Generazione 1000 euro

Film 2008 | Commedia 101 min.

Regia di Massimo Venier. Un film con Alessandro Tiberi, Valentina Lodovini, Carolina Crescentini, Paolo Villaggio, Francesco Mandelli. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2008, durata 101 minuti. Uscita cinema venerdì 24 aprile 2009 distribuito da 01 Distribution. - MYmonetro 2,94 su 33 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Generazione 1000 euro tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Matteo è il classico trentenne brillante ma dal futuro precario. Due donne gli cambieranno la prospettiva sulle cose... Il film ha ottenuto 1 candidatura ai Nastri d'Argento, In Italia al Box Office Generazione 1000 euro ha incassato nelle prime 6 settimane di programmazione 1,3 milioni di euro e 534 mila euro nel primo weekend.

Generazione 1000 euro è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,94/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,80
PUBBLICO 2,64
CONSIGLIATO SÌ
Una commedia articolata, sensibile e godibile sulla vita da precario.
Recensione di Tirza Bonifazi
mercoledì 22 aprile 2009
Recensione di Tirza Bonifazi
mercoledì 22 aprile 2009

A Milano un gruppo di giovani neolaureati galleggia nell'orbita dell'instabilità esistenziale. Matteo, che si definisce un luogo comune, è un genio della matematica; nelle vesti di "cultore della materia" tiene lezioni sull'insostenibilità di Gödel, ma per tirare a campare lavora nel reparto marketing di un'azienda in odore di taglio del personale. L'amico e coinquilino Francesco mette in pratica la sua passione per la settima arte facendo il proiezionista in un cinema d'essay e osserva la vita come se fosse un film, dando un voto alle cose. Lasciato dalla fidanzata tirocinante in attesa di asportare il suo primo pancreas, e perse le sicurezze economiche di un terzo inquilino che li ha appena abbandonati con un debito, Matteo si trova diviso tra la passione e la ragione - e tra due donne che entrano con impeto nella sua vita - nell'eterna sospensione d'animo.
Se nel 2001, con Santa Maradona, Marco Ponti metteva in scena il precariato in quel di Torino e sette anni dopo Paolo Virzì ribatteva da Roma con il grottesco Tutta la vita davanti, Massimo Venier trova a Milano - e nel libro omonimo di Antonio Incorvaia e Alessandro Rimassa - l'ambientazione ideale per far luce su un tema che affligge la generazione mille euro.
Armato della sua solita delicatezza e di uno sguardo partecipe e insieme leggero, il regista di Chiedimi se sono felice s'incarica di raccogliere le esperienze comuni dei precari d'oggi convogliandole in una commedia pura, priva di quelle tinte nere che avevano contraddistinto gli impiegati senza contratto di Virzì.
La trama articolata e godibile su più fronti offre agli interpreti lo spazio per caratterizzare i loro personaggi e renderli verosimili all'interno di una fiction che traduce la realtà alterandola in favore dell'impianto narrativo. Nell'utilizzare la matematica e i personaggi secondari come valore aggiunto, Venier trova una formula fatta di piccoli dettagli, di battute e puntuali osservazioni capaci di divertire e allo stesso tempo descrivere l'attuale panorama italiano avvolto dall'incertezza del futuro professionale e sentimentale dei giovani.
Dimostrandosi ancora una volta capace di dirigere una variopinta rosa di attori (dall'ineccepibile Alessandro Tiberi al commovente professore di Paolo Villaggio), il regista regala a ognuno un momento da incorniciare e la realizzazione di un sogno a Matteo, che si sveglia, infine, con tutta la vita davanti.

Sei d'accordo con Tirza Bonifazi?
GENERAZIONE 1000 EURO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD

-
-
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
NOW TV
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 2 maggio 2009
mdr88

Il tema del "lavoro oggi" è stereotipizzato, poco profondo e per alcuni tratti anche distante dalla realtà. Scarso lo spazio riservato a Mandelli il quale, a mio avviso, è l'unico personaggio che nel suo modo leggero, ma allo stesso tempo mai banale (anzi frutto di una matura consapevolezza), di approcciarsi alla vita, si avvicina ad una più veritiera rappresentazione della condizione giovanile dei [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 settembre 2010
cronix1981

Il film è godibile, leggero e senza pretese. Ma visto l'argomento che affronta, sembra l'ennesima occasione persa. Il precariato giovanile è argomento sulla bocca di tutti. Questo film però non sembra affrontarlo con il dovuto "rispetto". E' una parte come altre che costituiscono il soggetto del film. E' più uno spunto per la trama che un argomento di riflessione.

domenica 17 aprile 2011
antrace

E' una vicenda narrata dall'alto, quella di Matteo , trentenne matematico, titolato e brillante , che vive con pochi soldi, e scarse possibilità di migliorare la sua condizione economica . I suoi incontri più significativi, quelli con Angelica , manager dell'azienda che lo ha assunto a termine , gli incontri che  potrebbero segnare la svolta della sua vita , si svolgono [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 ottobre 2010
Fabrizio Cirnigliaro

La pellicola diretta da Venier riesce a mostrare un quadro generale piuttosto vasto sul precariato giovanile nel nuovo millennio. Un’opera però rovinata dalla scelta “commerciale” di realizzare un film di successo sfruttando la strada più facile: la commedia sentimentale. Un cast perfetto solo sulla carta, ad eccezione della solare Valentina Lodovini, che si immedesima perfettamente nella parte [...] Vai alla recensione »

venerdì 9 luglio 2010
gabpao

Non bastano la correttezza formale e l'inappuntabilità tecnica, la buona prova degli attori e la loro puntuale aderenza al ruolo per consentire a una commedia come "Generazione 1000 euro" di passare il confine tra un prodotto di genere e l'operina di rilievo. Manca, tra le algide occhiate della Crescentini e lo strabuzzar d'occhi della prosperosa Lodovini, tra le difficoltà fisiche di Villaggio e la [...] Vai alla recensione »

mercoledì 12 settembre 2012
Danygor

"Ecco un altro film figlio della crisi economica che sta condizionando non poco il nostro paese in questi ultimi anni. 'Generazione 1000 euro' si presenta come una commediola piacevole, ben girata e soprattutto ben recitata, che affronta un tema drammatico come quello della disoccupazione e del precariato in Italia, nell'unica maniera possibile:con leggerezza, prendendola a ridere, perché non son rimaste [...] Vai alla recensione »

lunedì 8 maggio 2017
enzo70

   Massimo Venier anticipa il tema dei successi di Virzì, con un film intelligente e gradevole che ha ad oggetto le insicurezze della vita da precari dei giovani. Matteo un matematico è finito nell’ufficio marketing di una multinazionale, chiaramente in crisi: crisi che metterebbe a repentaglio il suo posto di lavoro pagato lautamente meno di 1.

venerdì 27 luglio 2012
Alberto58

Il primo quarto d'ora è veramente divertente, intrigante. In una Milano fotografata da lontano si sveglia il trentunenne Matteo in una giornata qualsiasi e, dopo aver combnattuto con i co-inquilini e essere stato lasciato a piedi dal vecchio motorino, arriva a piedi nella mutlinazionale dove un capetto insulso e provocatore gli chiede di calcolare, a lui matematico provetto, [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 aprile 2009
Vitolazzarone

Ho visto il film di Venier aspettandomi un contributo alla lotta contro gli stereotipi. Non ho ricevuto nulla in questo senso. Certo, per carità, tutto è vero. Ma per sapere come vive un trentenne laureato (magari del Sud Italia) a Milano basta farsi un cocktail nei bar all'ora dell'happy hour! Nessun insegnamento se non qualche riferimento al piccolo Italiano che sceglie la ragazza acqua e sapone [...] Vai alla recensione »

mercoledì 6 maggio 2009
TURIDUR

CORRI, CORRI, CORRI, NON TI FERMARE MAI ANCHE QUANDO STAI FERMO. EBBENE SI', PERCHE' DEVI CORRERE LO STESSO, CON IL PENSIERO, CON LE PREOCCUPAZIONI, CON LE IDEE E CON LE ANSIE... IL FILM E' BELLO, CONTA POCO ARCIGOGOLARSI CON SPECULAZIONI LINGUISTICHE O CONCETTUALI,ELUCUBRARSI NEL CRITICHESE PROFESSIONAL-GIORNALISTICO. MI PIACE SOTTOLINEARE SEMPLICEMENTE COME OGGI UN CERTO TIPO DI COMMEDIA SQUISITAMENTE [...] Vai alla recensione »

sabato 25 aprile 2009
paapla

Il film di Massimo Venier inizia come in un celebre romanzo di Lewis Carroll, Alice. “Dio mio, com'è tutto strano, oggi! Eppure ieri le cose sono andate avanti come il solito. Mi domando se mi hanno cambiata durante la notte! Vediamo un pò: ero la stessa quando mi sono alzata stamattina?” “Ci sentiamo sempre meno lettori di Alice, potremmo dire, e sempre più, direttamente, nei panni di Alice: «Si [...] Vai alla recensione »

domenica 26 aprile 2009
chiarialessandro

Credo di essere profondamente innamorato del cinema in generale ed è per questo che mi dispiace non poter parlare bene di un film in particolare ma purtroppo, per questa volta, non posso farne a meno. Gli argomenti per creare un’opera stimolante, spunto di riflessioni e discussioni, c’erano tutti, soprattutto tenendo conto di quanto accaduto nel mondo del lavoro da alcuni mesi ad oggi (ma la tendenza [...] Vai alla recensione »

martedì 6 settembre 2011
Giglio Giovanni

Mi aspettavo molto da questo film,e invece forse proprio per questo motivo sono rimasto deluso,ammiro molto la Lodovini,ma in questo film sembra che reciti giusto per portare a casa la pagnotta.Non ho trovato uno spunto di originalità,ben confezionato ma niente di più,e poi io sono Interista e come vengono descritti nel film non corrisponde alla verità,certo ci saranno pure gli s.

mercoledì 2 marzo 2011
Lady Libro

Uno fra i film peggiori che io abbia mai visto. Dopo neanche venti minuti di film, mi sono addormentata sbadigliando abbondantemente da tanto era noioso. Il film più insulso e tedioso che io abbia mai visto.

lunedì 20 settembre 2010
Ehivez

Dico peccato perchè i temi trattati dal film sono di grande attualità - ma la maniera in cui il film è fatto....è mediocre. Innanzitutto, partiamo dal protagonista: recitazione assolutamente sopra le righe, poco credibile. Francesco Mandelli? Se ci pensate in questo film non fa altro che imitare il ben migliore Libero De Rienzo di Santa Maradona. Il giovane disoccupato che, in fondo, invece che farsi [...] Vai alla recensione »

martedì 6 ottobre 2009
Lorenzo Materazzo

Perchè due stelle? perchè (mio malgrado) c'è gente a cui in italia piace vedere queste cose, recitate male dalle solite persone. Un film luogo comune, per fortuna lo dice lo stesso protagonista di sè quando si presenta. Se piace lasciamoli fare, purtroppo io mi sono lasciato convincere dalle (false) più che buone presentazioni...

giovedì 15 ottobre 2015
Marco Petrini

Personalmente lo trovo godibile: un film che ha il solo scopo di farti passare un'ora e mezza in modo decente.  Ho letto in una recensione che la storia descritta risulta piatta ed inconsistente:  a me, veramente non è mai capitato di conoscere un giovane della generazione 1000 euro che, in poco tempo, trovi realizzato un suo progetto, riesca a portarsi a letto il suo capo, sia [...] Vai alla recensione »

lunedì 15 settembre 2014
mike80

Davvero un bel film. Stesso argomento di Tutta la Vita Davanti, ma senza la tragicità che lo caratterizzava. Ottima sceneggiatura e qualche gag indimenticabile. Ma avete notato i nomi delle ragazze? Sarà mica casuale. Angelica, la ragazza sfuggente, inafferrabile, un po' maliarda e incantatrice (come Angelica dell'Orlando Furioso) e Beatrice (Dante, La Vita Nova e la Divina Commedia) [...] Vai alla recensione »

sabato 19 gennaio 2013
brian77

filmettino esilissimo. figlio della crisi sì, ma di idee.

sabato 23 aprile 2011
mauri67

L'inizio prometteva bene,poi il film si perde per strada.Peccato,perchè il soggetto non era male.

sabato 5 dicembre 2009
ultimoboyscout

...completo della peggio gioventù dello pseudo-cinema italiano!!! Mancava solo vaporidis e la porcheria sarebbe stata totale!!! In compenso ci sono Carolina crescentino con le sue valigie sotto gli occhi e la sua faccia inespressiva e Francesco Mandelli con le sue spalle strette e il fisico da lanciatori di coriandoli. Ben poco da dire: ci sarebbero migliaia di persone che firmerebbero col proprio [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 aprile 2009
DjParanoiA

Credo che questo film sia uno dei pochi italiani che si distingue per bellezza.. le aspettative sono molte..... Speriamo non sia la solita commediuccia!!

sabato 25 aprile 2009
Manfredi 4ever

Una scorpacciata di attori freschi, belli(alcuni) e bravi e una storia attuale e molto ben fatta con un Villaggio in partecipazione straordinaria come straordinaria è la sua interpretazione un pò malinconica, la quale dimostra come negli anni l'attore abbia mostrato le sue vere qualità !!!

giovedì 14 maggio 2009
Lalli

un film molto molto carino che fa ridere spesso, anche se amaramente. mi sono vista tra qualche anno...e chissà...

domenica 8 novembre 2009
stefano73

commediuccia senza grosse pretese. Matteo anche se precario sopravvive tra imprevisti sentimentali e appartamento diroccato e pagamenti di affitto in ritardo. Bravo Francesco mandelli...brutto ma perfetto nella parte. Bravi anche carolina Crescentini e Francesca Inaudi. Tiberi un pò meno. Buona la regia di Venier. dialoghi vivaci. Si ride anche. Peccato che il tema del precariato non venga approfondito. [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 ottobre 2009
Vittorio

Film molto carino, con spunti comici ed un filo di grande drammaticità ed umanità..... Commedia brillante e sagace riesce a far sorridere e riflettere!! Da vedere!!

domenica 26 aprile 2009
Andrea Bellini

Mi è sembrato un film veramente ben fatto con ottimi attori. Attenzione alla Ludovini perchè potrebbe essere la nuova Bellucci magari meno femme fatale ma più dolce. Ciao!

mercoledì 15 aprile 2009
hermes

ma scusate..ma io posso andare a vedere un film, con quello che chiamavano "il non giovane" di mtv? ma dico con tutti gli attori che ci sono in italia? basta però!

Frasi
Questa è l'unica epoca dell'umanità in cui le persone tornano in Molise
Una frase di Francesco (Francesco Mandelli)
dal film Generazione 1000 euro - a cura di tmnd91
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Silvestri
Il Manifesto

Diffidare dei manager rampanti che si chiamano Angelica, sfoggiano una faccia di bronzo a la page, ma hanno una sola carta di credito (e anche dai vacillanti esiti). Non frequentarli neppure, se prima non scodellano almeno una cascata di rassicuranti e dorate Amex, Diner, etc. Vendetevi tutti e in tutto, ognuno ha il suo prezzo, ma scoprite prima l'eccellente salute bancaria di chi vi compra.

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Il film diretto Massimo Venier (già regista di fiducia di Aldo Giovanni e Giacomo) e scritto con Federica Pontremoli ha le carte in regola per fare il punto sull' onda della commedia di argomento giovanile ma soprattutto, più in generale, sull' efficacia della commedia alle prese con la società contemporanea. Il titolo, dal libro omonimo (Rizzoli) cui il film si ispira liberamente, non lascia dubbi: [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Piacevole commedia sentimentale sui precari dello spiritoso Massimo Venier. Niente a che vedere con Tutta la vita davanti: qui il dramma degli impiegatini a tempo determinato è vissuto con un sorriso. A Milano il trentenne laureato in matematica Matteo (Alessandro Tiberi) non è soddisfatto nè del lavoro in una grande azienda nè dello stipendio. Divide l'appartamento col buffo Francesco (Francesco Mandelli) [...] Vai alla recensione »

Alberto Castellano
Il Mattino

Dopo l'overdose di commedie sentimentali adolescenziali, il cinema italiano comincia a occuparsi dei trentenni alle prese con problemi di lavoro, della generazione dell'eterno precariato. Ne è un esempio Matteo, il protagonista di «Generazione 1000 euro» diretto da Massimo Venier sulla base dell'omonimo bestseller. Una laurea e un gran talento per la matematica, il giovane lavora nel marketing di un'azienda [...] Vai alla recensione »

NEWS
LIBRI
martedì 5 maggio 2009
Pierpaolo Simone

La recensione ** Oggi è tempo di crisi, social network, sigle incomprensibili, contratti scritti con l'inchiostro simpatico e tanta, tanta precarietà. Da un libro di qualche anno fa ("Generazione Mille Euro", 2006, Rizzoli, pagg.

NEWS
venerdì 24 aprile 2009
Lisa Meacci

Un salto nella malavita londinese Eccoci arrivati all'ultimo weekend di aprile, tra qualche chicca cinematografica nelle sale, l'inizio del Far East Film Festival e l'annuncio della selezione ufficiale dei film presenti a Cannes.

VIDEO
giovedì 23 aprile 2009
 

Raccontare una realtà sempre più presente Trent'anni, simpatici, ottimisti, al verde e senza sicurezze: questo l'identikit dei precari protagonisti di Generazione 1000 euro, la commedia sentimentale di Massimo Venier liberamente tratta dall'omonimo romanzo [...]

CELEBRITIES
martedì 21 aprile 2009
Stefano Cocci

Non è la solita bellezza C arolina Crescentini non è il solito prodotto in serie della Mecca dei sogni. Bionda, occhi chiari, corpo da sballo, la si potrebbe interpretare come la solita bonazza ma lei ha scelto un'altra strada.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati