Storia di una ladra di libri

Film 2013 | Drammatico 125 min.

Regia di Brian Percival. Un film con Geoffrey Rush, Emily Watson, Sophie Nélisse, Ben Schnetzer, Nico Liersch. Cast completo Titolo originale: The Book Thief. Genere Drammatico - USA, Germania, 2013, durata 125 minuti. Uscita cinema giovedì 27 marzo 2014 distribuito da 20th Century Fox. - MYmonetro 2,64 su 77 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Storia di una ladra di libri tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Durante l'ascesa del nazismo e il perpetrarsi degli orrori della seconda guerra mondiale in Germania, la giovane Liesel Meminger trova conforto rubando libri per condividerli con gli altri, mentre i genitori adottivi nascondono un fuggitivo ebreo in casa. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, 1 candidatura a Golden Globes, 1 candidatura a BAFTA, In Italia al Box Office Storia di una ladra di libri ha incassato 3,6 milioni di euro .

Storia di una ladra di libri è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,64/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 1,75
PUBBLICO 3,80
CONSIGLIATO NÌ
Con una regia classica e didascalica Brian Percival realizza un film comunicativo, in grado di catturare lo spettatore e donargli un insegnamento veramente sentito.
Recensione di Marzia Gandolfi
domenica 2 marzo 2014
Recensione di Marzia Gandolfi
domenica 2 marzo 2014

Germania, 1939. Liesel Meminger è una ragazzina di pochi anni che ha perduto un fratellino e rubato un libro che non può leggere perché non sa leggere. Abbandonata dalla madre, costretta a lasciare la Germania per le sue idee politiche, e adottata da Rosa e Hans Hubermann, Liesel apprende molto presto a leggere e ad amare la sua nuova famiglia. Generosi e profondamente umani gli Hubermann decidono di nascondere in casa Max Vandenburg, un giovane ebreo sfuggito ai rastrellamenti tedeschi. Colto e sensibile, Max completa la formazione di Liesel, invitandola a trovare le parole per dire il mondo e le sue manifestazioni. Perché le parole sono vita, alimentano la coscienza, aprono lo spazio all'immaginazione, rendono sopportabile la reclusione. Fuori dalla loro casa intanto la guerra incombe e la morte ha molto da fare, ricoverando pietosa le vittime di Hitler e dei suoi aguzzini, decisi a fare scempio degli uomini e dei loro libri.
Adattamento del romanzo di Markus Zusak, Storia di una ladra di libri è un racconto di formazione ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale in un piccolo villaggio della Germania. Nato da un'urgenza e dall'infanzia dell'autore, il libro di Zusak descrive una crescita forzata e indotta dalla crudeltà degli uomini. Ma la violenza della guerra e l'assurdità del mondo degli adulti vengono fiaccate dai libri e dalla letteratura, corsie preferenziali per la conoscenza. E attraverso i libri la giovane protagonista abbandona la superficialità tipica dell'età e impara a leggere (tra le righe), capendo quello che la circonda, scoprendo i misteri della vita e della sua assenza. Tradotto in trenta lingue, "La bambina che salvava i libri" è sceneggiato da Michael Petroni (Le Cronache di Narnia - Il viaggio del veliero) e diretto da Brian Percival (Downton Abbey), che decide per una regia classica e decisamente didascalica. Messa in scena che non rivoluziona il genere ma rende il film accessibile e concentrato sul suo soggetto: la dittatura dell'incultura. L'innocenza della protagonista si scontra presto coi terribili 'uomini grigi' di Hitler, che rubano 'il tempo' a chiunque osi contrariarli. E al fuoco della loro follia, la piccola Liesel sottrae i libri, unendo l'attenzione per gli altri alla forza di un sorriso. La speranza risiede nei suoi gesti e in quelli dei suoi genitori, nella loro voglia di libertà, nel loro bisogno comunitario, nel loro amore per il prossimo. Se Hitler ordina ai suoi 'figli' di bruciare i libri, un padre protegge sua figlia dall'orrore grazie alle parole di quei libri. Perché l'arte è una sorta di coscienza salutare, e in quegli anni bui provvidenziale a risollevare le persone dall'umiliazione e dall'ignominia subita. Racconto edificante, Storia di una ladra di libri partecipa a una tendenza attuale che mostra cittadini tedeschi irriducibili e resistenti contro lo stato delle cose. Impeccabilmente interpretato da Geoffrey Rush, Emily Watson e la giovane Sophie Nélisse, abile nell'esibire l'anima più genuina dell'infanzia e a far conoscere tutta la vulnerabilità della fase più delicata nello sviluppo di un individuo, Storia di una ladra di libri rivela una superficie liscia e una narrazione senza asperità. Il film 'storico' di Brian Percival ha tutte le caratteristiche ma anche i limiti di uno spettacolo familiare, che rinuncia alla (più) complessa costruzione del romanzo per una maggiore presa spettacolare. 'Ricostruttore', piuttosto che autore, il regista inglese pasticcia con la 'mortale' voce fuori campo, che dovrebbe essere il filtro tra gli accadimenti e il lettore e finisce invece per penalizzare la storia, intervenendo approssimativamente sullo svolgimento. Nella versione originale poi, in italiano il doppiaggio assorbe il garbuglio linguistico, intercala l'inglese col tedesco, impiegato come mero richiamo realistico ed elementare décor sonoro. Nondimeno Storia di una ladra di libri resta un film comunicativo, in grado di catturare lo spettatore e donargli un insegnamento veramente sentito. Perché per Brian Percival i libri hanno un valore rilevante, culturale e formativo. Insieme al cinema, possono veicolare contenuti importanti, farsi serbatoio dei capitoli della storia universale della formazione umana, nutrimento dell'immaginario, senza rinunciare ad emozionare.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
La Morte e la fanciulla salva grazie alla lettura.

Percival adatta il romanzo di Zusak Markus.

Dato tra i favoriti nella corsa alle nomination agli Oscar, il film è la trasposizione cinematografica del best-seller di Markus Zukas "La bambina che salvava i libri": oltre 7 milioni di copie vendute in tutto il mondo e per quattro anni nella classifica dei migliori libri di sempre stilata dal New York Times. Si tratta del debutto alla regia cinematografica di Brian Percival, pluripremiato regista della serie tv Downton Abbey ed ha per protagonisti Geoffrey Rush, Emily Watson e la giovane rivelazione Sophie Nélisse (Monsieur Lazhar), tutti dati per possibili candidati agli Academy Awards. Sono gli anni del potere di Hitler e della Seconda Guerra Mondiale. Lo spettatore assiste alle vicende di cui è protagonista la piccola Liesel Meminger (Sophie Nélisse), affidata dalla madre incapace di mantenerla ai coniugi Max (Geoffrey Rush) e Rosa (Emily Watson). Liesel non ha frequentato la scuola, ma attraverso gli insegnamenti del suo nuovo papà, durante lunghe notti trascorse con lui a studiare, impara ben presto a leggere. È grazie all'amore per la lettura che supera l'iniziale diffidenza verso Max (Ben Schnetzer), un ebreo tedesco che i suoi genitori nascondono nel sottoscala della loro cantina. Insieme a lui legge i romanzi che salva dai roghi nazisti o ruba dalle biblioteche. Per entrambi l'immaginazione diventa l'unico modo per sfuggire all'orrore nazista che si scatena intorno a loro... Un film ricco di emozioni che affronta temi universali come l'amicizia, la forza dell'animo umano, il potere delle parole e la capacità di trovare la bellezza nascosta anche nei luoghi più bui.

STORIA DI UNA LADRA DI LIBRI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 22 febbraio 2014
Jameshs

Ciò che rende a mio avviso questo film una piccola gemma è l'interpretazione magistrale del cast, a cominciare dalla piccola Sophie Nélisse, straordinaria nel dipingere Liesel, Emily Blunt e Geoffrey Rush nei panni degli Hubermann, coniugi affidatari della bambina. Sentiamo come una potenza positiva che ci pervade una volta terminata la visione, che vorremmo saper esprimere a parole, quelle che la [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 marzo 2016
SergioFi

Dare un senso alla propria vita può diventare un problema angosciante per gli umani. Tanto più quanto più le vicende personali e il contesto storico sembrano travolgere ogni possibile speranza di futuro. Nella cupa Germania nazista del 1939 condizionata dagli scellerati comandamenti di Hitler, l'esistenza della piccola Liesel Meminger (l'eccellente Sophie Nélisse, già ammirata l'anno prima in "Monsieur [...] Vai alla recensione »

domenica 30 marzo 2014
Luigi Chierico

Mentre sulla Germania col nazismo incombe sul mondo la morte che porterà il buio negli occhi che si spengono e nell’anima dei sopravissuti, oscurità delle coscienze e del pensiero, incontriamo in questo film uno spiraglio di luce, un candore di immagini e di nobili sentimenti: il rispetto, l’amore-devozione, la carità,la gratitudine,il sacrificio,la pietà ed il dolore dell’anima.

domenica 23 marzo 2014
no_data

Colpiscono alcuni tratti del film. La signora Rosa Hubermann che inizialmente è spinta a togliersi il problema di Max anche suggerendo al marito di denunciarlo il giorno dopo, ma durante il film il sentimento si trasforma completamente, mettendo in risalto la debolezza e il voler scappare dalle responsabilità che spesso è l'atteggiamento di chi non riesce a sopportare già [...] Vai alla recensione »

venerdì 28 marzo 2014
rita branca

  La storia di una ladra di libri  (2013) film di Brian Percival con Sophie Nélisse, Geoffrey Rush, Emily Watson, Ben Schnetzer, Nico Liersch e molti altri   Un altro film sull’olocausto che colpisce immediatamente per la magnifica fotografia, per la recitazione convincente e la bravura dei protagonisti, sia quelli già  notissimi come Geoffrey Rush e [...] Vai alla recensione »

lunedì 19 maggio 2014
DarkEnry

Storia di una ladra di libri (in inglese The Book Thief), tratto dal romanzo di Markus Zusac “La bambina che salvava i libri” (in inglese sempre The Book Thief), è un film del 2013 (da noi uscito solo il 27 marzo di quest’anno) diretto da Brian Percival con Geoffrey Rush, Emily Watson e Sophie Nélisse.   Il film è ambientato nella Germania nazista [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 aprile 2014
Mickey97

Storia di una ladra di libri è Il Film che tramite il dramma scaturito dell'epoca nazista fa commuovere, e lascia il segno, un ricordo di sè per far sì che non si dimentichi in fretta, ma risulta nel contempo meritevole di nota sia per intensità che profondità. Liesel è una ragazzina analfabeta, adottata in occasione dell'ascesa del nazismo da una coppia [...] Vai alla recensione »

domenica 15 febbraio 2015
giannies

Questo film l'ho trovato molto diverso da altri che trattano il tema della Shoah. "Storia di una ladra di libri" è un racconto originale, che intende sottolineare in questo cupo scenario dell'Olocausto non solo il dolore delle vittime dirette quali gli ebrei, gli scuri di pelle ecc. ma anche del popolo tedesco stesso, costretto a sopprimere le proprie idee e i propri pensieri per il terrore di poter [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 febbraio 2015
Ella69

Non si tratta di un semplice film, per me si è trattato di un’esperienza di vita, mi ha permesso di riflettere sui temi fondamentali quali la vita e la morte, la crudeltà della guerra,il valore degli affetti. Mi ha permesso di provare emozioni forti, ho pianto e gioito con la protagonista, ho compreso che il valore delle persone va al di là di qualunque etichetta e qualunque definizione.

sabato 1 novembre 2014
Antonietta DAmbrosio

 La parola scritta che attutisce il dolore, porta colore e vita agli occhi che non possono vedere e mani che non possono toccare, conduce lontano dall'orrore di una guerra tanto narrata, ma non per questo sostenibile per l'odio e la ferocia di uomini così lontani dall'essere umani. E chi vince davvero in questa storia è l'amore, l'amicizia, la solidarietà, [...] Vai alla recensione »

martedì 6 maggio 2014
enzo70

Una vera delizia questo film proposto da Brian Percival. Un modo intelligente di da un po’ di luce alla follia nazista attraverso l’umanità di chi, silenziosamente, l’ha combattuto. Senza proclami, senza slogan, attraverso azioni quotidiani, eroi senza atti di eroismi, uomini solo uomini. La protagonista, Liesel, interpretata da Sophie Nelisse, è una orfana adottata [...] Vai alla recensione »

martedì 29 aprile 2014
DOMENICO RIZZI

Bello, avvincente e un po' bradburyano - alludendo al clima di Fahrenheit 451 - questo film di Brian Percival, sostenuto da una splendida scenografia e ottimamente interpretato da una giovanissima attrice canadese di soli 14 anni. La storia, molto semplice e pulita - priva di implicazioni erotiche, ma ricca di sentimento - è quella di gente comune, travolta prima dall'inarre [...] Vai alla recensione »

martedì 8 aprile 2014
Pascale Marie

Il film di Brian Percival mi è piaciuto molto e mi ha emozionata. Il cast è assolutamente giusto per ciascuna parte, soprattutto Emily Watson che trovo sempre molto brava ed intensa. Ho trovato altrettanto straordinaria la scelta per il ruolo di Liesel, la piccola amante dei libri, con quegli occhi grandi nel suo visino di porcellana. Non è solo una storia che racconta la tragedia [...] Vai alla recensione »

sabato 5 aprile 2014
cizeta

Liesel è una giovane ragazzina analfabeta che trascorre gli anni della II guerra mondiale con una famiglia adottiva: la mamma, oppositore politico al regime nazista, è costretta a lasciare la Germania e la sua famiglia per evitare le persecuzione nazista.  Liesel, che perde il giovane fratellino nel viaggio verso la nuava famiglia, si trova presto sola in un mondo diverso da quello [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 aprile 2014
terbru

Storia di una ladra di libri,  affronta argomenti molto toccanti come le leggi razziali durante il periodo nazista, la vita degli ebrei e dei giovani tedeschi che si trovano a dover scegliere se rispettare tali leggi oppure provare a scegliere una via diversa. Una ragazzina, Liesel, costretta dal regime a rinunciare alla sua famiglia, viene mandata a vivere con una famiglia che la prende in [...] Vai alla recensione »

lunedì 31 marzo 2014
Flyanto

 Film che racconta la storia di una bambina di nome Liesel che durante l'ascesa del Nazismo viene adottata da una coppia di tedeschi perchè rimasta orfana ed ormai sola al mondo. Nel corso di questa sua nuova realtà ella diventa l'inseparabile amica di un bambino, suo vicino di casa, con cui trascorrerà gran parte delle proprie giornate.

domenica 22 febbraio 2015
Jayan

Un capolavoro di Percival, che ha arricchito di sentimenti il freddo romanzo che, non si sa come, ha avuto successo prima del film. Gli attori sono poi straordinari, da Geoffrey Rush a Sophie Nelisse e gli atri, tutti molto bravi. Il film commuove e trasmette l'amore per la cultura. Saranno i libri, i genitori adottivi, un compagno dai capelli biondi e un ospite inatteso, ebreo, che renderanno [...] Vai alla recensione »

martedì 22 aprile 2014
frabov

Geoffrey rush e emily watson sono impeccabili, una delle due stelle è per loro. Nota di merito amche per bob schnetzer e per la bellezza angelica della ragazza. Purtroppo il film è poco riuscito, farraginoso ed edulcorato, con sprazzi neosavistici e intenti moralistici di bassa lega. Terribile é la scelta della morte come voce fuori campo, i dialoghi sono poco credibili e alcune [...] Vai alla recensione »

sabato 5 aprile 2014
Jayan

Capolavoro di Percival sul nazismo in Germaniattraverso gli occhi di una ragazza che aveva perso la madre comunista (uccisa dai nazisti) e che viene adottata da una coppia (un ottimo Geoffrey Rush come padre adottivo). Ottima registrazione e fattura del film. Non sono d'accordo con chi lo definisce didascalico. Che problema c'è se un film ci insegna qualcosa? Tutti i film dovrebbero [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 aprile 2014
terbru

Un film per nulla retorico che tratta temi delicati senza essere nè troppo violento nè crudo. Io credo invece che sia un film perfetto, giusto così  anche per i bambini, perché getta una luce nuova su uno degli orrori più incredibili della storia dell’uomo. Io non mi sono neanche chiesto dove il film volesse andare a parare, per una volta.

venerdì 4 aprile 2014
scamas

Storia di una ladra di libri è un film  che racconta le condizioni di una guerra terribile, che ha portato milioni di morti, da un punto di vista diverso, quello di una famiglia di civili costretta a subire in silenzio le decisioni provenienti dall'alto, in anni in cui bisognava stare attenti persino alle persone con le quali ci si fermava a scambiare due parole.

mercoledì 2 aprile 2014
Nino Pell.

Il film mostra in primo piano la storia di alcune persone di buon animo che purtroppo furono costrette a vivere, durante il periodo di poco antecedente alla seconda Guerra mondiale, all'interno di una Germania dominata dal Nazismo che causò non solo distruzione e rovine all'esterno del proprio paese, ma soprattutto anche indirettamente all'interno delle proprie stesse frontiere.

lunedì 1 giugno 2015
inall3

La “Storia di una ladra di libri” (20thCenturyfox, diretto da Brian Percival, con protagonisti Geoffrey Rush ed Emily Watson  è la trasposizione cinematografica del romanzo “La bambina che salvava i libri” di Markus Zusak, scritto nel 2005), è una storia che fa breccia nella mente e nel cuore. La pellicola è la sequenza di sguardi di [...] Vai alla recensione »

mercoledì 28 gennaio 2015
Eleonora Panzeri

Una voce fuori campo, profonda quasi ammiccante ma quanto mai sconcertante se pensiamo che si tratta della morte. Una verità indiscutibile, prima o poi tutti moriremo il mistero è solo quando e come. Nel frattempo tuttavia c’è la vita, che quasi mai sembra giusta. Una ragazzina che perde il suo fratellino e viene data in adozione a una famiglia sconosciuta.

martedì 9 dicembre 2014
Onufrio

Ennesimo film che "sfrutta" la seconda guerra mondiale ed in maniera particolare ovviamente il nazismo per trarne fuori una nuova storia, la storia di una ragazza tedesca adottata da una coppia di genitori, lui bonaccione, lei finta burbera, durante il periodo storico più usurato in tutta la storia della cinematografia mondiale. Stavolta la protagonista è appunto una giovane [...] Vai alla recensione »

giovedì 31 luglio 2014
lorry

Qualche buona idea (il potere della parola che tiene in vita, esteso alla musica), eccellente fotografia, ma il tutto è irrimediabilmnet rovinato dal didascalismo, da un eccesso di melodramma specie nella parte finale, da una invadente voce fuori campo, da una schematizzazione delle psicologie, e soprattuto da alcune insopportabili forzature hollywoodiane: è mai possibile che in una inquadratura si [...] Vai alla recensione »

domenica 18 maggio 2014
WetMan

Stoccarda, 1938, la piccola Liesel Meminger arriva dai suoi nuovi genitori adottivi Hans e Rose, dei quali lui è un padre buono e caro mentre lei è irascibile e petulante, ma che, sotto sotto, possiede un cuore d'oro. Liesel non sa leggere, e per questo viene ripetutamente presa in giro dai suoi compagni. Uno di loro, Rudy, si mostra però accogliente e generoso e accompagna [...] Vai alla recensione »

venerdì 9 maggio 2014
satlee

Se diventassi famoso per le mie recensioni, mi ricorderebbero per la solita frase:" bella, bellissima l' idea, ma forse poteva essere meglio resa";  ed infatti anche in questo film, di cui ne consiglio vivamente la visione, a mio avviso la storia doveva incentrarsi maggiormente sul ruolo che la lettura, che i libri dovevano giocare nei confronti della protagonista; ma tutto sommato, [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 aprile 2014
GIU1938

E' senza dubbio un film molto bello, emozionante e commovente. Non è un film allegro, la guerra non lo è mai; ma dalle immagini di questo film non si respirano solo sofferenza e tristezza, ma anche e soprattutto amore e speranza. Si potrebbe scrivere a lungo della bellezza di questo film e del suo  patos. Il regista è stato magnifico, non solo nel suo modo di narrare [...] Vai alla recensione »

mercoledì 28 gennaio 2015
TheMaster

Fui incuriosito da questa pellicola appena ne vidi il trailer,era una di quelle pellicole con una certa tematica,come poteva essere Il Bambino con il Pigiama a Righe,o La Vita è Bella,pellicole che io personalmente definisco "zerbino-movie" ovvero film che,nella maggior parte dei casi sono creati apposta per ricevere il plauso del pubblico e della critica,che,nella maggior parte dei [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 maggio 2014
veritasxxx

Se avete - come è probabile - già letto libri o visto film sulla seconda guerra mondiale, questo non aggiungerà nulla a ciò che già sapete. La fotografia è deliziosa ma quasi fuori luogo visto l'argomento. La sceneggiatura scorre lenta e noiosa e la voce della morte che commenta fuori campo all'inizio e alla fine del film è quasi una benedizione, [...] Vai alla recensione »

domenica 13 aprile 2014
jackmalone

Sarebbe bello che questo film fosse proiettato nelle scuole per far capire, attraverso uno  straordinario racconto visivo, il valore e la funzione della lettura. Le parole sviluppano il pensiero , lo cambiano,potenziano la vista e l'udito, hanno la forza di rappresentare ciò che non puoi o non vuoi vedere ma solo chi è stato un lettore può cominciare a scrivere , a lasciare [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 aprile 2014
fabriziog

“La parola è vita ed è ciò che distingue un uomo da un grumo di creta”. I libri sono un insieme di parole. Le parole sono vita e sono libertà. I libri sono vita e sono libertà e sono i primi ad essere attaccati nei regimi dispotici. Il film di Brian Percival “Storia di una ladra di libri”, tratto dall’omonimo romanzo dell’australiano [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 maggio 2014
Jardena

Il film si fa vedere, gli interpreti sono bravissimi, ma ha un taglio molto irreale e fortemente buonista. La moglie Hubermann si trasforma da super arcigna in super affettuosa, il ragazzo ebreo, Max, fugge dagli Hubermann per non metterli in difficoltà; non si sa dove possa andare, ma miracolosamente alla fine del film si presenta più bello e in forma che mai.

venerdì 28 marzo 2014
Melvin II

 “Storia di una ladra di libri” è un film del 2013 diretto da Brian Percival, con protagonisti Sophie Nélisse, Geoffrey Rush , Emily Watson, Ben Schnetzer:e Nico Liersch .La pellicola è la trasposizione cinematografica del romanzo La bambina che salvava i libri di Markus Zusak, scritto nel 2005. Da“diversamente ignorante”, non avendo letto il libro, [...] Vai alla recensione »

domenica 26 gennaio 2014
ShiningEyes

Tratto dall’omonimo best seller, “The Book of Thief” narra della straordinaria vicenda della piccola Liesel, che a undici anni viene lasciata dalla madre, comunista in piena epoca nazista, e affidata ai signori Hubemann, con la quale ha un atteggiamento iniziale segnato dalla diffidenza e mutismo per la fresca ferita causata dalla separazione della madre e dalla morte del suo fratellino [...] Vai alla recensione »

venerdì 28 marzo 2014
Mirrina

Solo chi ama veramente leggere può capire a fondo il personaggio di LIesel: il bello di questo film è proprio nel riuscire a trasmettere l'amore per la lettura, e quanto l'arte nelle più svariate forme, sia veramente fonte di vita.Hai voglia di finire il film per poi andare subito dopo ad aprire un bel libro! Attori meravigliosi ( oltre ai protagonisti, c'è [...] Vai alla recensione »

sabato 12 aprile 2014
Filippo Catani

Nella Germania nazista durante la Seconda Guerra Mondiale si sviluppa la vicenda di una giovanissima bambina che impara ad amare i libri e intanto osserva quello che accade attorno a se con la guerra, l'amore per un giovane coetaneo, la burbera madre adottiva che fa il paio con un padre mite e comprensivo e l'amicizia con un ragazzo ebreo che la famiglia decide di nascondere.

martedì 18 marzo 2014
casomai21

grande interpretazione degli attori ed una pietà nei confronti di un popolo trascinato in una lacerante guerra senza vincitori,la storia che entra in un villaggio di provincia tedesca per invaderlo dei suoi orrori ideologici e razziali,della distruzione e morte, che non concede proroghe ai destini beffardi dei viventi piccoli o grandi. tanto amore per la cultura e per l'umanità e tanti insegnamenti [...] Vai alla recensione »

lunedì 31 marzo 2014
PATFUD

UN FILM MOLTO BELLO. ABILMENTE GIRATO ED INTERPRETATO. UNA STORIA SAPIENTEMENTE COLLOCATA DA UN PUNTO DI VISTA STORICO. PERFETTA L'AMBIENTAZIONE, MOLTO BELLI I COSTUMI E LA COLONNA SONORA. ALTAMENTE EDUCATIVO. UNA STORIA CHE INCANTA E COMMUOVE. ADATTA AD UN PUBBLICO DI QUALSIASI ETA'.

lunedì 21 dicembre 2015
rebe_bh6

Ho visto questo film qualche giorno fa su Sky e sono rimasta colpita. Ho amato il susseguirsi tra scene felici e catastrofiche, dialoghi semplici e bambineschi (come quelli tra Rudy e Liesel) e chiacchierate "importanti" come quelle tra Max e la giovane protagonista. In quanto alla scelta degli attori...la scelta di Sophie Nélisse è stata perfetta: il suo viso d'altri tempi e il suo sorriso sono stati [...] Vai alla recensione »

giovedì 19 febbraio 2015
epassp

Film commuovente. Mi è piaciuto molto, in quanto semplice, immediato e leggermente crudo, intriso di aspetti che mettono in rilievo gli aspetti umani più belli. Andatelo a vedere!

venerdì 9 maggio 2014
Fausta Rosa

Le parole sono vita “Una ladra di libri” è tratto dall’omonimo romanzo di Markus Zusak, ambientato durante la seconda guerra mondiale. Film drammatico, ma non tragico, perché se la Morte, voce narrante fuori campo, presente dall’inizio alla fine del film, fa da filo conduttore in maniera ironica e poetica, non trionfa, ma partecipa al dramma umano intervenendo nell’ accompagnare i personaggi al [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 aprile 2014
Raffaele1

Bella storia. Il film tocca, senza mai approfondirlo, il tema del II conflitto mondiale, attraverso la storia di una bambina adottata da una famiglia tedesca, che si ritrova ad ospitare un ebreo nelle mura domestiche. Una trama abbastanza leggera, che non manca di un finale molto drammatico e forte sul piano dei contenuti. Direi un film più che discreto.

martedì 1 aprile 2014
terbru

Un film che incanta. Una fiaba di grande bellezza che trasfigura una realtà tragica in un mondo si duro ma ammantato di una delicata poesia. Molto ben interpretato da tutti i protagonisti. Ottima l'aderenza al testo letterario e molto bella la colonna sonora.

martedì 1 aprile 2014
MACIR

Un film bellissimo e commovente. Sapientemente diretto e splendidamente interpretato da un favoloso cast. Affronta un tema tragico come le conseguenze della guerra con tanta tanta tenerezza e poesia. Godibile per qualsiasi pubblico di qualsiasi età. Molto orecchiabile anche la colonna sonora e perfetta la location. Da vedere veramente.

martedì 1 aprile 2014
GIU1938

Ho seguito con gioia questo vero capolavoro. Molto ben interpretato da tutti gli attori. Ricco di poesia. Un vero inno alla lettura ed alla cultura. Splendida la colonna sonora. Ottima l'ambientazione e ben curati i costuni. Perfetta l'aderenza al testo letterario. Da vedere!

lunedì 31 marzo 2014
giorgia81

un bel film, consigliato da vedere. in questa drammatica pellicola si scopre un altro punto di vista della seconda guerra mondiale, quello dei tedeschi che "subirono" la guerra, fuori da tutti quegli aspetti che dipingopno sempre i tedeschi freddi, duri e fissati con la razza. qui è presente una normale piccola comunità, con la loro scuola, i loro lavori e i loro sogni, come una ragazzino che voleva [...] Vai alla recensione »

domenica 30 marzo 2014
MACIR

Un film di grande bellezza sapientemente orchestrato da un buon regista e brillantemente interpretato da ottimi attori compresa la giovane protagonista. Bellissima la colonna sonora. Un'opera adatta a tutti ed in particolare ai più giovani.  La visione di questo film permetterà loro di accostarsi a tematiche  di grande importanza: il valore della cultura, della [...] Vai alla recensione »

domenica 30 marzo 2014
DaveBat

Che dire, se volete passare due ore commuovendovi ma anche pensando non potete che scegliere questo film. La storia impreziosita da un cast azzeccatissimo è fuori dagli schemi ordinari anche per come il regista ha scelto di affrontarla. L'uomo e la sua necessità di confondersi ma contemporaneamente la sua umanità che non può che venire fuori spinta dal sentimento di compassione.

Frasi
Dillo a parole tue. Se i tuoi occhi potessero parlare, cosa direbbero?
Una frase di Rudy Steiner (Nico Liersch)
dal film Storia di una ladra di libri - a cura di Paolo Giannoccaro
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Da un romanzo di Markus Zusak venduto in otto milioni di copie, una parabola umanista che sventola la bandiera della cultura contro la barbarie. Nel 1938 l'adolescente Liesel giunge in Baviera, dove soggiorna presso una coppia di genitori adottivi. È il tempo dei falò di libri voluti da Hitler; Liesel, che non sa leggere, impara a decifrare le parole sillaba per sillaba e difende la carta stampata [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Ispirato al best seller di Markus Zusak, La Ladra di libri è un film illustrativo che tuttavia prende qualche forza dalla storia che racconta: l'odissea di un'adolescente orfana, affidata alle cure di una matura coppia nella Germania nazista. All'arrivo Liesel, che ha perso anche il fratellino, è comprensibilmente infelice, ma c'è un compagno di scuola che subito le offre amicizia; e i nuovi familiari, [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Racconto di formazione, ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale. Liesel è una ragazzina adottata da Rosa e Hans, dopo che la madre ha dovuto abbandonare la Germania a causa delle sue idee politiche. Ruba un libro, ma non sa leggere. L'aiuteranno il padre adottivo e Max, un ebreo che i due coniugi nascondono in casa. Le signore preparino i fazzoletti anche se la regia didascalica di Percival suscita [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Tratto dall'omonimo romanzo di Zusak, «Storia di una ladra di libri» è il tipico film che indurrà qualche spettatore a convincersi d'avere avuto accesso al top di poesia, rievocazione storica e arte recitativa. È il caso, però, di opporre una garbata quanto ferma resistenza: la parabola della ragazzina tedesca strappata nel '39 a una famiglia "sovversiva" e data in adozione a una coppia in apparenza [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
martedì 22 ottobre 2013
Chiara Renda

Trasposizione cinematografica del best seller di Zusak Markus intitolato "La bambina che salvava i libri", Storia di una ladra di libri si svela attraverso il trailer italiano in esclusiva, che si apre con l'immagine di un rogo di libri a opera di soldati [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati