Father and Son

Un film di Hirokazu Kore-Eda. Con Masaharu Fukuyama, Machiko Ono, Yôko Maki, Rirî Furankî, Jun Fubuki.
continua»
Titolo originale Soshite Chichi Ni Naru. Drammatico, durata 120 min. - Giappone 2013. - Bim Distribuzione uscita giovedì 3 aprile 2014. MYMONETRO Father and Son * * * 1/2 - valutazione media: 3,80 su 27 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
3,80/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * * -
 critica * * * - -
 pubblico * * * 1/2 -
Ryota Nonomiya scopre un giorno che suo figlio biologico è stato scambiato alla nascita con un altro bambino.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Una toccante e misurata riflessione sulla paternità, che interroga il sangue, il tempo e il sentimento
Marianna Cappi     * * * * -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING

Nonomiya Ryota è un professionista di successo, un uomo che lavora sodo ed è abituato a vincere. Un giorno, lui e la moglie Midori ricevono una chiamata dall'ospedale di provincia dove sei anni prima è nato loro figlio, Keita, e vengono a sapere che sono stati vittima di uno scambio di neonati. Il piccolo Keita è in realtà il figlio biologico di un'altra coppia, che sta crescendo il loro vero figlio, insieme a due fratellini, in condizioni sociali più disagiate e con uno stile di vita molto differente. Ryota si trova di fronte alla necessità di una decisione terribile: scegliere il figlio naturale o il bambino che ha cresciuto e amato per sei anni?
Il giapponese Kore-Eda conferma le qualità artistiche di cui ha sempre dato prova con questa esplorazione splendidamente misurata di un dilemma che mira dritto al cuore dell'uomo. Con la leggerezza della grande scrittura, l'abilità di costruire un'architettura perfetta nel bilanciare il peso di azioni e reazioni tra i due nuclei familiari coinvolti (il regista ha affermato di essere partito con questo film per un viaggio dentro se stesso, riconoscendosi nelle questioni personali di Ryota, che nella finzione è appunto un architetto) e con un cast in grado di conferire all'opera un valore aggiunto altissimo, Kore-Eda non si lascia mai tentare dal richiamo del melodramma, che è nelle corde del soggetto ma non nelle sue, e mantiene un registro contenuto ma attento ai particolari e ai piccoli incidenti del vivere, nel quale le belle idee sono silenziosamente numerose e nulla è mai di troppo. In particolare, nonostante il film racconti la maturazione di Ryota rispetto al suo essere padre, che passa forzatamente dal suo essere stato figlio a sua volta di un certo padre, sorprende la verità con la quale il regista coglie le reazioni dei due bambini, bloccati tra la fiducia che ripongono nei genitori, la volontà di ottenere la loro ammirazione e il disagio dell'incomprensione.
Non sono poche le barriere culturali che ci impediscono di non trovare mostruoso il comportamento del protagonista o colpevolmente remissivo quello della moglie, ma è il film stesso, probabilmente, ad accrescerli leggermente nella prima parte (come fa d'altronde con la presentazione, quasi in chiave di commedia, delle differenze di comportamento tra le due famiglie) per poi superare le premesse e farsi toccante, nella scoperta del sentimento. E non poteva che essere attraverso uno strumento eminentemente visivo come una macchina fotografica, che Ryota impara che è suo figlio, il suo sguardo e il suo amore, che fanno di lui un padre, non un esercizio di volontà né il gruppo sanguigno.
Father and Son, infine, è anche e soprattutto una riflessione sul tempo, su ciò che crea, che divora, che può e non può mutare.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
FATHER AND SON
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
Wuaki.tv
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play
Premi e nomination Father and Son

premi
nomination
Festival di Cannes
1
0
* * * * -

Emozionante

sabato 5 aprile 2014 di melania

Film molto bello,delicato,commovente.Fa pensare e riflettere soprattutto sul tema "cosa significa essere genitori".Il genitore è soprattuitto colui che stabilisce con il figlio un rapporto di amore e tenerezza,che sa perdonare e comprendere,che è presente nel corso della sua crescita.Genitore,quindi,può anche essere colui che non.ha messo al mondo il proprio figlio ma lo ha amato.Questo è il tema principale del film .Girato in Giappone,il film è pervaso continua »

* * * * -

Nove mesi per cambiare la vita di un uomo

domenica 2 novembre 2014 di ADELIO

Inaspettato spaccato di un Giappone “normale” che magari noi Europei, occidentali e materialisti, neanche immaginiamo sia così simile a noi (Città, Periferie, Abitudini, Classi sociali e quant’altro..). Conferma dell’esistenza di una cultura maschile incentrata, forse perché tramandata da secoli, sulla figura paterna (a scapito di quella femminile e materna). La storia di uno scambio di neonati scoperto a distanza di 6 anni finisce per raccontare in realtà un confronto tra classi sociali e fra continua »

* * * * -

Un film meraviglioso!

mercoledì 16 aprile 2014 di jacopo b98

 Una ricca coppia di giapponesi scopre che il loro figlio Kaetà, di 6 anni, non è il loro bambino: è stato infatti scambiato nella culla con un altro bambino. La coppia fa perciò conoscenza con l’altra famiglia vittima della tragedia, di condizioni economiche decisamente meno agiate. Alle due famiglie si pone un interrogativo: è più importante un legame di sangue o è più importante il rapporto creatosi in sei anni con un bambino continua »

* * * - -

Guida per essere padre.

sabato 5 aprile 2014 di Melvin II

 “Father and Son” è un film di Hirokazu Koreeda. Con Masaharu Fukuyama, Yôko Maki, Jun Kunimura, Machiko Ono, Kirin Kiki. Isao Natsuyagi, Lily Franky, Jun Fubuki, Megumi Morisaki. “Father and Son” ha ricevuto il Premio della Giuria all’ultimo Festival di Cannes. Quanto conta il legame di sangue? Se l’istinto materno scatta, quasi sempre, quando una donna ha in braccio per la prima volta il suo bambino per un uomo è più continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Father and Son adesso. »

APPROFONDIMENTI | Psicologia familiare in Father and Son.

Il figlio patriarcale

domenica 6 aprile 2014 - Roy Menarini

Il figlio patriarcale Non esiste un vero lessico famigliare nel legame dei Nonomiya. Il papà cela a fatica la delusione nei confronto di un figlio - di soli sei anni - che gli sembra lontano dalla sua fame di successo e di affermazione sociale. La madre, in un Giappone che ci aspettavamo meno patriarcale all'altezza degli anni Duemila, pungola e critica il marito ma non osa contrastarne le decisioni. Quando, nel dramma che si scatena all'inizio di Father and Son, comincia a temere di perdere il suo piccolo Keita, immagina brevemente di andarsene con lui, ma il pensiero - di una separazione, un divorzio, o semplicemente una presa di posizione - sembra quasi impossibile.

   

TRAILER | Il maestro Hirokazu Kore-eda firma la regia di Little Sister, un delicato e sensibile ritratto di un microcosmo tutto al femminile. Dal 1° gennaio al cinema. Guarda il trailer

Le trasformazioni immutabili di Kore-Eda

sabato 19 dicembre 2015 - a cura della redazione

Le trasformazioni immutabili di Kore-Eda A chi non è mai capitato di veder trasformare sentimenti che si ritenevano a torto immutabili? Il maestro Hirokazu Kore-eda (Father and Son) conosce perfettamente i meccanismi delle emozioni umane e lo dimostra ancora una volta firmando la regia di Little Sister, delicato e sensibile ritratto di un microcosmo tutto al femminile. In occasione dell'uscita al cinema, prevista per il prossimo 1° gennaio, MYmovies.it presenta il trailer italiano del film. In Concorso al 68° Festival di Cannes e premiato dal pubblico al Festival di San Sebastian 2015, Little Sister è la storia di tre sorelle (Sachi, Yoshino e Chika), che vivono insieme nella cittadina di Kamakura dopo essere state abbandonate dal padre, fuggito da casa per avviare una nuova convivenza.

   

NEWS | Vince Like Father Like Son di Koreeda.

Asia Pacific Film Festival 2013

lunedì 16 dicembre 2013 - a cura della redazione

Asia Pacific Film Festival 2013 Il pluripremiato film di Hirokazu Koreeda Like Father, Like Son, già Premio della Giuria a Cannes 2013, ha vinto anche come miglior film all'Asia Pacific Film Festival, giunto quest'anno alla 56esima edizione a Macau. Il film, misurata e toccante riflessione sulla paternità che racconta la storia di uno scambio di neonati in culla, si è aggiudicato anche il premio per il miglior regista (il giapponese Hirokazu Koreeda).Altri premi sono andati a Zhang Ziyi, vincitrice del premio come miglior attrice per il suo ruolo in The Grandmaster di Wong Kar-Wai (film vincitore anche del premio per la miglior fotografia), e Lee Kang-sheng, miglior attore per Stray Dogs di Tsai Ming-liang.

   

VIDEO | Il trailer italiano dell'emozionante film di Hirokazu Koreeda.

Un dilemma che mira dritto al cuore

venerdì 14 marzo 2014 - a cura della redazione

Father and Son, un dilemma che mira dritto al cuore Il giapponese Kore-Eda conferma le qualità artistiche di cui ha sempre dato prova con questa esplorazione splendidamente misurata di un dilemma che mira dritto al cuore dell'uomo. Con la leggerezza della grande scrittura, l'abilità di costruire un'architettura perfetta nel bilanciare il peso di azioni e reazioni tra i due nuclei familiari coinvolti (il regista ha affermato di essere partito con questo film per un viaggio dentro se stesso, riconoscendosi nelle questioni personali di Ryota, che nella finzione è appunto un architetto) e con un cast in grado di conferire all'opera un valore aggiunto altissimo, Kore-Eda non si lascia mai tentare dal richiamo del melodramma, che è nelle corde del soggetto ma non nelle sue, e mantiene un registro contenuto ma attento ai particolari e ai piccoli incidenti del vivere, nel quale le belle idee sono silenziosamente numerose e nulla è mai di troppo.

   

Uno ti mette al mondo, l'altro ti fa crescere: quale dei due è il Padre?

di Federico Pontiggia Il Fatto Quotidiano

Architetto cool, Ryota ha una famiglia da Mulino Bianco, una Lexus in garage e un appartamento da catalogo di design. Tutto bene, finché la bella mogliettina non riceve una telefonata dall'ospedale dove aveva partorito: Keita, 6 anni, non è il loro figlio. C'è stato uno scambio, e quello naturale è finito in una famiglia modesta in tutto e per tutto, tranne che nei sentimenti. Keita o non Keita, questo è il dilemma di Ryota, perché, ci dice il regista giapponese Kore-eda Hirokazu, chi è tuo figlio, quello che fai o quello che cresci? Domanda da ko emotivo servita superbamente in Concorso all'ultimo festival di Cannes, dove Father and Son ha incassato il premio della Giuria (e pare perfino poco): paternità biologica e paternità educativa/affettiva a duettare, risate e lacrime generose, regia intima e recitazione empatica, le scorciatoie vengono buttate nel fuoricampo. »

Scambio di culla ma qual è la famiglia più fortunata?

di Paolo D'Agostini La Repubblica

Premio della giuria capitanata da Spielberg a Cannes 2013, Father & Sondel cinquantenne giapponese Kore-eda Hirokazu rilancia lo stesso tema che aveva già commosso l'anno prima nel film franco-israeliano Il figlio dell'altra. Lo scambio di neonati nella nursery di un ospedale scoperto ad anni di distanza. Sei anni nel film giapponese, molti di più nell'altro dove però si aggiungeva un secondo motivo: le due famiglie erano una arabopalestinese e l'altra ebreaisraeliana. Qui la differenza è di status sociale, che in parte si rispecchia nel contrasto tra la freddezza del padre più ricco, architetto, e il calore di quello più povero, venditore di materiale elettrico; ma senza eccessi di semplificazione. »

Neonati scambiati in culla qui c'è voglia di tenerezza

di Alessandra Levantesi La Stampa

Father and Son affronta l'ardua questione se la paternità sia un fatto di sangue, narrando di due famiglie che, per uno scambio di neonati in ospedale, scoprono di aver allevato il figlioletto sbagliato. Che fare? Sulle prime gli sconvolti genitori decidono di creare occasioni di incontro, che si rivelano un poco imbarazzanti causa la differenza di carattere e status sociale: se il modesto negoziante Yukari è un tipo che preferisce giocare con i bimbi piuttosto che lavorare, l'architetto in carriera Ryota ora riesce a spiegarsi perché il dolce Keita sia così diverso da lui; e matura la scelta drastica che ognuno si riprenda il proprio figlio evitando ulteriori contatti. »

Quello scambio di bambini

di Maurizio Acerbi Il Giornale

Una telefonata, giunta dall'ospedale, sconvolge la vita di Ryota e Midori:scusate, ci siamo sbagliati, quello che avete allevato per sei anni non è vostro figlio, a causa di uno scambio in culla. Il figlio naturale è cresciuto con una famiglia di ambiente sociale inferiore. Che fare? Scambiarsi gli eredi o proseguire a far crescere uno che non è sangue del tuo sangue? Un tema non nuovo, ma elabarato con sensibilità, tenerezza ed emotività coinvolgenti. Perfetto, tutto il cast. Da Il Giornale, 3 »

Father and Son | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Pubblico (per gradimento)
  1° | melania
  2° | adelio
  3° | jacopo b98
  4° | melvin ii
  5° | adelio
  6° | chiarialessandro
  7° | stefanocapasso
  8° | antonietta dambrosio
  9° | mydearasia
10° | rampante
11° | flyanto
Festival di Cannes (1)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 | 3 | 4 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 3 aprile 2014
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità