Stoker

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Stoker   Dvd Stoker   Blu-Ray Stoker  
Un film di Chan-wook Park. Con Mia Wasikowska, Matthew Goode, Nicole Kidman, Jacki Weaver, Dermot Mulroney.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 100 min. - USA, Gran Bretagna 2013. - 20th Century Fox uscita giovedì 20 giugno 2013. MYMONETRO Stoker * * * - - valutazione media: 3,40 su 31 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,40/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * - -
 critica * * 1/2 - -
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
Una ragazza adolescente, in lutto per la morte del padre, si occupa dello zio che si presenta misteriosamente per incontrare la famiglia.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Elegante parabola sul morso del desiderio e sulla liberazione dall'infanzia
Marianna Cappi     * * * - -

India Stoker è una ragazza sensibile e introversa, che vive con la famiglia in una bella villa isolata nella campagna americana. Il giorno del suo diciottesimo compleanno, l'amato padre muore in un incidente e, a casa Stoker, si presenta lo zio Charlie, fratello più giovane del padre, della cui esistenza India è sempre stata tenuta misteriosamente all'oscuro.
Il sudcoreano Park Chan Wook debutta in lingua inglese con un cast e un copione che sembrano di sua diretta emanazione, tanto rispondono alle caratteristiche di eleganza, claustrofobia sociale e confidenza con l'inquietudine che fanno da sempre il suo cinema.
Come già in Thirst non c'è scandalo alcuno nel vampirismo secondo Park. Il morso è quello del desiderio, al quale i personaggi del film non possono resistere, anche se ognuno di loro imparerà a suo modo a gestirlo. E non c'è sangue, in scena: l'arma rappresentata dalla cintura ha, anzi, la funzione del laccio emostatico, che trattiene, rigonfia, prepara. Sostituiscono il liquido rosso: il vino, di cui lo zio Charles è intenditore, e l'inchiostro nero delle lettere da lui vergate, che si porta appresso la reminiscenza del romanzo epistolare che rese (Bram) Stoker immortale (e in questo capitolo, leggerissimo, appena accennato, possiamo annoverare anche il ragno che si arrampica sulle gambe di India, possibile trasformazione zoomorfa del nuovo inquilino).
La prima metà del film contiene le soluzioni visive più interessanti e la sensazione che tutto possa accadere; probabilmente la sensazione più importante, e oggi più rara, che lo spettacolo cinematografico possa riservare. La rivelazione della natura eccezionale della protagonista apre il film, ma impiegherà poco meno della sua intera durata per esplicitarsi. Siamo, infatti, anagraficamente e metaforicamente - come sempre in questi casi- sulla soglia della maturazione, della fuoriuscita dalla bambagia dell'infanzia e della scoperta di sé, innescata dal primo turbamento sessuale. Ma Park, appunto, non racconta la deflagrazione, preferendo concentrarsi sul momento preparatorio, sull'accumulo della tensione e della domanda. In questo senso, il triangolo domestico tra il pericoloso zio Charlie, la silenziosa ragazzina sul punto della ribellione e la patetica vedova di plastica incarnata da Nicole Kidman è carico di efficaci echi hitchcockiani e nabokoviani e dà luogo ai momenti più espressionisti e riusciti del film.
Parabola della liberazione dalla morsa ereditaria, attraverso il suo superamento e parziale inglobamento, Stoker , giunto a maturazione, anziché chiudersi su se stesso si apre alla vita, in un finale diurno, splendidamente fotografato.

Stampa in PDF

Incassi Stoker
Sei d'accordo con la recensione di Marianna Cappi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
48%
No
52%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * * * -

Una piccola lezione di cinema: imperdibile.

venerdì 28 giugno 2013 di CiccioGia

India Stoker (Mia Wasikowska)  perde il padre il giorno del suo diciottesimo compleanno. Il freddo rapporto con l’eccentrica e anaffettiva madre (Nicole Kidman) e l’arrivo improvviso del misterioso ed inquietante zio paterno (Matthew Goode) contribuiranno alla scoperta della sua vera identità, della sua vera natura, già esternata attraverso le caratteristiche tipiche di una personalità cupa ed introversa. Per la prima volta in un lavoro tutto occidentale, continua »

* * * * -

L'evoluzione del vampiro secondo park chan-wook

sabato 29 giugno 2013 di Vincenzo Iennaco

 Il regista coreano Park Chan-wook dopo aver eviscerato il fascino della vendetta, omologandolo in una trilogia-antologia, sbarca nel circuito cinematografico occidentale con questo “Stoker” che rievoca e rielabora due capisaldi di quel culto horror-thriller tipicamente occidentale: Bram Stoker (leggi Dracula) e Alfred Hitchcock, maestro indiscusso del thriller d'atmosfera. E Park Chan-wook qui riesce a patinare di una conturbante ed effimera eleganza (di stile e toni) le atmosfere continua »

* * * * -

Vicino alla perfezione

giovedì 20 giugno 2013 di DanyLT

 Il sud coreano Park Chan-Wook al suo debutto in terra occidentale non delude e realizza un film quasi perfetto. India (Mia Wasikowska) è una ragazzina introversa e taciturna e nel giorno del suo diciottesimo compleanno, le viene a mancare il padre Richard (Dermot Mulroney) per un brutto incidente.  Nella sua vita entra improvvisamente lo zio Charlie (un anonimo e ingessato Matthew Goode), la cui esistenza è sempre stata tenuta segreta. E’ da qui che comincia uno “studio” continua »

* * * * -

Mia wasikowska un mostro non solo di bravura!

domenica 23 giugno 2013 di tiamaster

Stoker è il primo film in lingua inglese del regista coreano Park-Chan Wook. Uno dei miei autori preferiti in assoluto, grazie a titoli come Oldboy e Lady/mister vendetta. Detto ciò la mia attesa per il film era altissima, e non ne sono rimasto deluso,anzi. Ciò che è chiaro fin dal inizio è la perfezione stilistica del tutto. La regia è a livelli assolutamente da maestro del cinema (e il regista lo è!), la fotografia magistrale ma ciò che colpisce continua »

India( Mia Wasikowska)
"Le mie orecchie sentono ciò che altri non sentono, piccole cose lontane che altri non vedono, io riesco a vederle. Questi sensi sono il frutto di una vita fatta di desiderio, desiderio di essere salvata, di essere completata. Come a una gonna serve il vento per gonfiarsi, anch'io prendo forma grazie a cose che non appartengono a me, indosso la cintura di mio padre, stretta intorno alla camicetta di mia madre e delle scarpe di mio zio. Io sono questa, così come il fiore che non può scegliere il proprio colore, noi non siamo responsabili per ciò che siamo diventati, solo quando ce ne rendiamo conto diventiamo liberi, e diventare adulti è diventare liberi…"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
charlie
a volte devi fare qualcosa di male per impedirti di fare qualcosa di peggiore
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

DVD | Stoker

Uscita in DVD

Disponibile on line da giovedì 17 ottobre 2013

Cover Dvd Stoker A partire da giovedì 17 ottobre 2013 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Stoker di Chan-wook Park con Nicole Kidman, Mia Wasikowska, Dermot Mulroney, Matthew Goode. Distribuito da 20th Century Fox Home Entertainment, il dvd è in lingue e audio italiano, Dolby Digital 5.1 - inglese, Dolby Digital 5.1. Su internet Stoker (DVD) è acquistabile direttamente on-line su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 16,99 €
Aquista on line il dvd del film Stoker

SOUNDTRACK | Stoker

La colonna sonora del film

Disponibile on line da martedì 26 marzo 2013

Cover CD Stoker A partire da martedì 26 marzo 2013 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Stoker del regista. Chan-wook Park Distribuita da Milan Records. Su internet il cd Stoker è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 15,90 €
Prezzo di listino: 18,70 €
Risparmio: 2,80 €
Aquista on line la colonna sonora del film Stoker

APPROFONDIMENTI | Park Chan-wook alla corte di Hollywood in Stoker.

Il primato della messa in scena

domenica 23 giugno 2013 - Roy Menarini

Il primato della messa in scena Il coreano Park Chan-wook è l'ultimo caso di una lunga storia di autori stranieri a Hollywood, da Fritz Lang a Jean Renoir, da Max Ophuls a Roman Polanski, da Milos Forman a Paul Verhoeven e molti altri. Per rimanere agli orientali, che fanno storia a parte, bastano i nomi di John Woo e Ang Lee per sollecitare appetiti cinefili. Ebbene, pur nella sua articolata casistica (all'ottima coabitazione dell'inglese Hitchcock fa da contraltare il conflitto totale di Erich Von Stroheim), l'asse su cui si dispone l'incontro/scontro tra regista forestiero e macchina hollywoodiana è sempre lo stesso: quanto si riesce a mantenere delle proprie caratteristiche e quanto si cede (o si richiede) all'apparato produttivo.

   

VIDEO | Un dramma familiare con Kidman e Wasikowska. Dal 28 marzo 2013 al cinema.

Il trailer italiano

martedì 4 dicembre 2012 - Nicoletta Dose

Stoker, il trailer italiano Prodotto da Tony e Ridley Scott e scritto da Ted Foulke (che lo descrive come un "film dell'orrore, un dramma familiare e un thriller psicologico"), Stoker è uno dei titoli più attesi del 2013. Diretto dal regista coreano Chan-wook Park (popolare anche in occidente per aver girato Oldboy e Lady Vendetta), il film racconta la storia di India (interpretata da Mia Wasikowska, di recente in Albert Nobbs e Lawless), una giovane ragazza rimasta improvvisamente senza un padre, morto in un incidente d'auto, ma in compagnia di una madre (il premio Oscar Nicole Kidman) emotivamente instabile.

   

BIZ

News e anticipazioni dal mondo del cinema.

Jacki Weaver lavorerà per Park Chan-Wook

giovedì 28 luglio 2011 - Robert Bernocchi

Lo scorso anno, la sua interpretazione della spietata nonna di Animal Kingdom aveva sconvolto il pubblico di tutto il mondo e le era valsa una candidatura all'Oscar. Ora, la vedremo impegnata in Stoker, un thriller diretto dal regista coreano Park Chan-Wook e sceneggiato dall'attore Wentworth Miller, con lo pseudonimo Ted Foulke. La Weaver affianca un cast formato da Mia Wasikowska, Nicole Kidman e Matthew Goode. Protagonista della storia sarà un'adolescente che si trova a dover affrontare la morte del padre e l'arrivo inatteso di uno zio eccentrico. continua »

   

Kidman e Wasikowska madre e figlia allucinate in conflitto per lo zio

di Roberto Nepoti La Repubblica

India Stoker è una liceale introversa e solitaria, presa di mira dai bulli della scuola. Già borderline, la ragazza resta sconvolta dalla morte del padre (che amava molto) in uno strano incidente stradale; né sua madre Evelyn, che si aggira per la grande casa di campagna con un bicchiere di vino rosso perennemente in mano, sembra in grado di aiutarla. Finché non arriva zio Charlie, già intravisto da lontano al funerale del fratello: bello, colto e raffinato, il giovane s'installa nella casa delle parenti imponendo a entrambe il proprio fascino. »

Patinate ambiguità del male

di Valerio Caprara Il Mattino

Tradimenti, omicidi, oscuri segreti familiari che coinvolgono una ragazzina catatonica, la mamma vedova frustrata e uno zio funesto. Il coreano Park Chan-Wook nel suo primo film hollywoodiano finge di guardare a Hitchcock, ma in realtà persegue i fini del proprio stile patinato e barocco. «Stoker», meticolosa cronaca audiovisiva di tre psicopatie studiate in vitro e portate allo scoperto per mezzo di cesure horror, trasuda di morbosità "scorretta" e vertigini incestuose, giocando con alte potenzialità di messinscena in una lussureggiante villa dove il Male si nasconde nell'intima claustrofobia. »

Se il triangolo edipico tradisce nel finale

di Alessandra Levantesi La Stampa

La prima pellicola hollywoodiana del coreano Park Chan-wook, autore del film Oldboy diventato di culto per aver ricevuto l'imprimatur di Tarantino, si basa su una sceneggiatura dell'attore WentWorth Miller. Un copione del 2010, intrigante per il modo in cui configura il triangolo edipico fra la cupa Mia Wasikowska, l'affascinante madre Nicole Kidman e il misterioso Matthew Goode che, alla morte del capofamiglia, si presenta come il fratello del defunto e si insinua nell'intimità delle due donne, seducendo la cognata e diventando l'oscuro mentore della nipote. »

Nonno Hitchcock e lo zio terribile

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Dimenticate Bram Stoker. Dietro il primo film Usa del grande coreano di Old Boy non c'è l'autore di Dracula, se non come eco metaforica, ma il capolavoro di Hitchcock L'ombra del dubbio, 1943. Di lì viene l'idea dello zio dai modi inquietanti che si piazza in casa della giovane e ipersensibile India e della sua instabile madre dopo la morte improvvisa del capofamiglia. Chi è davvero, cosa vuole, e soprattutto cosa provoca la presenza di "zio Charlie" nelle due donne di casa? Ciò che in Hitchcock era allusione, sottotesto, minaccia, qui diventa gioco esplicito di identificazione fra la violenza occulta dello zio e quella latente della nipotina. »

Stoker | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Pubblico (per gradimento)
  1° | cicciogia
  2° | vincenzo iennaco
  3° | stefano pariani
  4° | kimkiduk
  5° | pensierocivile
  6° | storyteller
  7° | jixeurij
  8° | angelo umana
  9° | jacopo b98
10° | sara kavafis
11° | giulioct
12° | flyanto
13° | paolo salvaro
14° | danylt
15° | killbillvol2
16° | giugy3000
17° | tiamaster
Rassegna stampa
Anthony Lane
Trailer
1 | 2 | 3 |
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Immagini
1 | 2 |
Link esterni
Sito ufficiale
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità