Benvenuto in Germania!

Film 2016 | Commedia drammatica +13 116 min.

Titolo originaleWillkommen Bei Den Hartmanns
Anno2016
GenereCommedia drammatica
ProduzioneGermania
Durata116 minuti
Regia diSimon Verhoeven
AttoriSenta Berger, Heiner Lauterbach, Florian David Fitz, Palina Rojinski, Elyas M'Barek Uwe Ochsenknecht, Ulrike Kriener, Eric Kabongo, Marinus Hohmann, Eisi Gulp.
Uscitagiovedì 10 maggio 2018
DistribuzioneCineama
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,42 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Simon Verhoeven. Un film con Senta Berger, Heiner Lauterbach, Florian David Fitz, Palina Rojinski, Elyas M'Barek. Cast completo Titolo originale: Willkommen Bei Den Hartmanns. Genere Commedia drammatica - Germania, 2016, durata 116 minuti. Uscita cinema giovedì 10 maggio 2018 distribuito da Cineama. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,42 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Benvenuto in Germania! tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Angelika, una professoressa da poco in pensione, decide, contro il parere dello scettico marito Richard, di ospitare a casa un rifugiato. In Italia al Box Office Benvenuto in Germania! ha incassato nelle prime 9 settimane di programmazione 74,1 mila euro e 72,1 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,42/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,33
CONSIGLIATO SÌ
Cattivissima commedia sul buonismo e straordinario fenomeno al botteghino tedesco.
Recensione di Ilaria Ravarino
giovedì 10 maggio 2018
Recensione di Ilaria Ravarino
giovedì 10 maggio 2018

Angelika Hartmann, benestante pensionata bavarese, ha da poco maturato una decisione: accoglierà in casa, per un periodo di tempo limitato, un ragazzo richiedente asilo. Angelika lo fa in parte per sconfiggere la noia, in parte per rendersi utile e in parte per ripicca nei confronti della sua famiglia assente: il marito chirurgo Richard, in crisi di mezza età, e i figli Sophie e Philip, studentessa irrisolta e avvocato rampante. Ma l'arrivo in casa Hartmann di Diallo, giovane nigeriano in cerca di una serena integrazione, è destinato a cambiare gli equilibri della famiglia. Condividere uno spazio privato può essere problematico: dividere lo stesso paese, forse, lo è ancora di più.

La traduzione, scriveva Natalia Ginzburg nella prefazione a La Strada di Swann di Proust, è un lavoro "di formica e di cavallo".

Opera di precisione e passione, la traduzione è fatta di minuzia e impeto sentimentale, di amore per il dettaglio e amore per il senso, più in generale, del testo che si cerca di adattare. La traduzione è un'operazione importante per la circolazione della cultura. Non sempre, purtroppo, è un'operazione riuscita.

Il caso di Benvenuto in Germania!, cattivissima commedia sul buonismo e straordinario fenomeno al botteghino tedesco, in questo senso è illuminante. Nella sua versione italiana, semplicemente, il film gira a velocità ridotta. È una commedia e non fa ridere come dovrebbe. È una satira e non graffia quanto potrebbe. Eppure i temi - l'immigrazione, l'ipocrisia radical-chic, l'Europa - sono argomenti "caldi" tanto in Germania quanto in Italia. E allora? E allora alla base c'è un problema di traduzione.

Sul versante linguistico l'errore è fatale, e anche grave perché si sarebbe potuto evitare. Qui il problema è la formica: ci vuole precisione, cura del dettaglio e minuzia nel trattare le voci dei personaggi in un film - un film che parla anche di integrazione - in cui gli accenti e le pronunce, il saper parlare o meno il tedesco con proprietà, significano qualcosa di più di una semplice indicazione geografica di provenienza. Sottovalutare il doppiaggio, in una commedia popolare come Benvenuto in Germania!, è una leggerezza che ha un prezzo molto salato: quello di trasformare i personaggi, già nati come bozzetti, in caricature, e i caratteri, tagliati come archetipi, in macchiette. Far esprimere il giovane nigeriano come se fosse il protagonista di una brutta barzelletta ("Io non parlare di questo", dice Diallo, "io non potere prendere aereo"), poi, è un autogol clamoroso. E in un film così schierato, oltre la satira, per l'inclusione e l'accoglienza, è una di quelle sviste che rischiano di farti perdere la partita.

Ma il problema più grande, diciamo strutturale, risiede in un altro tipo di traduzione. Non linguistica, ma culturale: e cioè nella (mancata) capacità del film di trasmettere la propria carica satirica oltre i confini nazionali. Chiariamoci: non serve essere tedeschi per capire il "senso" di una commedia che finisce per accontentare, assecondandoli, i cliché più popolari sulla Germania - l'ossessione per le regole, per la disciplina, per la burocrazia - e sull'infelicità media della famiglia medio borghese europea. Ma avere un buon livello di conoscenza della cultura tedesca è indispensabile per apprezzare la ferocia delle stoccate che Simon Verhoeven rivolge ai suoi conterranei, lost in translation nell'adattamento estero.
L'insofferenza per il contatto fisico, l'ossessione per lo sport, la paura dell'invecchiamento (che nel Nord Europa è un problema maschile più che femminile), l'indipendenza dei giovani (la figlia Sofie, che a 31 anni ha "ancora" le idee confuse sul futuro, è per i tedeschi una figura esilarante), il difficile rapporto con i richiedenti asilo accolti da Merkel nel 2015, il razzismo camuffato da paternalismo, persino una certa insofferenza per "l'immigrato di serie A", il sud europeo, nel film incarnato dall'italiano "imbucato". Stilettate per la cui traduzione sarebbe servito l'impeto di un cavallo: una sceneggiatura meno ripiegata su se stessa, un'ambizione diversa, l'obiettivo del mercato internazionale. Spregiudicato e persino feroce nel colpire i punti deboli di un paese con un gran bisogno di autoassoluzione, Benvenuto in Germania! dimostra che anche ai tedeschi piace ridere di se stessi. Solo, a una condizione: che gli altri, possibilmente, non lo vengano a sapere.

Sei d'accordo con Ilaria Ravarino?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 13 maggio 2018
buio in sala

di Buio in sala Si può parlare di argomenti serissimi con leggerezza? Si può sorridere dei pregiudizi che si annidano e proliferano tra la gente comune a qualsiasi latitudine e sotto qualsiasi bandiera? La risposta è: certamente sì, e ci sono fior d’esempi che hanno fatto la storia del cinema (un esempio su tutti: “La vita è bella”).

domenica 13 maggio 2018
riccardo demuro

Benvenuto in Germania risulta essere una commedia brillante ma, allo stesso tempo, capace di far pensare su temi difficili e attuli come l'immigrazione e l'accoglienza. Si passa da drammi familiari a gag divertenti senza perdere di vista il tema sociale. Il regista riesce in maniera delicata, a far immedesimare lo spettatore, anche grazie ai protagonisti, soprattutto i due "anziani", durante le varie [...] Vai alla recensione »

domenica 13 maggio 2018
federico

  Fa impressione vedere come una bella donna come Senta Berger riesca ad essere affascinante ancora a 77 anni. E’ una grande attrice da sempre, e lo dimostra ancora in questo film, in cui la lucentezza dei suoi occhi fa da filtro femminile ad una storia dolce, se un pochino stereotipata, dell’evoluzione di una famiglia borghese ai tempi nostri, sconvolta dall’arrivo di un emigrato [...] Vai alla recensione »

domenica 13 maggio 2018
Lorenzo Cruciani

Il film tedesco Benvenuto in Germania! riesce a far bene due cose: ci fa ridere, soddisfacendo l'essere una buona commedia, e tocca con giusto equilibrio ed ironia il contrasto tra una società ricca e ordinata che si incontra-scontra con l'umanità povera o sconvolta da violenze e costretta ad emigrare. Per noi italiani è puro divertimento in quanto la famiglia Hartmann potrebbe chiamarsi Rossi o Bianchi [...] Vai alla recensione »

domenica 13 maggio 2018
riccardo demuro

Benvenuto in Germania risulta essere una commedia brillante e leggera ma che, allo stesso tempo, affronta temi difficili e attuali quali l'immigrazione e l'accoglienza. Riesce ad essere scorrevole e godibile alternando momenti di tensione familiare ad altri con gag divertenti e risvolti di sottile ironia. Il regista riesce, con delicatezza, a far immedesimare il pubblico grazie ai personaggi, soprattutto [...] Vai alla recensione »

sabato 12 maggio 2018
Red Screen

Ho visto il film al Lux a Roma. Non eravamo tantissimi ma mi sembra che il pubblico abbia gradito, ed io pure. Il film parte bene, con l’introduzione del personaggio Diallo, il rifugiato, ed anche una breve visione della sua nemesi, il rifugiato arabo oltranzista. Si passa poi alla presentazione del capofamiglia Hartmann, chirurgo in crisi di pre terza eta’, e della moglie, la splendida [...] Vai alla recensione »

lunedì 14 maggio 2018
francesca

E'lo specchio esatto di una famiglia Borghese Italiana dove tutti hanno raggiunto il successo, belli, ricchi e apparentemente felici.La presenza destabilizzante del profugo Diallo, pur entrando in punta di piedi nelle loro vite, ha comunque un impatto dirompente che comincia a sgretolare molte delle loro certezze. Per tutta la famiglia che lo ospita, diventa un'opportunita'per confrontarsi davvero [...] Vai alla recensione »

lunedì 14 maggio 2018
Daniela

Bellissimo!

domenica 13 maggio 2018
riccardo demuro

Benvenuto in Germania risulta essere una commedia brillante ma allo stesso tempo stimolante su temi difficili e attuali come immigrazione e accoglienza. Il film scorre tra drammi familiari e gag divertenti senza perdere di vista il tema sociale che è alla base e che scuote le coscienze. Si passa da momenti di tensione a fasi brillanti e divertenti ma il regista affronta questa tematica con delicatezza [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 maggio 2018
francesca

Sono Italo Tedesca e una dei 4 milioni di spettatori che hanno avuto il piacere di vedere questo film in Germania e recentemente a Milano in italiano con i miei nipoti.  Vi assicuro che la versione Italiana e' davvero fedele all'originale! Francamente non ho notato questa grande discrepanza tra le due versioni, belle entrambe.

giovedì 10 maggio 2018
no_data

Cara ilaria,potro' sembrare di parte in quanto distributore del film, ed aspetto con curiosita' i commenti dell'adattatore e del direttore del doppiaggio, Marco Casanova della Kam Cinematografica, una ditta che lavora da quarant'anni con successo nel doppiaggio anche di grandi film.Ti scrivo perche' il tuo intero scritto verte su una tua "assunzione", che immagino non derivi dall'aver visto il film [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 10 maggio 2018
Roberto Nepoti
La Repubblica

Maggiore incasso in patria per un film tedesco nel 2016, Benvenuto in Germania! viene a impinguare il filone della "commedia di rifugiati". Gli Hartmann sono una famiglia in crisi: il signor Hartmann odia invecchiare e si fa di botulino, la signora si sente inutile, la figlia è un'eterna studentessa... Quando frau Angelika decide di prendere in casa un rifugiato, il marito si oppone; poi accetta ma, [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 maggio 2018
Stefano Giani
Il Giornale

Tra marito e moglie non mettere... il nigeriano. L'adozione di un profugo crea sconquassi in una famiglia della Monaco bene. Figli disorientati. Nipoti incuriositi. Vicini in allarme. Sale la febbre dell'intolleranza, ma quando sembra che il precipizio sia inevitabile... Che simpatici i tedeschi quando vogliono far ridere, peccato che l'originalità sia quel che sia.

RECENSIONI MYMOVIES
PUBBLICO
RASSEGNA STAMPA
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati