Chi scriverà la nostra Storia

Film 2018 | Documentario +13 95 min.

Titolo originaleWho Will Write Our History
Anno2018
GenereDocumentario
ProduzioneUSA
Durata95 minuti
Al cinema1 sala cinematografica
Regia diRoberta Grossman
AttoriJoan Allen, Adrien Brody, Jowita Budnik, Piotr Glowacki, Karolina Gruszka Jess Kellner, Wojciech Zielinski.
Uscitadomenica 27 gennaio 2019
TagDa vedere 2018
DistribuzioneWanted
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,25 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Roberta Grossman. Un film Da vedere 2018 con Joan Allen, Adrien Brody, Jowita Budnik, Piotr Glowacki, Karolina Gruszka. Cast completo Titolo originale: Who Will Write Our History. Genere Documentario - USA, 2018, durata 95 minuti. Uscita cinema domenica 27 gennaio 2019 distribuito da Wanted. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,25 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Chi scriverà la nostra Storia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La storia dell'archivio di Emanuel Ringelblum, un documento fondamentale per la storia dell'Olocausto. In Italia al Box Office Chi scriverà la nostra Storia ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 24,9 mila euro e 7,6 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,25/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,50
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un film che produce e conserva memoria, un bene oggi purtroppo in disuso.
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 19 ottobre 2018
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 19 ottobre 2018

Sessantamila pagine di diari, manifesti, fotografie e oggetti costituiscono il lascito dell’Oyneg Shabbes Archive (“La gioia del Sabbath”). Raccolti dal Dottor Emanuel Ringelblum nella Varsavia ebraica prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, durante l’occupazione nazista e fino alla rivolta del ghetto, sono stati studiati dal dottor Samuel Kassow. Questa docu-fiction è ispirata al suo libro e ne riporta anche la testimonianza diretta.

La cinematografia documentaristica contemporanea si ritrova a fare sempre più di frequente uso della fiction, cosa che a qualche purista potrebbe far storcere il naso.

In realtà si tratta di un mezzo assolutamente finalizzato all’obiettivo: produrre e conservare memoria, un bene oggi purtroppo in disuso. Il portare sullo schermo dei documenti senza sostenerli con una narrazione accattivante (nel senso positivo del termine) condurrebbe al raggiungimento di un’audience decisamente più limitata. Se invece, come in questo caso, si traducono in azioni l’effetto ha un’efficacia decisamente maggiore.

Il filo conduttore è qui rappresentato da Rachel Auerbach che è stata una personalità sopravvissuta alla caduta del ghetto (dove si dedicava non solo all’esercizio della critica in campo artistico ma anche a una mensa per i poveri) e che ha dedicato la propria vita alla conservazione del ricordo. Ciò che colpisce in quest’opera è la consapevolezza da parte ebraica del rischio dell’estinzione e della conseguente necessità di non permettere all’oblio di cancellare tutte le tracce.

Non è poi un caso che il lavoro di Roberta Grossman veda la luce dei proiettori proprio nel periodo in cui in Polonia si è tentato di far passare la cosiddetta “legge sulla Shoah” che prevedeva pene carcerarie fino a tre anni di reclusione per chi “pubblicamente e contro i fatti” associasse la nazione polacca all’Olocausto o si riferisse a “campi della morte polacchi”.

Quando l’attore che interpreta Abraham Lewin pronuncia il suo discorso (ritrovato nell’Archive) dinanzi all’uditorio del ghetto dell’epoca le sue parole, grazie alla fiction, acquistano ulteriore forza: “Questa sarà la nostra prova d’esame: se sotto la spessa coltre di ceneri la nostra vita non si sarà estinta questa sarà la testimonianza del trionfo dell’umano sull’inumano, che la nostra voglia di vivere è più forte della volontà di distruzione” obbligando chi ascolta a non dimenticare.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
domenica 27 gennaio 2019
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Non immaginavamo, ci illudevamo Così dice Rachela Auerbach di sé e degli altri Ebrei polacchi durante l'invasione nazista. Anche noi non immagineremmo quanto accadde davvero a Varsavia dall'estate 1940 al 16 maggio 1943, e stenteremmo a credere ai pochissimi sopravvissuti, se un piccolo gruppo di internati - in tutto 60, tra cui la Auerbach - non avesse raccolto i documenti, le testimonianze, i numeri [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 gennaio 2019
Gianvito Di Muro
Sentieri Selvaggi

Nel novembre del 1940 i nazisti rinchiusero 450 mila ebrei nel ghetto di Varsavia. Si stava scrivendo una delle pagine più tragiche e deplorevoli della Storia, e ad essa il gruppo segreto Oyneg Shabes ("La gioia del Sabato" in yiddish), composto da giornalisti, ricercatori e capi della comunità ebraica cittadina, decise di rispondere letteralmente per le righe.

giovedì 24 gennaio 2019
Gianfrancesco Iacono
La Rivista del Cinematografo

Le voci di Adrien Brody e di Joan Allen, sulla base del saggio omonimo firmato dallo storico Samuel Kassov, guidano lungo il cammino che ripercorre una storia alternativa della tragica vicenda del ghetto di Varsavia dove, nel novembre del 1940, l'esercito del Führer rinchiuse circa 450 mila ebrei polacchi. Nello specifico, la storia è quella della compagnia, composta in larga parte da intellettuali, [...] Vai alla recensione »

martedì 22 gennaio 2019
Caterina Bogno
Film TV

Archeologia della Memoria. Non una metafora, ma un fatto concreto. Occorso a Varsavia, quando dalle macerie sono state estratte due delle scatole di cui si compone l'archivio che Emanuel Ringelblum ha organizzato con scrupolo, dall'istituzione del ghetto alla propria morte. Distribuendo agli ebrei penne e taccuini, perché affidassero alla scrittura il compito di sopravvivere a ciascuno di loro, e a [...] Vai alla recensione »

NEWS
GUARDA L'INIZIO
mercoledì 23 gennaio 2019
 

Nel novembre del 1940 i nazisti rinchiusero 450 mila ebrei nel ghetto di Varsavia. Un gruppo segreto composto da giornalisti, ricercatori e capi della comunità, guidato dallo storico Emanuel Ringelblum e conosciuto con il nome in codice Oyneg Shabes ("La [...]

TRAILER
lunedì 17 dicembre 2018
 

Sessantamila pagine di diari, manifesti, fotografie e oggetti costituiscono il lascito dell'Oyneg Shabbes Archive ("La gioia del Sabbath"). Raccolti dal Dottor Emanuel Ringelblum nella Varsavia ebraica prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, [...]

NEWS
lunedì 3 dicembre 2018
 

Sessantamila pagine di diari, manifesti, fotografie e oggetti costituiscono il lascito dell'Oyneg Shabbes Archive ("La gioia del Sabbath"). Raccolti dal Dottor Emanuel Ringelblum nella Varsavia ebraica prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati