•  
  •  
Apri le opzioni

Ernst Lubitsch

Ernst Lubitsch. Data di nascita 28 gennaio 1892 a Berlino (Germania) ed è morto il 30 novembre 1947 all'età di 55 anni a Los Angeles, California (USA).

Ernst Lubitsch è uno dei padri della commedia. Con film come La principessa delle ostriche (1919), realizzato prima ancora di emigrare negli Stati Uniti, manifestava la propria genialità nel realizzare opere leggere con straordinario garbo e intelligenza. Giunto negli Usa, contribuì allo sviluppo di uno dei generi su cui si fondò la fortuna di Hollywood: genere particolarmente adatto agli scopi economici e sociali che «la fabbrica dei sogni» si proponeva. Matrimonio in quattro (1924), La zarina (1924), Il ventaglio di Lady Windermere (1925), sono alcune delle commedie del regista berlinese che, dietro un impianto narrativo spesso fragile, pretestuoso e quasi fiabesco, riesce a costruire splendide metafore, che si pongono sia come riflessioni sulla natura dello spettacolo cinematografico, che sul pubblico cui erano destinati i suoi film. Le trame di questi film sono spesso simili, strutturate su un intrigo amoroso, il più delle volte ambientato in un contesto elegante e raffinato che doveva rappresentare per lo spettatore americano il mondo affiscinante dell'Europa della Belle Epoque. Nel tempo Lubitsch affinò il proprio registro, facendo ricorso ad un impianto, quella della "sophisticated comedy", che poggiava su un intreccio complesso ma piacevole, personaggi leggeri e con una chiave interpretativa sempre rimessa al metro dell'ironia. Bersaglio conceniale della sua satira è la vecchia Europa, di cui mostra (Il principe consorte, 1929 e Montecarlo, 1930), la sostanza obsoleta nascosta dietro manie di grandezza formale. È il tema che ispira .
L'avvento del sonoro darà ancor più impulso all'attività di Lubitsch che si dedica prima alle velleità piccolo-borghesi di un timido impiegato (Se avessi un milione, 1932), poi alle conseguenze drammatiche di una contesa amorosa di più uomini innamorati della stessa donna (Partita a quattro, 1933).
Dopo la trascrizione dell'operetta di Lehar, La vedova allegra (1934), Lubitsch incontra Greta Garbo con la quale gira Ninotchka (1939), ironica rappresentazione del burocratismo bolscevico. Ma è prima di morire che il regista gira i suoi film migliori: Vogliamo vivere! (1942), che ridicolizza il comportamento folle della Germania nazista e Il cielo può attendere (1943), storia di un dongiovanni che raccontata al demone portiere dell'inferno la propria debolezza per le donne ma, in fondo, la propria passione per la moglie, viene mandato dal diavolo a raggiungerla in paradiso.

Ultimi film

Commedia, (USA - 1946), 100 min.
Commedia, (USA - 1943), 112 min.
Commedia, (USA - 1942), 99 min.
Commedia, (USA - 1940), 97 min.
Commedia, (USA - 1939), 110 min.

Focus

APPROFONDIMENTI
martedì 17 agosto 2010
Nicoletta Dose

L'occasione da non sprecare A sipario chiuso, a premiazioni fatte e a somme tirate, il festival di Locarno continua a creare riflessioni sul cinema. La ricchissima retrospettiva su Ernst Lubitsch ha lasciato un bel ricordo in tutti quegli spettatori curiosi che, anche solo grazie alla proiezione di un film, si sono innamorati del grande regista di origine berlinese. Vogliamo vivere, film dirompente del 1942, proiettato sul grande schermo di Piazza Grande, ha attirato l'attenzione degli appassionati e dei novelli interessati a Lubitsch, rimasti ad assistere al film anche sotto qualche goccia di pioggia

I film più famosi

Commedia, (USA - 1942), 99 min.
Commedia, (USA - 1943), 112 min.
Commedia, (USA - 1939), 110 min.
Commedia, (USA - 1940), 97 min.
Commedia, (USA - 1932), 83 min.
Commedia, (USA - 1937), 91 min.
Commedia, (USA - 1946), 100 min.
Commedia, (USA - 1933), 90 min.

News

Il festival di Locarno ritrova il grande regista tedesco.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati