Parkland

Film 2013 | Drammatico 92 min.

Regia di Peter Landesman. Un film con Billy Bob Thornton, Zac Efron, Paul Giamatti, Marcia Gay Harden, Tom Welling. Cast completo Genere Drammatico - USA, 2013, durata 92 minuti. - MYmonetro 2,17 su 1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Parkland tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento venerdì 22 novembre 2013

Si tratta dell'opera prima del regista Peter Landesman. Al Box Office Usa Parkland ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 653 mila dollari e 335 mila dollari nel primo weekend.

Consigliato no!
2,17/5
MYMOVIES 1,50
CRITICA
PUBBLICO 2,83
CONSIGLIATO NÌ
Nuova e fiacca ricostruzione dei momenti convulsi successivi all'assassinio di John F. Kennedy.
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 2 settembre 2013
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 2 settembre 2013

Dallas, 1963. Il presidente Kennedy viene assassinato da un cecchino, ma Abraham Zapruder ha ripreso tutto con un 8mm amatoriale. Mentre si scatena la caccia al colpevole, i servizi segreti raggiungono Zapruder per mettere in salvo la testimonianza ultima su quanto accaduto. Intanto viene catturato Lee Harvey Oswald e accusato di aver sparato al presidente. Per il fratello Robert la situazione si fa sempre più delicata.
Suona quasi come un paradosso che l'assassinio di John Fitzgerald Kennedy, immortalato da un celeberrimo filmato, che ha restituito - o provato a restituire - la verità sul caso, richieda a più riprese nuove ricostruzioni fiction della vicenda. Una ferita sanguinante e destinata a non rimarginarsi mai, bensì a ripresentarsi sotto varie forme, come perenne revenant, spettro e monito per la fragilità della democrazia occidentale. L'operazione di Landesman, che torna sui fatti di Dallas concentrandosi sui momenti immediatamente successivi all'attentato, e in particolare sull'ospedale in cui transitano i corpi di JFK e Oswald, suscita ben più di una perplessità, per ragioni molteplici e diverse tra loro.
Artistiche prima di tutto, visto che, anziché scegliere un approccio documentaristico o in qualche modo inusuale - benché l'abuso di materiale sui Kennedy renda difficile il compito - Landesman predilige la via più breve, la strada più battuta e obsoleta. Quella della ricostruzione da biopic per la Tv del bestseller di Vincent Bugliosi "Reclaiming History: The Assassination of President John F. Kennedy", senza deviare mai da un tracciato che si dipana secondo la più prevedibile delle progressioni. Avviene tutto ciò che è lecito ed atteso che avvenga, senza violare mai il protocollo; un film che la stessa commissione Warren avrebbe potuto girare, tanto le risposte sono scontate e calcolate (o forse trucchetti puerili, come le immagini dell'attentato viste attraverso le lenti degli occhiali di Zapruder, rappresentano una cifra stilistica?). E qui sta il secondo principale problema dell'opera, discutibile anche politicamente, per la dubbia opportunità di tornare sul tema e sterzare di nuovo sulla colpevolezza unica o quasi di Oswald (tutto si ferma narrativamente prima che il post-Zapruder abbia effetto) o di introdurre insulsi episodi collaterali, allestiti allo scopo di conferire personalità a personaggi secondari. Tra questi una quasi giustificazione della decisione della scorta del Presidente di non concedere l'autopsia del corpo in loco, nei fatti una delle pagine più sinistre e imperscrutabili dell'intera vicenda JFK. Si avverte un accenno timido in direzione di una verità rassicurante, quella incisa nel marmo a suo tempo dalla commissione Warren e sconfessata dal lavoro decennale delle migliori menti d'America.
A completare il naufragio tematico e stilistico una fedeltà pedissequa ma sterile alla mimica e alle abitudini dei personaggi realmente esistiti (un Giamatti schiavo del Metodo, uno Zac Efron non commentabile) e la tendenza a ritrarsi di fronte ai momenti clou, come i due omicidi Kennedy e Oswald; forse per non aggiungere immagini all'ingente quantitativo già presente, forse per evitare un confronto impietoso e tentare strade collaterali ma meno azzardate. Tutto contribuisce a incrementare la sensazione di un prodotto per la Tv promosso al grande schermo e, per ragioni ancor più imperscrutabili, ammesso in concorso alla 70.ma Mostra del Cinema di Venezia. Ogni parallelo possibile con JFK di Stone o Bobby di Estevez sarebbe ingeneroso quanto irragionevole.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?

PARKLAND disponibile in DVD o BluRay

DVD

BLU-RAY
€7,99
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 27 novembre 2013
Madou84

"Parkland" potrebbe essere interpretato come una subdola operazione di comunicazione di massa, mascherata da mediocre rievocazione storica. L'obiettivo? Riappacificare l'opinione pubblica mondiale, comprensibilmente confusa da cinquant'anni di svariate teorie complottiste sul delitto Kennedy, con la più vile delle ricostruzioni: le conclusioni ufficiali della commissione [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 luglio 2021
Michele Voss

Il film narra gli eventi sulla base del lavoro svolto nella raccolta e l'analisi della documentazione da parte degli sceneggiatori. Non credo che nessuno pretenda di raccontare una "verità". ....."  Quello che è preoccupante è che il pubblico televisivo, vedendolo, rischia davvero di accettare una delle verità ufficiali ".

lunedì 4 maggio 2020
Fabio Silvestre

il film racconta gli eventi che si verificarono a Dallas il 22 novembre 1963 nelle ore immediatamente successive all’assassinio del presidente J.F.Kennedy ed in particolare quello che avvenne nell’ospedale “Parkland Memorial Hospital” i cui medici ed infermieri dovettero prima cercare di salvare, invano, il presidente e dopo qualche ora dovettero poi constatare il decesso anche [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 settembre 2013
marcovpoz

È l'ennesimo tentativo di dire qualcosa di nuovo sull'assassinio di JFK. Nonostante l'ottimo cast (Giamatti, Thornton, Efron), il film non decolla mai, nasce sfiancato e si trascina stancamente, non riuscendo in nessun momento a dare peso alle vicende narrate. Il povero Giamatti risulta del tutto sprecato nei panni del cineamatore Zapruder.

mercoledì 4 settembre 2013
viaggiatore77

Oh! "Finalmente" un film sulla morte di Kennedi ! nato forse con l'intento di raccontare storie collaterali all'evento si tradisce nell'ennesima rievocazione.Qualche "aneddoto" nuovo affiora,come i resti rimasti in mano alla moglie o il trasferimento della salma dalla sala operatoria all'aereo,ma poi nient'altro.

lunedì 2 settembre 2013
Peer Gynt

Siamo di fronte alla ricostruzione dell'omicidio Kennedy, fino al funerale del presidente e al funerale di Oswald, l'assassino secondo la versione ufficiale. Raccontato bene? Senza dubbio. Utilità? Pressoché nulla. Infatti la narrazione si basa sulla versione ufficiale dell'epoca, che non prevede alcun complotto né altri sparatori all'infuori di Oswald: ed è [...] Vai alla recensione »

sabato 23 novembre 2013
ENZOCANEPA

Ieri sera 22 NOVEMBRE 2013 ho visto il film su Rai3. La cronaca la conosciamo tutti ma PARKLAND ci mostra gli attimi successivi all'attentato che riportano lo spettatore a rivivere le sensazioni del momento trasmesse dall'ottima interpretazione degli attori. Un buon film, scorrevole e mai tedioso.

domenica 24 novembre 2013
ENZOCANEPA

L'ho già scritta ma nn l'avete pubblicata

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati