Paradise

Film 2016 | Drammatico +13 130 min.

Titolo originaleRai
Anno2016
GenereDrammatico
ProduzioneRussia, Germania
Durata130 minuti
Regia diAndrey Konchalovskiy
AttoriYuliya Vysotskaya, Christian Clauss, Philippe Duquesne, Peter Kurth, Jakob Diehl Viktor Sukhorukov, Vera Voronkova, Jean Denis Römer, Caroline Piette.
Uscitagiovedì 25 gennaio 2018
DistribuzioneViggo
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,75 su -1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Andrey Konchalovskiy. Un film con Yuliya Vysotskaya, Christian Clauss, Philippe Duquesne, Peter Kurth, Jakob Diehl. Cast completo Titolo originale: Rai. Genere Drammatico - Russia, Germania, 2016, durata 130 minuti. Uscita cinema giovedì 25 gennaio 2018 distribuito da Viggo. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,75 su -1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Paradise tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Tre persone di provenienza e mentalità diversa si incrociano durante la guerra. Il film è stato premiato al Festival di Venezia.

Consigliato sì!
2,75/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 3,00
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un film insolito che precipita i suoi protagonisti nella guerra e nei campi di concentramento per riflettere sull'assuefazione all'orrore.
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 9 settembre 2016
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 9 settembre 2016

Olga, aristocratica russa e membro del Fronte di Resistenza francese, viene arrestata per aver nascosto due bambini ebrei. Sofisticata e astuta, prova a sedurre il suo aguzzino per sfuggire alla tortura ma la morte dell'uomo per mano dei partigiani la condanna ai campi di concentramento. Assegnata allo smistamento degli oggetti appartenuti alle vittime dello sterminio, Olga viene riconosciuta da Helmut, un alto ufficiale tedesco che aveva abbagliato qualche anno prima in Toscana. Il sentimento dell'uomo per Olga, le garantisce presto la libertà e un salvacondotto per la Svizzera. Ma le cose andranno diversamente e Olga si guadagnerà un posto in paradiso.

Girato in bianco e nero, Paradise confronta tre destini con l'orrore della guerra.

Dal suo debutto russo (Storia di Asja Kljacina che amò senza sposarsi) al successo hollywoodiano (A 30 secondi dalla fine), Andrej Končalovskij ha dimostrato una grande sensibilità per le persone ordinarie, persone senza importanza ma ai suoi occhi essenziali. Dopo il singolare trio de Le notti bianche del postino, racconto naturalista su cui soffia il fantastico, l'autore russo pesca un nuovo triangolo e un film insolito che precipita i suoi protagonisti nella guerra e nei campi di concentramento. Intercalando brani dei loro destini con 'interviste' realizzate in un ipotetico paradiso, Končalovskij 'interroga' una donna e due uomini, una prigioniera di guerra e i suoi aguzzini. Frontali alla macchina da presa, a turno Olga, Helmut e Jules commentano le sequenze in cui lo spettatore li vede in azione.

Se la prima parte è quasi interamente impegnata a introdurre i protagonisti, la seconda elimina con un colpo di pistola Jules, zelante funzionario di polizia di Vichy, e consegna Olga ed Helmut all'inferno concentrazionario. Vittima e carnefice, i due personaggi si ritrovano dentro un evento tragico e straordinario in cui assecondano una passionalità morbosa. Končalovskij ignora però gli aspetti voyeuristici dalla Cavani (Il portiere di notte), focalizzandosi sulle scelte fatte e sulla convinzione, nel bene e nel male, della loro fondatezza. Radicato nella propria follia e nel delirio di onnipotenza del Terzo Reich, Helmut è il personaggio più radicale, la perfeziona bionda della malvagità. Jules è al contrario figura 'alleata' col lupo ma disposta al compromesso con l'agnello. Olga, incarna invece la funzione emozionale del dramma, i suoi occhi scavati filtrano i fatti e illuminano l'eroina gentile destinata all'Eden degli ebrei.

Diversi nella forma ma allineati sul 'fondo', Končalovskij e Sergeï Loznitsa (Austerlitz) realizzano nello stesso anno due film che riflettono sull'assuefazione delle persone all'orrore. Se Loznitsa, col suo documentario amaro girato a Sachsenhausen in lunghi piani fissi in bianco e nero, solleva una riflessione rigorosa sul turismo di massa nell'epoca della spettacolarità generalizzata, Končalovskij prova a correggere la banalità del male e la banalizzazione della sua rappresentazione attraverso un dispositivo singolare e dentro un décor nudo che (r)accoglie la testimonianza e la deposizione dei suoi personaggi. Un palcoscenico in cui l'efferatezza nazista appare (solo) come un brutto momento della Storia, da cui consolarsi aggiudicando ai giusti il paradiso. Un'approssimazione grossolana per un'artista della sua levatura.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 14 febbraio 2018
angelo umana

 Non è frequentissimo che film o libri sul “concentrazionismo”, sui lager insomma o sulla Vernichtung della seconda guerra, si soffermino sui sentimenti e la coscienza dei soldati eletti ad attuare l'eliminazione. Andrej Konchalowskij lo ha fatto con questo film, un b/n serissimo e toccante, annichilente e tenero al tempo stesso, Paradise: uno dei tre protagonisti, Helmut [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 29 gennaio 2018
Emiliano Morreale
L'Espresso

L'ottantenne Andrej Michalkov-Konchalovskij, fratello maggiore di Nikita Michalkov, è uno dei nomi che hanno fatto la storia del cinema sovietico, dal disgelo in poi. Il suo esordio, "Storia di Asja Kljacina", fu proibito dalla censura e visto soltanto vent'anni dopo, in tempi di glasnost. "Siberiade", invece, che vinse un Gran premio a Cannes nel 1979, era una specie di Novecento brezneviano.

giovedì 1 febbraio 2018
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Voci da un ironico paradiso per raccontare l'inferno di un campo di concentramento. Tre personaggi in faccia allo spettatore: un poliziotto collaborazionista, un'aristocratica russa destinata al gas e un arianissimo nazista che, innamorato, vuole salvarla. Sono morti. La tranche di vita che li unisce passa un po' nel già-visto della cosiddetta "banalità del male", tra ricordi di libertà e stragi d'umanità. [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 febbraio 2018
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Il bianco e nero, splendidamente fotografato, rende ancora più angosciante l'ultimo film del veterano russo Andrei Konchalovsky. È la storia disperata di tre personaggi destinati a incrociarsi nell'Europa vittima del nazismo. Il gelido ufficiale delle SS Helmut perde la testa per l'altezzosa nobildonna russa Olga, rinchiusa in un campo di sterminio per aver salvato due bimbi ebrei.

domenica 28 gennaio 2018
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

II male procede da solo, il bene richiede uno sforzo, viene detto alla fine di Paradise (Ray, Russia e Germania, 2016, 130'). Un dio eventuale - forse l'occhio in bianco e nero del cinema - ha scrutato e giudicato il poliziotto Jules (Philippe Duquesne), l'ufficiale delle SS Khelmut (Christian Claus s) e la principessa russa Olga (Yuliya Vysotskaya).

giovedì 25 gennaio 2018
Alessandra Levantesi
La Stampa

Finale a parte, c'è solo l'inferno nel Paradise realizzato da Konchalovsky, in omaggio agli espatriati russi che nella Parigi occupata dai nazisti hanno rischiato la vita per salvare ebrei. In uno spoglio bianco e nero, tre personaggi dal destino incrociato si alternano a confessarsi davanti a un invisibile interlocutore, mentre lunghi flashback ne rievocano stralci di vita.

giovedì 25 gennaio 2018
Paolo D'Agostini
La Repubblica

L'ottantenne regista russo, esponente di prestigio dell'intellettualità già sovietica, è un artista di valore e discontinuo. Incisivo ma anche incerto è l'impianto del film, Leone d'argento a Venezia e designato per l'Oscar "straniero" ma non ammesso nella rosa finale. Il filo è tenuto dalle "interviste" parallele ai tre personaggi, omologati nella stessa condizione (che ha a che fare con il titolo): [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 gennaio 2018
Silvana Silvestri
Il Manifesto

La specialità di Konchalowskij è afferrare lo spettatore sin dalla prima scena. Questo qui non avviene, il racconto e il tono sono algidi, ci suggerisce di tenerci a distanza dall'intreccio, guardare oltre, ad esempio al presente, tempo di fondamentalismi da riconoscere e neutralizzare. Paradise racconta un aspetto comune della mente umana tendente al conformismo quotidiano, anche se parla di tempi [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 gennaio 2018
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Voci da un ironico paradiso per raccontare l'inferno di un campo di concentramento. Tre personaggi in faccia allo spettatore: un poliziotto collaborazionista, un'aristocratica russa destinata al gas e un arianissimo nazista che, innamorato, vuole salvarla. Sono morti. La tranche di vita che li unisce passa un po' nel già-visto della cosiddetta "banalità del male", tra ricordi di libertà e stragi d'umanità. [...] Vai alla recensione »

winner
leone d'argento
Festival di Venezia
2016
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati