MYmovies.it
Advertisement
Robin Hood, il comparto costumi e il post-moderno

Nel film di Otto Bathurst il design dei costumi, a cura di Julian Day, ha stupito tutti. Al cinema.
di Bianca Delpiano, vincitrice del Premio Scrivere di Cinema

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Taron Egerton (Taron David Egerton) (29 anni) 10 novembre 1989, Birkenhead (Gran Bretagna) - Scorpione. Interpreta Robin Hood nel film di Otto Bathurst Robin Hood - L'origine della Leggenda.
martedì 27 novembre 2018 - Scrivere di Cinema

Il design dei costumi, a cura di Julian Day, ha stupito gli spettatori di Robin Hood - L'origine della leggenda (guarda la video recensione), di Otto Bathurst. Incurante della verisimiglianza storica, l'approccio - sebbene più volte tacciato di anacronismi - è indubitabilmente innovativo: gli stili sono variegati, e non sembrano seguire un unico filo, ma certamente si abbinano all'aspetto incalzante e moderno del film, che cerca l'attenzione dello spettatore più che l'accuratezza storica. Due grandi filoni sono distinguibili: i "popolani" sono vestiti con gli stracci sporchi adatti ai lavoratori di miniera del XII secolo, e costituiscono una massa scura e quasi amorfa, sul cui marrone slavato spicca il rosso ricorrente nel vestiario di Marian; i nobili hanno invece un guardaroba futurista, incongruente e originale, completo di acconciature e trucco eccentrici.

Tra La grande bellezza e Satyricon, le scene di feste e ritrovi in alta società sembrano avulse da un secolo specifico: alcuni elementi potrebbero ritrovarsi anche nella Capital City di Hunger Games.
Bianca Delpiano, vincitrice del Premio Scrivere di Cinema

Tra questi due mondi così distanti si collocano i protagonisti principali, che spesso si trovano vestiti con quello che parrebbe l'adattamento odierno dei costumi che vengono dalla tradizione. Conforme al film d'azione di largo budget, l'estetica del grandangolo e del montaggio veloce tocca anche il reparto costumi, vestendo Marian spesso quasi come un'eroina contemporanea, senza paura di usare cuoio e trucco goth.
Il cappuccio di Hood diventa l'emblema del film, nonché il simbolo capace di incitare i popolani alla ribellione: riprodotto moltissime volte e appeso dai rivoltosi ai muri come segno di supporto per il nostro protagonista, addirittura tale capo d'abbigliamento viene distribuito a tutti prima della battaglia; e mentre a Robin, complice l'arco, dona un look alla Assassin's Creed, ecco che una volta distribuito nella folla armata di molotov ante-litteram esso rende simile a un'opera di Banksy la guerriglia urbana contro lo sceriffo di Nottingham. A tale effetto contrubiscono le bandane alzate sul viso, e la scenografia da bassifondi Bronx.


LA RECENSIONE CONTINUA A LEGGERE
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati