Il ladro di bambini

Film 1992 | Drammatico +16 100 min.

Regia di Gianni Amelio. Un film Da vedere 1992 con Enrico Lo Verso, Valentina Scalici, Giuseppe Ieracitano, Marina Golovine, Florence Darel. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 1992, durata 100 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,67 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il ladro di bambini tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Una donna viene accusata di prostituire la figlia adolescente. Due carabinieri devono condurla in un orfanotrofio insieme al suo fratellino. Il film è stato premiato al Festival di Cannes, ha vinto 2 Nastri d'Argento, ha vinto 6 David di Donatello,

Il ladro di bambini è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
3,67/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,67
CONSIGLIATO SÌ

Una donna viene accusata di prostituire la figlia adolescente. Due carabinieri devono condurla in un orfanotrofio insieme al suo fratellino. Uno dei due agenti è una brava persona e si lascia coinvolgere. Alla fine dovrà persino difendersi dall'accusa di aver rapito i bambini. Un film che ha sollevato grande dialettica e ha vinto una quantità di premi: Gran Premio speciale della giuria di Cannes e cinque David di Donatello. Si è parlato di sapori antichi: De Sica, Rossellini e persino di certe atmosfere alla Antonioni. Si è un po' esagerato.

Francesco Rufo
venerdì 10 luglio 2009

I film di Amelio si basano in genere sul rapporto tra adulti-docenti e bambini-discenti. Gli adulti insegnano ai bambini e al contempo imparano da loro. Luciano e Rosetta sono innocenti/non-innocenti: per la loro età dovrebbero avere al fondo di sé l’innocenza, ma hanno alle spalle un vissuto traumatico che li ha segnati. In loro l’innocenza è presente, ma chiusa in una prigione difficilmente espugnabile. Sono chiusi, riottosi, sono o si sentono diversi. La diversità suscita in loro un orgoglio che li spinge a sostenere con rabbia il loro essere, ad autoescludersi; al contempo, hanno il bisogno di nascondere la diversità, di cercare d’essere normali. Incontrano l’adulto-docente e iniziano con lui un viaggio che parte con una chiusura scontrosa che gradualmente diventa curiosa. Il docente capisce che i discenti sono esseri speciali, diventa la loro guida. Si crea il contatto, si accende la luce dell’utopia di una nuova famiglia, composta da Antonio, Luciano e Rosetta, madre-sorella-bambina. L’adulto torna bambino; i bambini si tuffano nel paradiso che l’infanzia dovrebbe essere. Ma arriva il momento in cui i discenti procurano problemi al docente, che si ritrae dal rapporto. Si ribaltano i ruoli: i discenti si rivelano più maturi e umani del docente. Il finale cita quello di L’avventura di Antonioni. In ambo i casi, c’è una coppia di personaggi (una bambina e suo fratello, una donna e un uomo), l’essere femminile accarezza le spalle dell’essere maschile, il gesto è un riconoscimento di fragilità, esprime un bisogno di solidarietà. Rosetta posa una giacca sulle spalle del fratello, Luciano accetta l’atto affettuoso della sorella. Antonio, luce di speranza, è uscito dalle loro vite. I due fratelli hanno forse capito che il dolore della solitudine può essere alleviato dalla solidarietà. Il film riprende alcuni fattori che, secondo Deleuze, sono centrali per la fondazione del cinema moderno, nato con il neorealismo: l’azione è sostituita dall’andare a zonzo, da un viaggio che, pur avendo una meta, si sfrangia; la situazione è dispersiva, s’incontrano numerosi personaggi di contorno che scompaiono presto; i bambini subiscono la violenza degli adulti, soffrono di impotenza, e tale condizione li rende maggiormente capaci di sentire e vedere.

Sei d'accordo con Francesco Rufo?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Antonio (Lo Verso), giovane carabiniere calabrese, ha il compito di accompagnare l'undicenne Rosetta (Scalici), prostituita dalla madre, e il fratellino Luciano (Ieracitano) in un orfanotrofio di Civitavecchia che, però, si rifiuta di accoglierli. Il viaggio prosegue per un istituto in Sicilia. Il cuore di questo film bellissimo e importante - scritto dal regista con Sandro Petraglia e Stefano Rulli - è nel rapporto tra carabiniere e bambini: lenta conquista, avvicinamento, osmosi. Grazie ad Antonio i due bambini - che nei film di Amelio sono sempre una maschera dell'adulto non cresciuto - imparano per pochi giorni a ridiventare bambini. Pur nella fedeltà a un'alta idea di cinema che dice attraverso il non detto e tende a esprimere l'inesprimibile, Amelio ha fatto un film emozionante anche nella sua durezza e nel rifiuto di ogni consolazione. La sua concretezza disadorna si può cogliere nel modo, sommesso e lucido, con cui si dà testimonianza dell'Italia sia nel paesaggio (la mescolanza di sfascio e benessere) sia nell'acquiescenza tranquilla della piccola gente di Calabria e Sicilia. Almeno due sequenze memorabili: il pranzo in Calabria e il bagno in mare. Gran Premio della Giuria a Cannes e il Felix per il miglior film europeo. 2 Nastri d'argento (regia, sceneggiatura).

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
IL LADRO DI BAMBINI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
-
-
TheFilmClub
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 3 giugno 2014
aratos

Un film potente, riflessivo e soprattutto toccante. Toccante come le interpretazioni dei 3 protagonisti (tutti ugualmente superbi), toccante come le situazioni di disagio che si vengono a creare e che catturano lo spettatore, toccante come le emozioni che trasmette l'espressione di una bambina che guarda il mondo con gli occhi di una prostituta 11enne, e da tale teme di esser riconosciuta.

giovedì 30 marzo 2017
ARISTOTELES

Davvero un bel film. La storia raccontata fa sicuramente riflettere sulla condizione di tanti bambini a cui viene negata un'adolescenza serena. L'interpretazione dei tre protagonisti è semplicemente meravigliosa,soprattutto quelle dei bambini e mi fa strano che non abbiano poi fatto una grande carriera cinematografica. L'ambientazione è un altro punto a favore come il ritmo [...] Vai alla recensione »

sabato 28 giugno 2014
alexy

L' Italia deve presentare questi film per la premiazione di oscar. ottimo film

martedì 5 aprile 2011
nonnetti

il cinema nella sua accezione più significante: questo film è cinema. un neorealismo schiacciante eppure a tratti arioso e carico di speranza. Amelio ci ha consegnato un capolavoro sull'infanzia e sulla società italiana. indimenticabile.

sabato 19 novembre 2011
Metalsoldier

Questo è il vero stile italiano, che va a cogliere gli aspetti veri della realtà portando spunti di riflessione. Quindi un cinema di alto livello e non banale. La semplicità del film esalta la profondità dei sentimenti. Film inizia in modo drammatico e freddo su scenari trasandati di periferia, ma che poi arriva ad essere emozionante e caldo man mano che emergono i [...] Vai alla recensione »

Frasi
Antonio guarda che bella chiesa!..è marocca!
Rosetta (Valentina Scalici)
dal film Il ladro di bambini - a cura di Melissa
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Si possono “rubare” i bambini, senza però con questo arrivare a commettere alcun reato. Anzi, quel rubare può voler dire attingere, incantati, al meglio del loroo animo. In Il ladro di bambini, di Gianni Amelio, sono due gli autori del “furto”: il giovane protagonista, il carabiniere calabrese Antonio (Enrico Lo Verso), e lo stesso Amelio, da sempre attentissimo alle emozioni e ai sentimenti dei più [...] Vai alla recensione »

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Seduti sul bordo d’un marciapiede, Rosetta e Luciano ci voltano la schiena. Lei aggiusta una giacca sulle spalle del fratello: per ripararlo dal freddo del mattino, per difenderlo dalla solitudine e dallo smarrimento. Di fronte a loro c’è la forma disperante dell’istituto in cui passeranno l’ultima parte dell’infanzia e la prima della giovinezza. Basterebbe un niente per rompere l’incanto: un movimento [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Il più bel film italiano della stagione! Scritto e diretto da Gianni Amelio all’insegna dell’intensità, con una forza e una poesia anche più mature che non in Porte aperte. Si parte da un fatto orribile: una madre meridionale, a Milano, che prostituisce la figlia di undici anni quasi di fronte a un fratellino che ne è così scosso da non parlare più, travolto oltre a tutto da un’asma provocata di certo [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
venerdì 19 marzo 2010
Marzia Gandolfi

Agli albori Il 28 dicembre 1895, presso il Salon Indien du Grand Cafè di Parigi, Auguste e Louis Lumière mostrarono per un franco a persona la meraviglia del cinematografo. Imprenditori della luce e di un sogno (quello del cinema), presentarono al mondo [...]

winner
gran premio speciale della giuria
Festival di Cannes
1992
winner
miglior regia
Nastri d'Argento
1993
winner
miglior scenegg.ra
Nastri d'Argento
1993
winner
miglior film
David di Donatello
1992
winner
miglior regia
David di Donatello
1992
winner
premio speciale
David di Donatello
1992
winner
miglior montaggio
David di Donatello
1992
winner
miglior musica
David di Donatello
1992
winner
miglior produzione
David di Donatello
1992
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati