frase: "Un vecchio è riuscito ad arrivare qui dall'Australia per cercare la tomba di suo figlio". Crowe non si traveste da vecchio e si permette anche una storia d'amore fatta di sguardi e di frasi reticenti ma si percepisce l'interesse che ha per una storia che parla di atrocità ma anche della possibilità di trovare negli esseri umani (anche di coloro che erano 'nemici' da eliminare) dei punti di condivisione. Si lascia però attrarre da una forma di narrazione molto classica che in più di un'occasione ricalca personaggi e situazioni già visti sul grande schermo. Il suo tocco personale (si potrebbe dire anche l'intenzione nascosta che lo ha spinto a dirigere questa storia) lo si avverte nella scena ripetuta in cui i tre fratelli si ritrovano feriti insieme. Ognuno esprime la propria sofferenza in modo diverso e proprio per questo l'assurdità della guerra (e di quel massacro in particolare) emerge con particolare forza.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
THE WATER DIVINER
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD

-
-
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 10 gennaio 2015
Space.66

Bel film con scenari e paesaggi suggestivi. I colori e le luci sono mozzafiato. Interessante il punto di vista del regista riguardo ai fatti storici accennati. Non vuole essere un rifacimento degli Anni Spezzati di Peter Weir, è una storia d'amore, di speranza e, soprattutto, di riconciliazione. Il  rispetto e l'amicizia che nasce tra il protagonista e l'ufficiale dell'esercito [...] Vai alla recensione »

mercoledì 14 gennaio 2015
Zarar

Questo film dà le stesse sensazioni che dà la lettura di un buon vecchio romanzo d’autore dell’Ottocento, e lo dico senza ironia e senza nessuna connotazione negativa: non ci troverete niente di nuovo, ma con vero piacere troverete alcune cose di cui scoprirete di sentire ancora il fascino: un impianto lineare, un focus preciso, una forte struttura narrativa, caratteri delineati [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 gennaio 2015
romifran

L'antico proverbio persiano "Possa tu sopravvivere ai tuoi figli" è, in realtà, una straziante maledizione. Nessuno dovrebbe sopravvivere ai propri figli. E chi vive questa tragica fatalità si allontana invariabilmente dalla capacità di amare. Cresce il livore, cresce l'odio per la vita, al punto che, dalla vita, si finisce col volersi allontanare.

sabato 10 gennaio 2015
Ruger357MgM

Non si possono chiedere al roccioso Russell piú di tre o quattro espressioni facciali,espone i bicipiti, ammicca con lo sguardo ceruleo e assassino ma più di questo, onestamente, non potremmo pretendere, dall'attore.Il regista, invece ci offre un prodotto inconsueto su un tema anch'esso fuori dagli schemi.Nel centenario della grande guerra ,torna a Gallipoli , luogo sacro per [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 gennaio 2016
Luigi Chierico

Un padre si mette alla ricerca dei tre figli andati a combattere dalla lontanissima Australia in Europa,in Turchia,durante la prima guerra mondiale.Quella guerra che vide morire oltre 17.000.000 di persone e con 20.000.000 di feriti e mutilati.Le scene sono tutte molto belle sebbene riportino molti momenti strazianti di corpi orribilmente mutilati:per uscire dalle trincee occorreva scavalcare montagne [...] Vai alla recensione »

giovedì 19 marzo 2015
Rosenkreutz

Il film narra le vicende di un agricoltore e rabdomante australiano alla ricerca delle tombe dei suoi tre figli, mai più tornati dalla battaglia di Gallipoli (Turchia) del 1915. È ben fotografato e ben recitato, tuttavia distorce la realtà dei fatti storici quando fa apparire, nella parte finale del film, i Turchi le vittime e i Greci i carnefici. Le cose stanno esattamente all'inverso.

mercoledì 7 gennaio 2015
Lucrezia Bordi

 Sono passati quattro anni dal termine della sanguinosa battaglia turca di Gallipoli e le ferite all’interno degli animi umani ancora non sono cicatrizzate. In uno scenario devastato e drammatico, l’agricoltore australiano Joshua Connor (Russell Crowe) decide di intraprendere un viaggio volto alla ricerca dei suoi figli, scomparsi a seguito della guerra.

giovedì 15 gennaio 2015
Flyanto

 Film in cui si narra di un uomo che vive in una landa sperduta dell'Australia nei primi decenni del secolo scorso e che ha la grande capacità di riuscire a trovare sorgenti d'acqua assai ben nascoste. Terminata la Prima Guerra Mondiale, alla notizia della morte dei suoi tre figli avvenuta in Turchia, come quella di tanti altri soldati inglesi lì inviati e dopo anche la conseguent [...] Vai alla recensione »

domenica 11 gennaio 2015
midnight

Film dalle forti emozioni, forse da vietare ai minori di 14 anni. Immagini della prima guerra mondiale molto ben realizzate e molto dure. Russell Crowe ha diretto il film forse meglio di come lo ha interpretato, riuscendo ugualmente a trasmettere al pubblico quel senso di impotenza e di sconfitta che lasciano le guerre tanto da lasciare il pubblico presente in sala  fermo ed in silenzio per almeno [...] Vai alla recensione »

martedì 4 aprile 2017
Giorpost

Joshua Connor è un esperto rabdomante dello Stato del Victoria, proprietario di un terreno in aperta campagna australiana; vive con sua moglie in piena solitudine e con un grande rimorso: non aver saputo più notizie dei loro tre figli maschi, partiti come volontari un lustro prima alla volta dell'Impero Ottomano per affiancarsi all'esercito britannico in una guerra “di [...] Vai alla recensione »

mercoledì 8 giugno 2016
Filippo Catani

Al termine del primo conflitto mondiale un padre australiano parte in cerca dei figli scomparsi al termine della terribile battaglia di Gallipoli per poter dar loro sepoltura accanto al corpo della madre. Russell Crowe si mette dietro alla macchina da presa per dirigere se stesso in quello che se vogliamo è primariamente un dramma familiare con un padre alla disperata ricerca di risposte sulla [...] Vai alla recensione »

lunedì 25 gennaio 2016
enzo70

Crowe si cimenta, per la prima volta da regista, in uno dei suoi generi preferiti, il film di ambientazione storica; e questa volta lo scenario è in Turchia, durante la prima guerra mondiale. Le forze alleate cercano di colpire al cuore l’impero Ottomano a Gallipoli, nello stretto dei Dardanelli; è uno delle più clamorose sconfitte dell’esercito guidato dagli inglesi, [...] Vai alla recensione »

venerdì 12 giugno 2015
Alexander 1986

Turchia, 1919. La prima guerra mondiale è finita per tutti tranne che per i genitori che hanno perso i figli in guerra. Per mantenere una promessa fatta alla moglie, l'agricoltore australiano Joshua Connor (Russell Crowe) compie un lungo viaggio fino a Istanbul e dintorni alla ricerca delle salme dei suoi tre figli. È come cercare un ago in un pagliaio ma Joshua è uno di quegli uomini capaci di trovare [...] Vai alla recensione »

domenica 8 marzo 2015
ultimoboyscout

Alcuni anni dopo la fine della battaglia di Gallipoli (in Turchia) in cui, durante la Prima Guerra Mondiale, morirono quasi 9mila soldati dell'ANZAC, l'esercito composto da australiani e neozelandesi, un agricoltore aussie col sesto senso per trovare l'acqua, parte alla volta di quei luoghi alla ricerca dei tre figli dispersi per riportarli in patria o almeno dar loro degna sepoltura.

sabato 10 gennaio 2015
Hidalgo

Avventura, buoni sentimenti, belle ambientazioni e qualche falla nella sceneggiatura. Russell Crowe debutta alla regia con un film profondamente imperfetto ma assolutamente ammirevole nelle intenzioni e anche nei contenuti. "The Water Diviner" è una bella storia di speranza, amore e perdono. I fatti narrati si svolgono 4 anni dopo la battaglia di Gallipoli, pezzo di storia doloroso e importante per [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 gennaio 2015
Conte di Bismantova

Trattasi del primo film della storia del cinema occidentale dove i turchi stanno dalla parte dei buoni o sbaglio? Il ritrovamento del figlio nel monastero è una cosa un po' sognante, d'accordo, ma era il colpo di scena necessario ad asciugarci le lacrime. I tre minuti di agonia dei fratellini - e di tutta la collina - è un passaggio talmente intenso da togliere il respiro.

sabato 10 gennaio 2015
giank51

Il limite di questo film è un eccesso di temi proposti. Nella prima parte si dispiega un buon preambolo storico e la figura di R. Crowe si delinea bene con convincenti motivazioni. Il film continua portandosi a Istambul anche qui con notevoli effetti scenici e spunti culturali: confronto di  mentalità, religione, abitudini di vita.

mercoledì 19 agosto 2015
Liuk

Un bel lavoro di Crowe and company che fanno diventare interessante una storia che non lo è. Un film di guerra, azione, amore, dramma etc simil kolossal ma non pesante o troppo incentrato sugli effetti speciali. lo consiglio.

venerdì 9 gennaio 2015
Space66

Bel film. Coinvolgente e commovente. Una splendida fotografia. Gli scenari tra Turchia e Australia sono mozzafiato. Interessante il punto di vista del regista sugli avvenimenti storici. Un pezzo di storia poco conosciuto da noi italiani e, secondo me, ben narrato. Ottimo cast. Russell Crowe è una garanzia. Sono rimasta colpita da Ryan Corr, una presenza breve ma intensa.

sabato 10 gennaio 2015
Space.66

Film bello !

mercoledì 31 maggio 2017
Onufrio

Russell Crowe, regista e protagonista di questo film ambientato nel periodo post prima guerra mondiale, siamo nel 1919, l'australiano Joshua Connor (R.Crowe) vive con la moglie nelle desolate terre australiane, i due non si rassegnano alla morte dei tre figli impegnati nel conflitto in Turchia, tanto che la moglie si suicida. A quel punto, Joshua decide di esaudire il desiderio della propria moglie, [...] Vai alla recensione »

domenica 11 gennaio 2015
River86

Film noioso molto monotono.L'unica cosa  carina è  la storia che nasce tra i due protagonisti..ma per il resto un film deludente

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Paolo D'Agostini
La Repubblica

Con la sua prima esperienza da regista l'attore neozelandese Russell Crowe, star hollywoodiana di prima grandezza da quando, quindici anni fa, è stato Il gladiatore per Ridley Scott, torna su un episodio storico che già aveva ispirato il film Gli anni spezzati del regista australiano Peter Weir, nel 1981. Oggi, in più, Crowe può contare sul favore, e la conseguente crescita di attenzione, del centenario [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Conferma l'onestà artistica di Russell Crowe il fatto che per la sua prima regia abbia scelto un soggetto legato a un episodio tanto profondamente radicato nella memoria storica del suo Paese, e già affrontato in modo magistrale in Gli anni spezzati dal connazionale Peter Weir. Ovvero quella sanguinosa battaglia di Gallipoli, in cui nell'aprile 1915 persero la vita molti dei 35 mila soldati neozelandesi [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Connor (Crowe) è un omone australiano che trova l'acqua nel deserto, legge Le mille e una notte ai fantasmi dei figli e accudisce una moglie affranta con tendenze suicide. I suoi tre ragazzi sono stati dichiarati dispersi dopo la campagna di Gallipoli, dove novemila australiani persero la vita tra le fila degli Alleati contro l'Impero Ottomano. Quattro anni dopo (intorno al 1920), Connor parte per [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati