Canova

Film 2018 | Documentario, Biografico Film per tutti

Titolo originaleCanova
Anno2018
GenereDocumentario, Biografico
Al cinema204 sale cinematografiche
Regia diFrancesco Invernizzi
Uscitalunedì 18 marzo 2019
DistribuzioneMagnitudo con Chili
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Regia di Francesco Invernizzi. Un film Titolo originale: Canova. Genere Documentario, Biografico 2018, Uscita cinema lunedì 18 marzo 2019 distribuito da Magnitudo con Chili. Oggi tra i film al cinema in 204 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi Canova tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Ci sono uomini che hanno creato capolavori. Canova è certamente uno di questi. Canova è 4° in classifica al Box Office. martedì 19 marzo ha incassato € 42.570,00 e registrato 4.869 presenze.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
CERCA IL FILM NEI CINEMA DI
|
Il racconto di un'artista schivo, inquieto e diviso, che ha restituito il respiro alle cose immobili.
Recensione di Rossella Farinotti
lunedì 11 marzo 2019
Recensione di Rossella Farinotti
lunedì 11 marzo 2019

Ci sono dei luoghi comuni, dei "must", che vengono utilizzati per sintetizzare dei concetti, dei gusti, o delle narrazioni. In un certo ambito culturale, non per forza ricercatissimo o raffinato, per indicare qualcosa di classico, di bianco, di quieto nella rappresentazione si può dire: sembra un Canova. Non è cosa comune con un nome racchiudere tanti ideali estetici. Ma con lo scultore veneto questo accade. Antonio Canova (1757/1822) rappresenta l'apoteosi della messa in scena plastica. La Paolina Bonaparte (1804/1808) posta nella sala centrale di Villa Borghese - luogo per cui la scultura, ritratto della nota borghese, era stata pensata e da cui non si è mai mossa - è il primo passaggio verso cui il pubblico si dirige.

Sembra che i visitatori vadano prima "da" Canova per poi passare al Bernini, testimonia Mario Guderzo, direttore del Museo e Gipsoteca Antonio Canova di Possagno, il paese di nascita dello scultore.

Però questa attenzione all'antichità lo schivo Canova l'ha un po' pagata: nei salotti culturali, nelle case dei collezionisti e dei nobili che lo invitavano a scolpire opere per le loro proprietà, lo scultore veniva infatti attaccato, a volte deriso, perché lavorava su temi del passato, riportandone anche lo stile.

Ma lo scultore non copiava i grandi modelli: li imparava, analizzava, assorbiva, per poi ricrearli a modo suo, con l'utilizzo di martello e scalpello da cui mai si è staccato, per tutto il corso della sua lunga vita. Due strumenti di lavoro che già utilizzava nella bottega del nonno scalpellino e con cui ha viaggiato per l'Italia con, si dice, il suo cappello di carta in testa. Da Venezia, città che aveva vissuto sugli allori con grandi maestri come Tiziano, Tintoretto e Canaletto, che stava però decadendo dai punti di vista politico, sociale e culturale, a Roma e poi Napoli, fino a giungere a Londra, alla corte di Giorgio VI che gli commissionò la scultura - pezzo unico, che Canova non ha mai più replicato per richiesta del sovrano inglese - Marte e Venere (1817/1819), dopo il successo ottenuto con la composizione di Adone e Venere (1789/1794).

Francesco Invernizzi mette in scena un altro racconto su un personaggio culturalmente mitico quale è stato Canova. Un simbolo proprio come quei soggetti, i miti classici appunto, che l'artista si faceva leggere in studio mentre scolpiva il gesso, per poi riattivarlo in prezioso marmo, focalizzandosi principalmente sull'estetica e lo stile, che dovevano essere perfetti. Le mitologie erano storie da "mandare in corpo", diceva lo scultore per spiegare la mediazione con i grandi classici, da riscoprire e ritrattare. Imitare gli antichi per diventare grandi.

Nel documentario non c'è narrazione esterna, ma pochi, incisivi interventi da parte dello storico Mario Guderzio che racconta il Canova scultore attraverso il suo talento pratico e la scelta assolutamente decisiva di impostare il futuro attraverso il passato, in un periodo di crisi e decadimento come quello che ha portato alla Rivoluzione francese.

L'opera dell'artista è sviluppata attraverso lunghe inquadrature sui dettagli della materia con, come sottofondo, le storie ritratte. I miti raccontati attraverso le bianche sculture di Canova. Così Invernizzi ha impostato questo documentario sull'artista "inquieto e diviso", dice Vittorio Sgarbi nell'incipit del film. Era lo scultore dell'armonia, colui che, all'opposto dell'energico, furioso e rivoluzionario Bernini, le innovazioni se le giocava in un altro campo difficile: quello della perfezione del passato.

C'è chi lo ha amato e chi lo ha odiato - Roberto Longhi ne scrisse come "lo scultore nato morto", mentre l'Argan come "l'artista più moderno, inventore del design", per la perfezione delle forme, quasi meccaniche. Una lotta stilistica incominciata a 18 anni, quando Canova apre il suo studio e il marmo, la pietra e il gesso diventano immediatamente i suoi materiali. Il bianco il colore sul quale lavorare, sperimentare, riempire i vuoti con la materia e rimettere in vita narrazioni, episodi, momenti di passione e d'amore, o anche di lotta. Di fatto, come scrisse Stendhal, Canova ha saputo "restituire respiro a una cosa immobile".

Sei d'accordo con Rossella Farinotti?
VIDEO RECENSIONE

CANOVA disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€14,99 €17,99
NEWS
VIDEO RECENSIONE
giovedì 14 marzo 2019
A cura della redazione

Scultore veneto, Antonio Canova rappresenta l'apoteosi della messa in scena plastica, del quieto e del classico. Un'attenzione all'antichità che l'artista ha pagato con qualche attacco dei collezionisti perché lavorava su temi del passato, riportandone [...]

TRAILER
giovedì 7 marzo 2019
 

Spesso considerato il più grande degli artisti neoclassici, il suo straordinario lavoro ha stupito, ispirato e commosso per secoli. Il film ritrae la sua crescita artistica, dalle sue prime esperienze a Venezia, vicino alla sua città natale, alle sue [...]

SHOWTIME
    Oggi distribuito in 204 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati