Reflection

Film 2021 | Drammatico 125 min.

Regia di Valentyn Vasyanovych. Un film con Roman Lutskyi, Andriy Rymaruk, Dmitriy Sova, Vasiliy Kukharskiy, Nadiya Levchenko. Cast completo Titolo originale: Vidblysk. Genere Drammatico - Ucraina, 2021, durata 125 minuti. - MYmonetro 2,75 su 4 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Reflection tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un chirurgo ucraino torna a casa dopo esser stato catturato e torturato dalle forze militari russe.

Consigliato sì!
2,75/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 3,00
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
Premi
Cinema
Trailer
La consacrazione di un regista capace di elaborare la storia contemporanea. Questa volta però ha rischiato di estetizzare la violenza.
Recensione di Roberto Manassero
martedì 7 settembre 2021
Recensione di Roberto Manassero
martedì 7 settembre 2021

Partito volontario per la guerra nel Donbass, il chirurgo di Kiev Serhiy finisce per errore nelle mani delle forze militari russe e viene fatto prigioniero. Tenuto in vita per le sue competenze mediche, l'uomo assiste impotente a scene di tortura e violenza inaudita, aiutando i suoi carcerieri a smaltire i cadaveri degli altri prigionieri torturati. Fra questi anche Andrii, nuovo compagno dell'ex moglie, molto amato anche da sua figlia, ragazzina innocente e ingenua. Tornato a Kiev, Serhiy sceglie di stare al fianco della figlia e di aiutarla ad accettare l'idea della morte di Andrii.

Dal regista di Atlantis, vincitore nel 2019 della sezione Orizzonti della Mostra di Venezia, una nuova riflessione sulla guerra nell'Ucraina orientale e sul rapporto fra normalità e orrore nella società contemporanea, tra la comodità della vita borghese e la violenza inaudita del fronte.

Giunto al suo quinto lungometraggio, il regista ucraino Valentyn Vasyanovych approda per la prima volta nel concorso ufficiale di un grande festival internazionale (Venezia 78). Merito del suo film precedente, Atlantis, immersione scioccante e visivamente indimenticabile nel trauma di una guerra senza nome e senza tempo, nella quale non è difficile scorgere il conflitto nel Donbass, che da anni prosegue indisturbato e ormai quasi accettato.

Reflection arriva come una consacrazione, come la conferma di una voce definita e riconoscibile (nel 2014 Vasyanovych ha firmato la fotografia di un altro film scioccante del recente cinema ucraino, The Tribe), capace di elaborare la realtà e la storia contemporanee in termini visivi e concettuali. Peccato che il film, nel momento in cui sceglie di riprendere la medesima impostazione stilistica di Atlantis e il medesimo punto di vista sulla guerra e le sue pratiche inumane (camera fissa e frontale rispetto agli eventi che mostra; sguardo impassibile, al limite del gratuito, su scene di crudeltà inaudita; rumori e suoni potenti e avvolgenti; costruzione concettuale dell'inquadratura, con legami di senso e conflitti fra primo piano e profondità di campo), mette a nudo i limiti di un approccio che rischia di estetizzare la violenza o, peggio ancora, di mostrarne la pura superficie.

Il segreto sta nel titolo, "reflection", cioè riflesso, parola dal quale nascono le immagini del film. Le inquadrature fisse e frontali hanno spesso al loro interno vetri, schermi, superfici trasparenti (bellissima la visione di un film attraverso il parabrezza di una macchina), con l'intento di sottolineare la condizione di sicurezza dei personaggi all'interno del loro mondo (nella prima scena del film, un vetro protegge gli spettatori dagli schizzi di una battaglia a colpi di pallottole che contengono pittura...). Nel momento in cui il film approda al fronte, il punto di vista della macchina da presa non cambia posizione, ma elimina ogni filtro: la violenza è sul corpo, la morte è presente e l'orrore è troppo grande per non lasciare segni.

Il protagonista Serhiy, che conosce la guerra perché ne cura i feriti, decidere di partire per il fronte per vedere, non solo per sentire, il conflitto. E una volta sopravvissuto, tornato nella normalità della sua vita a Kiev, si dà il compito di proteggere la figlia dall'impronta della morte, simboleggiata dal segno lasciato da un uccello schiantatosi contro il vetro del suo appartamento. La traccia resta ben visibile al centro di molte inquadrature e proprio nella sua evidenza racchiude il principale limite del film: l'evidenza di una riflessione sulla presenza della morte nel regno della vita - negli spazi di una metropoli contemporanea (e l'unica ripresa di Kiev all'aperto è un capolavoro di messinscena), nell'anima di un padre impotente, nel cuore di una figlia impreparata al dolore.

Nell'ultima scena di Reflection, Serhiy, l'ex moglie e la loro bambina, ritrovatisi come famiglia, giocano a riconoscersi reciprocamente di spalle, indovinando la presenza dell'uno o dell'altro dal rumore dei passi: per capire non usano gli occhi! Ancora una volta, la metafora del film è troppo evidente, troppo esposta, come se Vasyanovych, dopo aver costruito con immagini estremamente ricercate ed eccessivamente cariche di senso, invocasse per sé e lo spettatore il diritto a non guardare.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
mercoledì 8 settembre 2021
Cristina Piccino
Il Manifesto

Un uomo, medico chirurgo, decide di arruolarsi dopo il decesso di uno dei tanti soldati colpiti in battaglia.. Al fronte finisce dalla parte sbagliata del sentiero, nelle mani del nemici che lo fanno prigioniero. Picchiato, torturato, viene poi costretto a dichiarare il decesso nei terribili interrogatori di altri militari del suo esercito catturati, testimone silenzioso e nuovamente impotente - proprio [...] Vai alla recensione »

mercoledì 8 settembre 2021
Alice Catucci
Sentieri Selvaggi

Dopo Atlantis, presentato nella sezione Orizzonti a Venezia 76, Valentyn Vasyanovych torna al Lido, in concorso, con Vidblysk (Reflection). Il regista ucraino racconta ancora una volta la Guerra del Donbass, conflitto scoppiato nel 2014. Così con Reflection, Vasyanovych ci ripete che la guerra è lì, impossibilitato a soffermarsi su altro. Lo fa con un film che ha molti punti in comune con Atlantis, [...] Vai alla recensione »

martedì 7 settembre 2021
Lorenzo Ciofani
La Rivista del Cinematografo

C'è un controllo totale dell'immagine nel nuovo film di Valentyn Vasyanovych, promosso in Concorso a Venezia dopo la rivelazione del suo Atlantis nella sezione Orizzonti del 2019. Anche perché di questo plumbeo e respingente Reflection l'autore ucraino è regista, sceneggiatore, montatore e direttore della fotografia. Ma, a volte, un controllo completo può diventare un problema.

NEWS
MOSTRA DI VENEZIA
martedì 7 settembre 2021
Roberto Manassero

Il regista torna sulle atrocità della guerra in Ucraina ma questa volta rischia di estetizzare troppo la violenza. In concorso. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati