Atlantis

Film 2019 | Drammatico 106 min.

Anno2019
GenereDrammatico
ProduzioneUcraina
Durata106 minuti
Regia diValentyn Vasyanovych
AttoriAndriy Rymaruk, Vasyl Antoniak, Liudmyla Bileka .
TagDa vedere 2019
MYmonetro 4,10 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Valentyn Vasyanovych. Un film Da vedere 2019 con Andriy Rymaruk, Vasyl Antoniak, Liudmyla Bileka. Genere Drammatico - Ucraina, 2019, durata 106 minuti. - MYmonetro 4,10 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Atlantis tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un uomo cerca di sopravvivere in un mondo non più adatto alla presenza umana. Il film è stato premiato al Festival di Venezia,

Consigliato assolutamente sì!
4,10/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 4,20
PUBBLICO N.D.
ASSOLUTAMENTE SÌ
Un film disperato sulla disperazione, dalla crudezza iperrealista e dall'atmosfera sospesa.
Recensione di Roberto Manassero
venerdì 13 settembre 2019
Recensione di Roberto Manassero
venerdì 13 settembre 2019

In un futuro prossimo la guerra tra Ucraina e Russia nella regione del Donbass è finalmente terminata. L'ex soldato Sergeij è tornato dal fronte con una sindrome da stress post- traumatico e non riesce ad adattarsi alla nuova realtà. Dopo il suicidio del migliore amico, anch'egli reduce di guerra, e dopo la chiusura della fonderia in cui lavora, Sergeij aderisce al progetto di un'associazione di volontari specializzata nel recupero di cadaveri di guerra. Poco alla volta, lavorando accanto alla responsabile Katya, capisce che un futuro migliore è possibile.

Il resoconto secco, spietato, stilisticamente controllato, di un ipotetico ma estremamente realistico dopoguerra nell'Ucraina libera dal conflitto con la Russia.

Un mondo in cui la ripresa dalla vita è resa impossibile dal trauma psicologico dei sopravvissuti e dall'avvelenamento della terra. Un incubo dal quale, però, può ancora nascere una speranza.
Valentyn Vasyanovych è un regista e direttore della fotografia ucraino. Ha diretto quattro film e curato la fotografia del cult The Tribe di Myroslav Slaboshpytskkyi. È un autore dalla mano precisa, sicura, che osserva con la macchina da presa lo stato del suo Paese, da anni coinvolto in una guerra secessionista che coinvolge la parte orientale del paese, quel Donbass già al centro dell'omonimo film di Sergei Loznitsa.

Atlantis non è la cronaca del conflitto: è il resoconto di ciò che esso si sta lasciando alle spalle, e che nella finzione del film è già un fatto concluso, una condizione da cui ripartire. Idealmente ricorda un altro grande film della stagione, Beanpole di Kantemir Balagov, che racconta l'immediato dopoguerra nella Leningrado sopravvissuta all'assedio nazista: entrambe sono opere che catturano con sguardo estremamente formalista il trauma psicologico di chi resta in vita, un blocco sia individuale sia collettivo.

Nel futuro immediato immaginato da Atlantis, Sergeij vive immerso nella realtà del conflitto, sa solo sparare, non si adatta alla fabbrica, cerca luoghi dove combattere. La morte e la perdita del lavoro - in due scene visivamente stupefacenti, una con la ripresa in tempo reale di un suicidio, l'altra che sembra uscita da "1984" - segnano un punto di non ritorno. Per andare avanti, Sergeij deve tornare nel passato, scavare nella terra dal quale emergono cadaveri senza nome che infestano il suolo sul quale cammina.

La metafora è evidente nella sua crudezza, ma Vasyanovych - che pure nelle note di regia insiste sulla catastrofe ecologica già causata dalla guerra, con l'avvelenamento dei pozzi e dei fiumi del Donbass - non calca la mano sul valore politico del film. Il suo stile fatto di piani fissi e medi, di piani sequenza e scene insostenibili (l'autopsia di un cadavere, lo svuotamento di una fossa comune), crea un'atmosfera sospesa e iperrealista che costringe lo spettatore a sperimentare lo straniamento dei personaggi.

L'impassibilità calcolata dello sguardo di Vasyanovych è l'indagine sul futuro non ancora realizzato, eppure già scritto, di un paese che ha compromesso il proprio destino, e cerca di sopravvivervi attaccandosi alla realtà dei desideri e delle speranze. Atlantis è un film disperato sulla disperazione di un popolo: ma come dimostrano le inquadrature al termografo in apertura e in chiusura - la prima con un brutale omicidio, la seconda con l'abbraccio di un uomo e una donna - è anche un film consapevole che i corpi, da vivi e da morti, possono ancora emettere calore.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 10 settembre 2019
Luca Pacilio
Film TV

Sergeij, ex soldato ucraino che soffre di stress post-traumatico, perso il lavoro, si unisce alla missione che recupera i cadaveri di guerra. Vasyanovych, attraverso il percorso del protagonista - che, nel suo riesumare corpi, cerca di riportare alla luce anche una dimensione sentimentale possibile e un motivo per ricominciare - dipinge, con sguardo potente, il ritratto di un'Ucraina a un ipotetico [...] Vai alla recensione »

sabato 7 settembre 2019
Cristina Matteucci
La Rivista del Cinematografo

Ucraina orientale, anno 2025: la guerra contro la Russia è appena terminata. Atlantis, tra le visioni più intense della sezione Orizzonti di Venezia 76, mette in scena un percorso tarkovskijano nell'impero perduto del Donbas, un tempo tra i territori più ricchi e sviluppati del paese, ora trasformatosi in un deserto inadatto alla vita, tra distese di cimiteri e corpi da dissotterrare.

sabato 7 settembre 2019
Chiara Borroni
Cineforum

Proprio nei giorni in cui si organizza lo scambio tra prigionieri russi e prigionieri ucraini che dovrebbe, simbolicamente, porre fine alla Guerra del Donbass, a Venezia viene presentato Atlantis di Valentyn Vasyanovych. Un pugno nello stomaco. Un film implacabile che procede per lunghi piani per lo più fissi e frontali lasciando l'orrore, il dolore, la disperazione, la fine e anche la speranza (in [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 settembre 2019
Luigi Abiusi
Il Manifesto

Se Orizzonti indica l'approssimarsi a scorci cinematografici più o meno distanti, prospettive di forme cinematografiche non omologhe, significanti per via di stili, allusioni, ellissi, montaggi del tempo, anche interni alla semplice sequenza - ciò che si è visto nel concorso principale grazie a Larrain e Marcello - allora Atlantis di Valentyn Vasyanovy è il film che legittima questa sezione, per il [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 settembre 2019
Antonio D'Onofrio
Sentieri Selvaggi

47/79/369/788. Un numero cifrato. Tanto resta di quello che una volta era un uomo. Un numero impresso su una delle tante croci di un cimitero anonimo, nato in seguito alla guerra in Donbass, nell'Ucraina Orientale. Il film parla di un futuro imminente. Sergeij è un ex soldato che ha trovato lavoro dopo il conflitto nel settore siderurgico, all'interno di una fonderia, che però finisce in crisi.

NEWS
MOSTRA DI VENEZIA
venerdì 13 settembre 2019
Roberto Manassero

Un’opera disperata sulla disperazione che immagina la fine del conflitto fra Ucraina e Russia. Vincitore della sezione di Orizzonti. Vai all'articolo »

winner
premio orizzonti per il miglior film
Festival di Venezia
2019
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati