The Nest - Il nido

Film 2019 | Drammatico +13 103 min.

Anno2019
GenereDrammatico
ProduzioneItalia
Durata103 minuti
Al cinema185 sale cinematografiche
Regia diRoberto De Feo
AttoriFrancesca Cavallin, Justin Korovkin, Ginevra Francesconi, Maurizio Lombardi, Gabriele Falsetta Massimo Rigo.
Uscitamercoledì 14 agosto 2019
DistribuzioneVision Distribution
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,86 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Roberto De Feo. Un film con Francesca Cavallin, Justin Korovkin, Ginevra Francesconi, Maurizio Lombardi, Gabriele Falsetta. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2019, durata 103 minuti. Uscita cinema mercoledì 14 agosto 2019 distribuito da Vision Distribution. Oggi tra i film al cinema in 185 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,86 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi




oppure

Samuel vive con sua madre Elena. L'arrivo dell'adolescente Denise scardinerà definitivamente gli equilibri della famiglia. In Italia al Box Office The Nest - Il nido ha incassato 147 mila euro .

Consigliato sì!
2,86/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,72
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Intenti nobili e coraggiosi per un horror d'atmosfera che segna un promettente esordio alla regia.
Recensione di Andrea Fornasiero
venerdì 2 agosto 2019
Recensione di Andrea Fornasiero
venerdì 2 agosto 2019

Un uomo nel cuore della notte cerca di lasciare una villa insieme a bambino poco più che neonato, ma un ostacolo lo manda fuori strada. L'uomo muore sul colpo mentre il bambino si salva e, dieci anni dopo, lo ritroviamo paraplegico, educato da una madre severissima e da un piccolo gruppo di borghesi che però si rifiutano di parlargli del mondo esterno. Le cose iniziano a cambiare quando una ragazzina viene presa a servizio come nuova domestica e Samuel si invaghisce di lei. La giovane lentamente sembra ricambiare e gli fa conoscere per esempio una musica diversa dalla classica che la madre gli ha sempre imposto di suonare. Questa educazione sentimentale si farà via via più dirompente...

L'iconografia della locandina è quella dell'horror, quasi da casa infestata, ma Roberto De Feo, all'esordio nel lungometraggio, sceglie di costruire la tensione lavorando quasi esclusivamente sull'atmosfera e sul mistero.

L'intento è nobile e coraggioso e la messa in scena ha la giusta eleganza per reggere l'impresa, così come il cast ha le facce azzeccate e recita con convinzione la parte, componendo un microcosmo paranoico e sinistro. Purtroppo tutto questo sforzo va verso un esito che non solo è prevedibile, ma che si rivela ancora più scontato del previsto e poco importa che i conti tornino quando la soluzione è così abusata. Superata la delusione per il finale, rimane però di The Nest il ricordo di un mondo attentamente fotografato.

Il merito è anche della location, una villa costruita in un parco naturale vicino a Torino e caduta parzialmente in rovina, che la troupe ha risistemato facendone un luogo di schiacciante opulenza. Come ne L'angelo sterminatore di Buñuel, la borghesia colta e vanesia chiusa in se stessa finisce per implodere. Il tema non è nuovo, l'ultima volta che l'abbiamo visto declinato su schermo è probabilmente Melancholia di Von Trier, ma il registro horror è una scelta particolarmente calzante senza essere qui mai sparata in faccia allo spettatore. Gli elementi inquietanti a tratti sono espliciti, tra un incubo misterioso e un rito sacrificale, ma sono anche confinati in una zona a metà tra sogno e realtà, oppure lasciati così aperti all'interpretazione da rimanere inafferrabili.

Cruciali in un film come questo - dove il ragazzo protagonista è obbligato a suonare classica al piano, mentre la ragazza cerca di farlo maturare con il rock - l'uso delle musiche e qui il contributo di Teho Teardo è come sempre una garanzia.

Tra gli elementi incongrui che iniziano a segnalare la verità dietro il mondo fin troppo perfetto della villa ci sono le due guardie del confine, che sembrano redneck, gli zotici dell'America rurale sporchi e volgari al centro di titoli come Un tranquillo weekend di paura o Non aprite quella porta. La loro presenza è forse fin troppo rivelatoria, come lo sono le dichiarazioni del regista che si dichiara ispirato da The Village e The Others, ma lo sforzo dedicato alla realizzazione del film rimane indiscutibile.

Un bel passo avanti per Roberto De Feo, che aveva esordito con un corto ferocissimo intitolato Ice Scream (lo trovate su YouTube), cui aveva fatto seguito un lavoro più simile a The Nest: Child K, dove una situazione raccolta si apriva alla fine con un colpo di scena su un mondo più ampio e tutt'altro che rassicurante. Là la base era un fatto storico, qui invece l'idea di fondo è derivativa di un filone fin troppo cannibalizzato dal cinema recente. La stoffa però non manca.

Sei d'accordo con Andrea Fornasiero?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 17 agosto 2019
bealuc

A parte la bella fotografia, e la bella location, il film non coinvolge, manca di forza e di pathos, per non parlare del finale davvero banale. Tre stelle? Spesso le stelle abbondano per film di registi italiani, e questo non fa eccezione. Per fare un buon film non sono sufficienti la suggestione del luogo con una buona fotografia in un ambiente elegante con musica classica e tempi di ripresa lenti [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
mercoledì 21 agosto 2019
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Samuel è un docile bambino che ama la musica (suona brani classici al piano) che vive con l'austera, crudele mamma in una sinistra villa, in un grande parco, estranea al mondo, dal quale è separata da un cancello sorvegliato da due balordi boscaioli. Nella villa abita anche un medico che assomiglia a Buster Keaton e ha la passione della lobotomia. L'arrivo di Denise, una ragazza con la quale Samuel [...] Vai alla recensione »

domenica 18 agosto 2019
Alberto Pesce
Giornale di Brescia

Per «The Nest. Il nido», suo primo lungo fiction, Roberto De Feo dichiara di essersi ispirato a «The Village», tra i boschi comunità rurale di fine Ottocento sotto drastico governo di anziani e paure di fantomatiche minacce, e a «The Others», in grande villa fuori del tempo, vive presenze di maniacale comportamento e «inclusi» fantasmi. Ma De Feo si è mosso modo suo, in un horror sui generis, filtrando [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 agosto 2019
Massimo Causo
Duels.it

Se il "luogo comune" è la matrice di ogni film gotico che si rispetti, The Nest (Il Nido) di Roberto De Feo sa come farsi rispettare. Presentato a Locarno 72 in Piazza Grande e titolo di punta del Ferragosto horror nelle nostre sale, questo notevole esordio italiano corrisponde perfettamente alle dinamiche del genere in cui si piazza con buona memoria storica - e non senza un certo senso del presente [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 agosto 2019
Stefano Giani
Il Giornale

È un nido di serpi quello di Villa dei Laghi, dove la perfida Elena tiene sotto scacco il figlio Samuel, paraplegico dopo un incidente d'auto. Stessa sorte tocca pure a un guardiano e a un medico trasformato in aguzzino, che compie esperimenti sugli esseri umani. L'equilibrio apparentemente perfetto entra in crisi quando arriva nella tenuta una ragazzina, verso la quale Samuel si sente immediatamente [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 agosto 2019
Roberto Nepoti
La Repubblica

Opera prima di un cineasta italiano già attivo nel cortometraggio, The Nest esce contemporaneamente alla sua presentazione al Festival di Locarno, nella nuova sezione "Crazy Midnight". In una grande magione isolata nei boschi vivono Elena, madre severa ai limiti del sadismo, e il suo rampollo Samuel, paraplegico a causa di un incidente d'infanzia. Sono circondati da una piccola corte di gente asservita [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 agosto 2019
Antonio D'Onofrio
Sentieri Selvaggi

Ci sono delle regole a Villa dei laghi che non possono assolutamente essere infrante. Prima regola, il mondo esterno non esiste. Seconda regola, siamo una famiglia felice. Terza regola, mangiamo con moderazione. Quarta regola, tutto ciò che abbiamo è di Samuel. Roberto de Feo scrive e dirige un horror claustrofobico ambientato dentro una tenuta nobiliare circondata dai boschi, dai toni freddi ed una [...] Vai alla recensione »

martedì 13 agosto 2019
Rocco Moccagatta
Film TV

In mezzo al bosco, in una tenuta isolata, una villa decadente e goticheggiante è l'unico orizzonte di Samuel, (quasi) adolescente paraplegico costretto dalla madre (Francesca Cavallin, notevole) e dalla sua inquietante famiglia a ripetere i rituali di un'educazione spesso incomprensibile (suonare il piano, ma anche sparare ai maiali tra gli occhi). E a non poter mai guadagnare un misterioso fuori, [...] Vai alla recensione »

martedì 13 agosto 2019
Andrea Giovalè
La Rivista del Cinematografo

Un film meno horror di quel che sembra perché, fatta eccezione per una scena breve, non realmente attinente alla trama, piazzata strategicamente dopo il primo terzo di film e per un finale, questo sì, horror che rivela l'esperienza del regista con i "colpi di coda" tipici del cortometraggio (formato con il quale ha imparato e sviluppato il mestiere), The Nest - Il Nido potrebbe benissimo non essere [...] Vai alla recensione »

sabato 3 agosto 2019
Marco Minniti
Quinlan

Samuel, 14 anni e un infortunio alle spalle che lo costringe sulla sedia a rotelle, vive con sua madre, in totale isolamento, nella lussuosa residenza di Villa dei Laghi. La donna educa il figlio con rigidità quasi militare, vietandogli qualsiasi contatto - anche indiretto - col mondo esterno; ma l'arrivo nella casa dell'adolescente Denise, figlia di un amico di famiglia, cambierà radicalmente le cose... [...] Vai alla recensione »

NEWS
POSTER
lunedì 8 luglio 2019
 

Samuel è un giovane ragazzo costretto su una sedia a rotelle che vive con sua madre Elena a "Villa dei Laghi" una residenza isolata circondata da boschi. Bloccato nella routine familiare e con il rigoroso divieto di non allontanarsi dalla dimora, Samuel [...]

TRAILER
giovedì 20 giugno 2019
 

Samuel è un giovane ragazzo costretto su una sedia a rotelle che vive con sua madre Elena a "Villa dei Laghi" una residenza isolata circondata da boschi. Bloccato nella routine familiare e con il rigoroso divieto di allontanarsi dalla dimora, Samuel cresce [...]

NEWS
giovedì 9 maggio 2019
 

Samuel è un giovane ragazzo costretto su una sedia a rotelle che vive con sua madre Elena a "Villa dei Laghi" una residenza isolata circondata da boschi. Bloccato nella routine familiare e con il rigoroso divieto di allontanarsi dalla dimora, Samuel cresce [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati