The Unforgivable

Film 2021 | Drammatico 112 min.

Regia di Nora Fingscheidt. Un film con Sandra Bullock, Jon Bernthal, Vincent D'Onofrio, Viola Davis, Richard Thomas. Cast completo Genere Drammatico - Gran Bretagna, Germania, USA, 2021, durata 112 minuti. - MYmonetro 2,81 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi The Unforgivable tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento mercoledì 27 ottobre 2021

Una donna esce di prigione dopo una condanna per un crimine violento e si reinserisce in una società che si rifiuta di perdonare il suo passato.

Powered by  
Consigliato sì!
2,81/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,42
PUBBLICO 3,50
CONSIGLIATO SÌ
Sandra Bullock protagonista di una storia di colpa e redenzione, in cui un'ex carcerata rintraccia la sorella abbandonata anni prima.
Recensione di Roberto Manassero
mercoledì 27 ottobre 2021
Recensione di Roberto Manassero
mercoledì 27 ottobre 2021

Uscita di prigione per buona condotta, dopo una lunga condanna per l'omicidio di uno sceriffo, Ruth Slater fatica a ricostruirsi una vita. La società la considera l'assassina di un poliziotto e il ricordo della sorella minore Katie, abbandonata ad appena cinque anni al momento dell'arresto, la ossessiona. Decisa a rintracciare Katie, nel frattempo adottata da una famiglia amorevole e diventata giovane pianista di talento, Ruth si fa aiutare dall'avvocato John Ingram, nuovo proprietario della casa in cui avvenne il tragico omicidio. Il passato però non dà scampo a Ruth, perseguitata dai figli della sua vittima e ostacolata dai genitori adottivi di Katie: la donna potrà contare solo su sé stessa e sull'aiuto di Emily, la sorella acquisita di Katie, disposta a scoprire tutta la verità.

Produttrice prima che interprete, Sandra Bullock si cuce su misura il ruolo di una donna sconfitta dalla vita e resa insensibile dal dolore procurato e subìto: un tour-de-force fisico e psicologico, segnato dal tipico compiacimento delle star hollywoodiane disposte a tutto pur di mostrare il proprio talento.

The Unforgivable, cioè l'imperdonabile, è la versione cinematografica di una miniserie televisiva inglese del 2009, Unforgiven (scritta da Sally Wainwright e diretta da David Evans), cioè non perdonata. Al di là della diversa destinazione (per quanto, ormai, lo streaming annulli ogni differenza: in Italia il film arriva direttamente su Netflix, negli Stati Uniti ha avuto una breve parentesi in sala da fine novembre), la sfumatura fra i due titoli dice molto: la negazione del participio passato ("non perdonata") implica la possibilità di una svolta, un'evoluzione; la nettezza dell'articolo davanti all'aggettivo diventato sostantivo ("l'imperdonabile) dà invece conto di una condizione definitiva, inesorabile. Lo stigma di una società che punisce e non perdona.

Nel film lo si ascolta spesso: per la protagonista Ruth non esista una seconda possibilità; la sua nuova vita fuori dal carcere comincia nel presente, come le ricorda l'agente di sorveglianza della libertà vigilata, e del suo passato conta una cosa soltanto: la colpa. Non l'amore per la sorella, né le cause che portarono all'omicidio o la sua dinamica.

Tesa, nervosa, contratta, con il volto indurito dall'espressione arcigna, Sandra Bullock fa di tutto per interpretare fisicamente il tormento della sua eroina: cammina col volto a terra, ha improvvisi scatti d'ira, osserva muta e indomita il paesaggio desolante della sua vita, non si arrende nel tentativo di rintracciare la sorella. Nelle scene ambientate nel passato la tecnica del de-aging digitale rendere ancora più realistica (dunque irreale) la sua interpretazione. Senza arrivare agli estremi di Charlize Theron in Monster, l'attrice si impegna in un tour-de-force esibito ed esagerato che paga le stesse colpe della sceneggiatura (di Peter Craig, Hillary Seitz e Courtenay Miles), tanto rozza e didascalica quanto l'interpretazione della Bullock è manierata e compiaciuta.

La derivazione televisiva del film si sente nella sovrapposizione dei troppi piani narrativi, nei procedimenti di ripetizione e sostituzione della trama, nella costruzione per gradi che porta in modo meccanico al finale, in realtà risolto poi in maniera piuttosto sbrigativa. Laddove, insomma, la serialità può contare sul tempo, sfumando contrasti e approfondendo psicologie, il cinema che le si adegua è chiamato invece a comprimere, concentrare e velocizzare, rischiando per questo di sovraccaricare il racconto di elementi e di ridurre i personaggi a mere funzioni. Dall'avvocato liberal di Ruth a sua moglie, dai figli dello sceriffo ucciso ai genitori di Katie e alla sorella, tutti servono allo scopo di illustrare la parabola di Ruth; ogni pedina conferma e appesantisce la traiettoria della donna in cerca di redenzione. L'eccesso è anche (e forse soprattutto) dello stile di Nora Fingscheidt (documentarista tedesca al primo film negli Stati Uniti), che mette in scena il tormento di Ruth con il solito armamentario di flashback rapidi, particolari, primissimi piani, ralenti, controluce, toni cupi ed esagitati, momenti di idillio e illuminazione estatica, recitazione contratta, frasi a effetto, montaggio che lega in senso formale luoghi e momenti distanti.

The Unforgiven è come la versione per pianoforte di "Everything In Its Right Place" dei Radiohead che nel finale Katie suona durante le prove di un concerto: un inutile sfoggio di perizia tecnica, una variazione non necessaria su una traccia nota e consolidata.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 17 ottobre 2022
paolp78

Questa pellicola della regista tedesca Nora Fingscheidt ha l’evidente obiettivo di commuovere lo spettatore, fine che persegue con tutti i mezzi: atmosfere tristi, narrazione volutamente pesante, vittimismo, tematiche che intrecciano affetti con accadimenti tragici, tutto quanto entro una sceneggiatura strappalacrime che rivela fin da subito il suo intento, facilmente comprensibile allo stesso [...] Vai alla recensione »

martedì 14 dicembre 2021
Fabio Silvestre

il film è ambientato a Seattle e ha come protagonista Ruth Slater (Sandra Bullock) che uscita dal carcere dopo 20 anni per aver ammazzato un poliziotto si trova in regime di libertà vigilata; trova alloggio in un centro di assistenza e ben due lavori, in un centro ittico e come falegname. Essendo i suoi genitori morti, Ruth cerca in tutti i modi di rintracciare la sorella Kate, giovane [...] Vai alla recensione »

lunedì 28 marzo 2022
esakki

Sia nella scheda che nei commenti del pubblico non si menziona che l'assassino dello sceriffo non e' Ruth ma la piccola Katherine. Non e' roba da poco... Ma il film e' stato visto?

domenica 15 maggio 2022
Alessandro Spata

Io non sono sicuramente un genio, ma purtroppo avevo capito, o meglio ho temuto di capire, fin dalle prime battute del film che ad ammazzare lo sceriffo era stata la sorellina più piccola. Questa rozza "precomprensione" si è trasformata immediatamente e poi per tutto lo svolgimento dell’intreccio narrativo in noia e in pregiudizio verso un'opera tutto sommato "onesta&q [...] Vai alla recensione »

lunedì 31 gennaio 2022
Felicity

In The Unforgivable si toglie il trucco e gli occhiali da sole Sandra Bullock, si strappa di dosso il suo bel vestito nero alla Ocean’s 8 per indossare jeans, scarponi e un giaccone di due taglie più grandi. Abbandona il suo eyeliner e il suo mascara nero preferiti e sceglie il make-up acqua e sapone, con le occhiaie ben in vista e un elastico che raccoglie i suoi capelli scuri in una [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
mercoledì 23 febbraio 2022
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

Dopo una dramma familiare, tutti i luoghi possono diventare un inferno. Anche la libertà dopo il carcere. Sandra Bullock si carica addosso tutti i demoni del personaggio. Sguardo basso, spalle curve, paura di parlare. Dopo The Blind Side, si potrebbe pensare ancora a un'altra esercitazione da Oscar per l'attrice (anche produttrice), come quella di Charlize Theron in Monster dove si era appositamente [...] Vai alla recensione »

mercoledì 29 dicembre 2021
Giuseppe Gariazzo
Il Manifesto

Produttrice e interprete «assoluta» di The Unforgivable, Sandra Bullock torna con un film (distribuito direttamente su Netflix) centrato su un personaggio potente, pieno di dolore, invaso da un segreto finora mai confessato che la sceneggiatura ben dosata fa riaffiorare lentamente e con piccoli tocchi di scrittura, mentre la regia eccellente di Nora Fingscheidt, salvo qualche «digressione» nel passato [...] Vai alla recensione »

martedì 14 dicembre 2021
Maria Sole Colombo
Film TV

Per sfondare al cinema (al netto di eccezioni che ci auguriamo sempre più frequenti) bisogna esser belle. Ma per sfondare davvero - parliamo di Oscar o giù di lì - bisogna abbruttirsi. Attenzione, non basta essere brutte, non si fraintenda: occorre aver interpretato una discreta dose di ruoli in cui si è evidentemente bellissime, e aver poi scelto in maniera deliberata e vistosa di apparire al proprio [...] Vai alla recensione »

venerdì 10 dicembre 2021
Sara Di Nardo
Asbury Movies

Scritto - tra gli altri - da Peter Craig, The Unforgivable è il secondo lungometraggio della regista tedesca Nora Fingscheidt. Il film è prodotto da Netflix e basato su una miniserie inglese, intitolata Unforgiven (2009). The Unforgivable è un thriller che manca di memorabili momenti di tensione. Infatti, quello più esplorato è l'elemento drammatico della storia, con particolare enfasi sulla protagonista, [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 dicembre 2021
Gian Luca Pisacane
Famiglia Cristiana

L' altra faccia del prison movie, del dram 7 ma carcerario. The Unforgivable non si concentra su quello che succede dietro le sbarre, ma sulla difficoltà di reinserirsi nel mondo di tutti i giorni. Il titolo suggerisce già una chiave di lettura, il riferimento è a ciò che non si può perdonare. Ruth Slater è appena uscita di prigione, dopo aver scontato una lunga condanna per aver ucciso un poliziotto. [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 dicembre 2021
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Ruth Slater (Sandra Bullock) è appena stata scarcerata. Era in galera per aver ucciso uno sceriffo e la gente non la perdona, etichettandola come «ammazza poliziotti». Oltre alla difficoltà di reinserirsi, la donna cerca anche di trovare notizie della sorella minore, cresciuta come una figlia, ma che non vede da 20 anni. Intanto, i figli dell'uomo che aveva ucciso cercano vendetta.

NEWS
NETFLIX
mercoledì 27 ottobre 2021
 

Regia di Nora Fingscheidt. Un film con Sandra Bullock, Jon Bernthal, Vincent D'Onofrio, Viola Davis, Richard Thomas. Dal 10 dicembre su Netflix.  Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati