Open Water

Film 2003 | Thriller 79 min.

Anno2003
GenereThriller
ProduzioneUSA
Durata79 minuti
Regia diChris Kentis
AttoriBlanchard Ryan, Daniel Travis, Saul Stein, Estelle Lau, Michael E. Willimson, Christina Zenarro, John Charles (II) .
Uscitamartedì 20 luglio 2004
MYmonetro 2,43 su 53 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Chris Kentis. Un film con Blanchard Ryan, Daniel Travis, Saul Stein, Estelle Lau, Michael E. Willimson, Christina Zenarro, John Charles (II). Genere Thriller - USA, 2003, durata 79 minuti. Uscita cinema martedì 20 luglio 2004 - MYmonetro 2,43 su 53 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Open Water tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Due sub, riemersi un po' in ritardo per essere rimasti ad osservare una murena, si ritrovano, soli e impotenti, in mezzo all'oceano. In Italia al Box Office Open Water ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 1,5 milioni di euro e 1,5 milioni di euro nel primo weekend.

Open Water è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,43/5
MYMOVIES 2,59
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,13
CONSIGLIATO NÌ
Un film strabiliante e spiazzante che ridefinisce il concetto di film acquatico.
Recensione di Andrea Chirichelli
Recensione di Andrea Chirichelli

Opera seconda del giovane regista Chris Kentis, che lo ha scritto, diretto e montato, il film racconta l'allucinante avventura di una giovane coppia dispersa nell'oceano dopo un'immersione.
Il registro stilistico scelto dal regista ci mette in condizione fin dal principio di capire che tra i due qualcosa non va: troppo lavoro, stress, incomunicabilità sono presenze minacciose e persistenti. I due sono alla deriva, e non solo perché lasciati in balia dell'Oceano. La chiave di volta (vincente) della pellicola è proprio il suo saper rappresentare in maniera genuina e valida, gli stati d'animo della coppia in mezzo al mare in una climax discendente che li porterà dall'entusiasmo allo sconcerto, dalla rabbia al panico...Inoltre, a chiusura di 80 minuti tesi e nervosi, arriva come ciliegina sulla torta, un finale spiazzante ed inimmaginabile, allo stesso tempo atipico e paradossalmente coerente con il plot. Una vera sorpresa.
Open Water è girato sull' acqua ma molte delle tematiche che affronta, seppur in maniera giustamente superficiale, sono in realtà argomenti che ci affliggono anche e soprattutto sulla terra ferma: i veri problemi non sono le meduse, gli squali o le tempeste, ma la fragilità umana, la superficialità, l'approssimazione con la quale spesso affrontiamo problemi e cose più grandi di noi. Grandiosi i protagonisti (Daniel Travis e Blanchard Ryan), che fisicamente ed emotivamente provati, dimostrano una genuina dedizione alla causa del film e un affiatamento strabiliante. Che dire? Open Water ridefinisce il concetto di film acquatico, così come, a suo tempo fece Lo squalo di Spielberg (il paragone non è azzardato) ed entra nell'olimpo dei cult movies con pieno merito. Da non perdere.

Sei d'accordo con Andrea Chirichelli?
Recensione di Davide Morena
martedì 17 agosto 2004

Open water appartiene a quella razza di film in cui l'idea di partenza ne vale mezzo. Nello specifico, si tratta dell'allucinante vicenda di due subacquei, marito e moglie, che vengono abbandonati per errore in mezzo all'Oceano durante un'immersione. Partite da qui e fate lavorare la fantasia.
Il limite del film, purtroppo, è il suo adagiarsi su questa premessa: si vede poco, pochissimo, e di contrasto si fida tanto (troppo?) sul coinvolgimento dello spettatore. Squali che sfiorano gambe, pochi e scontornati scambi di battute tra i due protagonisti, riprese sottomarine col contagocce: quasi niente è raccontato, pressoché tutto va immaginato. Un film povero, da un certo punto di vista, che ribaltato diventa un lusinghiero "essenziale".
Come detto, metà del film è l'idea: l'altra metà la fa il pubblico. Coloro che tengono sepolto nel loro subconscio un sano e primordiale terrore dell'abisso marino, si terranno lontani dalla costa per qualche anno dopo Open water; per tutti gli altri la visione del film potrebbe ridursi ad una incomprensibile contemplazione di un'ora e venti minuti di mare aperto su pellicola. Forse sarebbe stato meglio andare al mare...

Sei d'accordo con Davide Morena?
Recensione di Mattia Nicoletti
mercoledì 28 luglio 2004

Gli squali sono tornati al cinema, simboli del terrore che ha attraversato generazioni, a partire dal capostipite spielberghiano, ancora oggi inquietante, nonostante gli anni. Il film di Chris Kentis, piccola produzione indipendente, ha tuttavia una forte connotazione autoriale, e veicola la tensione e la paura, attraverso l'espediente dell'attesa, della suddivisione fra il mondo che vive sopra il mare e quello che vive sotto, sommerso, inquietante. Tratto da una storia vera, Open Water, racconta la vicenda di Daniel e Susan, che, oppressi dal lavoro, decidono di trascorrere una vacanza nei mari caldi. Come spesso capita in questi luoghi, un'immersione per ammirare il fondale marino è un'attrazione irresistibile, a tal punto da soffermarsi qualche attimo in più, affascinati da pesci e coralli, ed essere abbandonati dalla barca che li ha accompagnati. Soli in mare aperto (da qui Open water) i due protagonisti si troveranno ad affrontare il mare e a confrontarsi con se stessi.
Il fascino di questa piccola opera è, per gran parte, nel taglio televisivo da real tv, che accompagna lo spettatore nella normalità di una vacanza come molte altre, in cui due ragazzi vivono le emozioni di un'esperienza nuova, immaginata solamente nei documentari televisivi di History Channel e del National Geographic. I dialoghi quotidiani si innescano nella situazione paradossale, e il mare si manifesta con le pinne degli squali, affioranti all'improvviso, proiettili di una roulette russa con il potere di decidere cosa sarà del futuro dei protagonisti alla deriva. Non perdetevi i titoli di coda.

Sei d'accordo con Mattia Nicoletti?
OPEN WATER
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 14 ottobre 2010
Sixy89

Un film sugli squali diverso dal solito. Un buon film che si sofferma più sul dare una sensazione di inquietudine e terrore nel nol sapere cosa c'è in quell'infinita d'acqua sotto di noi, piuttosto che sugli attacchi degli squali. E' un film che gioca molto sul fattore psicologico, tramite il rumore dell'acqua, le ombre attraverso le onde, le sagome degli squali che [...] Vai alla recensione »

domenica 11 dicembre 2016
EVILDEAD

Difficile,lo sappiamo ,dire qualcosa di nuovo nell'enorme filone degli "shark movies",argomento trattato in tutte le salse. In questo film la carne ( di pesce,ovviamente) al fuoco e' davvero poca ,soggetto esilissimo che non puo' reggere un intero film ,nemmeno breve; pertanto i primi 20 minuti sono dedicati ai 2 protagonisti...all'asciutto. SPOILER: La morte dell'uomo (avvenuta come? dissanguamento [...] Vai alla recensione »

venerdì 22 maggio 2015
Barone16

Mi sono imbattuto in questo film facendo zapping tra i canali e vi assicuro che sono stati i peggiori 80 minuti della mia vita. Privo di suspense, pochi colpi di scena, trama strutturata male, ci sarebbe tanto altro da aggiungere ma non mi dilungherò molto. Improbabile pensare che possa essere una situazione possibile nella vita reale. Finale sensato anche se antiestetico.

martedì 25 gennaio 2011
jostile

Questo film è veramente uno dei più brutti che abbia mai visto: narrazione lenta, quello che doveva essere un finale a sorpresa si è rivelato banale e scontato, storia povera di contenuti. Unica nota positiva è il sottofondo musicale ben fatto e capace di creare l'atmosfera giusta. Mi sono visto il film pensando: "La storia di due che si sono persi in mezzo al mare: [...] Vai alla recensione »

sabato 10 luglio 2010
Valerio C

Per una volta condivido l'opinione espressa nella recensione:si tratta di una storia vera e ciò accresce il dramma. E' incredibile,surreale,agghiacciante,ma è successo davvero. Lo dico a chi ha dato un voto basso...immedesimatevi per un attimo coi due sfortunati protagonisti,poi ne riparliamo. Una storia allucinante,figlia del destino e dell'imperfezione dell'essere [...] Vai alla recensione »

giovedì 12 novembre 2009
pedro

E`un film di una crudezza allarmante. Del resto, come raccontare una storia semplice, che deve essere normale (senza flash back o altri artifici), di due tipi qualunque in vacanza (io, voi, loro) che dimenticati in mezzo al mare (qui nei caraibi ma nella realtà in australia) aspettano un logico e normalissimo ritorno dell'imbarcazione del tour che hanno pagato insieme ad altri? Se si supera un po' [...] Vai alla recensione »

giovedì 12 maggio 2016
toty bottalla

Ispirato a una storia vera "Open Water" racconta senza troppo clamore una vicenda drammatica andando dritto al dunque, una sceneggiatura povera di idee alternative durante tutto il percorso narrativo che lascia allo spettatore la condivisione impotente di un dramma assurdo. Saluti.

giovedì 16 febbraio 2012
enotar56

Film di serie H lentissimo senza suspense con un finale piatto.

venerdì 26 agosto 2011
ALEXLABY

Non male lo sviluppo. Con due attori un po' più bravi e credibili nel recitare quella situazione sarebbe stato un buon film. L'evento da cui è scaturito l'isolamento in acqua e verosimile in posti dove c'è un po' di leggerezza nella gestione di situazioni che necessitano d'attenzione. E questo fa riflettere lo spettatore-turista e inquieta.

giovedì 7 aprile 2011
andrea

di solito sono un po' piu ricercato nel commentare un film, che mi abbia o no lasciato qualcosa, ma di fronte a OPEN WATER, credetemi, non posso che scrivere che è entrato nella mia personale lista dei 3 peggiori film di sempre. Da non guardare assolutamente, mi ha fatto venire il mal di mare con ste riprese mosse, e una trama con zero sviluppo e tutt'altro che avvincente.

martedì 14 novembre 2017
Francis Metal

Devo aggiungere altro? Si capiva dal titolo come sarebbe andato il film e come sarebbe finito.  E poi questa regia pseudo-amatoriale come la si giustifica? Col basso budget, per imitare Lars Von Trier o "the Blair witch project?" All'inizio sembrava tutto normale ma si capiva come sarebbero andate le cose. Che mi metti la ragazza nuda che serve?  Insomma, pessimo, orrido, [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 agosto 2009
greg2

Mi spiace ma nonostante si ispiri a una storia vera non mi sento di dare di più a questo film;troppa noia e troppa poca suspance avvolge questo film, troppo banale l'espediente degli squali, troppo corto e scene troppe ripetitive. Sono d'accordo con chi dice che questo film vuole trasmettere allo spettatore un certo di tipo di emozioni,ovvero angoscia e impotenza di fronte al lento e inesorabile [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 luglio 2010
Fulvia

Bel film, anche se trasmette un'angoscia addosso infinita. Senso totale di smarrimento, di impotenza,...voglia di resistere, di farcela a qualsiasi costo. Il valore della vita e l'istinto di sopravvivenza in certi casi si manifestano veramente a 360°. Finale deludente... se fosse stato più completo e chiaro mi avrebbe portato alle 4 stelle, invece 3, secondo me sono più che sufficienti per questo [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 novembre 2010
Keanu

Sono rimasto estremamente deluso da questa pellicola. Inizialmente mi aspettavo chissà che dato le aspettative, invece si è rivelato un deludente e noiosissimo film drammatico che non mette nessunissima suspense e in più annoia molto perché prolisso e poco originale.  L'unica cosa che potrebbe dare al film un tocco di "tensione" è il discorso che [...] Vai alla recensione »

venerdì 9 luglio 2010
charliebuzz

A prima vista sembra un documentario... Poi pensi... "No, è un filmino delle vcanze trasmesso per non si sa quale ragione in TV!"... Alla fine scopri che Open Water, è soltanto un film mediocre... I protagonisti, passano la maggior parte del film dispersi nell'oceano tra attacchi di squali, attacchi di meduse e attacchi di panico... e qual'è lunica battuta che mi è rimasta impressa??? Nel bel mezzo [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 settembre 2009
dian71cinema

NON LEGGO MAI RECENSIONI E CRITICHE PRIMA DELLA VISIONE DI UN FILM PROPRIO PER NON RESTARNE INFLUENZATO O PEGGIO PER LEGGERE EVENTUALI FINALI GIA' DEFINITI.. IL FILM A MIO GIUDIZIO HA LA PECCA PRINCIPALE NELLA NARRAZIONE..COMPLETAMENTE DA RIDEFINIRE PER RISULTARE QUANTO MENO CREDIBILE... SICURAMENTE VI SONO ELEMENTI APPREZZABILI..DAL PUNTO DI VISTA DELLA PSICOLOGIA DEI BRAVI PROTAGONISTI.

Frasi
Gli altri vanno in vacanza e passano i giorni senza fare niente, sdraiati al sole... noi racconteremo questa storia per il resto della vita............
Daniel (Daniel Travis)
dal film Open Water - a cura di ivin
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Leonardo Jattarelli
Il Messaggero

Tutto può accadere in mare aperto. Anche che una coppia di appassionati sub, Susan e Daniel (Blanchard Ryan e Daniel Travis) in cerca di relax in un’isola caraibica, salgano su un barcone che li porta al largo dell’oceano e lì vengano dimenticati, per un tragico errore di computo del capo “comitiva”. Ed è a questo punto che inizia a correre il timer del piccolo ma illuminante film indipendente scritto, [...] Vai alla recensione »

Antonello Sarno
Il Tempo

A guardare dentro e fuori di noi le grandi paure ancestrali sono soprattutto due. Quella del buio, che riguarda specialmente i bambini, e quella dell'acqua, che coinvolge in particolare gli adulti (i bambini, nell'acqua, ci nascono). Entrambe sono figlie dell'unica grande paura, che è quella dell'ignoto. Una premessa obbligatoria per spiegare l'entusiasmo con cui è stato accolto all'ultimo Sundance [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Che mare di spavento: tra gli horror della settimana, Open Water di Chris Kantis con Daniel Travis e Blanchard Ryan non usa trucchi nè effetti speciali, è girato in digitale a basso costo, è popolato di squali e racconta una storia veramente accaduta. Thomas ed Eileen Lonergan, subacquei americani in vacanza a Port Douglas lungo la barriera corallina australiana, avevano speso tutti i loro risparmi [...] Vai alla recensione »

Marco Consoli
Ciak

Acque trasparenti, palme e capanne di paglia, cocktail spessi di zucchero e di coloranti e creme solari dense come cake, folclore da esportazione per legioni di umanoidi rosati in sandali di gomma: Chris KonUs traccia con poche pennellate, e una piacevole dose di antipatia per il turismo yuppie caraibico, il set del suo thriller minimalista con squali, Open Water.

Adriano De Carlo
Il Giornale

A-a-abbronzatissima, cantava Edoardo Vianello qualche decina d’anni fa. Un tormento-ne che testimoniava l’ebbrezza di un’estate al mare, il riscatto su un anno di nevrosi, depressioni; l’esplosione di una vacanza tutta fisica, tra piadine ed un sano edonismo, un illusione terapeutica, che con tutte le logiche differenze viviamo ancora oggi. Nel 1975 ii primo campanello d’allarme, da parte di Steven [...] Vai alla recensione »

Fabrizio Liberti
Ciak

Rivelazione al Sundance, Open Water è interessante per varie ragioni; la prima è che è realizzato a conduzione familiare con un budget irrisorio, girato in digitale e praticamente senza cast. La seconda è che sa promuovere i suoi punti forti a partire dal fatto che si tratta di una “storia vera”; e la terza è che questi punti vanno a colpire il lato oscuro che è in ognuno di noi.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati