Traffic

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Traffic   Dvd Traffic  
Consigliato sì!
3,14/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Usa)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblico * * * - -
   
   
"Traffic" a sorprendere con il miglior regista, il miglior attore non protagonista, la miglior sceneggiatura non originale e il miglior montaggio dimostrandosi il vero 'vincitore'. 4 Oscar su 5 nomination
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Film corale ricco di colpi di scena e glamour targato Soderbergh
Giancarlo Zappoli     * * * - -

Javier Rodriguez e Manolo Sanchez sno due poliziotti impegnati a contrastare il traffico di droga sul confine tra Stati Uniti e Messico. Il loro capo è il generale Salazar, il principale nemico dei cartelli della droga. Ogni giorno i due sono tentati di appropriarsi di parte dei carichi sequestrati e di arricchirsi. Javier è il più resistente alle pressioni. Intanto negli Stati Uniti il giudice della Corte Suprema dell'Ohio, Robert Wakefield, viene incaricato dal Presidente di coordinare un'efficace attività antidroga con i partner messicani. A casa però Robert e la consorte debbono assistere impotenti al precipitare nell'abisso della dipendenza della figlia sedicenne. Carlos Ayala, un trafficante ricco di coperture, rischia di venire incastrato in fase processuale da un testimone eccellente. Steven Soderbergh non abbandona il cinema di denuncia, ma questa volta sceglie la strada del film di genere a vicende incrociate. Si avvale della forte presenza scenica di un Benicio del Toro capace di esprimere dolore e sicurezza insieme con un semplice movimento delle labbra. La coppia Douglas/Zeta-Jones non conferisce particolare glamour a un film corale e ricco di colpi di scena che è meglio non svelare. Il rischio della 'morale' emerge in particolare nella parte finale, ma Soderbergh riesce comunque a far passare con chiarezza (quella chiarezza che mancava a Out of Sight) il messaggio.

Premi e nomination Traffic MYmovies
il MORANDINI
Sei d'accordo con la recensione di Giancarlo Zappoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
74%
No
26%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Traffic

premi
nomination
Premio Oscar
4
1
Golden Globes
2
3
Festival di Berlino
1
0
* * * * -

Prova d'autore per steven soderbergh

mercoledì 11 giugno 2008 di Adriano Lotito

Prendendo un pò dai ritratti corali ma allo stesso tempo introspettivi del compianto maestro Robert Altman e integrandolo col suo personalissimo stile, Steven Soderbergh (Solaris, Sesso, bugie e videotape), ci regala con "Traffic" un emozionante e intenso film che descrive attraverso degli stupendi movimenti di camera, il volto "nero" del nostro mondo solo apparentemente "civile". Lo fa attraverso, non solo la sua immensa abilità registica, ma anche grazie ad una sceneggiatura di ferro in grado continua »

* - - - -

Il grande riciclo

lunedì 4 giugno 2001 di ezio

Frullato artificioso di ottanta anni di cinema,mal interpretato, soprattutto da Michael Douglas, Catherina Zeta Jones e Dennis Quaid, superbolliti.Si salvano Benicio Del Toro e, soprattutto,Tomas Milian. Da evitare. continua »

* * * - -

Traffic(o)/spaccio di un animale da palcoscenico

sabato 5 maggio 2001 di Andrea

Del Toro con la sua indolenza riflessiva degna di un ferrariano Keitel e la fisicità di un Brando “è il film nella sua coralità” e fa passare il tema dell'"inestirpabilità della droga" in secondo piano. Attore capace di dire praticamente tutto con lo sguardo e con il corpo, dono che non gli ha potuto dare/insegnare né Stella Adler né nessun altro talent-scout, così come nessuno ha insegnato a Brando e alla Davis a recitare, a Marilyn ad essere Marilyn, ad Audrey Hepburn ad essere l’Eleganza… continua »

* * * - -

Un traffico che non smetterà

sabato 7 luglio 2012 di michele zaza

Il ciclo della droga tra america e Messico, osservato dai quattro elemnti essenziali di questa economia:cartello, spacciatore, polizia e consumatore.     In questo film si intrecciano i grandi traffici dei cartelli con i corrispettivi americani, alla quotidianità dei figli della borghesia, che cercano e trovano rifugio nella cocaina ed eroina, passando le serate strafatti sul divano della villa di papà a parlare di quanto le convenzioni sociali li stritolino e dei clichè continua »

Luis Guzman
Sai perché gli uragani hanno sempre nomi di donna? Perché quando arrivano sono bagnate e scatenate, quando se ne vanno ti portano via auto e casa
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Ralph Landry/James Brolin
Quando fu cacciato, Krushev scrisse due lettere al suo successore e gli disse: Quando ti troverai in un grosso guaio, apri la prima lettera e sarai al sicuro. Quando ti troverai di nuovo in un guaio, apri la seconda lettera.
Presto quello si trovò in un brutto guaio e aprì la prima lettera. Diceva: Dai tutta la colpa a me.
Diede tutta la colpa al vecchio e la cosa funzionò. Poi si trovò in un secondo guaio e aprì la seconda lettera. Diceva: Siediti e scrivi due lettere.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

SOUNDTRACK | Traffic

La colonna sonora del film

Disponibile on line da venerdì 16 giugno 2006

Cover CD Traffic A partire da venerdì 16 giugno 2006 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Traffic del regista. Steven Soderbergh Distribuita da TVT. Su internet il cd Traffic è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 10,90 €
Prezzo di listino: 13,70 €
Risparmio: 2,80 €
Aquista on line la colonna sonora del film Traffic

APPROFONDIMENTI | Il più rappresentativo autore del cinema Usa degli ultimi vent'anni.

Steven soderbergh

mercoledì 4 dicembre 2013 - Mauro Gervasini

La politica degli autori: Steven Soderbergh Wladziu Valentino Liberace è stato un artista, pianista, musicista, intrattenitore, showmen tra i più stupefacenti della storia americana. Era omosessuale ma non poteva dichiararlo, perché la società dello spettacolo non glielo avrebbe perdonato. La sua storia, ispirata al libro dello storico amante Scott Thorson, è alla base del film Dietro i candelabri, sceneggiato da Richard LaGravenese. Soprattutto, diretto da Steven Soderbergh, che nonostante abbia firmato blockbuster come Out of Sight (1998), Erin Brockovich - Forte come la verità (2000) e Ocean's Eleven - Fate il vostro gioco (2001) lo ha dovuto realizzare per la cable tv e non per il grande schermo perché l'argomento è ancora "scabroso".

   

di Alessandra Levantesi La Stampa

Candidato con Traffic all'Oscar per la migliore sceneggiatura, Stephen Gaghan ha confessato ai giornali di essere vissuto nella spirale della droga per vent'anni. Ora che è uscito dall'incubo, si è deciso a parlarne perché sa che paura e vergogna sono il motivo principale per cui tanti non si risolvono a chiedere aiuto. Dunque, pur ispirandosi a una serie televisiva britannica, Traffic (che di nominations ne ha avute altre quattro fra cui quelle ambitissime al film e alla regia) nasce sulla base di un'esperienza personale. »

di Roberto Escobar Il Sole-24 Ore

Guerra alla droga: questo è lo slogan, il mandato fermo che Robert Wakefield (Michael Douglas) riceve dal Presidente degli Stati Uniti. Una guerra, ovviamente, presuppone nemici e insieme - come si usa dire, non sempre in buona fede - una buona causa. Gli uni e l’altra, nel caso specifico, sembrano fuori discussione. I nemici sono i trafficanti, la buona causa è la vita di milioni di uomini e donne: ne è ben certo, il nuovo "zar dell’antidroga", come Wakefield viene definito e come ama definirsi. »

di Luigi Paini Il Sole-24 Ore

Un’America che ti fa accapponare la pelle, quella descritta da Steven Soderbergh in Traffic. La droga mina la società alle fondamenta, infiltrandosi a ogni livello. Dal vicino Messico arrivano montagne di polvere bianca, mentre gli apparenti successi dei controlli doganali significano solo che il traffico cresce in misura esponenziale. All’interno degli States, poi, ben pochi si salvano. Il nuovo "zar" della lotta contro gli stupefacenti (Michael Douglas), impegnato in contatti politici ad altissimo livello, si accorge solo troppo tardi che la figlia adolescente è entrata nel tunnel, arrivando a prostituirsi per procurarsi le dosi. »

di Lietta Tornabuoni La Stampa

Un film corale sul traffico di droga tra Stati Uniti e Messico. Un poliziotto messicano (Benicio Del Toro, bravo) cerca di sottrarsi alla rete della corruzione. Un dirigente politico americano (Michael Douglas, odioso), responsabile nazionale dell'antidroga, scopre che la sua stessa figlia adolescente è drogata. Un generale messicano (Tomas Milian, sorprendente) di nome Salazar è al servizio dei narcotrafficanti. La moglie d'un narcotrafficante arrestato (Catherine Zeta-Jones, disastrosa) prende in mano gli affari di droga fino all'inevitabile scarcerazione del marito. »

Traffic | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | adriano lotito
  2° | andrea
  3° | michele zaza
  4° | jacopo b98
  5° | filippo catani
  6° | molenga
  7° | renato c.
  8° | ezio
Premio Oscar (5)
Golden Globes (5)
Festival di Berlino (1)


Articoli & News
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità