Mine Vaganti

Film 2010 | Commedia 110 min.

Regia di Ferzan Ozpetek. Un film con Riccardo Scamarcio, Nicole Grimaudo, Alessandro Preziosi, Ennio Fantastichini, Lunetta Savino. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2010, durata 110 minuti. Uscita cinema venerdì 12 marzo 2010 distribuito da 01 Distribution. - MYmonetro 3,19 su 176 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Mine Vaganti tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il rientro a casa del rampollo più giovane Tommaso, è il momento per la famiglia Cantone di sancire il passaggio della gestione aziendale ai due figli maschi. Il film ha ottenuto 10 candidature e vinto 5 Nastri d'Argento, 12 candidature e vinto 2 David di Donatello, 2 candidature agli European Film Awards, In Italia al Box Office Mine Vaganti ha incassato 8,4 milioni di euro .

Mine Vaganti è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,19/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,89
PUBBLICO 3,53
CONSIGLIATO SÌ
Versione brillante e conviviale dei conflitti familiari di Ozpetek.
Recensione di Edoardo Becattini
lunedì 15 febbraio 2010
Recensione di Edoardo Becattini
lunedì 15 febbraio 2010

La famiglia Cantone è proprietaria di uno dei più importanti pastifici del Salento. La nonna aprì l'azienda assieme al cognato, di cui è stata segretamente innamorata per tutta la vita, e ora quegli impulsi sopiti ricadono sulle abitudini di una famiglia schiava del perbenismo alto-borghese. Il rientro a casa del rampollo più giovane Tommaso, trasferitosi a Roma per studiare economia e commercio, è il momento per la famiglia di sancire ufficialmente il passaggio della gestione aziendale ai due figli maschi. Tommaso è pronto a sconvolgere i piani del pater familias dichiarando apertamente la propria omosessualità e il desiderio di seguire aspirazioni letterarie, ma durante la cena ufficiale per festeggiare il nuovo corso aziendale, viene anticipato dal fratello maggiore Antonio che, dopo tanti anni di fedele servizio agli affari di famiglia, si dichiara omosessuale prima di lui e viene per questo espulso dalla casa e dalla direzione dell'azienda. Per non distruggere definitivamente l'orgoglio del padre, già colto da un collasso al momento della rivelazione, a Tommaso non resta altro che dissimulare le proprie preferenze sessuali e assecondare momentaneamente gli oneri familiari.
Il cambio di registro non implica un cambio di mentalità. E il sentiero della commedia all'italiana non implica necessariamente una satira cinica e arguta. In questo senso, Mine vaganti non smentisce il peculiare interesse di Ozpetek per le varie forme di squilibrio dei rapporti sociali nel momento in cui all'interno di questi emergono bugie, amenità e piccole tragedie. Ma neanche la sua predisposizione ad assumere un atteggiamento liberale e progressista nei contenuti ma inguaribilmente "centrista" e conservatore nella forma.
A dir la verità, l'incipit parrebbe dire il contrario, sottolineando una presa di coscienza da parte del regista italo-turco delle proprie ossessioni. Ozpetek presenta infatti quasi in apertura l'immancabile scena di una grande tavolata di commensali e la sua tipica ripresa che percorre in circolo volti, nuche, bocche che parlano e che masticano. Stavolta però nella perfetta sincronia della tavola, inserisce un detonatore narrativo pronto a far saltare la buona forma delle apparenze e a dotare di ottimo slancio la successiva evoluzione del racconto. Ma è quando il gioco comincia a farsi più scoperto e ai veleni della satira si sostituiscono i balsami della morale, che si capisce che per Ozpetek la commedia sulla realtà della provincia non è tanto Signore & Signori quanto Il ciclone . Il suo modo di gestire gli attori, coordinare le loro performance e i relativi tempi comici, non è quello di chi ha intenzione di creare una vera "commedia queer all'italiana", sintesi di acume, sagacia e sensibilizzazione. I suoi personaggi non sono delle vere "mine vaganti", delle maschere intente a spostare i pigri equilibri del pensiero comune, ma piuttosto delle caricature bizzarre che si divertono alle spalle del perbenismo senza volerlo realmente criticare.
E quel che è peggio è che la sua visione dell'Italia retrograda risulta ancor più passatista della mentalità che vorrebbe irridere per l'atteggiamento bonario e paternalista con cui la mette in scena.
Per questo, sulle sequenze umoristiche quel che alla fine emerge è la contraddizione fra chi da una parte esalta lo scompiglio e dall'altra si appiglia alla prosecuzione del pensiero comune. Tanto che nell'incrocio di presente e passato, con l'ausilio di un canzoniere vintage che attinge indiscriminatamente al repertorio pop di varie decadi, alla commedia ozpetekiana manca solo l'esibizione di qualche telefono bianco.

Sei d'accordo con Edoardo Becattini?
MINE VAGANTI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€11,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 15 marzo 2010
Nicola Barbera

Tutto perfetto (o quasi) nella riuscitissima commedia di Ozpetek, tranne forse... il titolo. Che risulta d'effetto, certo, ma promette scenari e sviluppi che vanno oltre quelli realmente presenti nella storia. A rigore, una "mina vagante" é un oggetto altamente (e facilmente) esplosivo, incontrollabile negli spostamenti perché trascinato qua e là dalla corrente: nessuno dei (convincenti) personaggi [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 marzo 2010
Maxaquila

"Gli amori impossibili sono quelli che durano per sempre" dice Scamarcio alla Grimaudo che, squadrandolo per bene da dietro quello sprofondo di nero dei suoi occhi, gli risponde "che fregatura..." Ozpetek torna a toccare le corde vibranti dello sconvolgimento dell'armonia familiare: gli uomini non vedono ciò che le donne sentono, così che l'omosessualità dei due fratelli, già nota alla sorella così [...] Vai alla recensione »

venerdì 12 marzo 2010
alespiri

Si potrà obiettare che Ozpetek rappresenta il suo mondo; un mondo ideale, un’omosessualità borghese che non rompe gli schemi. Si potrà sempre rispondere che uno dei capolavori assoluti del cinema mondiale “C’era una volta in America” è stato un film che analogamente ha rappresentato un mondo ed un periodo storico in maniera non realistica (e per questo [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 marzo 2010
Massimiliano Morelli

Dicono che l'ora blu sia quel particolare momento crepuscolare della giornata in cui c'è troppa poca luce per essere giorno e troppo poco buio per essere notte. Il derviscio di celluloide Ozpetek vi si poggia con l'ambigua delicatezza dei veli trasparenti e sanguigni del suo Sud, per tessere un film sapientemente blu, in cui la palese dominante cromatica è la [...] Vai alla recensione »

martedì 23 marzo 2010
annelise

Che dire di un padre del Sud colpito da infarto di fronte alla rivelazione dell'omossessualità del figlio? si potrebbe dire,probabilmente, che risponde alla normalità in un contesto in cui la diversità espressa non è prevista. La famiglia Cantone racchiude tutte le simbologie e le ipocrisie delle famiglie italiane in cui tutto ciò che è segretamente trasgressivo si può tollerare purchè non sia [...] Vai alla recensione »

lunedì 22 marzo 2010
Filmicus

Mine vaganti potrebbe sembrare un film sulla libertà dell'individuo,sulla spinta ineludibile che anima ciascuno di noi ad essere se stesso, a perseguire i propri ideali. Spinta che quando svanisce genera un ripiegamento , un'amarezza che segna la vita in una resa, cruda ma inevitabile, alla realtà.Mine vaganti al di là delle apparenze non parla della libertà e della parellela ricerca della felicità.Al [...] Vai alla recensione »

mercoledì 17 marzo 2010
johnny1988

Trovo che questa pellicola possa inserirsi come uno dei migliori capitoli nella filmografia di Ozpetek. Le mine vaganti del titolo sono le protagoniste di una storia che si bilancia sulla doppia polarità intima e corale, e dove gli antagonismi si toccano, "esplodono" e si annullano. Punto di partenza: una giovane donna che tenta il suicidio il giorno delle sue nozze e un giovane neolaureato [...] Vai alla recensione »

sabato 28 agosto 2010
Cinefila

Il sud, la Puglia, una splendida e luminosa Lecce fanno da sfondo a questa storia familiare che combatte con un "lutto morale" dovuto alla rottura della perfetta apparenza che i Cantone, respettati da tutta la città, sono costretti a subire a causa della dichiarata e inaspettata omosessualità di uno dei figli (Preziosi). Gli equilibri sembrano spezzarsi e la famiglia sembra non reggere il colpo di [...] Vai alla recensione »

mercoledì 24 marzo 2010
senso

Un ritorno da parte del regista ai temi dell'omosessualità iniziato ne "Le fate ignoranti"?. In questo film l'omosessualità è solo un pretesto per classificare il "diverso" come lo può essere l'extracomunitario o l'ebreo. La diversità serve a veicolare un messaggio: la vita è fatta di scelte e decisioni che ci permettono di viverla felicemente oppure no.

domenica 1 agosto 2010
G. Romagna

Tommaso (Riccardo Scamarcio), giovane figlio di una ricca famiglia di industriali salentini, decide che è giunta l'ora di confessare ai suoi genitori (conservatori fino al midollo) la sua omosessualità. Il suo sogno è quello di fare lo scrittore, e durante i suoi studi a Roma ha conseguito la laurea in lettere invece che in economia e commercio, come aveva millantato alla famiglia.

domenica 28 marzo 2010
giadina2389

Le vicissitudini di una famiglia meridionale di industriali della pasta si collocano al centro di questa agrodolce commedia la cui ambientazione si rispecchia in una splendida Lecce calda e assolata.Tommaso Cantone (alias Riccardo Scamarcio) è di ritorno da Roma , dove egli ha coltivato la sua passione per la letteratura laureandosi in Lettere anzichè in Economia e Commercio come i parenti&nbs [...] Vai alla recensione »

lunedì 2 agosto 2010
doni64

Film intenso come lo sono quasi tutti i film di Ozpetek ma interpretato questa volta da attori diversi ma sempre preparati al ruolo.La trama e' drammaticaironica e prende il pubblico poiche' gradevole.Il film nel complesso e' piu' che simpatico.Voto 7+

mercoledì 17 marzo 2010
olgadik

E’ probabile che il fascino delle pietre color oro morbido e dei tronchi espressivi e secolari degli olivi pugliesi, nonché lo smeraldo del mare, mi abbiano disposto a una visione da spettatrice emozionata e partecipe. Ma ciò non toglie che, secondo me, quest’ultimo, sia insieme al primo (Le fate ignoranti) uno dei film migliori del regista turco. Perché esso sembra autentico, scritto con naturalezza, [...] Vai alla recensione »

martedì 2 giugno 2015
Jordan Daniel

un bel film, veloce, divertente, soprattutto ironico, con un cast di bravissimi attori, scelti perfettamente nel ruolo che devono interpretare. Finalmente un film italiano intelligente, non ovvio, anzi attuale, contro i pregiudizi. L'ambientazione è intrigante, i dialoghi serrati e arguti - c'è la mano di Cotroneo, questo è evidente - la fotografia un capolavoro.

lunedì 9 aprile 2012
Tiberiano

Personaggio controverso Ozpetek, a mio avviso un tantino sopravvalutato dai più.  Bisogna riconoscergli di aver sdoganato (e umanizzato) l'omosessualità nel cinema italiano del XXI secolo. Hammam-Il Bagno Turco e Le Fate Ignoranti rimangono i suoi film di svolta in questo senso. E i migliori.   Troviamo qui, non tanto il tema -più appariscente- del [...] Vai alla recensione »

mercoledì 28 settembre 2011
Dano25

Antonio e Tommaso Catone sono gli eredi di un importante pastificio nel salento, aperto dalla nonna segretamente innamorata del cognato, diretto con competenza e autorità dal padre ed in cui Antonio ha pestato per anni fedele servizio. Tommaso invece vive a Roma dove ,segretamente, si divide tra l’amore per un altro uomo e il tentativo di diventare scrittore.

venerdì 2 maggio 2014
Trammina93

Io adoro Ozpetek e ho visto tutti i suoi film ma credo che questo sia il mio preferito. Il cast è favoloso. Tutti i personaggi sono ben caratterizzati, dai due fratelli gay (Scamarcio e Preziosi), ai genitori che non possono accettare l'omosessualità del figlio in un clima così chiuso di mente e basato sull'apparenza come quello del sud (Ennio Fantastichini e Lunetta Savino), [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 gennaio 2013
Marzaghetti

Divertenti, spassose ma anche profondamente emozionanti, le mine vaganti di Ozpetek lasciano nello spettatore una insolita ed esplosiva miscela di buonumore e malinconia, legata soprattutto ai magnifici personaggi, tanto caricaturali quanto azzeccati. Cast di alto livello (Fantastichini su tutti, ma anche Scamarcio, Ricci, Occhini...) e sapiente mix di brio e riflessione.

sabato 10 settembre 2011
tiziana89

Inutile difendersi: siamo noi. Pugliesi, viscerali e insieme permeati di apparenza. Avvinghiati strenuamente a radici vetuste ma ormai secche,concentrati e ipertesi in un presente vorticante, disillusi su un futuro che non vogliamo ci preoccupi. Meravigliosa la nonna, coerente fino all'irrazionale con i valori in cui crede. Si sforza di trasmetterli, di coltivare nei suoi discendenti la sensibilità [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 marzo 2011
Mon56

Film che, in quasi due ore, riesce a non raccontare nulla, non fa riflettere, non diverte. Regia incerta che non sa decidere se adeguarsi alle strategie della commedia leggera, piuttosto che a quelle del realismo descrittivo o del linguaggio simbolico. Uno spreco di buoni attori, palesemente a disagio (Fantastichini, Occhini) nel dar vita a figure che non sanno liberarsi mai dell'immagine di macchietta [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 marzo 2011
tumau

Storia di amore trattenuto . Di bocconi di tenerezza deglutiti a forza. Non solo il protagonista ,Tommaso (Scamarcio), gay non dichiarato che vuole,ma teme di dichiararsi alla sua famiglia , soprattutto a suo Padre. In realtà si scopre nel film che è condizione di tutti Ognuno ha un amore ,un palpito, che deve tenere per sé Mi riferisco in particolare ad uno che forse potrebbe [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 settembre 2010
antrace

Il mondo attraverso lo sguardo degli omosessuali appare talora tenero ed esuberante , altre volte severo e cupo. L'alternanza degli umori , il dissidio interiore perenne di individui in cerca di equilibrio , è solo in parte segnato dalla critica o dall'ostilità altrui . Se il padre di Tommaso reagisce goffamente e con rozzezza alla dichiarata condizione del primogenito [...] Vai alla recensione »

mercoledì 17 marzo 2010
c-claudia

2010, Puglia. 2010, non 2000. Il duemila era l'anno della novità, era l'anno dove barriere europee, culturali, mondiali, almento idealmente, sarebbero dovute precipitare per dar spazio a libertà e anticonformismi vari. Un regredimento, quindi, quello che mestamente fa osservare il protagonista? Un regredimento verso la società ben compatta, verso il perbenismo, verso la paura di mettere il naso fuori [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 ottobre 2015
carlosantoni

Ogni tanto capita di assistere alla proiezione di un film di cui non si sentiva affatto il bisogno: questo è capitato a me vedendo questo film men che mediocre, dal titolo fin troppo furbesco. Me la sbrigo con poche osservazioni, a cominciare dagli aspetti meno urtanti, a quelli proprio insopportabili. Primo: la recitazione. Mediocre, quasi svogliata, quella di Placido; a dir poco noiosa quella di [...] Vai alla recensione »

martedì 2 giugno 2015
Jordan Daniel

un bel film, veloce, divertente, soprattutto ironico, con un cast di bravissimi attori, scelti perfettamente nel ruolo che devono interpretare. Finalmente un film italiano intelligente, non ovvio, anzi attuale, contro i pregiudizi. L'ambientazione è intrigante, i dialoghi serrati e arguti - c'è la mano di Cotroneo, questo è evidente - la fotografia un capolavoro.

mercoledì 26 giugno 2013
Director's cult

Ferzan Oxpetek abbandona i toni drammatici e sperimenta la commedia, e per farlo utilizza il pampleth dei parenti serpenti, colladauta sin dai film di Mario Monicelli e Dino Risi. L'immancabile tavolata (ormai divenuto un leit motiv del regista) presenta portate intrise di ipocrisie, amarezze, velleità, cose non dette, cose dette (che non dovevano essere dette), malori e sorrisi tirati, servite per [...] Vai alla recensione »

sabato 11 settembre 2010
Miss Golightly

Ozpetek abbandona il suo complice cast di sempre e si avventura in un film che fonde alla perfezione la  simpatia e l’amarezza della vita.“Mine vaganti” è lo specchio delle nostre vite, delle nostre paure e delle nostre scelte sempre condizionate dal giudizio della gente o dall’affetto stesso delle persone e quindi mai del tutto libere.

venerdì 26 agosto 2011
Dandy

Dopo il trascurabile"Un giorno perfetto",il regista torna ai temi che più gli si confanno(le tensioni in famiglia,l'orgoglio nella propria "diversità",il peso del quotidiano)e gira quasi un remake di "Saturno contro",molto più libero e slanciato però.Alla solita ambientazione "romana" sceglie il Lecce e spinge il pedale sull'ecce [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 aprile 2010
Giuseppe Tumolo

Il pudore oggi non ha più limiti e vorrei subito precisare che non intendo il pudore riferito a tematiche simil-moraliste riguardo la sessualità (trattata nel film), ma al rispetto di opere cinematografiche di altri. Lo so che Ozpetek realizza film un po' particolari, è un genere tutto suo, ma questa volta ha superato ogni limite.

mercoledì 17 marzo 2010
THX1138

La tranquillità dei Cantone, famiglia dell'alta borghesia salentina, proprietaria di un industria di pasta, viene irrimediabilmente infranta dall'annuncio dell'omosessualità del figlio maggiore,Antonio (Preziosi), nel bel mezzo di una cena di famiglia, anticipando il fratello Tommaso(Scamarcio)che nello stesso convivio avrebbe dovuto fare il medesimo annuncio: Antonio verrà estromesso dagli affari [...] Vai alla recensione »

sabato 13 marzo 2010
conrad_pd

Una commediola che vorrebbe essere film d'autore ma che riesce al massimo a strappare un mezzo sorriso ogni tanto, subito smorzato dalle scarse performance degli attori e da una narrazione che scorre malamente. I personaggi sono senza spessore, non si elevano oltre il livello di macchiette. La trama, anche se semplicissima, avrebbe potuto dare spunto a un sacco di situazioni comiche e di battute [...] Vai alla recensione »

sabato 13 marzo 2010
Sabine

Ad essere obiettiva, mi pare esagerato definire "ottimi" gli attori e la regia di questo film. Diciamo che tanto per passare un paio di orette di intrattenimento può andare bene, ma di qui a definirlo capolavoro ce ne passa, e, sul filone dei film a tematica omosessuale, Ozpetek non può certo competere con autori del calibro, per esempio, di Ozon.

sabato 13 marzo 2010
esticatsi

Sono omosessuale, e dal mio punto di vista un film del genere poteva andare bene venti anni fa. Nel 2010 lo trovo del tutto inutile. Il personaggio del padre in particolare è una caricatura superficiale con battute esageratamente melodrammatiche. La recitazione a livello di fiction televisiva non aiuta. In una frase il mio giudizio sul film è: "Almodovar vorrei ma non posso".

domenica 30 maggio 2010
Kronos

Voglio riportare la motivazione del premio vinto dal film al Tribeca Film Festival:  "Per averci fatto ridere, piangere e decidere di prenotare un viaggio in Italia meridionale, ci congratuliamo con il regista Ferzan Ozpetek, il suo talentuoso cast e i suoi collaboratori".  Commento sintetico ma esaustivo: 'Mine Vaganti' è una splendida commedia, di quelle che [...] Vai alla recensione »

domenica 14 marzo 2010
cinemax

In una Puglia stupendamente fotografata si accendono le luci sulle ombre, si chiudono i sipari perchè si possa vedere quello che c'è fuori, oltre la rappresentazione di se stessi. Questo non è un film sull'omosessualità ma un film sulla libertà in cui i sentimenti devono poter vivere, un film che ci invita a lasciarsi andare nel vivere le emozioni perche' [...] Vai alla recensione »

sabato 13 marzo 2010
picciopaccio

film commovente ottima scrittura fotografia e ottimi gli attori non a caso applaudito a Berlino e già in concordo a new York è vero che ognuno ha i suoi gusti ma dare una stella a questo film mi sembra veramente scandaloso.

giovedì 18 marzo 2010
brian77

Ozpetek è sempre stato un bluff.  Il livello è quello di un buon prodotto televisivo, ma tutto è scontato, ovvio, banale.  C'è una buona professionalità, quella sì, e permette al film di stare in piedi, risultando a volte anche divertente.   Però è girato e raccontato come una serie tv ben fatta, è quella [...] Vai alla recensione »

sabato 13 marzo 2010
Lolciska

Il film è fatto molto bene. è divertente,leggero e sopratutto recitato molto bene da tutti gli attori(le migliori sono La savino e elena sofia ricci). Vi consiglio di andarlo a vedere.

giovedì 25 marzo 2010
Lukac

E' un film che si può vedere a più livelli, dipende dalla profondità con cui si guarda.. Vuoi la commedia? Servita. Vuoi il dramma? Servito. Vuoi l'introspezione? Servito. Vuoi le performances di bravi attori? Servite. Vuoi una buona fotografia? Servita. Vuoi una godibile colonna sonora? servita. Insomma non hai che da gustare il banchetto.

giovedì 25 marzo 2010
laulilla

il film, nonostante alcuni pregi (bella fotografia ed eccellenti immagini del paesaggio pugliese, bella musica), affronta un tema serissimo come l'outing di un giovane omosessuale in una famiglia tradizionalmente legata agli stereotipi di genere, con la leggerezza superficiale della commedia italiana. Capitalismo familiare e maschile, le donne in casa a garantire l'eredità della gestione del piccolo [...] Vai alla recensione »

lunedì 15 marzo 2010
aziza

Sono uscita soddisfatta dal cinema ottimo film. bravissimi gli attori. Mi sono piaciuti soprattutto Fantastichini la Occhini e Preziosi.

martedì 30 marzo 2010
marezia

Strano film questo, ottimo in alcuni momenti e mediocre in altri ma senza ombra di dubbio magnificato con TROPPA benevolenza, a mio parere, dal mondo dei critici per la presenza nel cast tecnico di Cotroneo, un vero e proprio mostro sacro ormai. Ripensando alla precedente produzione di Ozpetek infatti niente è piaciuto al mondo degli addetti alla critica (e non è un lapsus), nemmeno "Un giorno perfetto": [...] Vai alla recensione »

martedì 30 marzo 2010
Giammarco

Direi un ottimo film. Da riflettere e ridere, musiche splendide. Da vedere assolutamente.

domenica 21 marzo 2010
ventoacqua

 Davvero un ottima pellicola, interessante, coinvolgente e molto, molto divertente; ha un buon equilibrio tra commedia e dramma, ed esplora temi difficili e complessi con rara grazia. Una delle migliori creazioni di Ozpetek

lunedì 9 agosto 2010
simon

Fra le numerose scene che si apprezzano in questo film la migliore è senza dubbio quella in cui Ilaria Occhini, dopo essersi vestita e ben truccata, gusta davanti allo specchio una serie interminabile di dolci e pasticcini, con un avidità ed una passione quasi paragonabili ad un amplesso...magnifica...pura emozione...

domenica 21 marzo 2010
Gioia20

Bellissimo film. Gli attori sono stati tutti bravi, ma Preziosi nel ruolo di Antonio è stato fantastico. Nella sala durante la scena della cena quando Antonio (Preziosi) faceva il suo discorso, il pubblico era in assoluto silenzio, a mio parere, rapito dall'interpretazione. Pecci nel ruolo dell'amico gay è stato molto divertente. La scena della canzone sotto la doccia è buffissima.

sabato 20 marzo 2010
nadias

un film divertente dove si vedono dei bravi attori(italiani-finalmente)dove si vede l'ipocrisia quotidiana che accompagna molte persone nella vita reale e dove c'è una buona dose di sano umorismo! A me e mio marito è piaciuto tanto!

venerdì 19 marzo 2010
paride86

Ozpetek, dopo l'eccessivamente criticato "Un Giorno Perfetto", torna al cinema con una commedia familiare frizzante e scanzonata. E' un film in cui si ride tantissimo, ma il messaggio di fondo della storia è piuttosto trito. Gli attori sono tutti molto bravi.

martedì 16 marzo 2010
Domenico

I film di Ferzan Ozpeteck sono sempre bellissimi e garanzia di soldi ben spesi per andare al cinema. Il film è molto ben recitato, a tratti davvero divertente. A me personalmente ha lasciato un nodo alla gola alla fine, ma è una cosa che metto in conto ogni volta che vedo i film di questo straordinario e sensibile regista, che coglie sempre l'infelicità cui è condannato il genere umano.

lunedì 15 marzo 2010
Simos92

Veramente bello, un cast fantastico e una storia genialmente ber diretta. Divertente, commovente e ci invita a riflettere su tanti punti! Bravi tutti gli attori che hanno reso il film divertente ma nello stesso tempo molto serio! Fantastico! Consigliato!!!

FOCUS
INCONTRI
domenica 14 febbraio 2010
Edoardo Becattini

Segreti e bugie in Puglia Ancora un nucleo familiare e un mucchio di tensioni latenti e segreti stridenti a minare l'equilibrio degli affetti. A cambiare, nel nuovo lavoro di Ferzan Ozpetek, sono soprattutto i toni, che passano dal dramma intimista alla commedia e al divertissement puro, e le location che per la prima volta si allontanano dagli appartamenti borghesi di Roma per spostarsi nelle ville salentine e nei vicoletti di Lecce.

Frasi
Gli amori impossibili non finiscono mai. Sono quelli che durano per sempre.
Una frase di La nonna (Ilaria Occhini)
dal film Mine Vaganti - a cura di Scratch
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Alberto Crespi
L'Unità

Esce Mine vaganti, nuovo film di Ferzan Ozpetek, e il portale internet di un importante quotidiano lancia un sondaggio: quale film gay preferisci? Tra le opzioni c'è La mala education, scritto così, perché Hollywood lava più bianco e quindi Almodovar deve diventare anglofono (il suo bel film si chiamava La mala educacion, in castigliano). Tutto fa brodo (leggi: pubblicità), ma non sappiamo se Ozpetek [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Segreti di famiglia. Tutti ne hanno, nessuno li vuole. Ma il bello dei segreti è che sono contagiosi. Ogni segreto ne genera un altro, poi un altro e un altro ancora. Che alla lunga, naturalmente, sono sempre meno segreti e sempre più comici (o tragici, ma più di rado). Mine vaganti applica questo principio al clan patriarcale di un industriale della pasta leccese e ci porta di sorpresa in sorpresa [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Con Mine vaganti, suo ottavo film, Ozpetek si discosta dalle tinte melò che sembravano quelle a lui più congeniali, per abbracciare convinto un gusto umoristico e sorridente. Per tornare su un tasto quasi sempre presente, quello dei sentimenti dal punto di vista dell'omosessualità maschile, il regista turco/italiano si mette in campo e dedica il film a suo padre.

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Ancora famiglie per Ferzan Ozpetek. Come ne "Le fate ignoranti". In Puglia, questa volta, a Lecce, dove i Cantone padre e figlio gestiscono un pastificio. L'altro figlio, Tommaso, è andato a studiare a Roma, non economia e commercio come i suoi credono pensando all'azienda, ma lettere, per diventare scrittore. Torna per dire la verità anche sulle sue inclinazioni omosessuali di cui in casa non sanno [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

La gaytudine può diventare una camicia di forza per un regista che aspiri a navigare al largo di filoni ed etichette. Ma quando Ennio Fantastichini, nel ruolo del padre padrone già colto da infarto quando l'erede ha proclamato nel clou di un pranzo di famiglia d'essere diverso, torna a passeggiare in centro città, si siede al tavolino del bar più in e ostenta una risata soddisfatta che presto si tramuta [...] Vai alla recensione »

Alessio Guzzano
City

A Roma, Scamarcio studia in segreto da scrittore e vive con un ragazzo. Torna a Lecce per stupire il parentado a tavola, conviviale luogo simbolo del cinema cuciniere di Ozpetek. Caratteri imbanditi: babbo omofobo Fantastichini (meglio in "Viola di mare"), mamma impettita Lunetta Savino, zia alcolica/allupata Elena Sofia Ricci, cognato becero, nonna Ilaria Occhini con trapassato amore segreto (costante [...] Vai alla recensione »

Piera Detassis
Panorama

Un gioco d'equilibrismo difficile eppur riuscito fra il campo rutilante in stile Mamma mia! e il tocco sardonico alla Pietro Germi: l'ultimo film di Ferzan Ozpetek è solare, strambo e felicemente disinibito. Scritto con brio assieme a Ivan Cotroneo, l'operetta corale (ancor prima che morale) si tuffa di testa nella Lecce barocca e nella famigliona dei pastai Cantone, tra immense tavolate, una nonna [...] Vai alla recensione »

Lee Marshall
Condé Nast Traveller

Oggi sarebbe impossibile fare un film come Mine vaganti negli Stati Uniti. Non perché ci sia una congiura contro le tematiche gay. La prova contraria l'abbiamo vista a Berlino, dove insieme al film di Ozpetek ha debuttato The kids are all right di Lisa Cholodenko, con Julianne Moore e Annette Bening nei panni di una coppia lesbica con due figli adolescenti.

Eric Jozsef
Libèration

Ancora una volta Ferzan Ozpetek torna sul suo tema preferito, quello che l'ha portato al successo in un'Italia ancora in grave ritardo nel raccontare l'omosessualità al cinema. Questa volta, sceglie la commedia vecchia maniera con la storia di due giovani fratelli che devono confrontarsi con l'ottusità dei loro genitori, ipocriti, caricaturali e portatori di tutti i cliché della famiglia all'antica [...] Vai alla recensione »

Salvatore Trapani
Il Giornale

Esplosivo e adorabile, esce Mine vaganti di Ferzan Ozpetek, commedia a tratti tragica, che mette in scena non solo il tema dell'omosessualità, da dichiarare ai genitori, ma anche i panni sporchi di famiglia. Il piccolo di casa (Riccardo Scamarcio) vuole dichiarare durante una cena d'affari del padre (Ennio Fantastichini) di esser gay. Lo anticipa suo fratello, con una storia altrettanto forte, che [...] Vai alla recensione »

Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Ritratto di famiglia salentina sottochoc. Ma con ironia nella credenza. Ridere giova alla salute, propria e del produttore Procacci. Passati i 5O, Ferzan Ozpetek l'ha capito e ha trovato la primaria fonte della burla in quel S é medesimo più incline al tragico che non al comico, vedi filmografia. Il vero vagante tra le mine, dunque, è proprio il regista turco-romano d'adozione, che molla via Ostiense [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Pur provenendo da Istanbul, Ferzan Ozpetek è ormai regista italianissimo. Come dimostra Mine vaganti che per umorismo e spunti - la provincia pettegola, la zitella erotomane, le corna, gli interessi patrimoniali, la nonna con un antico segreto, la famiglia covo di amori e di odi - rievoca certe commedie nostrane dell'epoca gloriosa. E, passando alla letteratura, come non ritrovare reminiscenze di Il [...] Vai alla recensione »

Paola Casella
Europa

Dopo i melodrammi Cuore sacro e Saturno contro, Ozpetek torna alla leggerezza, e gliene siamo grati: questa storia di segreti e apparenze in una famiglia meridionale ha la levità di un biancomangiare, nonostante una delle prime, fondamentali frasi del film («Qui al sud la felicità pesa»). Nella Lecce del «basta che non si sappia in giro» i fratelli Tommaso e Antonio sono omosessuali nascosti: quando [...] Vai alla recensione »

Erica Arosio
Gioia

Ozpetek gioca sempre sulle stesse note. L'incertezza delle scelte d'amore, più che l'omosessualità, il piacere del cibo e dei corpi in una sensualità gioiosa debitrice dello sguardo di Almodòvar la ricerca della libertà. E la strizzata d'occhio a tutte le mine vaganti, ovvero a chi ha il coraggio di andare dove lo portano la carne e il cuore. Un invito alla vita e alla tolleranza che in quest'ultimo [...] Vai alla recensione »

Mariuccia Ciotta
Il Manifesto

Se il cinepanettone seduce anche l'autore, si fa opera buffa adottando gli stereotipi del genere, il cinema italiano resterà fuori dalla sperimentazione planetaria. Mine vaganti senza carica esplosiva, come accade al film di Ferzan Ozpetek, presentato nella sezione Panorama della Berlinale 2010 e che ci presenta una galleria di normalizzati spacciati per «eccentrici» in una Lecce abbagliante, pronta [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
domenica 7 novembre 2010
Fiorella Taddeo

In origine fu Idillio infranto di Nello Mauri. Correva l'anno 1931 e il regista umbro "scese" fino al tacco dello stivale italico per girare uno degli ultimi film muti del cinema italiano. Location scelta Acquaviva delle Fonti, ma anche altri piccoli [...]

NEWS
domenica 20 giugno 2010
 

L'anno degli ex aequo Paolo Virzì e Ferzan Ozpetek hanno fatto incetta di premi alla 64° edizione dei nastri d'Argento con cinque premi a testa. Mine vaganti ha trionfato nelle categorie miglior commedia, attore non protagonista (Ennio Fantastichini, [...]

NEWS
giovedì 27 maggio 2010
Marlen Vazzoler

Oggi durante la consegna dei Nastri d'Argento alla carriera al regista Ugo Gregoretti, all'attrice Ilaria Occhini, al maestro Armando Trovajoli e a Gilles Jacob, che si è svolta all'Accademia di Francia a Villa Medici a Roma, il Sngci (Sindacato nazionale [...]

NEWS
venerdì 12 marzo 2010
Lisa Meacci

Apocalisse Se quelli delle passate settimane erano semplicemente "disastri apocalittici", con l'esordiente Scott Stewart l'Apocalisse arriva per davvero: in Legion il genere umano si trova di fronte all'ennesimo disastro, ma stavolta non può confidare [...]

winner
miglior commedia
Nastri d'Argento
2010
winner
miglior attore non protag.
Nastri d'Argento
2010
winner
miglior attrice non protag.
Nastri d'Argento
2010
winner
miglior fotografia
Nastri d'Argento
2010
winner
miglior canzone
Nastri d'Argento
2010
winner
miglior attore non protag.
David di Donatello
2010
winner
miglior attrice non protag.
David di Donatello
2010
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati