Sound of Freedom - Il canto della libertà

Film 2023 | Azione, Biografico, Drammatico, +13 135 min.

Regia di Alejandro Monteverde. Un film con Jim Caviezel, Mira Sorvino, Bill Camp, Kurt Fuller, José Zúñiga. Cast completo Titolo originale: Sound of Freedom. Genere Azione, Biografico, Drammatico, - USA, 2023, durata 135 minuti. Uscita cinema lunedì 19 febbraio 2024 distribuito da Dominus Production. Oggi tra i film al cinema in 19 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,15 su 3 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Sound of Freedom - Il canto della libertà tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento giovedì 15 febbraio 2024

Basato sulla storia vera di un agente FBI che si introduce nell'oscura realtà dei trafficanti di bambini per salvare la vita a due fratellini rapiti. Sound of Freedom - Il canto della libertà è 2° in classifica al Box Office, ieri ha incassato € 68.772,00 e registrato 8.508 presenze.

Consigliato sì!
3,15/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA
PUBBLICO 4,30
CONSIGLIATO SÌ
Tra lunghe sequenze di dialogo e l'attesa dell'esplosione che non avverrà mai, una crociata odierna contro il traffico dei bambini.
Recensione di Luigi Coluccio
venerdì 2 febbraio 2024
Recensione di Luigi Coluccio
venerdì 2 febbraio 2024

È da più di dieci anni che l'agente dell'Homeland Security Tim Ballard porta avanti uno dei lavori più disturbanti che ci siano - dare la caccia a chi possiede e distribuisce materiale pedopornografico. Il suo collega Chris ha appena deciso di mollare, e anche Tim si sente ad un punto di svolta. Dopo aver arrestato in California tale Ernst Oshinsky, Ballard e l'agenzia riescono a bloccare un pedofilo di rientro negli Stati Uniti dal Messico e a liberare il piccolo Miguel. Si scopre così, tra grandi difficoltà emotive, che Miguel era stato rapito mesi prima in Honduras assieme alla sorellina Rocío, tuttora scomparsa. Ballard, ricevuta in dono da Miguel una medaglietta con inciso il nome di San Timoteo, regalatagli dalla sorella durante la loro prigionia, decide così di impegnarsi a ritrovare Rocío, costi quel che costi.

Arriva in Italia come evento cinematografico per Dominus Production il film-evento dell'estate americana, con il volto e la passione di Jim Caviezel.

Come si ghermisce lo zeitgeist - lo spirito del tempo - di un'epoca? Se sei fortunato, se sei Hegel, lo ammiri la mattina del 13 ottobre 1806 sulla Johannisstraße di Jena e riconosci in lui, Napoleone a cavallo, "l'anima del mondo" che il giorno dopo avrebbe sconfitto i prussiani. Se sei il regista Alejandro Monteverde, il produttore Eduardo Verástegui, il distributore Angel Studios, se sei tutti noi, insomma, non avresti lontanamente vaticinato il clamore e il successo che Sound of Freedom - Il canto della libertà avrebbe avuto da una parte all'altra dell'oceano, di qualunque oceano: weekend USA di apertura con un incasso di quasi 20 milioni, fine corsa a 184 (decimo posto nella classifica 2023, davanti a moloch come Indiana Jones e il quadrante del destino e Mission: Impossible - Dead Reckoning - Parte 1), altri 66 raccolti in tutto il mondo per un botteghino totale di 250. (al)L'anima del box office, insomma.

Ma come ha fatto un film indipendente da nemmeno 15 milioni di budget, finito di girare nel 2018, acquistato dalla Fox e poi dimenticato sugli scaffali quando la Disney l'anno dopo si è mangiata lo studios della famiglia Murdoch, come ha fatto, si chiedono tutti, a sfondare la cupola dorata hollywoodiana? Lo zeitgeist, lo spirito del tempo. Che non era quello del 2015, quando Monteverde ha iniziato a programmare e scrivere il film, ma tutto ciò che è venuto dopo, QAnon, MAGA, la presidenza Trump, le "culture wars", lo spettro di una seconda guerra civile - per metterlo nero su bianco, la polarizzazione a tutti i livelli che sta storcendo gli Stati Uniti in questo nostro momento storico.

Polarizzazione che è stata rimpinzata più e più volte da chi sta dietro Sound of Freedom, Verástegui che dà dei pedofili a chi critica il film, Caviezel oracolo delle teorie QAnoniane sulle elite democratiche che rapiscono bambini per estrarne l'adrenocromo e rimanere per sempre giovani, Ballard, il Tim Ballard reale di cui il film racconta la vera, verosimile, molto stiracchiata storia, che si lancia in superficiali ed iperboliche analisi sul delicato problema del traffico di esseri umani. Monteverde, nel 2015, era partito da un'urgenza reale e profonda, quella della tratta sessuale di minori operata da vari gruppi criminali, forse guardando anche dentro il terribile buco nero della sua anima dopo l'omicidio del padre e del fratello da parte di un cartello della droga messicano.

E così quello che doveva essere un "semplice" prodotto cinematografico imbevuto di impegno sociale e spirito evangelizzante è scivolato nell'orlo interno della galassia di destra più reazionaria e complottista - da qui le paranoie sui cinema AMC che sabotavano le proiezioni del film che "non vi vogliono far vedere", i sospetti di pratiche commerciali ingannevoli sugli Angel Studios e la politica del "biglietto sospeso", la cacciata di Ballard per molestie dall'organizzazione da lui fondata per contrastare il traffico minorile e perfino la sua espulsione dalla Chiesa di Gesù Cristo dei santi degli ultimi giorni...

Peccato - in tutti i sensi. Perché Sound of Freedom poteva aprire squarci interessanti su un segmento di mercato che molto spesso non raggiunge la ribalta economica e critica, quello dei "Christian movies" o "Faith-based films", cioè opere espressamente indirizzate ad un pubblico religioso, che spesso afferma di non avere rappresentazione sugli schermi hollywoodiani. E se adesso l'ha fatto, con grande gioia di chi l'ha prodotto e s'è portato a casa piramidi di dollari, molte organizzazioni cristiane ed evangeliche rimpiangono proprio il frullatore complottista in cui il film si è infilato.

Come è rimasto con l'amaro in bocca il regista Monteverde, sempre silente sulla questione e anche senza un soldo in più in tasca visto che per la distribuzione del film aveva rinunciato alle successive quote di mercato che gli sarebbero spettate. Del suo lavoro non si è poi detto granché, e forse non ci sarebbe poi tanto da dire vista la cascata di retorica emotiva con cui investe lo spettatore (canti di bambini in levare, primi piani su volti sfigurati dal dolore, discorsi motivazionali che sono pamphlet) e le sbrigative architetture messe in piedi (ancora il filtro giallo per il Sudamerica? Ancora l'eroe del Nord del mondo che arriva a sistemare i conti nel resto del continente e poi tornare a casa?).

Però è da segnare come la sua idea di action-thriller si sublimi in lunghe sequenze di dialogo, preparazione, attesa dell'esplosione che poi non avverrà mai, nelle continue fermate e ripartenze della trama a simboleggiare la crociata senza fine di Ballard, nell'idea molto escatologica che basta il tema e non la rappresentazione e lo sviluppo di questo a legittimare Sound of Freedom. Se non è lo spirito del nostro tempo questo, allora cosa?

Sei d'accordo con Luigi Coluccio?
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 30 dicembre 2023
GUSTIBUS

Le 5 stelle sono da combattimento! Io non capisco perché qua in Italia non e'passato nei normali circuiti cinematografici.Parlavano di autunno?..di quale anno?Comunque bellissimo film sullo sfruttamento sessuale dei bambini e l'inizio parla apertamente senza riteosie di pedofilia senza se senza ma.Il racconto e'tratto da una storia vera.

martedì 20 febbraio 2024
AndreaSponza97

Leggerete fiumi di parole altisonanti, sciorinate faraoniche per condannare chi ha promosso e realizzato Sound of Freedom: processi politici e niente di più. Ma che cosa ha di politico e divisivo questo film veramente? Assolutamente nulla!Ispirato alla storia vera di Tim Ballard, ex agente federale, che lasciò il suo lavoro per combattere la tratta dei minori libero dalle formalità di chi lavora alle [...] Vai alla recensione »

martedì 20 febbraio 2024
Giuseppe

Lo scopo del film è quello di lasciare un messaggio e riesce. Ero scettico prima della visione, mi sono ricreduto.

giovedì 1 febbraio 2024
Anna

È molto di più di un bel film...

lunedì 19 febbraio 2024
trinkone

E se adesso l'ha fatto, con grande gioia di chi l'ha prodotto e s'è portato a casa piramidi di dollari, molte organizzazioni cristiane ed evangeliche rimpiangono proprio il frullatore complottista in cui il film si è infilato. è inspiegabile come possono far scrive una recensione politica e priva di senso. piu volte mi domando come mymovies sceglie chi far recensire i film, sarebbe meglio prendere [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 15 febbraio 2024
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

Uno dei più grandi successi estivi d'oltreoceano è stato Sound of Freedom - Il canto della libertà di Alejandro Monteverde. È costato 40 milioni di dollari, al momento ne ha guadagnati 250 in tutto il mondo. Qual è la chiave del successo? L'importanza del tema trattato, ma al tempo stesso la particolarità dell'intero progetto. Si tratta di un film controverso, che dietro la scritta "tratto da una [...] Vai alla recensione »

martedì 13 febbraio 2024
Sergio Sozzo
Film TV

La fortuna in sala arrisa all'opera di Alejandro Monteverde negli States (dove ha esordito nel cruciale weekend del 4 luglio 2023) conferma il trend di successo dei lavori di sensibilizzazione sociale per fedeli, di rinnovata solidità dopo la pandemia, e con una sempre più indubbia influenza su Hollywood, come si vede per esempio nel coevo The Warrior - The Iron Claw.

NEWS
TRAILER
venerdì 12 gennaio 2024
 

Regia di Alejandro Monteverde. Un film con Jim Caviezel, Mira Sorvino, Bill Camp, Kurt Fuller, José Zúñiga. Il 19 e 20 febbraio al cinema. Guarda il trailer »

TRAILER
martedì 18 luglio 2023
 

Regia di Alejandro Monteverde. Un film con Jim Caviezel, Mira Sorvino, Bill Camp, Kurt Fuller, José Zúñiga. Guarda il trailer »

NEWS
martedì 18 luglio 2023
 

Il film, saltato fuori dal nulla, distribuito “patriotticamente” il 4 luglio, ha già incassato cinque volte i costi di produzione. Vai all'articolo »

SHOWTIME
    Oggi distribuito in 19 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2024 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati