•  
  •  
Apri le opzioni

Campbell Scott

Campbell Scott. Data di nascita 19 luglio 1961 a New York City, New York (USA). Campbell Scott ha oggi 61 anni ed è del segno zodiacale Cancro.

Il dignitario del cinema indie

A cura di Annalice Furfari

Attore, regista e produttore americano figlio d'arte, Campbell Scott è un perfetto rappresentante del cinema indipendente, capace di stupire e commuovere con interpretazioni dense di anima e sfumature, nei panni di personaggi educati e apparentemente misurati, ma emotivamente tormentati.

Dal teatro al cinema
Campbell Scott nasce il 19 luglio 1961 a New York, da George C. Scott e Colleen Dewhurst, attori di cinema e soprattutto teatro. George C. Scott è stato il primo grande attore a rifiutare l'Oscar, con due anni di anticipo su Marlon Brando. Premiato per Patton, generale d'acciaio, rispedì il prestigioso riconoscimento al mittente perché riteneva Hollywood un mercato di carne e la cerimonia degli Oscar un mero affare di soldi. Cresciuti nel mondo molto poco hollywoodiano del New York Theater, Campbell e il fratello Alexander, futuro drammaturgo e direttore di palcoscenico, vengono influenzati dalla passione dei genitori per la recitazione. Diplomatosi alla John Jay High School di Cross River, Campbell pensa di voler fare l'insegnante, ma poi si laurea nel 1983 in Teatro e Arti drammatiche alla Lawrence University di Appleton, nel Wisconsin. Tornato a New York, studia recitazione con Stella Adler e Geraldine Page. Il debutto avviene sul palco di Broadway, accanto alla madre, nei panni di un soldato in "The Queen and the Rebels". Mentre continua a recitare in teatro, prova a sfondare nel mondo del cinema. Nel 1987 ottiene un piccolo ruolo in Dentro la grande mela di Tony Bill. Ma è nel 1990 che impressiona la critica con il suo primo ruolo da protagonista in Che mi dici di Willy? di Norman René, storia di un gruppo di amici e amanti gay di New York tra cui, nei primi anni Ottanta, l'Aids semina la morte. Apprezzato per il suo primo importante lavoro cinematografico, Scott è richiesto dal regista italiano Bernardo Bertolucci, che gli affida il ruolo del danaroso e invadente George, che accompagna John Malkovich e Debra Winger nella loro avventura in Africa, ne Il tè nel deserto (1990). Sul piccolo schermo Scott ritrae Joseph Patrick Kennedy Jr., morto in missione durante la Seconda guerra mondiale, nella miniserie della ABC The Kennedys of Massachusetts (1990). Dopo un ruolo nel thriller L'altro delitto (1991), diretto e interpretato da Kenneth Branagh, incarna un appassionato e morente capitano confederato nel film tv sulla guerra civile Il tributo più bello (1991) di Jack Bender. Subito dopo si impegna nella sua interpretazione più famosa, quella di Victor, malato di leucemia accudito da un'amorevole Julia Roberts, nel film strappalacrime Scelta d'amore - La storia di Hilary e Victor (1991) di Joel Schumacher. Eppure il cinema commerciale non fa per lui: Scott preferisce dedicarsi al teatro e a una prolifica produzione di film indipendenti. Nel 1992 offre una sobria e realistica interpretazione del giovane professionista Steve Dunne in Singles - L'amore è un gioco di Cameron Crowe, storia di un gruppo di amici delusi dall'amore e dal lavoro. Protagonista, accanto a Anthony Hopkins e Isabella Rossellini, del giallo spionistico The Innocent (1993) di John Schlesinger, Scott riceve plausi per la sua interpretazione dello scrittore Robert Benchley in Mrs. Parker e il circolo vizioso (1994) di Alan Rudolph, incentrato sulla vita della giornalista ebrea Dorothy Parker.

Dalla recitazione alla regia
Stanco di ritrovarsi sempre nelle parti di giovani sensibili, Scott prende spunto dalla carriera del padre e si trasferisce dietro la macchina da presa per condividere i doveri e le gioie della regia con l'ex compagno di scuola e collega attore Stanley Tucci. Insieme dirigono Big Night (1996), commedia agrodolce presentata con successo al Sundance Film Festival, su due fratelli calabresi, emigrati nel New Jersey negli anni '50, che devono rilanciare il ristorante che hanno aperto. Per il loro lavoro, Scott e Tucci vincono sia il New York Film Critics Circle Award sia il Boston Society of Film Critics Award come migliori registi emergenti. Nel film tv La Bottega degli Orrori di Sweeney Todd (1997) di John Schlesinger Scott è un agente assicurativo che indaga sul diabolico barbiere di Fleet Street. Nel 1998 torna al suo mestiere di attore cinematografico come protagonista del sentimentale Lettera d'amore di Dan Curtis, storia di una bizzarra corrispondenza tra un programmatore di videogame e una poetessa vissuta nel 1800. Appare perfettamente a proprio agio nei panni del simpatico e ingenuo Joe Ross, protagonista de La formula (1998) di David Mamet, che diventa vittima degli inganni orditi da Steve Martin. Fa poi un'apparizione esilarante nel ruolo di un nazista nella commedia Gli imbroglioni (1998) di Stanley Tucci, omaggio al cinema muto in stile slapstick. Stupisce positivamente, ancora una volta, in un film indipendente, Top of the Food Chain (1999) di John Paizs, che svolge in chiave parodistica gli intrecci della fantascienza anni '50, usando il tema dell'invasione extraterrestre come cartina di tornasole delle ipocrisie e della voglia di trasgressione della provincia nordamericana. Qui Scott veste ironicamente i panni di un austero, barbuto e occhialuto scienziato alle prese con una folle invasione aliena. Fa del suo meglio nel ruolo dell'antipatico appassionato di golf e alcolista Lionel Exley in Lush (1999) di Mark Gibson e nelle vesti secondarie di un filantropo condiscendente in Spring Forward (1999) di Tom Gilroy. La sua performance più scandalosa è quella del minaccioso e selvaggiamente imprevedibile amico dello yuppie puritano, con problemi di coppia, protagonista di Other Voices (2000) di Dan McCormack. Nel 2000 Scott torna dietro la macchina da presa per dirigere con Eric Simonson la sua versione del capolavoro teatrale Hamlet, rivisitazione televisiva - di cui è anche protagonista - ambientata ai giorni nostri in America, in cui passione e soprannaturale si fondono, affrontando temi come la giovinezza, il potere, l'avidità e l'inganno. Per la prima volta da solo dietro la macchina da presa, dirige il fantascientifico Final (2001), dramma incentrato su un uomo che si sveglia in una stanza di ospedale senza alcun ricordo, convinto di essere stato sottoposto a un trattamento criogenetico e di essersi risvegliato nel futuro. Si tratta di un film tv dall'impianto teatrale, che si concentra sul dramma interiore del protagonista. Nel 2001 incassa numerosi apprezzamenti in Roger Dodger di Dylan Kidd, nel ruolo dello zio Roger, manager di successo e dongiovanni spregiudicato, che trascina il nipote sedicenne scappato da casa in giro per New York alla ricerca di avventure sessuali. Il film riscuote un grande successo al Sundance Film Festival e al Festival di Venezia e Scott viene premiato come miglior attore dal National Board of Review. Fa centro anche come produttore e attore protagonista di The Secret Lives of Dentists (2002) di Alan Rudolph, in cui indossa i panni di un dentista sposato con una collega, che scopre il tradimento della moglie. Nel 2005 Scott passa nuovamente dietro la macchina da presa per dirigere il suo terzo lungometraggio, Off the Map, un dramma ben recensito su una famiglia eccentrica che vive ai margini della società nel deserto del New Mexico, la cui vita viene messa in discussione da un agente federale. Tornato al mestiere di attore, è un prete cattolico con una vena ribelle nel drammatico coming of age di Saint Ralph (2004) di Michael McGowan. Dopo un ruolo inconsueto in un film per ragazzi, Duma (2004) di Carroll Ballard, in The Dying Gaul (2005) di Craig Lucas ha l'opportunità di mettere in ridicolo il mondo della produzione di Hollywood, verso cui è stato sempre diffidente, incarnando uno scrittore che propone una buona sceneggiatura, ispirata alla perdita del suo compagno, a un noto produttore, che ne resta colpito ma pretende di cambiare questa storia d'amore omosessuale in una relazione eterosessuale. Nell'horror The Exorcism of Emily Rose (2005) di Scott Derrickson è il procuratore che tenta di far condannare il prete protagonista per omicidio colposo, dopo un esorcismo fallito. Dal 2006 al 2007 è uno dei protagonisti della serie tv Six Degrees, in cui incarna Steven Caseman, ex fotografo di fama caduto in disgrazia a causa della droga, che prova a rimettere in piedi la sua carriera e la sua famiglia. È un professore universitario nella popolare commedia romantica Scrivimi una canzone (2007) di Marc Lawrence, con Drew Barrymore e Hugh Grant. Dopo un ruolo in One Week (2008) di Michael McGowan, è il preside della scuola della protagonista di Phoebe in Wonderland (2008) di Daniel Barnz, con Elle Fanning nei panni di una bambina affetta della sindrome di Tourette, che sogna di partecipare alla rappresentazione scolastica di "Alice nel Paese delle meraviglie". Nel 2009 Scott dirige Company Retreat, mockumentary sulle riprese televisive di un game show che contrappone i funzionari di un'azienda agli operai della stessa. Interpreta poi David Kagan nel drammatico Handsome Harry (2009) di Bette Gordon, su un ex marine che vuole realizzare l'ultimo desiderio di un compagno morente e contatta alcuni ex soldati per abbattere il silenzio su un misterioso crimine che non ha mai trovato soluzione. Nel 2010 incarna Joseph Tobin nella serie tv Damages, incentrata sul rapporto conflittuale di due donne determinate, lo spietato avvocato Patty Hewes (Glenn Close), pronta a tutto pur di vincere una causa, e la giovane neolaureata Ellen Parsons, sua assistente. Dal 2009 al 2013 lo vediamo nella serie Royal Pains, in cui interpreta Boris, un ricco e schivo uomo d'affari tedesco affetto da una grave malattia genetica, paziente del brillante medico protagonista. Nel 2012 torna al cinema per incarnare Richard Parker, il padre del protagonista Peter Parker, nel supereroistico The Amazing Spider-Man di Marc Webb, ruolo ripreso in The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di Electro (2014) dello stesso Webb.

Ultimi film

Thriller, (USA - 2016), 113 min.
Azione, (USA - 2012), 136 min.
Commedia, (USA - 2007), 96 min.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati