Il primo uomo

Film 2011 | Drammatico 98 min.

Regia di Gianni Amelio. Un film Da vedere 2011 con Jacques Gamblin, Catherine Sola, Maya Sansa, Denis Podalydès, Ulla Baugué. Cast completo Titolo originale: Le premier homme. Genere Drammatico - Italia, Francia, Algeria, 2011, durata 98 minuti. Uscita cinema venerdì 20 aprile 2012 distribuito da 01 Distribution. - MYmonetro 3,83 su 52 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il primo uomo tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il regista Gianni Amelio torna con la trasposizione cinematografica dell'ultimo racconto dello scrittore francese Albert Camus. Il film ha ottenuto 2 candidature ai Nastri d'Argento, In Italia al Box Office Il primo uomo ha incassato nelle prime 6 settimane di programmazione 757 mila euro e 136 mila euro nel primo weekend.

Il primo uomo è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,83/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 3,58
PUBBLICO 3,75
CONSIGLIATO SÌ
Un film che guarda al passato per farsi attuale e necessario.
Recensione di Adriano Ercolani
Recensione di Adriano Ercolani

Lo scrittore Jean Cormery torna nella sua patria d'origine, l'Algeria, per perorare la sua idea di un paese in cui musulmani e francesi possano vivere in armonia come nativi della stessa terra. Ma negli anni '50 la questione algerina però è ben lontana dal risolversi in maniera pacifica. L'uomo approfitta del viaggio per ritrovare sua madre e rivivere la sua giovinezza in un paese difficile ma solare. Insieme a lui lo spettatore ripercorre dunque le vicende dolorose di un bambino il cui padre è morto durante la Prima Guerra Mondiale, la cui famiglia poverissima è retta da una nonna arcigna e dispotica. Gli anni '20 sono però per il piccolo Jean il momento della formazione, delle scelte più difficili, come quella di voler continuare a studiare nonostante tutte le difficoltà. Tornato a trovare il professor Bernard, l'insegnante che lo ha aiutato e sorretto, il Cormery ormai adulto ascolta ancora una volta la frase che ha segnato la sua vita: "Ogni bambino contiene già i germi dell'uomo che diventerà".
Senza mezzi termini il miglior film di Gianni Amelio almeno dai tempi de Il ladro di bambini. Adattamento del romanzo di Albert Camus, Il primo uomo ripercorre a ritroso le vicende di un personaggio straordinario, silenzioso e deciso, che ricerca nel proprio passato anche doloroso le convinzioni che lo hanno portato ad essere ciò che è nel presente. Lo stile del regista è come sempre asciutto ed elegante, evita inutili infarcimenti estetici e si concentra sulla pulizia e sull'efficacia dell'inquadratura. Ogni primo piano su volti segnati dalla loro vicenda personale è preciso, giustificato, emozionante. In questo lo supporta alla perfezione la fotografia accurata ma mai espressionista di Yves Cape, tornato con questo lungometraggio ai livelli altissimi che gli competono. Anche la sceneggiatura alterna i piani temporali costruendo un equilibrio narrativo basato sulla vita interiore del personaggio principale, un'architettura narrativa complessa e sfaccettata che funziona a meraviglia. Poi ovviamente ci sono gli attori, tutti in stato di grazia. Jacques Gamblin possiede la malinconia e insieme il carisma necessari per sintetizzare al meglio l'anima di una figura complessa come Jean Colmery. Accanto a lui una schiera di volti che regalano dignità e verità a tutte le parti, anche le più piccole: su tutti vale la pena citare una sontuosa Catherine Sola nelle vesti della madre di Jean, interpretata in gioventù dalla brava Maya Sansa.
Un'opera raffinata e umanissima, in grado di rivendicare l'importanza della memoria non solo personale ma collettiva, una memoria che deve essere adoperata come strumento d'indagine delle contraddizioni del presente. Sotto questo punto di vista quindi un film che guarda al passato per farsi attuale e necessario. Cinema di qualità estetica elevata e d'importanza civile. Da applauso.

Sei d'accordo con Adriano Ercolani?
IL PRIMO UOMO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €11,90
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 22 aprile 2012
fabrizio dividi

Se un bambino coltiva un germe di se stesso adulto, la società in cui vive ne presagisce la condizione futura. E' forse una delle chiavi di lettura possibili de "Il primo uomo", ma la forza che Amelio imprime alla sua ultima fatica è di riuscire a tessere più tele contemporaneamente, fino a fare dimenticare che il protagonista sullo schermo è lo scrittore feticcio [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 aprile 2012
Writer58

"Vi è solamente un problema filosofico veramente serio: quello del suicidio. Giudicare se la vita valga o non valga la pena di essere vissuta, è rispondere al quesito fondamentale della filosofia" (Camus, 1947). Camus è stato definito uno scrittore esistenzialista, un autore che scava nei turbamenti umani davanti al mistero e alla condanna (ma anche al dono) dell'esistenza.

sabato 21 aprile 2012
diomede917

Tratto dal romanzo postumo di Albert Camus, Il primo uomo è un viaggio dentro il proprio io del protagonista Jean Cormery scrittore stimato a livello mondiale (alter-ego dello stesso Camus) che arriva nella sua amata Algeria alla vigilia della guerra di Liberazione cercando di convincere gli studenti che la convivenza tra arabi e francesi sia possibile ed è l’unica via per una nuova [...] Vai alla recensione »

lunedì 23 aprile 2012
renato volpone

Il connubio Gianni Amelio e Albert Camus ci regalano un quadro poetico dell'Algeria, ma anche molto a cui pensare e, nel lento evolversi del racconto, forti emozioni che si aggrappano al cuore. La splendida fotografia sembra lasciarci negli occhi i caldi colori di questa terra e la sensazione di percepirne gli odori. Gli occhi del bambino, invece, ci accompagnano attraverso il racconto di un mondo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 aprile 2012
heimat

Il Camus che noi tutti ci aspettiamo con il bavero alzato e con una gitanes pendente dal labbro, fine esistenzialista, scontroso e caustico nei dibattiti, capace nei suoi romanzi di dissimulare la realtà, a stento riusciamo a riconoscerlo nell' ultimo film di Gianni Amelio. L' intento del regista è quello di seguire con accuratezza il romanzo autobiografico dello stesso [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 maggio 2012
Giovanna

Una grazia speciale attraversa quest’ultimo lavoro di Gianni Amelio, in straordinaria sintonia con il filosofo francese, premio Nobel per la Letteratura nel 1957, prematuramente scomparso nel 1960 in un incidente automobilistico. Nel cinquantenario dalla morte se ne rievoca il pensiero anche con questo film, già premiato al festival di Toronto, ispirato al manoscritto trovato incompiuto e pubblicato, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 maggio 2012
chiarialessandro

Per riuscire a nutrire qualche speranza di capire il presente è di fondamentale importanza la conoscenza del passato; dato che il presente lo viviamo mentre il futuro possiamo solo limitarci ad immaginarlo e a sognarlo, la conoscenza del passato è ancora più importante per poter sperare di decifrare una infinitesima parte di futuro.

lunedì 23 aprile 2012
renato volpone

Il connubio Gianni Amelio e Albert Camus ci regalano un quadro poetico dell'Algeria, ma anche molto a cui pensare e, nel lento evolversi del racconto, forti emozioni che si aggrappano al cuore. La splendida fotografia sembra lasciarci negli occhi i caldi colori di questa terra e la sensazione di percepirne gli odori. Gli occhi del bambino, invece, ci accompagnano attraverso il racconto di un mondo [...] Vai alla recensione »

martedì 1 maggio 2012
michela papavassiliou

Jean e' un bambino, interpretato dal bravo Nino Jouglet perfetto per la parte, di madre algerina e padre francese caduto in guerra e mai conosciuto. Cresciuto da una nonna dalla frusta facile analfabeta e nullatenente , vive con la madre, la bellissima attrice italo-iraniana Maya Sansa, che si ammazza di lavoro da mattina a sera per riuscire a malapena a campare.

mercoledì 22 maggio 2013
Filippo Catani

Algeria 1957. Un affermato scrittore decide di tornare a trovare l'anziana madre alla ricerca di notizie e impressioni sul padre mai conosciuto. Il viaggio sarà anche l'occasione per notare i grandi cambiamenti in atto nel proprio quartiere e più in generale nella Algeria stessa. Davvero emozionante e commovente il film diretto da Gianni Amleio che si avvale di un ottimo cast [...] Vai alla recensione »

martedì 15 maggio 2012
olgadik

 Si tratta di un film classico, con rare sbavature, con una raffinata regia e contenuti  che ribadiscono la capacità già sperimentata di Amelio nell’indagare l’anima e i comportamenti tra infanzia e adolescenza. Ad essa si aggiunge una particolare sapienza nel fornire contesti storici limpidamente suggeriti come sfondo.

martedì 15 maggio 2012
Salvatore Marfella

Film bellissimo, concilia sapientemente la dimensione privata (il protagonista alla ricerca delle proprie origini e in cerca di conciliazione) con quella politica (una impossibile conciliazione e coesistenza, a quei tempi ma forse non solo, tra colonialisti e colonizzati, tra arabi ed europei). La macchina da presa scivola sui corpi e sui volti con sensibilità e pudore regalando molti momenti [...] Vai alla recensione »

lunedì 23 febbraio 2015
stefano capasso

Jean Cornery è nato in Algeria da famiglia di origine francese. Sebbene di origini umili, riesce a studiare e a trovare il successo come scrittore. Vive in Francia e nel 1957 e tona nella sua terra d’origine a perorare la causa della convivenza pacifica tra francesi ed algerini, in un paese nel pieno del conflitto per l’indipendenza.

martedì 5 marzo 2013
rampante

All'inizio dell'estate, Jacques Cormery, famoso scrittore e studioso, ritorna in Algeria, il paese dove è nato  in una famiglia di coloni francesi. Torna in Algeria nel pieno della guerra d'indipendenza chiamato dai circoli studenteschi e trova un paese devastato dal terrorismo. Dopo una movimentata conferenza all'università, dove gli studenti gli chiedono [...] Vai alla recensione »

domenica 3 marzo 2013
pensierocivile

Si respira e fa respirare grande cinema IL PRIMO UOMO; una messa in scena di rispettosa compostezza, un ritmo calibrato alla perfezione nonostante i silenzi dolorosi e le indagini interiori, più necessarie rispetto alla ricerca di "vita" del protagonista. Amelio accompagna lo spettatore in un viaggio profondo, una andata e ritorno continua tra passato e presente per riflettere su [...] Vai alla recensione »

martedì 25 dicembre 2012
Rescart

I fatti storici del ‘62 ci dimostrano che, per quanto Camus fosse un grande scrittore, un artista e forse anche un filosofo, di certo non fu uno spirito profetico né tanto meno un uomo politico. Per sua fortuna, come afferma anche Massimo Fini, nel ’62 Camus era già morto e non assistette al penoso esodo dei “pieds-noir” (gli algerini europei, francesi o ebrei) [...] Vai alla recensione »

venerdì 21 dicembre 2012
Eugenio

Basta poco per rendere interessante un film: inquadratura decisa, attori ben convincenti, caratterizzazione  riuscita, struttura solida dalle fondamenta robuste sviluppate attorno a un soggetto e una sceneggiatura precisa e fedele al contesto storico. “Il primo uomo” è tutto questo: un film audace,forse un po’ lento  dallo stile desueto,ma che avvinghia lo spettatore [...] Vai alla recensione »

martedì 15 maggio 2012
Zoom e Controzoom

Film che aveva tutte le possibilità di risultare pesante per la lentezza con la quale è stato scelto di far scorrere tempo e immagini, si risolve altresì in un equilibrio di passaggi e di tenute in scena che lo rendono estremamente gradevole e fluido. La fluidità è quella che contraddistingue le elissi temporali del ricordo, con passaggi naturali dei movimenti di [...] Vai alla recensione »

martedì 15 maggio 2012
pepito1948

Un manoscritto incompiuto trovato nell'auto schiantatasi nel 1960 trasformato in romanzo; un romanzo che diviene un film di Gianni Amelio. Un Amelio che si ispira anche alle tante affinità tra i suoi trascorsi giovanili e quelli di Camus. Un film di percorso fortemente autobiografico, in cui Camus/Jean, uomo di successo tornato dalla Francia nella natia Algeria per recuperare il proprio [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 aprile 2012
aragornvr

Mi dispiace dissentire con pareri e stampa italiani, che elogiano il film come un gioiello. L'esposizione cinematografica di una bozza autobiografica, peraltro mai finita e contestata, di Camus, non rende sotto vari aspetti : innanzi tutto la visione, estremamente patinata, pulita, ordinata, della realtà di un'Algeria della fine degli anni 50, la costante bellezza di ogni inquadratura, [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 aprile 2012
melania

Film bellissimo,fortemente empatico,evocativo,si segue con emozione ed interesse dall'inizio alla fine.Grazie,amelio,ancora una volta ci hai dato un film di grande umanità!

giovedì 26 aprile 2012
pressa catozzo

Un Amelio interessante, grande narratore di un passato non troppo lontano con dentro la storia o racconto di uno scrittore che ripercorre la sua infanzia. Non c'è posto per i sentimenti gli interessi politici daranno un'indirizzo diverso a quello che il protagonista vuole farci sperare. L'Algeria otterrà la sua indipendenza. Non sempre i più forti vincono.

lunedì 23 aprile 2012
Flyanto

Film tratto dall'omonimo romanzo autobiografico ed incompiuto  di Albert Camus in cui vengono presentati, attraverso le memorie da parte dell'autore della passata infanzia in Algeria e della figura idealizzata del proprio padre morto giovanissimo, i temi sociali sull'importanza massima dell'istruzione e dell'applicazione (quasi impossibile ora e soprattutto negli anni' [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 maggio 2012
Nalipa

Mi piacciono tutti i film di Amelio e vorrei ne facesse di più. Anche quest'ultimo non mi ha delusa, anzi! Certo la vicenda storica(che per altro é già stata trattata magistralmente con "La battaglia di Algeri" da Gillo Pontecorvo nel 1966) non é l'elemento portante del film, no! Amelio ha voluto fare un film sulla memoria, sulle nostalgie, sulla necessità di conoscere da dove si viene per capire [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 maggio 2012
BARONE DI FIRENZE

Che dire di un film di Amelio, non si smentisce mai, gioca con i sentimenti e quasi sempre ti strappa una lacrima, la storia di Jean Cormery che s'intreccia con l'infame storia del colonialismo francese è tenera e poetica assieme, gli attori sono veramente strepitosi, un merito anche ai doppiatori Favino e Tognazzi che con la loro voce hanno colorato ancor di più la storia.

domenica 22 aprile 2012
Alex2044

Quando è finito il film mi è spiaciuto ,sarei rimasto ancora un po' nel mondo di Amelio e Camus. Amelio ha ,con molta probabilità, fatto il suo film più intimo e maturo. Gli attori sono molto bravi, gli ambienti molto ben ricostruti ,il film è girato benissimo ma la parte migliore è naturalmente la storia la cui atmosfera magica pervade tutto il film. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 maggio 2012
Spike

Film impegnato e impegnativo. Forse un pò lento in alcune parti però manda chiari messaggi di pace. Ce ne fossero, ma tanto... forse... non li meritiamo.

sabato 5 maggio 2012
emiliaromagna

i personaggi tutti molto belli, con aspetti caratteriali dai quali c'è certamente da imparare. Anzitutto il senso di dignità e di amor proprio, sentimento attualmente molto caduto in disuso. Come anche l'onestà e la fedeltà alle proprie idee ed il non derogarvi anche a costo della propria vita. Con quell'amore che traspare, ci insegna a vedere con occhio più obbiettivo il mondo arabo.

martedì 6 dicembre 2016
luca8383

Non è sempre facile adattare un capolavoro della letteratura al grande schermo, questo va da sé, bisognerebbe almeno cercare di non stravolgere completamente il messaggio dello scrittore, specialmente quando si tratta di un lavoro autobiografico. Se Camus avesse visto questo film non avrebbe certamente gradito il brodino "politiquement correct" di Amelio.

lunedì 10 giugno 2013
molenga

jean cormery torna in algeria, dov'è cresciuto come poverissimo colono, e ricorda il passato, oramai da straniero di sé stesso. si ricongiunge con l'ombra dell'ineffabile nonna, con i volti trasfigurati della madre e dello zio ritardato, cerca di ritrovare un'amicizia mai avuta con un compagno di scuola berbero. è sbeffeggiato da ogni persona che incontra: rimane [...] Vai alla recensione »

venerdì 1 febbraio 2013
Poldino

Nel suo ultimo film Gianni Amelio traspone il romanzo(incompiuto)postumo di Albert Camus. Siamo ad Algeri, dove lo scrittore Jean Cormery (oramai famoso e stabilmente residente in Francia) torna a distanza di anni, in quella terra che gli ha dato i natali, per dare voce alla sua idea di una pacifica convivenza tra francesi e algerini. Le sue parole, però, trovano la stessa resistenza sia dal fronte [...] Vai alla recensione »

martedì 27 novembre 2012
astromelia

si lascia scorrere il film,senza incrinature ne sbavature,comprensibile senza strafare,bella la fotografia e l'uso dei colori,una storia di vita,tutte cose che ad un film servono per fare successo.....ottimo

mercoledì 5 settembre 2012
AngeloAD87

Mi è molto piaciuto. Anzi, mi ha fatto venire la voglia di comprare il libro, anche se è incompiuto.

domenica 2 settembre 2012
Lalli

film molto bello, onestamente un po' mi ha annoiato ma è un bellissimo film.

lunedì 14 maggio 2012
Amici del Cinema (a Milano)

Mi e’ rimasto impresso un commento di un'amica su Camus “E’ un autore che riesce sempre a commuovermi perche’ sa arrivare al cuore,forse proprio perche’ sa toccare la fragilita’ dell animo umano”. Ecco mi sembra un giudizio molto pertinente e sul quale posso aggiungere che a sua volta Amelio riesce a commuovere perche’ riesce a filmare e a cogliere [...] Vai alla recensione »

domenica 13 maggio 2012
Lalla di Casale

Finalmente l'ultimo film di Amelio è arrivato anche nella piccola città dove vivo, ho visto il film che attendevo da qualche settimana, ieri sera . é un film veramente da non perdere . Stori ineressante, realizzato in modo impeccabile ,perfetto in ogni senso. Grazie  al regista .

giovedì 20 ottobre 2011
Elvis shot JFK

Quando verrà proiettato nelle sale italiane?uscirà in dvd?

venerdì 20 aprile 2012
il conformista

Visto che da questo stesso sito si può scaricare il press book del film, pregherei il signor Ercolani di degnarsi almeno di leggerla, prima di attribuire meriti fantastici al direttore della fotografia sbagliato. Vergogna.

venerdì 20 aprile 2012
marezia

Cretino! La frase: "In questo lo supporta alla perfezione la fotografia accurata ma mai espressionista di Yves Cape, tornato con questo lungometraggio ai livelli altissimi che gli competono." IN ITALIANO che cosa significa?

FOCUS
FOCUS
lunedì 7 maggio 2012
Pino Farinotti

È il momento dei grandi promemoria dell'Algeria. Mezzo secolo fa, esattamente il 3 agosto del 1962 il Paese conseguiva l'indipendenza. I primi segnali importanti di insofferenza coloniale, chiamiamola così, si ebbero in Algeria nel 1911 con la nascita del partito dei Giovani Algerini. La traiettoria indipendentista prosegue con la fondazione a Parigi, da parte degli emigrati algerini, del movimento Stella Nordafricana, 1923.

Frasi
"Un bambino è il germoglio dell'uomo che sarà!"
Una frase di Professeur Bernard (Denis Podalydès)
dal film Il primo uomo - a cura di diomede917
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Louis Germain, suo antico maestro delle elementari. È il 19 novembre del '57, e lo scrittore e filosofo ha appena ricevuto il Nobel. Lo si ritrova poi nel suo postumo e incompiuto "Le premier homme", Germain, ma come maestro Bernard. L'autore stesso vi compare come Jacques Cormery, rientrato in Algeria proprio nel '57 alla ricerca della memoria del padre, morto nella Grande guerra 43 anni prima.

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Algeria, anni 20. Un ragazzino si accosta al carretto dell’accalappiacani per carezzare gli animali spaventati ma si rifiuta di aprire le sbarre, è vietato. Ci penserà un gruppo di coetanei, anche se dopo la fuga degli animali l’unico a pagare è lui. L’accalappiacani lo chiude in gabbia per dargli una lezione, un ragazzino gli ruba i sandali. E a sera, quando rincasa scalzo, il povero Jacques viene [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Finalmente possiamo vedere dopo l' anteprima al festival di Bari il film che Gianni Amelio, con una coproduzione italo-franco-algerina realizzata in Algeria, ha tratto da Il primo uomo, il romanzo che Albert Camus lasciò incompiuto (e che è stato poi pubblicato da sua figlia) quando il 4 gennaio 1960 l' autore dei romanzi Lo straniero e La peste trovò la morte in un incidente stradale, a quarantasette [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

L’aspetto paradossale di Il primo uomo, nuovo film di Gianni Amelio, è che per goderlo appieno sarebbe utile conoscere la biografia di Albert Camus – autore del libro al quale il film si ispira – e… dello stesso Gianni Amelio! Il produttore Bruno Pesery ha infatti proposto il soggetto ad Amelio perché lo conosce bene, ed era convinto che il regista vi avrebbe ritrovato molti motivi, anche personali, [...] Vai alla recensione »

Paola Casella
Europa

Ci sono film che ti commuovono profondamente, e non riesci nemmeno bene a spiegarti perché. È il caso de Il primo uomo, il film diretto da Gianni Amelio e basato sul romanzo «incompiuto» di Albert Camus (ma non dite ad Amelio che è incompiuto, secondo lui è perfetto così), che arriva finalmente nelle sale dopo cinque anni di gestazione, un passaggio al festival di Toronto (con tanto di polemica: Amelio [...] Vai alla recensione »

Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Un libro per due vite. Amelio legge Il primo uomo e ritrova se stesso. Rara quanto sconvolgente, la scoperta si è fatta film. Un lavoro complesso, delicato e controverso. Ma soprattutto un’autobiografia al quadrato di preziosa fattura ancorché imperfetta perché veicolo “di un sentimento, più che narrazione di fatti”. Camus non ha intimorito Amelio, che anzi l’ha rigenerato facendosi ispirare dal senso [...] Vai alla recensione »

Piera Detassis
Ciak

Fin dalla scena di apertura Il primo uomo di Gianni Arnelio (film di produzione francese, premiato a Toronto) è una potente lezione di cinema: carrellate fluide, essenziali, sulle lapidi tutte eguali di un cimitero di guerra e una voce fuori campo alla ricerca della tomba del padre. Le parole appartengono allo scrittore francese Jean Cormery (Jacques Camblin), ritornato nella nativa Algeria per diffondere [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Torna a casa, l’Algeri del 1957, il famoso scrittore Jacques Cormery, favorevole alla coesistenza tra francesi e algerini. Nella città ritrova l’anziana madre, vedova di guerra, e si rivede bambino poverissimo quando viveva con la rigida nonna e la dolcemamma (Maya Sansa). Però erano felici. Delicato dramma che Gianni Amelio ha tratto da un romanzo autobiografico di Albert Camus.

Lee Marshall
Condé Nast Traveller

Il primo uomo è un film colto e civile di vecchio stampo. Non ha paura di prendere il suo tempo, di proporre una trama sfaccettata che sfugge al diktat dell’unità di azione aristotelica. Non ha paura neanche di riaprire il dossier su un momento storico – l’Algeria negli anni traumatici della lotta per l’indipendenza – che stava diventando acqua passata già quando uscì La battaglia di Algeri di Pontecorvo, [...] Vai alla recensione »

Goffredo Fofi
Il Sole-24 Ore

Portare al cinema Il primo uomo di Albert Camus dev’essere stata per Amelio un’impresa non facile da ogni punto di vista, ed è probabile che l’urgenza biografica abbia spinto il regista a cautele forse eccessive, raffreddanti. L’Amelio di oggi è passato attraverso molte fatiche memorabili (Il ladro di bambini, Lamerica, Così ridevano...), che ha saputo affrontare con una passione controllata e adulta, [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Un intellettuale fuori moda ripreso da un regista che rischiava di diventarlo. Forse non è un caso, in effetti, che Gianni Amelio, cinéfilo e regista fervido, prestato alla direzione del festival di Torino, abbia scontato frustranti traversie prima di potere presentare «Il primo uomo» tratto dall’omonimo romanzo di Camus. Integrandosi con pudore nel transfert autobiografico dello scrittore, Amelio [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Sarà a causa delle imminenti elezioni che l’uscita parigina di Il primo uomo , film francese (produzione inclusa) di Gianni Amelio, è stata rimandata a ottobre? Mette ancora paura ai cugini d’oltralpe una pellicola che ha sullo sfondo l’Algeria in lotta per l’indipendenza (e viene in mente il boicottaggio subito da La battaglia di Algeri di Pontecorvo)? Oppure il problema è la figura di Albert Camus [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
lunedì 30 luglio 2012
 

Al già annunciato vincitore della nuova edizione del Premio Speciale Kinéo “Rai Divisione Commerciale” al “Miglior film italiano nel mondo”, Cesare deve morire, di Paolo e Vittorio Taviani, in trionfo al Festival di Berlino, ai David di Donatello e ai [...]

GALLERY
martedì 17 aprile 2012
 

Tratto dal manoscritto rinvenuto nell'auto in cui, nel gennaio del '60, Albert Camus trovò la morte, Il primo uomo di Gianni Amelio è un viaggio nel passato e nella coscienza di un personaggio straordinario.

NEWS
martedì 16 agosto 2011
 

Ci sarà Il primo uomo, il nuovo film di Gianni Amelio, in anteprima mondiale alla 36esima edizione del Toronto International Film Festival (8-18 settembre). Della significativa presenza italiana faranno parte anche Ermanno Olmi con Il villaggio di cartone [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati