Il ladro di bambini

Acquista su Ibs.it   Dvd Il ladro di bambini  
Un film di Gianni Amelio. Con Enrico Lo Verso, Valentina Scalici, Giuseppe Ieracitano, Marina Golovine, Florence Darrel.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 112' min. - Italia 1992. MYMONETRO Il ladro di bambini * * * 1/2 - valutazione media: 3,89 su 15 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
3,89/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * 1/2 -
 critican.d.
 pubblico * * * * -
Enrico Lo Verso
Enrico Lo Verso (50 anni) 18 Gennaio 1964 Interpreta Antonio
Valentina Scalici
Valentina Scalici   Interpreta Rosetta
Giuseppe Ieracitano
Giuseppe Ieracitano   Interpreta Luciano
Marina Golovine
Marina Golovine   Interpreta Nathalie
Florence Darrel
Florence Darrel   Interpreta Martire
Renato Carpentieri
Renato Carpentieri (71 anni) 2 Aprile 1943 Interpreta Il commissario di pubblica sicurezza
   
   
   
Una donna viene accusata di prostituire la figlia adolescente. Due carabinieri devono condurla in un orfanotrofio insieme al suo fratellino.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi
il MORANDINI
di Laura, Luisa e Morando Morandini
    * * * * -
Locandina Il ladro di bambini

Antonio (Lo Verso), giovane carabiniere calabrese, ha il compito di accompagnare l'undicenne Rosetta (Scalici), prostituita dalla madre, e il fratellino Luciano (Ieracitano) in un orfanotrofio di Civitavecchia che, però, si rifiuta di accoglierli. Il viaggio prosegue per un istituto in Sicilia. Il cuore di questo film bellissimo e importante _ scritto dal regista con Sandro Petraglia e Stefano Rulli _ è nel rapporto tra carabiniere e bambini: lenta conquista, avvicinamento, osmosi. Grazie ad Antonio i due bambini _ che nei film di Amelio sono sempre una maschera dell'adulto non cresciuto _ imparano per pochi giorni a ridiventare bambini. Pur nella fedeltà a un'alta idea di cinema che dice attraverso il non detto e tende a esprimere l'inesprimibile, Amelio ha fatto un film emozionante anche nella sua durezza e nel rifiuto di ogni consolazione. La sua concretezza disadorna si può cogliere nel modo, sommesso e lucido, con cui si dà testimonianza dell'Italia sia nel paesaggio (la mescolanza di sfascio e benessere) sia nell'acquiescenza tranquilla della piccola gente di Calabria e Sicilia. Almeno due sequenze memorabili: il pranzo in Calabria e il bagno in mare. Gran Premio della Giuria a Cannes e il Felix per il miglior film europeo. 2 Nastri d'argento (regia, sceneggiatura).

Stampa in PDF

Premi e nomination Il ladro di bambini il MORANDINI
Il ladro di bambini recensione dal dizionario Farinotti
Sei d'accordo con questa recensione?


Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
79%
No
21%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Il ladro di bambini

premi
nomination
Nastri d'Argento
4
0
Festival di Cannes
1
0
David di Donatello
7
0
* * * * *

Il capolavoro di amelio

martedì 3 giugno 2014 di aratos

Un film potente, riflessivo e soprattutto toccante. Toccante come le interpretazioni dei 3 protagonisti (tutti ugualmente superbi), toccante come le situazioni di disagio che si vengono a creare e che catturano lo spettatore, toccante come le emozioni che trasmette l'espressione di una bambina che guarda il mondo con gli occhi di una prostituta 11enne, e da tale teme di esser riconosciuta. Ci sono parecchi motivi per cui consiglierei di vedere questo film. Scrivo solo il primo: per la bravura continua »

Rosetta:
Antonio guarda che bella chiesa!..è marocca!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

APPROFONDIMENTI | Il regista conferma la complicità con i personaggi quale specifico del suo cinema.

Gianni amelio

mercoledì 5 marzo 2014 - Mauro Gervasini

La politica degli autori: Gianni Amelio Penetra per noi nella «giungla dei morbidi» Gianni Amelio, autore del documentario Felice chi è diverso nelle sale dal prossimo 6 marzo distribuito da Istituto Luce e Rai Cinema. Dove per «giungla dei morbidi» si intende(va) quella parte di Villa Borghese a Roma teatro secondo un cinegiornale scandalistico di inizio anni 70 di incontri tra maschi, altrimenti definiti "invertiti", "diversi", "finocchi", "pin up boy" o "capovolti", da cui la definizione delle pratiche omosessuali come "vizio capovolto".

   

di Luigi Paini Il Sole-24 Ore

Si possono “rubare” i bambini, senza però con questo arrivare a commettere alcun reato. Anzi, quel rubare può voler dire attingere, incantati, al meglio del loroo animo. In Il ladro di bambini, di Gianni Amelio, sono due gli autori del “furto”: il giovane protagonista, il carabiniere calabrese Antonio (Enrico Lo Verso), e lo stesso Amelio, da sempre attentissimo alle emozioni e ai sentimenti dei più piccoli. Il primo deve accompagnare due fratelli di origine siciliana di undici e otto anni, Rosetta e Luciano, da Milano, dove abitano, verso un istituto per minori. »

di Roberto Escobar Il Sole-24 Ore

Seduti sul bordo d’un marciapiede, Rosetta e Luciano ci voltano la schiena. Lei aggiusta una giacca sulle spalle del fratello: per ripararlo dal freddo del mattino, per difenderlo dalla solitudine e dallo smarrimento. Di fronte a loro c’è la forma disperante dell’istituto in cui passeranno l’ultima parte dell’infanzia e la prima della giovinezza. Basterebbe un niente per rompere l’incanto: un movimento di macchina immotivato, una parola di troppo, un’esitazione. Ma Gianni Amelio non lo rompe, questo incanto cinematografico. »

di Gian Luigi Rondi Il Tempo

Il più bel film italiano della stagione! Scritto e diretto da Gianni Amelio all’insegna dell’intensità, con una forza e una poesia anche più mature che non in Porte aperte. Si parte da un fatto orribile: una madre meridionale, a Milano, che prostituisce la figlia di undici anni quasi di fronte a un fratellino che ne è così scosso da non parlare più, travolto oltre a tutto da un’asma provocata di certo dal suo trauma. La discrezione e, appunto, l’intensità, già in questa prima pagina: raccolta, pudica, solo allusa, con la sola impennata del momento dell’arresto della madre e del corruttore. »

di Enzo Siciliano

Il ladro di bambini di Gianni Amelio mi ha ricordato le pagine di viaggio, dal nord al sud, di Conversazione in Sicilia di Vittorini («Il battello era pieno di piccoli siciliani da terza classe, affamati e soavi nell'aver freddo, senza cappotto, le mani nelle tasche dei pantaloni, il bavero della giacca rialzato»). Conversazione in Sicilia non è un libro che io ami particolarmente, nonostante sia un libro ricco di significato morale e storico. Ma Il ladro di bambini è un film che ho amato subito, dove già nella prima sequenza, ai titoli di testa, un raid di polizia in una lurida periferia a Milano, un arresto per prostituzione minorile, una bambina, la madre, l'occasionale cliente, ho avvertito il senso di uno stile sommesso e insieme grande: e se Il ladro di bambini è un film privo di ogni retorica stilistica, limite a mio vedere del romanzo di Vittorini, vi ho colto invece un parallelo sentimento, quello di arrivare, per vie indirette, anche minimali, a un commosso e doloroso ritratto dell'Italia umile. »

Il ladro di bambini | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | aratos
Nastri d'Argento (4)
Festival di Cannes (1)
David di Donatello (7)


Articoli & News
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Chat | Shop |
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità