Seaside Hotel

Film 2013 | Drammatico 50 min.

Regia di Hans Fabian Wullenweber, Jesper W. Nielsen. Una serie con Amalie Dollerup, Lars Ranthe, Anne Louise Hassing, Merete Mærkedahl, Jens Jacob Tychsen. Cast completo Titolo originale: Seaside Hotel. Genere Drammatico - Danimarca, 2013,

Condividi

Aggiungi Seaside Hotel tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento martedì 25 maggio 2021

La serie dedicata al racconto degli intrighi sentimentali e non solo degli ospiti di un hotel.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES
CRITICA
PUBBLICO
CONSIGLIATO N.D.
Scheda Home
News
Critica
Premi
Cinema
Trailer
Un hotel per ricchi, dal 1928 al 1940.
a cura della redazione
martedì 25 maggio 2021
a cura della redazione
martedì 25 maggio 2021

1928 In un piccolo hotel sulle coste dello Jutland con gestione familiare giungono, come per tradizione di ogni estate, alcuni ospiti. Si va dall’attore gigolò al terzo matrimonio con moglie incinta al grossista capace di fare affari con giovane figlia desiderosa di perdere la verginità. C’è l’industriale con moglie, figli e governante convinto del futuro radioso della Danimarca e il funzionario che ha portato con sé una radio con cui si sintonizza sulle notizie dal mondo che, a suo avviso, non promettono nulla di buono, così come c’è la madre repressiva che vorrebbe accasare il figlio naturalista al quale non consente di esprimere alcun pensiero personale.

Episodi: 6

Una serie comedy con interessanti connotazioni storiche e di costume

Recensione di Giancarlo Zappoli

1928. In un piccolo hotel sulle coste dello Jutland con gestione familiare giungono, come per tradizione di ogni estate, alcuni ospiti. Si va dall'attore gigolò al terzo matrimonio con moglie incinta al grossista capace di fare affari con giovane figlia desiderosa di perdere la verginità. C'è l'industriale con moglie, figli e governante convinto del futuro radioso della Danimarca e il funzionario che ha portato con sé una radio con cui si sintonizza sulle notizie dal mondo che, a suo avviso, non promettono nulla di buono, così come c'è la madre repressiva che vorrebbe accasare il figlio naturalista al quale non consente di esprimere alcun pensiero personale. Ad occuparsi di loro il burbero proprietario (che morirà grazie al nuovo impianto elettrico) e la seconda moglie nonché quattro cameriere tra cui spicca la giovane e accorta Fie che ha cercato quel lavoro per aiutare il padre che ha problemi di salute. Risolverà alcuni problemi di gestione dell'hotel innamorandosi di un ragazzo del posto che verrà ingiustamente accusato dell'omicidio di un uomo che ricattava con foto di un rapporto omosessuale un conte spiantato a cui il grossista voleva far sposare la riluttante figlia realizzando con lui un piano di edificazione intensiva del litorale davanti all'hotel.

Si presenta con le caratteristiche di una commedia non priva di interessanti connotazioni storiche e di costume questa serie danese la cui produzione ha avuto inizio nel 2013 e continua tuttora.

La serie è diventata un enorme successo e ha raggiunto un numero di spettatori fino a 1,9 milioni per episodio, che è tra i più alti tra le serie drammatiche danesi. Ha vinto il premio programma televisivo dell'anno di Billed-Bladet per ogni stagione dal 2014.

A partire dalla versione doppiata messa in onda da TV2000 si comprendono i motivi di tale successo e anche le potenzialità di esportazione. La sceneggiatura sa infatti trarre tutto il possibile dall'aristotelica unità di luogo, tempo e azione nonché dalla scansione cronologica che, volendo e continuando ad ottenere il consenso dell'audience, potrebbe proseguire ad libitum. Il cinema classico (ma ancor prima il teatro) ci ha insegnato che l'hotel è un ottimo spazio in cui far transitare i caratteri più diversi. Basta pensare (solo per fare due esempi) all'"Albergo del libero scambio" di Feydeau o a Le vacanze di Monsieur Hulot per trovare una conferma.

Ecco così che in questa serie ogni personaggio, grazie anche alle prestazioni di tutti gli attori nessuno escluso, non rappresenta solo un carattere fine a sè stesso ma è anche l'esponente di una condizione sociale e di un modo di pensare il mondo. Siamo a dieci anni dalla fine della prima guerra mondiale e per alcuni il futuro non può essere che roseo mentre qualcun altro sente addensarsi dalla confinante Germania nuvole nere che in un futuro potrebbero attraversare le barriere. Ci sono distinzioni di classe nonché corse in avanti che inizialmente destano curiosità ma che finiscono con l'essere 'nordicamente' tollerate (signore della buona borghesia che fanno il bagno nude al mattino presto quando pensano di non essere viste ad esempio). Come ogni buon manuale di sceneggiatura insegna se poi si mettono a confronto due mondi (quello della servitù qui tutta femminile e quello degli ospiti) si ottengono ulteriori sviluppi. Incrementati con l'inserimento, sin dal primo episodio, dalla nuova assunta Fei che, insieme allo spettatore, osserva ed impara a conoscere ogni personaggio.

La suddivisione anno per anno poi, oltre a garantire la continuità di cui si è detto, permette di collocare con precisione sul piano storico-sociale la vicenda nonché di far trascorrere un anno prima della seconda stagione permettendo di costruire una serie di eventi che non avranno bisogno di essere mostrati ma che sarà sufficiente citare. Si aggiunga poi che il cliffhanger di fine stagione si rivela come piuttosto efficace per invitare a proseguire la visione.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati