Il racconto dell'ancella

Film 1990 | Drammatico 107 min.

Regia di Volker Schlöndorff. Un film con Faye Dunaway, Robert Duvall, Natasha Richardson, Aidan Quinn, Elizabeth McGovern. Cast completo Titolo originale: The Handmaid's Tale. Genere Drammatico - USA, Germania, 1990, durata 107 minuti. Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi Il racconto dell'ancella tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

In un futuro prossimo, l'esposizione alle radiazioni impedisce la fertilità alla maggior parte delle donne.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 1,75
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,00
CONSIGLIATO NO
Un film di anticipazione politica.

Sono passati i tempi de Il tamburo di latta per Schlondorff, che ormai lavora sempre più spesso negli Stati Uniti. Questo film è tratto dal romanzo omonimo di Margaret Atwood ed è stato sceneggiato addirittura dal premio Nobel Harold Pinter. Siamo nel futuro prossimo dove il grado d'inquinamento e le terribili radiazioni impediscono la fertilità della maggior parte delle donne. Così la Repubblica di Gilead intende creare una nuova razza e rapisce le donne che dovrebbero avere le giuste qualità. La ribellione però non tarderà a scoppiare.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

In un prossimo futuro la cultura fondamentalista di destra ha trasformato gli Stati Uniti nella repubblica di Gilead dove le poche donne fertili sono costrette alla procreazione coatta su commissione. Una di loro (N. Richardson) deve "produrre" un figlio per una donna sterile (F. Dunaway), ma si ribella e, incinta, fugge in montagna. Da un romanzo di Margaret Atwood, adattato da Harold Pinter, un film di anticipazione politica che funziona soltanto sul versante astratto (i riti sadico-religiosi, la descrizione del puritanesimo integralista al potere).

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
FANTAFILM
Cento anni di cinema di fantascienza

Un uomo, una donna e una bambina tentano di attraversare un impervio passo innevato, per riparare in Canada, fuggendo da quelli che una volta erano gli Stati Uniti, divenuti - nell'imprecisato futuro in cui ha luogo questa vicenda - la "Repubblica di Gilead". La famigliola non ce la fa: una pattuglia di confine li intercetta, uccide l'uomo e cattura le donne. Separata dalla figlia, Kate (Richardson) scampa ai lavori forzati - e forse al capestro - grazie al fatto evidente di essere in grado di generare figli. In un mondo in cui un grave disastro ecologico ha reso sterili la quasi totalità delle donne, (soltanto una su cento è ancora in grado di procreare), la capacità riproduttiva di Kate rappresenta il futuro, ed il governo - che persegue con maniacale determinazione l'obiettivo di perpetuarsi - non può fare a meno di lei. Ma i metodi della Repubblica di Gilead sono terribili. Le donne fertili sono trattate come bestiame, trasferite in vagoni piombati ai centri di raccolta, dove sono sottoposte ad un indottrinamento ossessivo, svolto secondo regole di tipo monastico - ivi comprese anche brutali punizioni corporali - teso a soffocarne la volontà e a portarle ad accettare la rossa tonaca delle ancelle. Con un altro nome (Kate diviene Offred) ognuna andrà poi a vivere nella casa di un grosso esponente del governo, al quale dovrà concedersi ogni volta che ne sarà richiesta, fino a quando gli darà quella prole che la moglie sterile - ritualmente presente alla copula - non è in grado di avere. Se non dovessero esserci frutti, provvederà lo chauffeur, o il medico del controllo sanitario periodico, o qualcun altro, con l'ipocrita connivenza di tutti, perchè il governo proibisce persino l'idea di un eventuale problema di sterilità maschile. Kate viene assegnata alla dimora del Comandante (Duvall), il potente Capo della sicurezza nazionale, e deve barcamenarsi tra le attenzioni dell'uomo - che presto vanno al di là del codificato rapporto formale - e la gelida, sussiegosa cordialità della moglie Serena Joy (Dunaway) costretta a sottostare alle regole ma incapace di dissimulare la propria invidia e gelosia. Sarà proprio l'autista Nick (Quinn) legato a Kate da un sentimento sincero e padre della creatura che la donna porta in grembo, ad organizzare la fuga e a procurarle un sicuro rifugio tra i monti. Trasposizione non eccelsa del best-seller della Atwood, malgrado la penna di Pinter alla sceneggiatura. L'opera, un'utopia negativa che si pone sulla scia di testi fondamentali come 1984 e Fahrenheit 451 (pur rimanendone ad una certa distanza), lascia tuttavia il segno. Il sistema, che punisce spietatamente ogni digressione comportamentale, è stato creato ed è retto dagli uomini che sono, quindi i padroni di tutto. Le donne, che indossino il rosso delle ancelle, o l'azzurro delle matrone, o il marrone delle istitutrici-sorveglianti, o il bianco delle novizie, sono in realtà tutte schiave dei rispettivi ruoli in una società ritualizzata in ogni sua manifestazione (esemplare il "parto-party": in una villa, una ancella sta avendo un bambino; da una parte il coro scarlatto delle compagne che all'unisono simulano le doglie, in giardino le matrone, tutte in blu, che consumano cocktail e pasticcini congratulandosi con la padrona di casa, madre "ufficiale" del nascituro). Posto in una situazione di assoluto predominio - questa la morale forse un po' semplicistica della Atwood - l'uomo cade preda dei suoi peggiori difetti. E la Repubblica di Gilead, dietro l'ordinata facciata perbenista, si rivela la quintessenza di tutti i mali del mondo: corrotta, falsa, bigotta, oppressiva, fascista e guerrafondaia, destinata inevitabilmente alla rovina, già preannunciata dal sorgere di movimenti ribelli e simboleggiata dalla stessa Kate, che prima di fuggire taglia senza troppi rimorsi la gola al Comandante. Titolo tedesco: Die Geschichte der Dienerin.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 28 ottobre 2018
Ennio

Il filone della fantascienza distopica ha conosciuto nuova gloria nell'ultimo decennio, con vere e proprie saghe che hanno appassionato le giovani generazioni e non solo, a partire dagli "Hunger games". In realtà il genere è vecchio quasi come la società moderna, basti pensare che un film di successo come "io sono leggenda" è tratto da un romanzo [...] Vai alla recensione »

Frasi
"Posso sempre eiaculare in una bottiglietta, se non vuoi farlo…"
Nick (Aidan Quinn)
dal film Il racconto dell'ancella - a cura di FABIO
NEWS
CELEBRITIES
venerdì 8 giugno 2007
Tirza Bonifazi Tognazzi

L'ossessione per Stella Raphael Nonostante le innumerevoli difficoltà alle quali è dovuta andare incontro per riuscire a portare Follia sul grande schermo, Natasha Richardson non si è data per vinta. Da quando aveva letto il libro di Patrick McGrath [...]

PUBBLICO
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati