Australia

Film 2008 | Drammatico +13 165 min.

Regia di Baz Luhrmann. Un film Da vedere 2008 con Nicole Kidman, Hugh Jackman, David Wenham, Bryan Brown, Bruce Spence, Jack Thompson. Cast completo Genere Drammatico - USA, Australia, 2008, durata 165 minuti. Uscita cinema venerdì 16 gennaio 2009 distribuito da 20th Century Fox. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,08 su 217 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Australia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Nel nord dell'Australia durante la seconda Guerra mondiale un'aristocratica inglese eredita un allevamento della grandezza del Maryland. Quando cercano di prenderle la terra, chiede a malavoglia aiuto a un rude allevatore. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, In Italia al Box Office Australia ha incassato nelle prime 7 settimane di programmazione 5,1 milioni di euro e 1,9 milioni di euro nel primo weekend.

Australia è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,08/5
MYMOVIES 3,25
CRITICA 2,13
PUBBLICO 3,18
CONSIGLIATO SÌ
Baz Luhrmann esplora l'Australia con sentimento smisurato, denunciando lo scandalo delle "generazioni rubate".
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 22 dicembre 2008
Recensione di Marzia Gandolfi
lunedì 22 dicembre 2008

Australia, 1939. Sarah Ashley, un'aristocratica inglese, lascia Londra alla volta di Darwin, decisa a ricondurre a casa e al talamo coniugale il proprio consorte. Scortata da un mandriano brusco e attaccabrighe alla tenuta di Faraway Downs, Sarah scopre con sgomento la morte di Lord Ashley e la crisi in cui versa il ranch. L'incontro con una terra orgogliosa e selvaggia e l'affetto per Nullah, un orfano nato da madre aborigena e padre inglese, la convincono a restare e a risollevare le sorti della proprietà. Con l'aiuto di un mandriano innamorato (e ricambiato), di un contabile ubriaco, di un misterioso stregone e di un piccolo meticcio, Sarah condurrà la propria mandria a destinazione attraverso un territorio impervio, vincerà una concorrenza sleale, sopravvivrà a un attacco aereo giapponese e vivrà una spettacolare favola d'amore.
Il cinema di Baz Luhrmann è musica per gli occhi. Tutti i suoi film, a ben guardare, sono dei musical: Ballroom si insinuava nel mondo ortodosso del ballo di sala sconvolgendolo con un paso doble esagerato, Romeo+Juliet si consumava in un melodramma virato in incubo acido, Moulin Rouge si esibiva in un rock-mélo imbellettato che guardava alla tradizione hollywoodiana e a quella indiana, mescolando in un ensemble colorato e iperreale azione, dramma, canto e coreografie. Senza essere propriamente un musical, accade anche in Australia che i personaggi parlino con una canzone. "Over the Rainbow" è intonata dalla Lady Sarah della Kidman, indugia sulle labbra di Nullah, suona nell'armonica di un contabile finalmente sobrio, esplode nel cuore del mandriano di Jackman. L'aria più celebre del Mago di Oz è il fil rouge di un kolossal in cui nulla è ritenuto più importante dell'amore, della cura e dei bisogni degli esseri umani.
Il tema dell'amore che si oppone alle regole possessive di un potere contrario è un altro elemento ritornante del cinema di Luhrmann, nascosto dietro i divieti familiari che irretiscono gli adolescenti shakespeariani, fra le bizze di un duca smanioso di una "traviata" Satine o dietro la smoderata ambizione di un barone del bestiame. Nel meraviglioso mondo di Oz, collocato nel cuore dell'Australia, si realizza l'estremismo emotivo, l'eccesso formale e il gigantismo espressivo di un melodramma epico prossimo a Via col vento. Se il kolossal firmato da Fleming, avviato da Cukor e concluso da Wood si dimostrò un prodotto da venditore a dispetto della creatività e dell'autorialità, Australia non smentisce il suo autore e il suo cinema totale e totalizzante, che può essere riempito di qualsiasi storia e di qualsiasi citazione filmica, letteraria, musicale. Sotto il sole e in fondo all'arcobaleno troverete allora una pentola di monete d'oro, di immagini già viste, di accumuli selvaggi, di stridenti (ma mai stonati) accostamenti. Mentre sulla superficie dello schermo si agita una storia tutta cinematografica e si esibisce la materia del narrare, nel secondo piano della visione si denuncia lo scandalo delle "generazioni rubate", un piano governativo del Commonwealth per assimilare gli indigeni nella dominante comunità bianca. Dietro ai mulini a vento, l'autore australiano "protegge" e rivela i bambini (quasi tutti meticci) sottratti alle famiglie e consegnati a istituzioni assistenziali religiose per "sbiancarne" il colore e la cultura. Dichiarando la propria poetica imitativa, che finge di mostrare cose mai viste, Baz Luhrmann esplora la sua terra con sentimento smisurato, smascherando i colonizzatori inglesi che "epurarono il nero" e annullarono il tempo del Sogno degli antenati. Uomini magici che facevano esistere il mondo cantandolo.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Mai film australiano costò tanto: 100 milioni di dollari, in gran parte della Fox, più 40 dati dall'Ente governativo del Turismo. Un maligno direbbe che è un gigantesco spot pubblicitario sulle bellezze di un continente; un benevolo che è l'affresco panoramico-storico di un Paese selvaggio e romantico, una grandiosa metafora. Girato in gran parte nel Northern Territory - grande come Italia, Francia e Spagna messe insieme ma con poche decine di migliaia di abitanti -, racconta come Darwin, sua capitale costiera, nel 1942 fu rovinosamente bombardata da aerei giapponesi, evento ignorato da molti australiani giovani. Temi: ingordo colonialismo british, razzismo, magia indigena, problemi socioculturali, il popolo aborigeno che vi abita da almeno 4000 anni, la Generazione Rubata, cioè i 100 000 bambini meticci che tra il 1880 e il 1960 furono sottratti al loro ambiente e affidati a famiglie bianche e a istituzioni religiose. Sbarcata nel 1939 da Londra, Lady Sarah si ritrova vedova, eredita una tenuta in rovina (grande come il Belgio), molti nemici e il piccolo servetto Nullah, che poi vuole adottare. Incontra il virile Mandriano che la aiuta a portare a Darwin una mandria di 1500 capi per 1500 km dal deserto di Kuraman e di cui, dopo molte baruffe, s'innamora. Fra le tante citazioni c'è perfino la celebre canzone "Over the Rainbow" (da Il mago di Oz , 1939) come refrain e un finale da romanzo di formazione in chiave aborigena. Se si tiene conto dell'ambizione di fare un film per le future generazioni e degli obblighi verso la committenza, è ozioso addebitargli i cambiamenti di tono. Nel bene e nel male, c'è tutto Luhrmann che l'ha prodotto e scritto con altri 3 sceneggiatori con il valore aggiunto del patriottismo continentale: il suo talento è inseparabile dagli eccessi.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
AUSTRALIA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
Infinity
-
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99 €9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 21 gennaio 2010
Gregory

Una regia davvero magistrale, fa da guida a due attori sicuramente molto in sintonia fra loro, (Nicole Kidman-Hugh Jackman) uno dei tanti ingredienti per una buona resa interpretativa. Interpretazione da 8+ sicuramente per la grande Nicole Kidman, che rende il suo ruolo di "lady" di facile lettura, calandosi perfettamente nel personaggio (cioè una nobile inglese).

martedì 24 marzo 2009
Arvin

Baz Luhrmann torna sette anni il successo di Moulin Rouge, e lo fa con un film che ci racconta la "sua" Australia. Una storia romantica, emozionante, avvincente e avventurosa, che per molti doveva segnare la rinascita dei Kolossal romantici alla via col vento o alla casablanca, ma che in realtà ha avuto uno scarso riscontro al botteghino. Le vicende che vedono protagonisti Lady Sarah Ashley (Nicole [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 marzo 2011
Marco Padula (scrittore)

Certi film come questo o li ami o li detesti, non v'è una via di mezzo... Spettacolari sono le scenografie, eccellenti le riprese panoramiche dall'alto. I colori della fotografia sono densi e pregnanti. Eppure, nell'insieme, alla fine, c'è qualcosa che lascia lo spettatore un po' perplesso, quasi questo fosse un grande film... senz'anima. Di certo trapela l'encomiabile amore che il regista Luhrmann [...] Vai alla recensione »

martedì 18 gennaio 2011
geppi

Da Luhrmann ci si aspetta scenografie mozzafiato, ritmo, colonna sonora impeccabile, attori sopra le righe, in pratica puro divertimento. Invece Australia è pura noia. Si salvano i paesaggi, la fotografia, l'interpretazione del bambino e di Hugh Jackman. Non si salva invece nè la Kidman (irriconoscibile, ormai è la maschera di se stessa), nè il soggetto, la scenegggiatura, la regia, la computer grafica [...] Vai alla recensione »

venerdì 8 maggio 2009
rutilio

Indubbiamente la storia dell'Australia e tanto remota da rendercela perfino ostica. Il grande pubblico ha incominciato a conoscere quelle realta' vedendo Uccelli di rovo.Poi stimando i suoi grandi attori. Questo film non accresce pero' l'interesse per quel paese. Australia e' un mix di La mia Africa e un western di serie b. La storia si svolge in un falso storico: Non risulta che i Giapponesi [...] Vai alla recensione »

sabato 6 giugno 2009
RORIG

Avventura, ironia, passioni e sentimenti in una storia raccontata con ritmo attraverso una fotografia che valorizza i variegati paesaggi australiani e che riesce alla fine a regalarci emozioni come il buon cinema riesce a fare. E c’è veramente tanto cinema in questo film che scorre senza intoppi per oltre due ore e mezza, dalle bellissime immagini iniziali che ci fanno letteralmente immergere nel [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 novembre 2010
TheIronMaiden

Davvero molto bello, mi è piaciuto molto. Ottima l' interpretazione della Kidman e anche di Jackman, che in questo film si rivela essere un figone da paura!! :P Consiglio vivamente. Voto 7

domenica 9 gennaio 2011
ilmago99

bellissimo

giovedì 18 novembre 2010
Lady Libro

Non sarà uno dei migliori film di Luhrmann (per me il suo capolavoro assoluto è "Moulin Rouge") ma l'ho trovato comunque un film molto gradevole. E'stato piacevole, ricco di suspense e anche dolce. Non è un granchè, ma mi è piaciuto.

domenica 15 novembre 2009
ultimoboyscout

Contro ogni mia personalissima aspettativa mi sono divertito. Eppure il film ha tutto per non dovermi piacere...ad iniziare dalla durata smodata dalla storia in se per se all'ambientazione storica (detesto i film in costume). Eppure mi ha convinto e appassionato in particolare la prima metà è veloce coinvolgente e scorre decisamente bene. La seconda metà rallenta, anzi si ferma il film diventa statico [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 maggio 2009
atticus

Australia di Luhrmann è un film decisamente piacevole. Parte come una commedia vecchio stile per poi incantare il pubblico con scenari mozzafiato, epiche corse, buoni sentimenti e lacrimucce. Tutto completato da splendide interpretazioni. Sicuramente fuori moda e forse per questo criticato e bistrattato al box office, ma il cinema eccentrico dell'eccentrico regista affascina.

lunedì 4 maggio 2009
lukeik

proprio un bel film un po triste ma bello guardatelo

sabato 21 novembre 2009
lestrange96

a mio parere è un film stupendo !! c'è di tutto ! azione,amore,dramma ecc.... e penso acnhe che gli attori siano fantastici !! Nicole Kidman è stupenda...

martedì 15 giugno 2010
Keanu

Forse il peggior film di Luhrmann (che ci ha regalato lo splendido Moulin Rouge!), ma comunque resta un buon film d'intrattenimento. La prima parte è bella e a tratti divertente, mentre si perde un pò nella parte centrale ma si riprende nella parte finale.  Molto realistico e intenso, con due bravi attori. Ottimi i paesaggi australiani.

martedì 29 settembre 2009
robbyn

Ho visto il film Australia e devo dire che le tre ore circa sono volate, guardando il film attraverso gli occhi ed il sorriso di Nullah è stato emozionante, alcune scene sono state tristi altre più felici... ma questo piccolo grande attore ha dimostrato il suo talento, direi che la bellezza della Kidman e il fascino di Jakman sono sciolti come neve al sole rispetto alla bellezza del piccolo Brandon. [...] Vai alla recensione »

domenica 6 settembre 2009
Giacomo J.K.

Molte trame più accozzate che intrecciate. Almeno tre finali mica-finali. E un tema (le generazioni rubate) nobilissimo e troppo poco conosciuto, ma che viene trattato solo di sfuggita all'inizio e alla fine. Il nuovo film di Baz si salva grazie all'eccellente cast, alle musiche e ai costumi, ma non è il capolavoro che mi aspettavo dal suo incipit.

martedì 12 maggio 2009
ilfossato

molto carino. ben girato. simpatico e a tratti commovente. vale la pena vederlo. il film è lungo ma scorre senza annoiare mai.

domenica 13 dicembre 2009
LUCIDO71

Bel film Old Style, con tutti gli ingredienti x esser CONSIGLIATO! Siamo rimasti affascinati dalla regia, dalla scenografia "partigiana" ed i suoi paesaggi infiniti, dalla colonna sonora... l'unica cosa che consiglio a chi fosse indeciso o meno di vedere questa bella pellicola, è di NON LEGGERE LA SCHEDA DI MyMovies, non xché sia sballata, ma xché dopo 3 righe, svela impietosamente tutto il film che [...] Vai alla recensione »

mercoledì 30 settembre 2009
robbyn

Vedo che spesso mancano le foto della star principale del film.. Brandon Walters nel ruole di NULLAH!!!

martedì 29 settembre 2009
robbyn

Ci sono le foto della Kidman e di altri meno importanti attori nel film Australia... manca la foto più imprtante di tutto il film... Nullah! Brandon Walters.... dove sono?... che dimenticanza????? tipica del potere!

domenica 16 agosto 2009
alesya

avete mai pensato di andare in vacanza in australia?se il discorso è stato buttato lì tanto per dire qualcosa senza dubbio lo avrete fatto,di certo però a dover fare due o tre ragionamenti l'idea vi ha subito abbandonato.perchè?per la distanza vero e propriamente globale che separa noi e questa fantastica terra dall'altra parte dell'emisfero.tuttavia non disperiamo:baz lurhmann ci offre gratuitamente [...] Vai alla recensione »

mercoledì 30 marzo 2016
elgatoloco

"Australia"è il film delle"totali"che ci danno un'idea precisa del(un tempo, ormai, pur se l'ambientazione si riferisce agli anni Trenta del 1900)"Nuovissimo Continente", dai rapporti spaziali enormi rispetto a una popolazione limitata, ossia quello che ancora oggi rappresenta per molti(Europei, Cinesi, NordamericanI)motivo del suo antico fascino.

lunedì 24 agosto 2015
floyd80

 Il film parte bene, è tutto un susseguirsi di rimandi, di citazioni e di velocità, in pieno stile Luhrmann. Poi la noia inizia a fare capolino e i dialoghi imbarazzanti che sfiorano il ridicolo, gli attori sottotono e la regia piatta non aiutano la sceneggiatura. Noioso.

giovedì 4 giugno 2009
Vittorio

Film alla "Via col vento", polpettone storico e romantico, che nonostante sia abbastanza scontato, riesce comunque a regalare emozioni...Bella la fotografia e le interpretazioni degli attori sono indubbiamente intense.... Complessivamente è un film da vedere....

giovedì 29 settembre 2011
tiamaster

il film australia:trama semplice e per nulla innovativa,classica storia alla romeo e giulietta,che però viene trattata benissimo,scene molto emozionanti e commoventi fanno ricordare il film, anno un qualcosa di potente,perchè si sa buz luhrman è bravissimo.per quanto finora sia un bel filmone da tre stelle e mezzo,aiutato anche da una sceneggiatura convincente,devo toglierli [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 novembre 2010
TheIronMaiden

Se pensi questo è perchè non hai capito niente ne' del film.. e ne' di niente!!..

domenica 28 febbraio 2010
Francesco2

Ogni articolo riguardante la fusione di generi implica almeno due considerazioni. La prima, più banalmente, se chi abbia realizzato un simile progetto ha messo a fuoco una visione più completa di "Opera", o se invece(come ha scritto per questo film Mereghetti) abbia solo (con)fuso elementi eterogenei senza un risultato chiaro; la seconda, se il cinema postmoderno sia veramente un'arte più completa, [...] Vai alla recensione »

domenica 28 giugno 2009
idea77

sapete dirmi il titolo della canzone suonata con la chitarra tanto per capirci quando il bambino dice :ora fate cosa brutta? grazie per la risposta

giovedì 25 giugno 2009
Elbereth

Dopo sette anni dallo stupendo “Moulin Rouge” Baz Luhrman ritorna con un nuovo film, Australia, sempre con attrice protagonista Nicole Kidman. Sebbene l’ho trovato un bel film, paragonandolo a “Moulin Rouge” l’ho trovato inferiore soprattutto per la recitazione di Nicole Kidman, che in Moulin Rouge era fantastica, qui in Australia l’ho vista un po’ peggio.

martedì 31 marzo 2009
Balzak

Molto noioso e secondo me mal riuscita nonostante la presenza di grandi attori. Deludente !

lunedì 8 giugno 2009
nickycalo

... un pò "brodo allungato"!

giovedì 7 gennaio 2010
Marco TN

Non mi è piaciuto proprio. Non ho visto nemmeno un po' di originalità. Non nella trama. Non nella caratterizzazione dei personaggi. Non nella regia. Dai Baz ... da te una film così banale non me lo aspettavo.

Frasi
-Io ti canto a me miss. boss...
-E io ti sentirò!
Dialogo tra Lady Sarah Ashley (Nicole Kidman) - Nullah (Brandon Walters)
dal film Australia
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Fabio Ferzetti
Il Messaggero

La bella e il mandriano. L'inglese repressa e l'australiano forza-della-natura. Nicole Kidman e Hugh Jackman. Con due protagonisti così, un continente intero e 140 milioni di dollari, il regista di Moulin Rouge doveva fare "il" kolossal degli antipodi cucendo insieme i paesaggi più strepitosi, le gesta più epiche e le pagine più buie della Storia australiana (la questione aborigena, i piccoli di sangue [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

Over the rainbow e Il mago di Oz . Il colonialismo, come sempre, è tutto nella cultura popolare, anzi pop. Saremo anche vecchi moralisti, ma vedere il piccolo aborigeno mezzosangue (figlio di un bianco sfruttatore e un'aborigena schiava) Nullah, faccia da cinema e da schiaffi, strimpellare all'armonica il successo sentito dalla soave bocca di Judy Garland, francamente, qualche brivido lo fa venire. [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Bellissima la fotografia: ecco una lode capace di demolire qualsiasi pellicola. Peccato che sia la prima cosa che viene in mente dopo i titoli di coda di «Australia», con cui l'estremista visionario Baz Luhrmann ambisce a decuplicare il successo di «Moulin Rouge». Anche in questo caso la scommessa è imperniata sul carisma di Nicole Kidman, ancora vivido nonostante s'intravedano sul suo incarnato i [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Passione, violenza, guerra, paesaggi grandiosi, bisticci, romanticismo, avventura. Si capisce che Baz Luhrmann, l'entusiasmante regista australiano, l'autore originale di Romeo + Giulietta di William Shakespeare» e di Moulin Rouge, ha voluto fare a ogni costo un grosso film popolare, scrupolosamente ricalcato sul modello di Via col vento: Australia è riuscito, è solido e ben fatto, ma la banalità lo [...] Vai alla recensione »

John Vignola
Il Mucchio

Australia di Baz Luhrmann - con Nicole Kidman, Hugh Jackman, David Wenham - racconta la storia di resistenza e amore di un'aristocratica inglese, nel Nord d'Australia. Epopea in cui la tenacia trionfa, concepita anche come una passerella per i due protagonisti, una Kidman a cui l'età sta paurosamente facendo riacquistare un volto bambino e un Jackman sempre al meglio, quando rude e primordiale.

Manohla Dargis
The New York Times

Baz Luhrmann's continent-size epic, “Australia,” isn't the greatest story ever — it's several dozen of the greatest stories ever told, “The African Queen,” “Gone With the Wind” and “Once Upon a Time in the West” included. A pastiche of genres and references wrapped up — though, more often than not, whipped up — into one demented and generally diverting horse-galloping, cattle-stampeding, camera-swooping, [...] Vai alla recensione »

Claudio Masenza
Ciak

L'epopea. Sono riuscito a fare il mio film perche Nicole Kidman è pazza Per il suo em>Australia non nega di essersi ispirato a Via col vento e a Rossella O'Hara, anzi... Parla il regista visionario Che qui spiega un'ossessione durata otto anni. E diventata realtà anche grazie a un rapporto molto speciale.br/ > A volte: bastano pochi fotogrammi per indivïduare lo stile di un Film.

Brooks Barnes
The New York Times

HUGH JACKMAN is a big, macho movie star. Got it? In talking up Mr. Jackman in advance of “Australia,” his coming romantic epic, three executives at 20th Century Fox all described the actor as a “rough-hewn” throwback to Hollywood’s classic leading-man types, a “young Clint Eastwood.” Baz Luhrmann, the director of “Australia,” which co-stars Nicole Kidman as an aristocratic cattle owner, also talked [...] Vai alla recensione »

Peter Travers
Rolling Stone

If looks were everything, director Baz Luhrmann's epic salute to his native land would be the movie of the year. But, crikey, a padded script bloated with subplots and shameless sentimentality can wear you down. Nicole Kidman pushes way too hard (and the strain shows) as Lady Sarah Ashley, a Brit snob who comes to Australia in 1939 to catch her husband cheating and instead finds him murdered.

Kenneth Turan
The Los Angeles Times

Australia" is a double feature all by itself, a film that comes with its own built-in sequel. At 2 hours, 35 minutes, it has room for both a cattle drive movie and a war movie, with a romantic drama thrown into the mix to tie both parts together. With a story this expansive, it's no wonder they named it after a continent. Yes, this is filmmaking in the old-fashioned epic style but only up to a point. [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

Australia di Baz Luhrmann è un polpettone ambizioso, che tenta di riscattare i discendenti dei deportati britannici, che dell'Australia costituiscono la popolazione, se non dall'accusa di genocidio fisico degli aborigeni, da quella di genocidio culturale dei meticci. Attorno a questa operazione politica, l'incarto sentimental-turistico, con l'amore di una Lady inglese (Nicole Kidman), rimasta vedova [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
domenica 19 luglio 2009
Gabriele Niola

I premi In pochi l'avrebbero predetto e invece ha vinto il drammone iraniano A time to love di Ebrahim Forouzesh. La giuria dei bambini tra i 10 e i 12 anni ha deciso di non dare il grifone d'oro a nessuna delle interessanti, divertenti e ritmate commedie [...]

NEWS
venerdì 13 febbraio 2009
Marzia Gandolfi

Santi, fanti e divi Era un giovane attore fatale, emigrato pugliese da Castellaneta e approdato in California per inseguire un sogno spettacolare. Aveva sguardi languidamente ardenti per sedurre e innamorare fanciulle dentro il costume e il ruolo di [...]

NEWS
venerdì 16 gennaio 2009
Lisa Meacci

Sapore di colossal e western Iniziamo la panoramica sulle uscite del fine settimana con Viaggio al centro della terra 3D, il film diretto da Eric Brevig che ci racconta in una versione tutta 3D il celebre romanzo di Jules Vernes.

CELEBRITIES
martedì 13 gennaio 2009
Stefano Cocci

L'australiano che viene dal musical Presenterà la Notte degli Oscar e la scelta è meno azzardata di quel che potrebbe sembrare. Infatti, l'attore australiano Hugh Jackman ha una solida tradizione da presentatore: lo è stato tra i più apprezzati per [...]

NEWS
mercoledì 31 dicembre 2008
Lisa Meacci

Da Australia a Watchmen vs X-Men, con un po' di Italians Mancano ormai davvero poche ore allo scoccare del 2009 e ovviamente sta per iniziare anche il nuovo anno cinematografico. Ecco un excursus di quello che vedremo nelle sale.

GALLERY
giovedì 4 dicembre 2008
Lisa Meacci

Amanti nella terra dei canguri Eccola Nicole Kidman in tutto il suo indubbio splendore, che si concede agli scatti dei fotografi. Prima a Madrid poi a Roma, a distanza di poche ore l'attrice australiana ha preso parte alle due premiere del suo ultimo [...]

NEWS
mercoledì 12 novembre 2008
Marlen Vazzoler

Kidman e Jackman insieme in una grande storia d'amore Altri problemi per Australia, l'ultimo film scritto e diretto da Baz Luhrmann, autore di Moulin Rouge, Romeo + Giuliet e Ballroom – Gara di ballo.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati